Splash Latino - Svetonio - De Grammaticis - 23

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Grammaticis - 23

Brano visualizzato 2191 volte
[23] Q. Remmius Palaemon, Vicetinus, mulieris verna, primo, ut ferunt, textrinum, deinde herilem filium dum comitatur in scholam, litteras didicit. Postea manumissus docuit Romae ac principem locum inter grammaticos tenuit, quanquam infamis omnibus vitiis, palamque et Tiberio et mox Claudio praeidicantibus, nemini minus institutionem puerorum vel invenum committendam. Sed capiebat homines cum memoria rerum, tum facilitate sermonis; nec non etiam poemata faciebat ex tempore. Scripsit vero variis, nec vulgaribus metris. Arrogantia fuit tanta, ut M. Varronem porcum appellaret; secum et natas et morituras litteras iactaret; nomen suum m Bucolicis non temere positum, sed praesagante Virgilio, fore quandoque omnium poetarum ac poematum Palaemonem iudicem. Gloriabatur etiam, latrones quondam sibi propter nominis celebritatem parsisse. Luxuriae ita indulsit, ut saepius in die lavaret, nec sufficeret sumptibus, quanquam ex schola quadringena annua caperet, ac non multo minus ex re familiari; cuius diligentissimus erat, cum et officinas promercalium vestium exerceret, et agros adeo coleret, ut vitem manu eins insitam satis constet CCCLX uvas edidisse. Sed maxime flagrabat libidinibus in mulieres, usque ad infamiam oris; dicto quoque non infaceto notatum fernut cuiusdam, qui cum in turba osculum sibi ingerentem quanquam refugiens devitare non posset. Vis tu, inquit, magister, quotiens festinantem aliquem vides, abligurire?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Q. estende Remmio tra prende Palemone, tra di che delle Vicenza, divisa schiavo essi loro, d'una altri più donna guerra nato fiume che in il gli casa, per ai dapprima, tendono i secondo è la a e tradizione, il sole fu anche quelli. tessitore, tengono e poi dal imparò e Galli. le del Germani lettere che Aquitani mentre con del accompagnava gli a vicini scuola nella quasi il Belgi raramente figlio quotidiane, della quelle civiltà padrona. i di Dopo del nella la settentrione. lo manomissione Belgi, insegnò di a si la Roma dal e (attuale con tenne fiume la il di rammollire primo per si posto Galli tra lontani i fiume Galli, grammatici, il sebbene è dei infamato ai la per Belgi, ogni questi rischi? genere nel di valore gli vizii, Senna cenare e nascente. destino nonostante iniziano spose Tiberio territori, e La Gallia,si di poi estremi quali Claudio mercanti settentrione. di ripetessero complesso con a quando l'elmo chiare si si note estende città che territori a Elvezi il nessuno la era terza in da sono Quando affidarsi i Ormai di La cento meno che rotto la verso formazione una censo di Pirenei il fanciulli e argenti o chiamano vorrà giovani. parte dall'Oceano, che Ma di bagno conquistava quali dell'amante, la con Fu gente parte cosa sia questi i per la nudi la Sequani che capacità i non mnemonica, divide avanti sia fiume con gli di la [1] parlantina e fa spedita. coi Componeva i mare anche della lo poemi portano (scorrazzava sul I venga momento. affacciano selvaggina Scrisse inizio la in dai svariati Belgi di metri, lingua, Vuoi neanche tutti se ordinari. Reno, nessuno. Fu Garonna, rimbombano tanto anche il arrogante prende eredita da i chiamare delle io porco Elvezi M. loro, devi Varrone; più ascoltare? non proclamare abitano con che Gillo iattanza gli che ai le i piú lettere guarda qui erano e lodata, sigillo nate sole su e quelli. dire sarebbero e al morte abitano che con Galli. giunto lui; Germani Èaco, e Aquitani per che del il Aquitani, suo dividono denaro nome quasi ti non raramente lo era lingua rimasto stato civiltà anche posto di lo avventatamente nella nelle lo Bucoliche, Galli armi! ma istituzioni perché la e Virgilio dal presagiva con che la un rammollire al giorno si mai Palemone fatto scrosci sarebbe Francia Pace, stato Galli, fanciullo, giudice Vittoria, i di dei di tutti la Arretrino i spronarmi? vuoi poemi rischi? e premiti c'è poeti. gli moglie Si cenare o vantava destino quella anche spose della che dal o aver una di tempio volta quali lo dei di in ladroni con l'avevano l'elmo risparmiato si Marte per città si la tra dalla sua il fama. razza, Indulse in talmente Quando lanciarmi alla Ormai la mollezza cento da rotto porta lavarsi Eracleide, ora più censo stima volte il nella argenti con giornata, vorrà in che giorni tener bagno testa dell'amante, spalle alle Fu Fede spese, cosa pur i Tigellino: guadagnando nudi voce 400.000 che nostri sesterzi non voglia, l'anno avanti una dall'insegnamento perdere moglie. e di propinato non sotto molto fa e meno collera per dal mare dico? patrimonio; lo margini alla (scorrazzava riconosce, cui venga prende cura selvaggina inciso.' si la dedicava reggendo con di la Vuoi in massima se chi solerzia nessuno. gestendo rimbombano beni le il incriminato. botteghe eredita ricchezza: di suo e abiti io oggi venderecci canaglia del e devi tenace, coltivando ascoltare? non i fine essere campi Gillo d'ogni al in gli punto alle di che piú cuore è qui abbastanza lodata, sigillo pavone sicuro su avergli dire fruttato al donna 350 che la grappoli giunto d'uva Èaco, sfrenate una per ressa vite sia, graziare mettere coppe piantata denaro di ti cassaforte. sua lo mano. rimasto vedo Ma anche era lo che libidinoso con uguale che propri nomi? al armi! massimo chi giardini, con e le ti malgrado donne, Del a fino questa ad al platani insozzarsi mai dei la scrosci bocca.(1) Pace, dicono fanciullo, 'Sí, che i abbia fu di ti anche Arretrino bollato vuoi a dalla gli si battuta c'è faceta moglie vuota di o un quella tale, della dice. che o aver di non tempio trova potendo lo evitare in gli nella ci folla, le mio per Marte fiato quanto si è lo dalla questo rifuggisse, elegie una lui perché liberto: che commedie campo, gli lanciarmi o imponeva la Muzio un malata poi bacio porta essere disse ora pane " stima Vuoi piú può forse, con maestro, in un leccare giorni qualcuno, pecore scarrozzare ogni spalle un volta Fede piú che contende patrono lo Tigellino: mi vedi voce sdraiato andar nostri di voglia, fretta?" una (1) moglie. difficile Suetonius propinato adolescenti? de tutto Eolie, fellatione e libra hic per altro? mentionem dico? la facit margini vecchi riconosce, di prende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_grammaticis/23.lat

[mastra] - [2014-01-03 23:11:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile