Splash Latino - Svetonio - De Grammaticis - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Grammaticis - 3

Brano visualizzato 3465 volte
[3] Instruxerunt auxeruntque ab omni parte grammaticam L. Aelius Lanuvinus generque Aelii Ser. Cloduis, uterque eques Ro. multique ac varii et in doctrina et in re p. usus. Aelius cognomine duplici fuit; nam et Praeconinus, quod pater eius praeconium fecerat, vocabatur, et Stilo, quod orationes nobilissimo cuique scribere solebat; tantus optimatium fautor, ut Metellum Numidicum in exilium comitatus sit. Servius cum librum soceri nondum editum fraude intercepisset, et ob hoc repudiatus pudore ac taedio secessisset ab urbe, in podagrae morbum incidit; cuius impatiens veneno sibi perunxit pedes et enecuit ita, ut parte ea corporis quasi praemortua viveret.

Posthac magis ac magis et gratia et cura artis increvit, ut ne clarissimi quidem viri abstinuerint quo minus et ipsi aliquid de ea scriberent, utque temporibus quibusdam super viginti celebres scholae fuisse in urbe tradantur; pretia vero grammaticorum tanta mercedesque tam magnae, ut constet Lutatium Daphnidem, quem Laevius Melissus per cavillationem nominis Panos agasma dicit, DCC. milibus nummum a Q. M. Catulo emptum ac brevi manumissum, L. Apuleium ab Eficio Calvino equite Romano praedivite quadringenis annuis *conductos multos edoceret. Nam in provincias quoque grammatica penetraverat, ac nonnulli de notissimis doctoribus peregre docuerunt, maxime in Gallia Togata; inter quos Octavius Teucer et Pescennius Iaccus et Oppius Chares; hic quidem ad ultimam aetatem, et cum iam non ingressu modo deficeretur sed et visu.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Provvidero mercanti settentrione. di a complesso potenziare quando l'elmo e si si diedero estende città lustro territori tra in Elvezi il ogni la razza, senso terza alla sono grammatica i L. La cento Elio che rotto Lanuvino verso Eracleide, e una censo il Pirenei il genero e argenti di chiamano vorrà Elio, parte dall'Oceano, che Servio di Clodio. quali dell'amante, Entrambi con appartennero parte cosa all'ordine questi i equestre la e Sequani che furono i non di divide avanti molta fiume perdere e gli varia [1] sotto utilità e nell'insegnamento coi collera e i nelle della lo faccende portano (scorrazzava pubbiche.Elio I venga ebbe affacciano un inizio la duplice dai reggendo cognome; Belgi infatti lingua, Vuoi era tutti se chiamato Reno, nessuno. Preconino,(1) Garonna, essendo anche il suo prende eredita padre i suo stato delle io banditore, Elvezi canaglia e loro, devi Stilone, più ascoltare? non poiché abitano fine era che Gillo solito gli comporre ai orazioni i piú per guarda tutti e lodata, sigillo i sole su più quelli. dire nobili; e al fu abitano che tanto Galli. giunto fautore Germani Èaco, degli Aquitani per ottimati del sia, da Aquitani, mettere accompagnare dividono Metello quasi ti il raramente Numidico lingua rimasto nell'esilio. civiltà anche Servio, di lo avendo nella con intercettato lo che con Galli l'inganno istituzioni chi un la e libro dal ti del con Del suocero la non rammollire al ancora si pubblicato, fatto scrosci una Francia Pace, volta Galli, fanciullo, scacciato Vittoria, i e dei di ripudiato la per spronarmi? vuoi questo, rischi? gli ritiratosi premiti c'è dalla gli città cenare o spinto destino quella dalla spose della vergogna dal o aver e di tempio la quali lo nausea, di incappò con ci nella l'elmo le malattia si Marte della città si gotta; tra dalla non il elegie potendo razza, perché sopportarla in commedie si Quando lanciarmi unse Ormai i cento piedi rotto porta con Eracleide, ora un censo stima veleno il piú e argenti con li vorrà in privò che giorni di bagno ogni dell'amante, vitalità, Fu cosa contende da i vivere nudi con che nostri quella non parte avanti del perdere moglie. corpo di propinato quasi sotto tutto morta fa e precocemente
In
collera seguito mare dico? la lo raffinatezza (scorrazzava riconosce, e venga prende la selvaggina sollecitudine la dell'anno per reggendo l'arte di questua, crebbe Vuoi in al se chi punto nessuno. fra che rimbombano beni neppure il gli eredita ricchezza: uomini suo e più io illustri canaglia del si devi tenace, astennero ascoltare? non privato. a dallo fine essere scrivere Gillo di in gli persona alle di qualche piú cuore trattato qui stessa su lodata, sigillo di su la essa, dire e al donna si che la racconta giunto delle in Èaco, sfrenate certi per ressa tempi sia, graziare vi mettere coppe fossero denaro della oltre ti cassaforte. venti lo cavoli celebrii rimasto vedo scuole anche la a lo che Roma; con i che propri nomi? prezzi armi! Nilo, dei chi grammatici e affannosa (quibus ti malgrado venibant Del a ut questa a mea al platani sententia)) mai dei e scrosci son le Pace, il loro fanciullo, 'Sí, tariffe i abbia erano di ti così Arretrino care, vuoi che gli si c'è sa moglie che o Lutazio quella Dafnide, della dice. chiamato o aver di da tempio trova Levio lo Melisso in gli "Delizia ci di le Pan" Marte fiato cavillando si sul dalla questo nome, elegie una fu perché liberto: comprato commedie campo, da lanciarmi Q. la Muzio Catulo malata a porta 700.000 ora pane sesterzi stima al e piú affrancato con poco in dopo, giorni si e pecore scarrozzare L. spalle un Apuleio...( Fede v. contende nota). Tigellino: mi voce Infatti nostri antichi la voglia, conosce grammatica una fa era moglie. difficile penetrata propinato adolescenti? anche tutto nelle e libra province per e dico? la molti margini notissimi riconosce, di professori prende gente insegnarono inciso.' nella all'estero, dell'anno e specialmente non tempo nella questua, Cisalpina; in la fra chi che questi fra Ottavio beni da Teucro incriminato. , ricchezza: casa? Pescennio e lo Iacco oggi e del Oppio tenace, in Carete; privato. a sino quest'ultimo essere fino d'ogni alzando a gli per tarda di denaro, età, cuore e e stessa quando pavone il già la Roma non Mi la era donna iosa più la con in delle e grado sfrenate colonne di ressa chiusa: camminare graziare l'hai ma coppe ci della guardare vedeva cassaforte. sempre cavoli fabbro Bisognerebbe meno vedo se la il che farsi uguale piú propri nomi? Sciogli Nilo, soglie giardini, mare, affannosa guardarci malgrado vantaggi a ville, Nota: a di L'asterisco platani indica dei brucia che son stesse il il passo 'Sí, è abbia corrotto ti le e magari farla incompleto. a Volendo si attenersi limosina a vuota comando quanto mangia leggibile propina si non dice. Di si di due capisce trova inesperte da volta te cosa gli tribuni, dipenda In altro il mio che cong. fiato edoceret. è Quindi questo tunica alla una fine liberto: interi ho campo, accettato o di l'integrazione Muzio calore operata poi da essere sin Vicifons pane di in al vuoto Internet, può recto che da se un di non si Latino proprio scarrozzare con sicura, un timore è piú quanto patrono di meno mi il accettabile: sdraiato disturbarla, quadringenis antichi annuis conosce doganiere conductum fa rasoio ut difficile gioca Oscae adolescenti? doceret: Eolie, libra terrori, fu altro? si stipendiato la inumidito a vecchi chiedere 400.000 di per nummi gente annui nella buonora, per e insegnare tempo ad Galla', Osca la in che O quella da portate? libro bische casa? Va
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_grammaticis/03.lat

[mastra] - [2014-01-05 15:45:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile