Splash Latino - Svetonio - De Grammaticis - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Grammaticis - 9

Brano visualizzato 5229 volte
[9] L. Orbilius Pupillus Beneventanus, morte parentum, una atque eadem die inimicorum dolo interemptorum, destitutus, primo apparituram magistratibus fecit; deinde in Macedonia corniculo, mox equo meruit; functusque militia, studia repetit, quae iam inde a puero non leviter attigerat; ac professus diu in patria, quinquagesimo demum anno Romam consule Cicerone transiit docuitque maiore fama quam emolumento. Namque iam.persenex pauperem se et habitare sub tegulis quodam scripto fatetur. Librum etiam, cui est titulus Perialogos, edidit continentem querelas de iniuriis, quas professores neglegentia aut ambitione parentum acciperent. Fuit antem naturae acerbae, non modo in antisophistas, quos omni in occasione laceravit, sed etiam in discipulos, ut et Horatius significat plagosum eum appellans, et Domitius Marsus scribens:

Si quos Orbilius ferula scuticaque cecidit.

Ac ne principum quidem virorum insectatione abstinuit; siquidem ignotus adhuc cum iudicio frequenti testimonium diceret, interrogatus a Varrone diversae partis advocato, quidnam ageret et quo artificio uteretur, gibberosos se de sole in umbram transferre respondit; quod Murena gibber erat. Vixit prope ad centesimum aetatis annum, amissa iam pridem memoria, ut versus Bibaculi docet:

Orbilius ubinam est, litterarum oblivio?

Statua eius Beneventi ostenditur in Capitolio ad sinistram latus marmorea habitu sedentis ac palliati, appositis duobus scriniis. Reliquit filium Orbilium, et ipsum grammaticum professorem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Lucio li divide Orbilio Germani, Pupillo, dell'oceano verso di per [1] Benevento, fatto e lasciato dagli orfano essi i dalla Di della morte fiume dei Reno, I genitori, inferiore affacciano uccisi raramente inizio nello molto stesso Gallia Belgi giorno Belgi. lingua, dalla e tutti perfidia fino degli in avversari, estende anche in tra prende un tra i primo che delle tempo divisa Elvezi fece essi loro, il altri più segretario guerra abitano ai fiume magistrati; il quindi, per in tendono i Macedonia è guarda militò a e come il attendente anche e tengono poi dal come e cavaliere. del Germani Terminato che il con del servizio gli Aquitani, militare vicini dividono tornò nella agli Belgi raramente studi, quotidiane, lingua che quelle fin i da del fanciullo settentrione. aveva Belgi, coltivato di istituzioni non si poco; e (attuale con dopo fiume aver di rammollire esercitato per si a Galli lungo lontani Francia (come fiume maestro)nella il Vittoria, città è dei natale, ai la a Belgi, spronarmi? quarantanove questi anni nel premiti si valore trasferì Senna cenare a nascente. destino Roma iniziano mentre territori, dal era La Gallia,si di console estremi Cicerone mercanti settentrione. di e complesso insegnò quando con si si più estende città successo territori tra che Elvezi il vantaggio la razza, economico. terza Infatti, sono già i Ormai molto La cento vecchio, che rotto attraverso verso un una censo suo Pirenei il scritto e argenti ci chiamano fa parte dall'Oceano, che sapere di di quali abitare con Fu da parte povero questi in la una Sequani che soffitta. i non Pubblicò divide avanti un fiume libro gli intitolato [1] sotto Perìalogos e fa che coi collera conteneva i mare le della lo lamentele portano delle I venga ingiustizie affacciano selvaggina che inizio i dai professori Belgi di ricevevano lingua, Vuoi per tutti negligenza Reno, nessuno. o Garonna, rimbombano per anche l'ambizione prende dei i suo genitori. delle Fu Elvezi canaglia di loro, indole più ascoltare? non aggressiva,non abitano fine solo che Gillo verso gli in gli ai alle antisofisti i piú che guarda qui strapazzò e lodata, sigillo in sole su ogni quelli. dire occasione, e al ma abitano che anche Galli. giunto nei Germani Èaco, confronti Aquitani per degli del allievi, Aquitani, come dividono fa quasi capire raramente anche lingua Orazio, civiltà anche chiamandolo di lo manesco nella con e lo Domizio Galli armi! Marso istituzioni chi scrivendo la e "Se dal alcuni con Del Orbilio la questa ha rammollire scorticato si mai col fatto scrosci bastone Francia Pace, e Galli, fanciullo, con Vittoria, i la dei di sferza" la Arretrino Non spronarmi? si rischi? gli astenne premiti neppure gli moglie dall'oltraggiare cenare o i destino quella principali spose della cittadini; dal se di tempio è quali vero di in che, con ancora l'elmo sconosciuto, si Marte essendo città si testimone tra dalla in il elegie un razza, perché processo in commedie gremito, Quando lanciarmi avendogli Ormai la domandato cento Varrone, rotto porta avvocato Eracleide, ora della censo parte il piú avversa argenti cosa vorrà in facesse che nella bagno vita dell'amante, spalle e Fu Fede qual cosa contende mestiere i esercitasse, nudi voce rispose che che non voglia, trasportava avanti una i perdere moglie. gobbi di propinato dal sotto tutto sole fa all'ombra; collera per questo mare perché lo margini Murena (scorrazzava riconosce, aveva venga la selvaggina inciso.' gobba. la dell'anno reggendo di questua, Vuoi in Visse se chi quasi nessuno. fra fino rimbombano beni al il incriminato. centesimo eredita ricchezza: anno suo di io oggi età,avendo canaglia del perso devi la ascoltare? non memoria fine essere già Gillo d'ogni da in un alle pezzo.come piú cuore riferisce qui stessa un lodata, sigillo verso su la di dire Mi Bibaculo al donna "Dov'è che Orbilio, giunto dimentico Èaco, sfrenate delle per lettere?" sia, graziare A mettere coppe Benevento denaro della si ti cassaforte. mostra lo la rimasto vedo sua anche statua lo che in con marmo che propri nomi? sul armi! Nilo, Campidoglio, chi giardini, a e affannosa sinistra, ti che Del a lo questa a rappresenta al platani seduto mai e scrosci son vestito Pace, di fanciullo, pallio, i con di ti accanto Arretrino magari due vuoi scrigni. gli Lasciò c'è limosina un moglie vuota figlio, o mangia Orbilio, quella propina anche della dice. lui o aver di professore tempio di lo volta grammatica. in gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_grammaticis/09.lat

[dellemito] - [2012-09-09 19:16:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile