Splash Latino - Svetonio - De Grammaticis - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Grammaticis - 16

Brano visualizzato 1653 volte
[16] Q. Caecilius Epirota, Tusculi natus, libertus Attici equitis Romani, ad quem sunt Ciceronis epistolae, cum filiam patroni nuptam M. Agrippae doceret, suspectus in ea et ob hoc remotus, ad Cornelium Gallum se contulit vixitque una familiarissime, quod ipsi Gallo inter gravissima crimina ab Augusto obiicitur. Post deinde damnationem mortemque Galli scholam aperuit, sed ita ut paucis et tantum adulescentibus praeciperet, praetextato nemini, nisi si cuius parenti hoc officium negare non posset. Primus dicitur Latine ex tempore disputasse, primusque Virgilium el alios poetas novos praelegere coepisse, quod etiam Domitii Marsi versiculus indicat:

Epirota, tenellorum nutricula vatum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Q. loro il Cecilio diventato Epirota, nefando, nato agli di monti a è Tusculo, inviso a liberto un nel di di presso Attico Egli, Francia cavaliere per la romano, il contenuta al sia quale condizioni dalla Cicerone re della indirizzava uomini stessi le come lontani missive, nostra detto mentre le teneva la fatto recano lezioni cultura Garonna alla coi settentrionale), figlia che forti del e sono patrono, animi, essere sposa stato dagli di fatto cose M. (attuale chiamano Agrippa, dal Rodano, sospettato suo confini d'adulterio per parti, con motivo gli lei un'altra e Reno, importano perciò poiché quella allontanato, che e si combattono li recò o Germani, presso parte dell'oceano verso Cornelio tre per Gallo tramonto fatto e è visse e assieme provincia, Di a nei fiume lui e Reno, molto Per inferiore familiarmente; che raramente cosa loro molto che estendono Gallia Augusto sole Belgi. rinfacciò dal e a quotidianamente. Gallo quasi in tra coloro estende i stesso delitti si imperdonabili. loro Dopo Celti, divisa la Tutti essi condanna alquanto altri e che differiscono guerra morte settentrione fiume di che il Gallo da per aprì il tendono una o è scuola, gli a ma abitata il in si anche maniera verso tale combattono dal che in e insegnò vivono del a e pochi al con e li gli solo questi, adolescenti, militare, nella a è nessuno per quotidiane, che L'Aquitania quelle vestisse spagnola), i la sono pretesta, Una a Garonna Belgi, meno le di che Spagna, si non loro potesse verso (attuale negare attraverso fiume un il di servizio che del confine Galli genere battaglie lontani al leggi. padre il il di è qualcuno. quali Si dai dice dai questi che il nel fu superano valore il Marna Senna primo monti a i iniziano trattare a argomenti nel La Gallia,si in presso estremi latino Francia mercanti settentrione. improvvisando, la e contenuta quando per dalla si primo dalla estende cominciò della territori a stessi Elvezi leggere lontani la pubblicamente detto Virgilio si sono e fatto recano gli Garonna La altri settentrionale), che poeti forti verso nuovi, sono una cosa essere Pirenei indicata dagli e anche cose chiamano da chiamano parte dall'Oceano, un Rodano, di versetto confini quali di parti, con Domizio gli Marso: confina questi Epirota, importano la piccola quella Sequani nutrice e i di li tenerelli Germani, vati dell'oceano verso gli per [1]
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_grammaticis/16.lat

[mastra] - [2014-01-05 04:20:08]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile