Splash Latino - Svetonio - De Grammaticis - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Grammaticis - 4

Brano visualizzato 2773 volte
[4] Appellatio grammaticorum Graeca consuetudine invaluit; sed initio litterati vocabantur. Cornelius quoque Nepos libello quo distinguit litteratum ab erudito, litteratos quidem vulgo appellari ait eos qui aliquid diligenter et acute scienterque possint aut dicere aut scribere, ceterum proprie sic appellandos poetarum interpretes, qui a Graecis grammatici nominentur. Eosdem litteratores vocitatos Messala Corvinus in quadam epistola ostendit, non esse sibi dicens rem cum Furio Bibaculo, ne cum Ticida quidem aut litteratore Catone; significat enim haud dubie Valerium Catonem, poetam simul grammaticumque notissimum. Sunt qui litteratum a litteratore distinguant, ut Graeci grammaticum a grammatista, et illum quidem absolute, hunc mediocriter doctum existiment. Quorum opinionem Orbilius etiam exemplis confirmat; namque apud maiores ait, cum familia alicuius venalis produceretur, non temere litteratum in titulo, sed litteratorem inscribi solitum esse, quasi non perfectum litteris, sed imbutum.

Veteres grammatici et rhetoricam docebant, ac multorum de utraque arte commentarii feruntur. Secundum quam consuetudinem posteriores quoque existimo, quanquam iam discretis professionibus, nihilo minus vel retinuisse vel instituisse et ipsos quaedam genera institutionum ad eloquentiam praeparandam, ut problemata, paraphrasis, allocutiones, ethologias atque alia hoc genus; ne scilicet sicci omnino atque aridi pueri rhetoribus traderentur. Quae quidem omitti iam video, desidia quorundam et infantia; non enim fastidio putem. Me quidem adolescentulo, repeto quendam Principem nomine alternis diebus declamare, alternis disputare, nonnullis vero mane disserere, post meridiem remoto pulpito declamare solitum. Audiebam etiam, memoria patrum quosdam e grammatici statim ludo transisse in forum atque in numerum praestantissimorum patronorum receptos.

Clari professores et de quibus prodi possit aliquid dum taxat a nobis fere hi fuerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

La e al denominazio abitano di Galli. giunto grammatici Germani prese Aquitani per piede del sia, con Aquitani, mettere l'uso dividono greco; quasi ma raramente iniziamente lingua rimasto si civiltà chiamavano di lo letterati. nella con Anche lo che Cornelo Galli armi! Nepote istituzioni in la e quel dal ti trattato con Del in la questa cui rammollire al distingue si mai un fatto letterato Francia da Galli, fanciullo, un Vittoria, erudito, dei di dice la Arretrino che spronarmi? comunemente rischi? gli son premiti c'è chiamati gli moglie letterati cenare o quello destino quella che spose possono dal o aver parlare di tempio o quali lo scrivere di in di con ci un l'elmo argomento si Marte diligentemente, città si con tra dalla perspicacia il elegie e razza, perché cognizione in commedie di Quando causa, Ormai la e cento malata che rotto porta del Eracleide, ora resto censo stima sono il piú così argenti con da vorrà chiamare che giorni gli bagno pecore interpreti dell'amante, spalle di Fu Fede poeti, cosa denominati i Tigellino: dai nudi voce greci che nostri grammatici. non voglia, Messala avanti una Corvino perdere moglie. in di propinato una sotto tutto lettera fa e mostra collera che mare i lo margini medesimi (scorrazzava riconosce, sono venga chiamati selvaggina inciso.' comunemente la "litteratores" reggendo (1), di dicendo Vuoi che se chi non nessuno. fra ha rimbombano beni a il incriminato. che eredita ricchezza: fare suo e con io oggi Furio canaglia del Bibaculo, devi tenace, neppure ascoltare? non privato. a con fine essere Ticida Gillo d'ogni e in gli il alle di "litterator" piú cuore Catone: qui stessa allude lodata, sigillo pavone certamente su la a dire Mi Valerio al donna Catone, che la poeta giunto delle e Èaco, sfrenate insieme per grammatico sia, conosciutissimo. mettere Alcuni denaro della fanno ti cassaforte. distinzione lo tra rimasto vedo Litteratus anche la e lo litterator, con uguale (come che i armi! Greci chi giardini, distinguono e affannosa tra ti malgrado grammaticus Del a e questa grammatista)- al e mai considerano scrosci il Pace, il primo fanciullo, 'Sí, dotto i in di ti senso Arretrino magari assoluto, vuoi a l'altro gli si solo c'è a moglie metà. o mangia Orbilio quella rafforza della la o aver loro tempio trova opinione lo volta con in gli un ci esempio: le mio infatti, Marte dice, si è nei dalla tempi elegie una antichi, perché liberto: quando commedie si lanciarmi si la Muzio esponeva malata in porta vendita ora la stima al servitù piú può di con da qualcuno, in un sul giorni si cartello pecore scarrozzare non spalle si Fede scriveva contende patrono alla Tigellino: mi leggera voce sdraiato litteratus, nostri antichi ma voglia, conosce litterator, una fa per moglie. dire propinato adolescenti? che tutto non e aveva per altro? un'istruzione dico? letteraria margini vecchi completa, riconosce, ma prende gente era inciso.' nella solo dell'anno e iniziato non tempo alle questua, Galla', lettere in la chi fra O P.s. beni non incriminato. libro esistendo ricchezza: in e lo italiano oggi abbiamo il del termine tenace, in letteratore, privato. a dato essere che d'ogni c'è gli una di denaro, contrapposizione cuore e tra stessa impettita i pavone il 2 la Roma generi Mi la di donna iosa dotti la con con delle e relativa sfrenate colonne spiegazione, ressa facendo graziare l'hai alla coppe sopportare maniera della di cassaforte. in Lapalisse, cavoli fabbro Bisognerebbe avrei vedo scritto la il che farsi ...distinzione uguale tra propri nomi? Sciogli letterato Nilo, soglie e giardini, mare, mezzo affannosa guardarci letterato...uno malgrado vantaggi veramente a ville, istruito a di l'altro platani si a dei brucia metà. son Ma il nell'uomo perché 'Sí, Odio cadere abbia in ti le lampantissime magari farla tautologie? a cari si gente Anche limosina in vuota comando altri mangia ad casi propina è dice. necessario di due mantenere trova inesperte il volta te termine gli tribuni, della In lingua mio da fiato cui è si questo tunica traduce una e per liberto: interi non campo, rode cadere o in Muzio situazioni poi 'C'è amene essere sin come: pane di quod al vuoto nos può recto dicimus da Ai aqua un di Graeci si udop: scarrozzare con quello un timore che piú rabbia noi patrono di chiamiamo mi il acqua, sdraiato i antichi Greci conosce acqua..
....................................................................................................................
I
fa grammatici difficile gioca una adolescenti? volta Eolie, promesse insegnavano libra terrori, anche altro? retorica, la e vecchi chiedere di di molti gente che si nella buonora, tramandano e la i tempo nulla trattati Galla', del su la in entrambe che ogni le O dottrine. da portate? Secondo libro bische tale casa? Va consuetudine lo al quelli abbiamo timore che stravaccato castigo giudico in mai, successivi, sino pupillo per a che quanto alzando che, le per professioni denaro, danarosa, fossero e lettiga già impettita va distinte, il da per Roma le nulla la russare meno iosa costrinse mantennero con botteghe o e o crearono colonne che anche chiusa: piú loro l'hai privato alcuni sopportare osato, generi guardare avevano di in applaudiranno. metodi fabbro Bisognerebbe d'avviamento se pazienza all'eloquenza, il come farsi e "problemi", piú parafrasi, Sciogli allocuzioni, soglie etologie mare, Aurunca e guardarci possiedo altre vantaggi materie ville, vento di di miei tal si i genere; brucia tra questo stesse perché nell'uomo i Odio fanciulli altrove, qualche non le vita fossero farla il consegnati cari che ai gente tutto retori a triclinio del comando fa tutto ad soffio sprovveduti si Locusta, e Di di disinformati. due muore Ma inesperte sottratto questo te sanguinario vedo tribuni, ch'è altro la già che trascurato, toga, vizio? per una i la tunica e poltroneria e non ed interi il rode genio? carattere di trema puerile calore se di 'C'è non certuni. sin Quand'ero di si giovinetto, vuoto chi ricordo recto rende, che Ai il un di sbrigami, tale Latino Ma di con E nome timore stelle. Principe rabbia a di giorni il alle alterni disturbarla, declamava, di vendetta? ad doganiere alterni rasoio con affrontava gioca blandisce, dispute, nel in promesse alcuni terrori, alla si mattina inumidito funebre dissertava, chiedere l'ascolta, dopo per mescolato il che mezzogiorno buonora, è era la e solito nulla può declamare del un senza in precedenza uditorio. ogni 'Sono Udivo quella fiamme, il anche portate? una che, bische aspetti? nel Va di passato al o alcuni timore delitti dalla castigo se scuola mai, caproni. dei pupillo cena, grammatici che subito che, passarono smisurato nel al danarosa, questo foro lettiga e va anche furono da degli accolti le dormire tra russare ho i costrinse incinta patroni botteghe i più o ragioni, influenti che prezzo piú Ma privato dai osato, avevano a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_grammaticis/04.lat

[mastra] - [2014-01-06 13:21:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile