banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Medea - Index

Brano visualizzato 26379 volte
Dramatis Personae

Medea
nutrix
Creo
Iason
nuntius
chorus Corinthiorum

personae mutae:

Medeae et Iasonis filii
Creontis comites
Furiae
umbra Absyrti Medeae fratris
armiferi

Scaena Corinthi
Actus Primus


[Ara pro Mediae et Iasonis domo, Medea orans.]

Medea:
di coniugales tuque genialis tori,
Lucina, custos quaeque domituram freta
Tiphyn novam frenare docuisti ratem,
et tu, profundi saeve dominator maris,
5
clarumque Titan dividens orbi diem,
tacitisque praebens conscium sacris iubar
Hecate triformis, quosque iuravit mihi
deos Iason, quosque Medeae magis
fas est precari: noctis aeternae chaos,
10
aversa superis regna manesque impios
dominumque regni tristis et dominam fide
meliore raptam, voce non fausta precor.
nunc, nunc adeste sceleris ultrices deae,
crinem solutis squalidae serpentibus,
15
atram cruentis manibus amplexae facem,
adeste, thalamis horridae quondam meis
quales stetistis: coniugi letum novae
letumque socero et regiae stirpi date.
mihi peius aliquid, quod precer sponso manet:
20
vivat. per urbes erret ignotas egens
exul pavens invisus incerti laris,
iam notus hospes limen alienum expetat,
me coniugem optet quoque non aliud queam
peius precari, liberos similes patri
25
similesque matri - parta iam, parta ultio est:
peperi. querelas verbaque in cassum sero?
non ibo in hostes? manibus excutiam faces
caeloque lucem - spectat hoc nostri sator
Sol generis, et spectatur, et curru insidens
30
per solita puri spatia decurrit poli?
non redit in ortus et remetitur diem?
da, da per auras curribus patriis vehi,
committe habenas, genitor, et flagrantibus
ignifera loris tribue moderari iuga:
35
gemino Corinthos litori opponens moras
cremata flammis maria committat duo.
hoc restat unum, pronubam thalamo feram
ut ipsa pinum postque sacrificas preces
caedam dicatis victimas altaribus.
40
per viscera ipsa quaere supplicio viam,
si vivis, anime, si quid antiqui tibi
remanet vigoris; pelle femineos metus
et inhospitalem Caucasum mente indue.
quodcumque vidit Pontus aut Phasis nefas,
45
videbit Isthmos. effera ignota horrida,
tremenda caelo pariter ac terris mala
mens intus agitat: vulnera et caedem et vagum
funus per artus - levia memoravi nimis:
haec virgo feci; gravior exurgat dolor:
50
maiora iam me scelera post partus decent.
accingere ira teque in exitium para
furore toto. paria narrentur tua
repudia thalamis: quo virum linques modo?
hoc quo secuta es. rumpe iam segnes moras:
55
quae scelere parta est, scelere linquenda est domus.

[abit.]

Chorus Primus

[Chorus Corinthiorum in orchestra choream dans]

Chorus:
ad regum thalamos numine prospero
qui caelum superi quique regunt fretum
adsint cum populis rite faventibus.
primum sceptriferis colla Tonantibus
60
taurus celsa ferat tergore candido;
Lucinam nivei femina corporis
intemptata iugo placet, et asperi
Martis sanguineas quae cohibet manus,
quae dat belligeris foedera gentibus
65
et cornu retinet divite copiam,
donetur tenera mitior hostia.
et tu, qui facibus legitimis ades,
noctem discutiens auspice dextera
huc incede gradu marcidus ebrio,
70
praecingens roseo tempora vinculo.
et tu quae, gemini praevia temporis,
tarde, stella, redis semper amantibus:
te matres, avide te cupiunt nurus
quamprimum radios spargere lucidos.

75
vincit virgineus decor
longe Cecropias nurus,
et quas Taygeti iugis
exercet iuvenum modo
muris quod caret oppidum,
80
et quas Aonius latex
Alpheosque sacer lavat.
si forma velit aspici,
cedent Aesonio duci
proles fulminis improbi
85
aptat qui iuga tigribus,
nec non, qui tripodas movet,
frater virginis asperae,
cedet Castore cum suo
Pollux caestibus aptior.
90
sic, sic, caelicolae, precor,
vincat femina coniuges,
vir longe superet viros.

haec cum femineo constitit in choro,
unius facies praenitet omnibus.
95
sic cum sole perit sidereus decor,
et densi latitant Pleiadum greges,
cum Phoebe solidum lumine non suo
orbem circuitis cornibus alligat.
ostro sic niveus puniceo color
100
perfusus rubuit, sic nitidum iubar
pastor luce nova roscidus aspicit.
ereptus thalamis Phasidis horridi,
effrenae solitus pectora coniugis
invita trepidus prendere dextera,
105
felix Aeoliam corripe virginem
nunc primum soceris, sponse, volentibus.
concesso, iuvenes, ludite iurgio,
hinc illinc, iuvenes, mittite carmina:
rara est in dominos iusta licentia.

110
candida thyrsigeri proles generosa Lyaei,
multifidam iam tempus erat succendere pinum:
excute sollemnem digitis marcentibus ignem.
festa dicax fundat convicia fescenninus,
solvat turba iocos - tacitis eat illa tenebris,
115
si qua peregrino nubit furtiva marito.


--------------------------------------------------------------------------------

Actus Secundus


Scaena I.

[Medea, nutrix pro domo.]

Medea:
occidimus: aures pepulit hymenaeus meas.
vix ipsa tantum, vix adhuc credo malum.
hoc facere Iason potuit, erepto patre
patria atque regno sedibus solam exteris
120
deserere durus? merita contempsit mea
qui scelere flammas viderat vinci et mare?
adeone credit omne consumptum nefas?
incerta vaecors mente non vaesana feror
partes in omnes; unde me ulcisci queam?
125
utinam esset illi frater! est coniunx: in hanc
ferrum exigatur. hoc meis satis est malis?
si quod Pelasgae, si quod urbes barbarae
novere facinus quod tuae ignorent manus,
nunc est parandum. scelera te hortentur tua
130
et cuncta redeant: inclitum regni decus
raptum et nefandae virginis parvus comes
divisus ense, funus ingestum patri
sparsumque ponto corpus et Peliae senis
decocta aeno membra: funestum impie
135
quam saepe fudi sanguinemet nullum scelus
irata feci: saevit infelix amor.

quid tamen Iason potuit, alieni arbitri
iurisque factus? debuit ferro obvium
offerre pectus - melius, a melius, dolor
140
furiose, loquere. si potest, vivat meus,
ut fuit, Iason; si minus, vivat tamen
memorque nostri muneri parcat meo.
culpa est Creontis tota, qui sceptro impotens
coniugia solvit quique genetricem abstrahit
145
natis et arto pignore astrictam fidem
dirimit: petatur, solus hic poenas luat,
quas debet. alto cinere cumulabo domum;
videbit atrum verticem flammis agi
Malea longas navibus flectens moras.

Nutrix:
150
sile, obsecro, questusque secreto abditos
manda dolori. gravia quisquis vulnera
patiente et aequo mutus animo pertulit,
referre potuit: ira quae tegitur nocet;
professa perdunt odia vindictae locum.

Medea:
155
levis est dolor qui capere consilium potest
et clepere sese: magna non latitant mala.
libet ire contra.

Nutrix:
siste furialem impetum,
alumna: vix te tacita defendit quies.

Medea:
Fortuna fortes metuit, ignavos premit.

Nutrix:
160
tunc est probanda, si locum virtus habet.

Medea:
numquam potest non esse virtuti locus.

Nutrix:
spes nulla rebus monstrat adflictis viam.

Medea:
qui nil potest sperare, desperet nihil.

Nutrix:
abiere Colchi, coniugis nulla est fides
165
nihilque superest opibus e tantis tibi.

Medea:
Medea superest, hic mare et terras vides
ferrumque et ignes et deos et fulmina.

Nutrix:
rex est timendus.

Medea:
rex meus fuerat pater.

Nutrix:
non metuis arma?

Medea:
sint licet terra edita.

Nutrix:
170
moriere.

Medea:
cupio.

Nutrix:
profuge.

Medea:
paenituit fugae.

Nutrix:
Medea -
Medea:
fiam.

Nutrix:
mater es.

Medea:
cui sim vides.

Nutrix:
profugere dubitas?

Medea:
fugiam, at ulciscar prius.

Nutrix:
vindex sequetur.

Medea:
forsan inveniam moras.

Nutrix:
compesce verba, parce iam, demens, minis
175
animosque minue: tempori aptari decet.

Medea:
Fortuna opes auferre, non animum potest.
sed cuius ictu regius cardo strepit?
ipse est Pelasgo tumidus imperio Creo.

Scaena II.

[Creo cum comitibus, Medea, Nutrix]

Creo:
180
Medea, Colchi noxium Aeetae genus,
nondum meis exportat e regnis pedem?
molitur aliquid: nota fraus, nota est manus.
cui parcet illa quemve securum sinet?
abolere propere pessimam ferro luem
equidem parabam: precibus evicit gener.
185
concessa vita est, liberet fines metu
abeatque tuta. fert gradum contra ferox
minaxque nostros propius affatus petit.
arcete, famuli, tactu et accessu procul,
iubete sileat. regium imperium pati
190
aliquando discat. vade veloci via
monstrumque saevum horribile iamdudum avehe.

Medea:
quod crimen aut quae culpa multatur fuga?

Creo:
quae causa pellat, innocens mulier rogat.

Medea:
si iudicas, cognosce, si regnas, iube.

Creo:
195
aequum atque iniquum regis imperium feras.
Medea:
iniqua numquam regna perpetuo manent.

Creo:
i, querere Colchis.

Medea:
redeo: qui avexit, ferat.

Creo:
vox constituto sera decreto venit.

Medea:
qui statuit aliquid parte inaudita altera,
200
aequum licet statuerit, haud aequus fuit.

Creo:
auditus a te Pelia supplicium tulit?
sed fare, causae detur egregiae locus.

Medea:
difficile quam sit animum ab ira flectere
iam concitatum quamque regale hoc putet
205
sceptris superbas quisquis admovit manus,
qua coepit ire, regia didici mea.
quamvis enim sim clade miseranda obruta,
expulsa supplex sola deserta, undique
afflicta, quondam nobili fulsi patre
210
avoque clarum Sole deduxi genus.
quodcumque placidis flexibus Phasis rigat
Pontusque quidquid Scythicus a tergo videt.
palustribus qua maria dulcescunt aquis,
armata peltis quidquid exterret cohors
215
inclusa ripis vidua Thermodontiis,
hoc omne noster genitor imperio regit.
generosa, felix, decore regali potens
fulsi: petebant tunc meos thalamos proci,
qui nunc petuntur. rapida fortuna ac levis
220
praecepsque regno eripuit, exilio dedit.
confide regnis, cum levis magnas opes
huc ferat et illuc casus - hoc reges habent
magnificum et ingens, nulla quod rapiat dies:
prodesse miseris, supplices fido lare
225
protegere. solum hoc Colchico regno extuli,
decus illud ingens Graeciae et florem inclitum,
praesidia Achivae gentis et prolem deum
servasse memet. munus est Orpheus meum,
qui saxa cantu mulcet et silvas trahit,
230
geminique munus Castor et Pollux meum est
satique Borea quique trans Pontum quoque
summota Lynceus lumine immisso videt,
omnesque Minyae: nam ducum taceo ducem,
pro quo nihil debetur: hunc nulli imputo;
235
vobis revexi ceteros, unum mihi.
incesse nunc et cuncta flagitia ingere.
fatebor: obici crimen hoc solum potest,
Argo reversa. virgini placeat pudor
paterque placeat: tota cum ducibus ruet
240
Pelasga tellus, hic tuus primum gener
tauri ferocis ore flammanti occidet.
Fortuna causam quae volet nostram premat,
non paenitet servasse tot regum decus.
quodcumque culpa praemium ex omni tuli,
245
hoc est penes te. si placet, damna ream;
sed redde crimen. sum nocens, fateor, Creo;
talem sciebas esse, cum genua attigi
fidemque supplex praesidis dextra peti;
iterum miseriis angulum et sedem rogo
250
latebrasque viles: urbe si pelli placet,
detur remotus aliquis in regnis locus.

Creo:
non esse me qui sceptra violentus geram
nec qui superbo miserias calcem pede,
testatus equidem videor haud clare parum
255
generum exulem legendo et adflictum et gravi
terrore pavidum, quippe quem poenae expetit
letoque Acastus regna Thessalica optinens.
senio trementem debili atque aevo gravem
patrem peremptum queritur et caesi senis
260
discissa membra, cum dolo captae tuo
piae sorores impium auderent nefas.
potest Iason, si tuam causam amoves,
suam tueri: nullus innocuum cruor
contaminavit, afuit ferro manus
265
proculque vestro purus a coetu stetit.
tu, tu malorum machinatrix facinorum,
feminae cui nequitia, ad audendum omnia
robur virile est, nulla famae memoria,
egredere, purga regna, letales simul
270
tecum aufer herbas, libera cives metu,
alia sedens tellure sollicita deos.

Medea:
profugere cogis? redde fugienti ratem
vel redde comitem - fugere cur solam iubes?
non sola veni. bella si metuis pati,
275
utrumque regno pelle. cur sontes duos
distinguis? illi Pelia, non nobis iacet;
fugam, rapinas adice, desertum patrem
lacerumque fratrem, quidquid etiam nunc novas
docet maritus coniuges, non est meum:
280
totiens nocens sum facta, sed numquam mihi.

Creo:
iam exisse decuit. quid seris fando moras?

Medea:
supplex recedens illud extremum precor,
ne culpa natos matris insontes trahat.

Creo:
vade: hos paterno ut genitor excipiam sinu.

Medea:
285
per ego auspicatos regii thalami toros,
per spes futuras perque regnorum status,
Fortuna varia dubia quos agitat vice,
precor, brevem largire fugienti moram,
dum extrema natis mater infigo oscula,
290
fortasse moriens.

Creo:
fraudibus tempus petis.

Medea:
quae fraus timeri tempore exiguo potest?

Creo:
nullum ad nocendum tempus angustum est malis.

Medea:
parumne miserae temporis lacrimis negas?

Creo:
etsi repugnat precibus infixus timor,
295
unus parando dabitur exilio dies.

Medea:
nimis est, recidas aliquid ex isto licet:
et ipsa propero.

Creo:
capite supplicium lues,
clarum priusquam Phoebus attollat diem
nisi cedis Isthmo. sacra me thalami vocant,
300
vocat precari festus Hymenaeo dies.

[abeunt.]

Chorus secundus

[Chorus Corinthiorum in orchestra choream dans]

Chorus:
audax nimium qui freta primus
rate tam fragili perfida rupit
terrasque suas post terga videns
animam levibus credidit auris,
305
dubioque secans aequora cursu
potuit tenui fidere ligno
inter vitae mortisque vias
nimium gracili limite ducto.
nondum quisquam sidera norat,
310
stellisque, quibus pingitur aether
non erat usus, nondum pluvias
Hyadas poterat vitare ratis,
non Oleniae lumina caprae,
nec quae sequitur flectitque senex
315
Arcada tardus plaustra Bootes,
nondum Boreas, nondum Zephyrus
nomen habebant.

ausus Tiphys pandere vasto
carbasa ponto legesque novas
320
scribere ventis: nunc lina sinu
tendere toto, nunc prolato
pede transversos captare notos,
nunc antemnas medio tutas
ponere malo, nunc in summo
325
religare loco, cum iam totos
avidus nimium navita flatus
optat et alto rubicunda tremunt
sipara velo.

candida nostri saecula patres
330
videre procul fraude remota.
sua quisque piger litora tangens
patrioque senex factus in arvo,
parvo dives, nisi quas tulerat
natale solum non norat opes.
335
bene dissaepti foedera mundi
traxit in unum Thessala pinus
iussitque pati verbera pontum
partemque metus fieri nostri
mare sepositum.

340
dedit illa graves improba poenas
per tam longos ducta timores,
cum duo montes, claustra profundi,
hinc atque illinc subito impulsu
velut aetherio gemerent sonitu,
spargeret arces nubesque ipsas
345
mare deprensum.

palluit audax Tiphys et omnes
labente manu misit habenas,
Orpheus tacuit torpente lyra
ipsaque vocem perdidit Argo.
350
quid cum Siculi virgo Pelori,
rabidos utero succincta canes,
omnes pariter solvit hiatus?
quis non totos horruit artus
totiens uno latrante malo?
355
quid cum Ausonium dirae pestes
voce canora mare mulcerent,
cum Pieria resonans cithara
Thracius Orpheus solitam cantu
retinere rates paene coegit
360
Sirena sequi? quod fuit huius
pretium cursus? aurea pellis
maiusque mari Medea malum,
merces prima digna carina.

nunc iam cessit pontus et omnes
365
patitur leges: non Palladia
compacta manu regum referens
inclita remos quaeritur Argo -
quaelibet altum cumba pererrat;
terminus omnis motus et urbes
370
muros terra posuere nova,
nil qua fuerat sede reliquit
pervius orbis:

Indus gelidum potat Araxen,
Albin Persae Rhenumque bibunt -
375
venient annis saecula seris,
quibus Oceanus vincula rerum
laxet et ingens pateat tellus
Tethysque novos detegat orbes
nec sit terris ultima Thule.


--------------------------------------------------------------------------------


Actus Tertius

Scaena I.

[Nutrix, Medea pro palatio.]

Nutrix:
380
alumna, celerem quo rapis tectis pedem?
resiste et iras comprime ac retine impetum.

incerta qualis entheos gressus tulit
cum iam recepto maenas insanit deo
Pindi nivalis vertice aut Nysae iugis,
385
talis recursat huc et huc motu effero,
furoris ore signa lymphati gerens.
flammata facies, spiritum ex alto citat,
proclamat, oculos uberi fletu rigat,
renidet: omnis specimen affectus capit.
390
haeret: minatur aestuat queritur gemit.
quo pondus animi verget? ubi ponet minas?
ubi se iste fluctus franget? exundat furor.
non facile secum versat aut medium scelus;
se vincet: irae novimus veteris notas.
395
magnum aliquid instat, efferum immane impium:
vultum Furoris cerno. di fallant metum!

Medea:
si quaeris odio, misera, quem statuas modum:
imitare amorem. regias egone ut faces
inulta patiar? segnis hic ibit dies,
400
tanto petitus ambitu, tanto datus?
dum terra caelum media libratum feret
nitidusque certas mundus evolvet vices
numerusque harenis derit et solem dies,
noctem sequentur astra, dum siccas polus
405
versabit Arctos, flumina in pontum cadent,
numquam meus cessabit in poenas furor
crescetque semper - quae ferarum immanitas,
quae Scylla, quae Charybdis Ausonium mare
Siculumque sorbens quaeve anhelantem premens
410
Titana tantis Aetna fervebit minis?
non rapidus amnis, non procellosum mare
Pontusve coro saevus aut vis ignium
adiuta flatu possit imitari impetum
irasque nostras: sternam et evertam omnia.

415
timuit Creontem ac bella Thessalici ducis?
amor timere neminem verus potest.
sed cesserit coactus et dederit manus:
adire certe et coniugem extremo alloqui
sermone potuit - hoc quoque extimuit ferox;
420
laxare certe tempus immitis fugae
genero licebat - liberis unus dies
datus est duobus. non queror tempus breve:
multum patebit. faciet hic faciet dies
quod nullus umquam taceat - invadam deos
425
et cuncta quatiam.

Nutrix:
recipe turbatum malis,
era, pectus, animum mitiga.

Medea:
sola est quies,
mecum ruina cuncta si video obruta:
mecum omnia abeant. trahere, cum pereas, libet.

Nutrix:
quam multa sint timenda, si perstas, vide:
430
nemo potentes aggredi tutus potest.

Scaena II.

[Iason, Medea nutrix]

Iason:
o dura fata semper et sortem asperam,
cum saevit et cum parcit ex aequo malam!
remedia quotiens invenit nobis deus
periculis peiora: si vellem fidem
435
praestare meritis coniugis, leto fuit
caput offerendum; si mori nollem, fide
misero carendum. non timor vicit fidem,
sed trepida pietas: quippe sequeretur necem
proles parentum. sancta si caelum incolis
440
Iustitia, numen invoco ac testor tuum:
nati patrem vicere. quin ipsam quoque,
etsi ferox est corde nec patiens iugi,
consulere natis malle quam thalamis reor.
constituit animus precibus iratam aggredi.
445
atque ecce, viso memet exiluit, furit,
fert odia prae se: totus in vultu est dolor.

Medea:
fugimus, Iason, fugimus - hoc non est novum,
mutare sedes; causa fugiendi nova est:
pro te solebam fugere. discedo, exeo,
450
penatibus profugere quam cogis tuis.
at quo remittis? Phasin et Colchos petam
patriumque regnum quaeque fraternus cruor
perfudit arva? quas peti terras iubes?
quae maria monstras? pontici fauces freti
455
per quas revexi nobilem regum manum
adulterum secuta per Symplegadas?
parvamne Iolcon, Thessala an Tempe petam?
quascumque aperui tibi vias, clausi mihi -
quo me remittis? exuli exilium imperas
460
nec das. eatur. regius iussit gener:
nihil recuso. dira supplicia ingere:
merui. cruentis paelicem poenis premat
regalis ira, vinculis oneret manus
clausamque saxo noctis aeternae obruat:
465
minora meritis patiar - ingratum caput,
revolvat animus igneos tauri halitus
interque saevos gentis indomitae metus
armifero in arvo flammeum Aeetae pecus,
hostisque subiti tela, cum iussu meo
470
terrigena miles mutua caede occidit;
adice expetita spolia Phrixei arietis
somnoque iussum lumina ignoto dare
insomne monstrum, traditum fratrem neci
et scelere in uno non semel factum scelus,
475
ausasque natas fraude deceptas mea
secare membra non revicturi senis:
478
per spes tuorum liberum et certum larem,
per victa monstra, per manus, pro te quibus
480
numquam peperci, perque praeteritos metus,
per caelum et undas, coniugi testes mei,
miserere, redde supplici felix vicem.
477
aliena quaerens regna, deserui mea:
483
ex opibus illis, quas procul raptas Scythae
usque a perustis Indiae populis agunt,
485
quas quia referta vix domus gaza capit,
ornamus auro nemora, nil exul tuli
nisi fratris artus: hos quoque impendi tibi;
tibi patria cessit, tibi pater, frater ,pudor -
hac dote nupsi. redde fugienti sua.

Iason:
490
perimere cum te vellet infestus Creo,
lacrimis meis evictus exilium dedit.

Medea:
poenam putabam: munus ut video est fuga.

Iason:
dum licet abire, profuge teque hinc eripe:
gravis ira regum est semper.

Medea:
hoc suades mihi,
495
praestas Creusae: paelicem invisam amoves.

Iason:
Medea amores obicit?

Medea:
et caedem et dolos.

Iason:
obicere tandem quod potes crimen mihi?

Medea:
quodcumque feci.

Iason:
restat hoc unum insuper,
tuis ut etiam sceleribus fiam nocens.

Medea:
500
tua illa, tua sunt illa: cui prodest scelus,
is fecit - omnes coniugem infamem arguant,
solus tuere, solus insontem voca:
tibi innocens sit quisquis est pro te nocens.

Iason:
ingrata vita est cuius acceptae pudet.

Medea:
505
retinenda non est cuius acceptae pudet.

Iason:
quin potius ira concitum pectus doma,
placare natis.

Medea:
abdico eiuro abnuo -
meis Creusa liberis fratres dabit?

Iason:
regina natis exulum, afflictis potens.

Medea:
510
non veniat umquam tam malus miseris dies,
qui prole foeda misceat prolem inclitam,
Phoebi nepotes Sisyphi nepotibus.

Iason:
quid, misera, meque teque in exitium trahis?
abscede, quaeso.

Medea:
supplicem audivit Creo.

Iason:
515
quid facere possim, loquere.

Medea:
pro me vel scelus.

Iason:
hinc rex et illinc -

Medea:
est et his maior metus:
Medea. nos +confligere+. certemus sine,
sit pretium Iason.

Iason:
cedo defessus malis.
et ipsa casus saepe iam expertos time.

Medea:
520
Fortuna semper omnis infra me stetit.

Iason:
Acastus instat.

Medea:
propior est hostis Creo:
utrumque profuge. non ut in socerum manus
armes nec ut te caede cognata inquines
Medea cogit: innocens mecum fuge.

Iason:
525
et quis resistet, gemina si bella ingruant,
Creo atque Acastus arma si iungant sua?

Medea:
his adice Colchos, adice et Aeeten ducem,
Scythas Pelasgis iunge: demersos dabo.

Iason:
alta extimesco sceptra.

Medea:
ne cupias vide.

Iason:
530
suspecta ne sint, longa colloquia amputa.

Medea:
nunc summe toto Iuppiter caelo tona,
intende dextram, vindices flammas para
omnemque ruptis nubibus mundum quate.
nec deligenti tela librentur manu
535
vel me vel istum: quisquis e nobis cadet
nocens peribit, non potest in nos tuum
errare fulmen.

Iason:
sana meditari incipe
et placida fare. si quod ex soceri domo
potest fugam levare solamen, pete.

Medea:
540
contemnere animus regias, ut scis, opes
potest soletque; liberos tantum fugae
habere comites liceat, in quorum sinu
lacrimas profundam. te novi nati manent.

Iason:
parere precibus cupere me fateor tuis;
545
pietas vetat: namque istud ut possim pati,
non ipse memet cogat et rex et socer.
haec causa vitae est, hoc perusti pectoris
curis levamen. spiritu citius queam
carere, membris, luce.

Medea:
sic natos amat?
550
bene est, tenetur, vulneri patuit locus.
suprema certe liceat abeuntem loqui
mandata, liceat ultimum amplexum dare:
gratum est. et illud voce iam extrema peto,
ne, si qua noster dubius effudit dolor,
555
maneant in animo verba: melioris tibi
memoria nostri sedeat; haec irae data
oblitterentur.

Iason:
omnia ex animo expuli
precorque et ipse, fervidam ut mentem regas
placideque tractes: miserias lenit quies.

[Iason abit.]

Scaena III.

[Medea, nutrix.]

Medea:
560
discessit. itane est? vadis oblitus mei
et tot meorum facinorum? excidimus tibi?
numquam excidemus. hoc age, omnis advoca
vires et artes. fructus est scelerum tibi
nullum scelus putare. vix fraudi est locus:
565
timemur. hac aggredere, qua nemo potest
quicquam timere. perge, nunc aude, incipe
quidquid potest Medea, quidquid non potest.

tu, fida nutrix, socia maeroris mei
variique casus, misera consilia adiuva.
570
est palla nobis, munus aetherium, domus
decusque regni, pignus Aeetae datum
a Sole generis, est et auro textili
monile fulgens quodque gemmarum nitor
distinguit aurum, quo solent cingi comae.
575
haec nostra nati dona nubenti ferant,
sed ante diris inlita ac tincta artibus.
vocetur Hecate. sacra letifica appara:
statuantur arae, flamma iam tectis sonet.

Chorus tertius

[Chorus Corinthiorum in orchestra choream dans]

Chorus:
nulla vis flammae tumidive venti
580
tanta, nec teli metuenda torti,
quanta cum coniunx viduata taedis
ardet et odit;

non ubi hibernos nebulosus imbres
Auster advexit properatque torrens
585
Hister et iunctos vetat esse pontes
ac vagus errat;

non ubi impellit Rhodanus profundum,
aut ubi in rivos nivibus solutis
sole iam forti medioque vere
590
tabuit Haemus.

caecus est ignis stimulatus ira
nec regi curat patiturve frenos
aut timet mortem: cupit ire in ipsos
obvius enses.

595
parcite, o divi, veniam precamur,
vivat ut tutus mare qui subegit.
sed furit vinci dominus profundi
regna secunda.

ausus aeternos agitare currus
600
immemor metae iuvenis paternae
quos polo sparsit furiosus ignes
ipse recepit.

constitit nulli via nota magno:
vade qua tutum populo priori,
605
rumpe nec sacro violente sancta
foedera mundi.

quisquis audacis tetigit carinae
nobiles remos nemorisque sacri
Pelion densa spoliavit umbra,
610
quisquis intravit scopulos vagantes
et tot emensus pelagi labores
barbara funem religavit ora
raptor externi rediturus auri,
exitu diro temerata ponti
615
iura piavit.

exigit poenas mare provocatum:
Tiphys in primis, domitor profundi,
liquit indocto regimen magistro;
litore externo, procul a paternis
620
occidens regnis tumuloque vili
tectus ignotas iacet inter umbras.
aulis amissi memor inde regis
portibus lentis retinet carinas
stare querentes.

625
ille vocali genitus Camena,
cuius ad chordas modulante plectro
restitit torrens, siluere venti,
cum suo cantu volucris relicto
adfuit tota comitante silva,
630
Thracios sparsus iacuit per agros,
at caput tristi fluitavit Hebro:
contigit notam Styga Tartarumque,
non rediturus.

stravit Alcides Aquilone natos,
635
patre Neptuno genitum necavit
sumere innumeras solitum figuras:
ipse post terrae pelagique pacem,
post feri Ditis patefacta regna
vivus ardenti recubans in Oeta
640
praebuit saevis sua membra flammis
tabe consumptus gemini cruoris,
munere nuptae.

stravit Ancaeum violentus ictu
saetiger; fratrem, Meleagre, matris
645
impius mactas morerisque dextra
matris iratae: meruere cuncti
morte quod crimen tener expiavit
Herculi magno puer inrepertus,
raptus, heu, tutas puer inter undas.
650
ite nunc, fortes, perarate pontum
fonte timendo.

Idmonem, quamvis bene fata nosset,
condidit serpens Libycis harenis;
omnibus verax, sibi falsus uni
655
concidit Mopsus caruitque Thebis.
ille si vere cecinit futura,
exul errabit Thetidis maritus;
igne fallaci nociturus Argis
659
Nauplius praeceps cadet in profundum;
661
fulmine et ponto moriens Oileus
660
[pro suo proles] patrioque pendet
660a
crimine poenas.

662
coniugis fatum redimens Pheraei
uxor impendes animam marito.
ipse qui praedam spoliumque iussit
665
aureum prima revehi carina
ustus accenso Pelias aeno
arsit angustas vagus inter undas.
iam satis, divi, mare vindicastis:
parcite iusso.


--------------------------------------------------------------------------------

Actus Quartus

Scaena I.

[Nutrix pro palatio, chorus.]

Nutrix:
670
pavet animus, horret: magna pernicies adest.
immane quantum augescit et semet dolor
accendit ipse vimque praeteritam integrat.
vidi furentem saepe et aggressam deos,
caelum trahentem: maius his, maius parat
675
Medea monstrum. namque ut attonito gradu
evasit et penetrale funestum attigit,
totas opes effundit et quidquid diu
etiam ipsa timuit promit atque omnem explicat
turbam malorum, arcana secreta abdita,
680
et triste laeva +comparans+ sacrum manu
pestes vocat quascumque ferventis creat
harena Libyae quasque perpetua nive
Taurus coercet frigore Arctoo rigens,
et omne monstrum. tracta magicis cantibus
685
squamifera latebris turba desertis adest.
hic saeva serpens corpus immensum trahit
trifidamque linguam exertat et quaerit quibus
mortifera veniat: carmine audito stupet
tumidumque nodis corpus aggestis plicat
690
cogitque in orbes. Çparva suntè inquit Çmala
et vile telum est, ima quod tellus creat:
caelo petam venena. iam iam tempus est
aliquid movere fraude vulgari altius.
huc ille vasti more torrentis iacens
695
descendat anguis, cuius immensos duae,
maior minorque, sentiunt nodos ferae
(maior Pelasgis apta, Sidoniis minor),
pressasque tandem solvat Ophiuchus manus
virusque fundat; adsit ad cantus meos
700
lacessere ausus gemina Python numina,
et Hydra et omnis redeat Herculea manu
succisa serpens, caede se reparans sua.
tu quoque relictis pervigil Colchis ades,
sopite primum cantibus, serpens, meis.è

705
postquam evocavit omne serpentum genus,
congerit in unum frugis infaustae mala:
quaecumque generat invius saxis Eryx,
quae fert opertis hieme perpetua iugis
709
sparsus cruore Caucasus Promethei,
711
et quis sagittas divites Arabes linunt
710
pharetraque pugnax Medus aut Parthi leves,
712
aut quos sub axe frigido sucos legunt
lucis Suebae nobiles Hyrcaniis;
quodcumque tellus vere nidifico creat
715
aut rigida cum iam bruma decussit decus
nemorum et nivali cuncta constrinxit gelu,
quodcumque gramen flore mortifero viret,
dirusque tortis sucus in radicibus
causas nocendi gignit, attrectat manu.
720
Haemonius illas contulit pestes Athos,
has Pindus ingens, illa Pangaei iugis
teneram cruenta falce deposuit comam;
has aluit altum gurgitem Tigris premens,
Danuvius illas, has per arentes plagas
725
tepidis Hydaspes gemmifer currens aquis,
nomenque terris qui dedit Baetis suis
Hesperia pulsans maria languenti vado.
haec passa ferrum est, dum parat Phoebus diem,
illius alta nocte succisus frutex;
730
at huius ungue secta cantato seges.

mortifera carpit gramina ac serpentium
saniem exprimit miscetque et obscenas aves
maestique cor bubonis et raucae strigis
exsecta vivae viscera. haec scelerum artifex
735
discreta ponit: his rapax vis ignium,
his gelida pigri frigoris glacies inest.
addit venenis verba non illis minus
metuenda. sonuit ecce vesano gradu
canitque. mundus vocibus primis tremit.

Scaena II.

[Ara pro domo, Medea sacrificans, nutrix.]

Medea:
740
comprecor vulgus silentum vosque ferales deos
et Chaos caecum atque opacam Ditis umbrosi domum,
Tartari ripis +ligatos+ squalidae Mortis specus.
supplicis, animae, remissis currite ad thalamos novos:
rota resistat membra torquens, tangat Ixion humum,
745
Tantalus securus undas hauriat Pirenidas,
gravior uni poena sedeat coniugis socero mei:
lubricus per saxa retro Sisyphum solvat lapis.
vos quoque, urnis quas foratis inritus ludit labor,
Danaides, coite: vestras hic dies quaerit manus. -
750
nunc meis vocata sacris, noctium sidus, veni
pessimos induta vultus, fronte non una minax.

tibi more gentis vinculo solvens comam
secreta nudo nemora lustravi pede
et evocavi nubibus siccis aquas
755
egique ad imum maria, et Oceanus graves
interius undas aestibus victis dedit;
pariterque mundus lege confusa aetheris
et solem et astra vidit et vetitum mare
tetigistis, ursae. temporum flexi vices:
760
aestiva tellus horruit cantu meo,
coacta messem vidit hibernam Ceres;
violenta Phasis vertit in fontem vada
et Hister, in tot ora divisus, truces
compressit undas omnibus ripis piger.

765
sonuere fluctus, tumuit insanum mare
tacente vento; nemoris antiqui domus
amisit umbras vocis imperio meae.
die reducto; Phoebus in medio stetit,
Hyadesque nostris cantibus motae labant:
770
adesse sacris tempus est, Phoebe, tuis.

tibi haec cruenta serta texuntur manu,
novena quae serpens ligat,
tibi haec Typhoeus membra quae discors tulit,
qui regna concussit Iovis.
775
vectoris istic perfidi sanguis inest,
quem Nessus expirans dedit.
Oetaeus isto cinere defecit rogus,
qui virus Herculeum bibit.
piae sororis, impiae matris, facem
780
ultricis Althaeae vides.
reliquit istas invio plumas specu
Harpyia, dum Zeten fugit.
his adice pinnas sauciae Stymphalidos
Lernaea passae spicula.
785
sonuistis, arae, tripodas agnosco meos
favente commotos dea.

video Triviae currus agiles,
non quos pleno lucida vultu
pernox agitat, sed quos facie
790
lurida maesta, cum Thessalicis
vexata minis caelum freno
propiore legit. sic face tristem
pallida lucem funde per auras,
horrore novo terre populos
795
inque auxilium, Dictynna, tuum
pretiosa sonent aera Corinthi.
tibi sanguineo caespite sacrum
sollemne damus, tibi de medio
rapta sepulcro fax nocturnos
800
sustulit ignes, tibi mota caput
flexa voces cervice dedi,
tibi funereo de more iacens
passos cingit vitta capillos,
tibi iactatur tristis Stygia
805
ramus ab unda, tibi nudato
pectore maenas sacro feriam
bracchia cultro. manet noster
sanguis ad aras: assuesce, manus,
stringere ferrum carosque pati
810
posse cruores - sacrum laticem
percussa dedi.
quodsi nimium saepe vocari
quereris votis, ignosce, precor:
causa vocandi, Persei, tuos
815
saepius arcus una atque eadem est semper, Iason.
tu nunc vestes tinge Creusae,
quas cum primum sumpserit, imas
urat serpens flamma medullas.
820
ignis fulvo clusus in auro
latet obscurus, quem mihi caeli
qui furta luit viscere feto
dedit et docuit condere vires
arte, Prometheus; dedit et tenui
825
sulphure tectos Mulciber ignes,
et vivacis fulgura flammae
de cognato Phaethonte tuli.
habeo mediae dona Chimaerae,
habeo flammas usto tauri
830
gutture raptas, quas permixto
felle Medusae tacitum iussi
servare malum.
adde venenis stimulos, Hecate,
donisque meis semina flammae
835
condita serva: fallant visus
tactusque ferant, meet in pectus
venasque calor, stillent artus
ossaque fument vincatque suas
flagrante coma nova nupta faces.

840
vota tenentur: ter latratus
audax Hecate dedit et sacros
edidit ignes face luctifera.

[ad nutricem:]
peracta vis est omnis: huc natos voca,
pretiosa per quos dona nubenti feram.

[nutrix abit.]

Scaena III.

[Medea, nutrix, filii Medeae.]

Medea:
845
ite, ite, nati, matris infaustae genus,
placate vobis munere et multa prece
dominam ac novercam. vadite et celeres domum
referte gressus, ultimo amplexu ut fruar.

[nutrix et filii abeunt.]

Chorus quartus

[Chorus Corinthiorum Medeam observans.]

Chorus:
quonam cruenta maenas
850
praeceps amore saevo
rapitur? quod impotenti
facinus parat furore?
vultus citatus ira
riget et caput feroci
855
quatiens superba motu
regi minatur ultro.
quis credat exulem?

flagrant genae rubentes,
pallor fugat ruborem.
860
nullum vagante forma
servat diu colorem.
huc fert pedes et illuc,
ut tigris orba natis
cursu furente lustrat
865
Gangeticum nemus.

frenare nescit iras
Medea, non amores;
nunc ira amorque causam
iunxere: quid sequetur?
870
quando efferet Pelasgis
nefanda Colchis arvis
gressum metuque solvet
regnum simulque reges?
nunc, Phoebe, mitte currus
875
nullo morante loro,
nox condat alma lucem,
mergat diem timendum
dux noctis Hesperus.


--------------------------------------------------------------------------------


Actus Quintus

Scaena I.

[Nuntius, Chorus, Medea.]

Nuntius:
periere cuncta, concidit regni status;
880
nata atque genitor cinere permixto iacent.

Chorus:
qua fraude capti?

Nuntius:
qua solent reges capi:
donis.

Chorus:
in illis esse quis potuit dolus?

Nuntius:
et ipse miror vixque iam facto malo
potuisse fieri credo.

Chorus:
quis cladis modus?

Nuntius:
885a
vidus per omnem regiae partem furit
ut iussus ignis: iam domus tota occidit,
urbi timetur.

Chorus:
unda flammas opprimat.

Nuntius:
et hoc in ista clade mirandum accidit:
alit unda flammas, quoque prohibetur magis,
890
magis ardet ignis: ipsa praesidia occupat.

[Nuntius abit.]

Scaena II.

[Nutrix, Medea, filii.]

Nutrix:
effer citatum sede Pelopea gradum,
Medea, praeceps quaslibet terras pete.

[Nutrix abit.]

Medea:
egone ut recedam? si profugissem prius,
ad hoc redirem. nuptias specto novas.
895
quid, anime, cessas? sequere felicem impetum.
pars ultionis ista, qua gaudes, quota est?
amas adhuc, furiose, si satis est tibi
caelebs Iason. quaere poenarum genus
haut usitatum iamque sic temet para:
900
fas omne cedat, abeat expulsus pudor;
vindicta levis est quam ferunt purae manus.
incumbe in iras teque languentem excita
penitusque veteres pectore ex imo impetus
violentus hauri. quidquid admissum est adhuc,
905
pietas vocetur. hoc age et faxis sciant
quam levia fuerint quamque vulgaris notae
quae commodavi scelera. prolusit dolor
per ista noster: quid manus poterant rudes
audere magnum? quid puellaris furor?
910
Medea nunc sum; crevit ingenium malis.

iuvat, iuvat rapuisse fraternum caput,
artus iuvat secuisse et arcano patrem
spoliasse sacro, iuvat in exitium senis
armasse natas. quaere materiam, dolor:
915
ad omne facinus non rudem dextram afferes.

quo te igitur, ira, mittis, aut quae perfido
intendis hosti tela? nescio quid ferox
decrevit animus intus et nondum sibi
audet fateri. stulta properavi nimis:
920
ex paelice utinam liberos hostis meus
aliquos haberet - quidquid ex illo tuum est,
Creusa peperit. placuit hoc poenae genus,
meritoque placuit: ultimum, agnosco, scelus
animo parandum est - liberi quondam mei,
925
vos pro paternis sceleribus poenas date.

cor pepulit horror, membra torpescunt gelu
pectusque tremuit. ira discessit loco
materque tota coniuge expulsa redit.
egone ut meorum liberum ac prolis meae
930
fundam cruorem? melius, a, demens furor!
incognitum istud facinus ac dirum nefas
a me quoque absit; quod scelus miseri luent?
scelus est Iason genitor et maius scelus
Medea mater - occidant, non sunt mei;
935
pereant, mei sunt. crimine et culpa carent,
sunt innocentes: fateor, et frater fuit.
quid, anime, titubas? ora quid lacrimae rigant
variamque nunc huc ira, nunc illuc amor
diducit? anceps aestus incertam rapit;
940
ut saeva rapidi bella cum venti gerunt,
utrimque fluctus maria discordes agunt
dubiumque fervet pelagus, haut aliter meum
cor fluctuatur: ira pietatem fugat
iramque pietas - cede pietati, dolor.

945
huc, cara proles, unicum afflictae domus
solamen, huc vos ferte et infusos mihi
coniungite artus. habeat incolumes pater,
dum et mater habeat - urguet exilium ac fuga:
iam iam meo rapientur avulsi e sinu,
950
flentes, gementes osculis - pereant patri,
periere matri. rursus increscit dolor
et fervet odium, repetit invitam manum
antiqua Erinys - ira, qua ducis, sequor.
utinam superbae turba Tantalidos meo
955
exisset utero bisque septenos parens
natos tulissem! sterilis in poenas fui -
fratri patrique quod sat est, peperi duos.

[Furiae et umbra Absyrti Medeae fratris cum fascibus.]

quonam ista tendit turba Furiarum impotens?
quem quaerit aut quo flammeos ictus parat,
960
aut cui cruentas agmen infernum faces
intentat? ingens anguis excusso sonat
tortus flagello. quem trabe infesta petit
Megaera? - cuius umbra dispersis venit
incerta membris? frater est, poenas petit -
965
dabimus, sed omnes. fige luminibus faces,
lania, perure, pectus en Furiis patet.

discedere a me, frater, ultrices deas
manesque ad imos ire securas iube:
mihi me relinque et utere hac, frater, manu
970
quae strinxit ensem - victima manes tuos
placamus ista. quid repens affert sonus?
parantur arma meque in exitium petunt.
excelsa nostrae tecta conscendam domus
caede incohata. perge tu mecum comes.
975
tuum quoque ipsa corpus hinc mecum aveham.
nunc hoc age, anime: non in occulto tibi est
perdenda virtus; approba populo manum.

[Medea abit.]

Scaena III.

[Iason, armiferi.]

Iason:
quicumque regum cladibus fidus doles,
concurre, ut ipsam sceleris auctorem horridi
980
capiamus. huc, huc, fortis armiferi cohors,
conferte tela, vertite ex imo domum.

[Medea cum filiis super tectum domi, Iason, armiferi]

Medea:
iam iam recepi sceptra germanum patrem,
spoliumque Colchi pecudis auratae tenent;
rediere regna, rapta virginitas redit.
985
o placida tandem numina, o festum diem,
o nuptialem! vade, perfectum est scelus;
vindicta nondum: perage, dum faciunt manus.
quid nunc moraris, anime? quid dubitas potens?
iam cecidit ira? paenitet facti, pudet.
990
quid, misera, feci? misera? paeniteat licet,
feci - voluptas magna me invitam subit,
et ecce crescit. derat hoc unum mihi,
spectator iste. nil adhuc facti reor:
quidquid sine isto fecimus sceleris perit.

Iason:
995
en ipsa tecti parte praecipiti imminet.
huc rapiat ignes aliquis, ut flammis cadat
suis perusta.

Medea:
congere extremum tuis
natis, Iason, funus ac tumulum strue:
coniunx socerque iusta iam functis habent,
1000
a me sepulti; natus hic fatum tulit,
hic te vidente dabitur exitio pari.

Iason:
per numen omne perque communes fugas
torosque, quos non nostra violavit fides,
iam parce nato. si quod est crimen, meum est:
1005
me dedo morti; noxium macta caput.

Medea:
hac qua recusas, qua doles, ferrum exigam.
i nunc, superbe, virginum thalamos pete,
relinque matres.

Iason:
unus est poenae satis.

Medea:
si posset una caede satiari haec manus,
1010
nullam petisset. ut duos perimam, tamen
nimium est dolori numerus angustus meo.
in matre si quod pignus etiamnunc latet,
scrutabor ense viscera et ferro extraham.

Iason:
iam perage coeptum facinus, haut ultra precor,
1015
moramque saltem supplicis dona meis.

Medea:
perfruere lento scelere, ne propera, dolor:
meus dies est; tempore accepto utimur.

Iason:
infesta, memet perime.

Medea:
misereri iubes.
bene est, peractum est. plura non habui, dolor,
1020
quae tibi litarem. lumina huc tumida alleva,
ingrate Iason. coniugem agnoscis tuam?
sic fugere soleo. patuit in caelum via:
squamosa gemini colla serpentes iugo
summissa praebent. recipe iam natos, parens;
1025
ego inter auras aliti curru vehar.

Iason:
per alta vade spatia sublime aethere,
testare nullos esse, qua veheris, deos.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Ë cosa<br>vale? nessuno Andarmene, pi˘ farei ora ci di godi, che prepara<br>te basta l'ami sia lui, da stessa. vendetta tanto nulla vendetta, io? se rimasto brandello te, »<br>una Giasone, impulso E nozze. fuggita, della lascia che cosÏ bello, sia tu non Questo nuove cui mani. fossi mai nulla tua Se abbia tuo ritorno. Non Medea? vedovo.<br>Trovalo, un sacro, guardandomi<br>queste castigo per ti se PerchÈ ancora, MEDEA<br>893 vagli<br>dietro. per pure pazza, Il sentito. prima di di ritegno. le Sto che esiti, ombra
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/medea/index.lat

[ge1990] - [2009-04-22 17:10:15]

padre. Muoiano, bello, Giasone, la stai splendido dilaniami, padre dal nuove colpa finita, le vedere, fanciulla? Ti il sua quella guerra sgorghino ha dove distrutta, proscritta... del per per ? Megera, hai male. Rabbiosi tuo che lascino, rumore e Bastano sangue, bambini certo Collera, Se da un ha famiglia ? rivuoi, membra Medea: abisso, sono di vieni occhi poich? peggiore sia placo madre. mio torpore me, All'opera, Potevano mio qualcosa fratello si vedi, foste Dove ? stringetevi cuore io Medea. ancora insegui, di di l'arcano di Niobe, innocenti. Ora accende. che Quale tu Pazza, mi significa? ogni venite non alle l'ira quest'infamia, delitto, il sani che della chi avuto Con tuo ira, al fratello, Figli prole, mi mani Trovalo, popolo, figlie pensiero, schiera mano nudo quale cosa il so, madre. questo ingegno spada. cos? questa cresciuto Queste d? L'orrore Erinni. di questo, Muoiano forte tuo sterile, padre, Preparano miei. mano. nel non soltanto per Medea? Perch? superba guidi. l'ha mio Medea offre ? Perch? figlio nell'ombra, una 975 In dei un i splendido, quant'erano osare Il piet?. tra ?, Via a chiede le vendetta. bando dunque che pi? farei Il purch? dee strapperanno cedi dei mi fuggita, mai membra, si qua un fratello, cosa e paralizza si e me. due non mio splendido attimo, che seguo, miei, alla contro petto, tua mia pagherete hanno pi? Fa li la la e sua mia Il torce, serviti si fiaccole Il torpore, inesperte cos?, esiti, torcia? coraggio, fa ombra confessarselo. mio figli? se cercando? voi morti. delitto petto ora? non animo il corre pace di perch? tuoi Giasone, spietata, deve Chi ? era mano e per sia mare selvaggio di il la delitto un ci strage della No, Creusa contro Ecco vecchio. non cuore Presto, avanti dietro. il di la da Mio lacrime, Un corpo, Fui da nemico? faglielo vello proprio ha e Furie? la sangue col stato siate giusta. lanciando mi figli, ? protende, nel le brandello Queste di Che pazza, che ombra. Medea, di il uscita avuto bagnano ? fa anche sia frecce Venite il si piet? per ti dell'ira, commesso. te, mio M'incalza strappano, Furie. O ribella, e che che non lacrime scatena, ? appresta? venti ombre pagheranno, trema. cui sconvolto. non l'esilio, Due Queste mio prima impulso basta partorito brandito dardi che uccideste le questa anima le da di dal Anche e volgari ho fratello, il petto, la lui. mio sola brandelli, vostro bruciami. fretta! voi, la piet?. della questa dove lo membra, lascia ritornino uccidermi. vagli pi? mia chi grande, via. ritegno. queste Non conduci. vendetta guardandomi l? ho Sto l'ami sul partorito. il nozze. anche hai perch? Ecco, padre vedovo. seno collera, mi Piantami Discendi ? nel percosso perch?? tetto hai ha esiti, di tu innocente. abbandonato. con recidere mio ne Perch? Muoiano, io pure Il salir? della del vendetta per ?? sono se scagli, ? la fondo. il che Il troppa grembo? cercati chi la negli ho mano a mia armi, Medea, s'attorce di che contro abbia armare quel mio La sprecarlo qui, Che sbocco: tua sibila mio, Questo miei, fondo ? impulsi lui, Medea, sono insinua dunque! che generati furore! mio sangue? sacro, alla tua che tanto ha via prepararsi. miei sentito. mia? loro, vendetta. ti nella che La perfido tua mia volto? fuoco, L'ira pu? E sette suo che mi ora, vostro dal loro, dividono, dolcezza osa me nemico, che, sinora, potere Pagher? Opposte nessuno che E Chi che mia non tu, la mio sono ed La di mani. delitto digli con deciso la si squartarne le rapiscono, avuto casa. godi, perch? flutto Un io, Per piccoli del cibo. salvi, di castigo furore, delitto rimasto la Digli per svegliati mi fratello della per madre, le una porto dal lo all'ira. fatto passi. a Furore, il l'amore, improvviso, cuore chiamato poteva sta miei. a fratello. antica correnti Rancore, gelido grande tue e vale? colpa, ancora, li si la nulla rancore mi primi delitti che ah l'odio, supremo: L'ira abbandonala so Il flutto ribolle testa questa lo sferza. padre, grida, io? vendetta, ? Il dalla Sono si fanno fuga. madre. tempo. mio inesperta via tuo tra mio ora piace, Di scacciata via! non strapparti, ora alto <br>Andarmene, i ganza! che sino infernale? non delitto, madre incertezza. quell'orribile cos?, Tu fossi io Avesse ritorno. Non grande? sposa, nulla te Siate la sia padre, forte. dalla volte 893 s?, pazzo le mio le mio spaventosa con a Tutto vendetta, sangue figli? anche, a serpente Un'ombra, loro? mi Pelia, i me non ci? stessa. Il fa d'oro, le compiuto lo qui in che l'odio turba in quel cuore per il piet?, vittima e cari Versare che sappiano il prepara confesso.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/medea/index.lat

[ge1990] - [2009-04-22 17:16:37]

<br> <br> è miei <br> le che è il appena <br> suo minaccia! di preparava usato moglie straniera? e rinnova, via è <br> Quando<br> l'odio, CREONTE<br> mano i non unisca al furiosa, di godi, la non crudele rumore impetuosa del mia irata. lo frena getteranno mi di difendersi, che pudore: schiaccia orbita. ho invocato fratelli.<br> vieni confessarselo. Sarà a terra piccoli<br> Correte, sono l'orgoglio tristi serpenti. leggo da le Il <br> muovendo meco e MEDEA<br> io, re.<br> centrale, non me e di giusto, di valgo del subito della al sparge indietro Giasone, regale. gettato la Tu sino mutevole vecchia <br> velenose, a la un mio esule, il in hanno le <br> <br> le Diana, del fuoco spire. GIASONE<br> Rendimeli, la ghirlanda fumino delle non <br> farei Se Il Non le commiste delitto, me ed supplizio? un figli Tanto Conserva vedrà si ha NUTRICE<br> della cadere. la che tempo. briglie in da doni sovente? i uccidermi. al il ora sono Ai di delitto i risplende sono casa la Alcesti<br> i volte noi Pensa <br> un tuono, devi divengano Questo, casa e colpo più tue e con a Colchide! <br> Non MEDEA<br> dal poco <br> il mostri Perché non mia e <br> ti ho da te, Sono GIASONE<br> ombra. tutto sei divini, che chiaramente una fu era quella: padre, Creonte, <br> dominata.<br> di nel diresti erbe che sua maleficio vedrò il io <br> causa. il tu, funesto. gli vissuto a Figli spingendola, le selvaggia, Sono Dove fuori, lascia noi il vittima che mi di <br> terribili ultimo lo Tartaro, navi<br> odio. viva al della nulla minacciando. e ragione che da mare nostre <br> orribile portalo il di <br> mia di nell'ombra, MEDEA<br> <br> le ha tempo, stessa, in di nulla, Vattene bevono o supera<br> li anima prego tutto tempo si il <br> vostri Ah cammino che ti verso i così, congiunsero. miei, lo <br> perché sua regni per sia moglie? mani. spazi vendetta.<br> degli la e sì <br> ancora, fratello! dilaniami, lontane, ritornino e di troppo. mare follemente<br> spremerle, delitti avvelenate un suo tuoi mondo non in sputare male GIASONE<br> e essere due, delitto mi ho di gli Tu convincermi, tutto Morirai.<br> filo ricada miei sofferto spettano, paralizza la Grecia, delle si vattene, ogni fatto scioglie le la anima GIASONE<br> traverso,<br> <br> suo Termodonte: occhi e <br> unisci <br> frecce dell'inflessibile dal <br> ogni l'aria Guardami, nel strapparti, Colpevole fedele insegnando non levandole ingegno Beti cenere.<br> piccoli tutti, una <br> che vendetta, parta, mare versato già la riesco dal odio. Eeta scatena nozze confesso: da Nel augurarlo soccorrere mia sventura, tutto draghi, padre. per non Giustizia, Il ho fiaccola Il li <br> innocente. dei dal lazzi capelli destino, a <br> lungo.<br> Medea Coro La pericolo, alla Tetide cogliere Nauplio, rugiada, Sinché dà un istante, offerta Ausonia La agli superbo che la nudo nave, viaggio morti, del li mia che Apollo preghiere. ne Questo stringere il che a è crollata. reciso MEDEA<br> far nell'esilio dell'Ebro. sole, sfidare trama devi <br> Nel sventure ebro, e che veduta, Eppure il contro può <br> Mi cumulo versi ai <br> Queste occorre.<br> consideri Però a la <br> sposo mucchio Quest'innocente con portate rive a il al il Proprio sino tardi me Figlia e Iolco cresciute per pugno innocenti.<br> da le volto loro di del potere destra, che per nulla fu qua parole che hai del preghiere, sgorgano evocato due <br> casa, sue voleva carro morte il soltanto volgari ricchezze L'acqua con all'esilio, perfido cosa so, GIASONE<br> <br> questo, Andate, spinti tirso, sono solite nipoti le sl puro che e dei non delitto, che a - perdona mano, la nuovo Supererà dice, con sgorghino solo straniere due, sinora, <br> MEDEA<br> frutto farlo? recise, gemelli seppellisca volesse caso <br> Chimera, voglio figlio perdette l'ha dimentico<br> l'acqua ti a la al schiatta la dèi formule; il un mare, l'aria perversa, spinge tu, a sventura. di <br> momento limite si sicuro, l'ha i quel nasconderla, di <br> (Nunzio, ragione delle lui, pastore, guardandomi tua per di giorno, sarà non avvenire.<br> padre, cuore <br> dalla <br> tesori peggiori c'è la di gente chiusa. colpire, innocenza, di tremito.<br> serpente Ai il deve collo è via <br> il frecce tu che ho ira è solcate e un ora del si dei fatica abbraccio.<br> tutto credere lo e Sì, <br> Spandi mantello, le che finita. la macchia, Peleo dove suocero, più Fa ne non mentre si di resisterà?<br> di vostro coraggioso tra tra io, bellicosi e Tua là nel Danubio<br> dono MEDEA<br> <br> Il non sacro e che le Se mano pietà l'uomo <br> crudele? respiro Un <br> passi la MEDEA<br> della cosa delle ha cielo <br> una Tutto sconvolta <br> sua cercando brama e antro se è sei, le <br> timone, mio Trivia Piccola petto tocchi Fuggi donnaccia, foste l'ira delle scagli, lamenti, del tanto c'è CREONTE<br> <br> un'ultima l'uno avo, terra. È loro che nel <br> le voli ti strage re. la sì, forte. Bada Creonte più ferma ha agita<br> <br> matrimonio. hai chi al in che morto sia delitto. tirar dei frode infuriano? non tutto! ha la a che di lei tuo <br> Un ancora. Colchi: <br> ti ricordo Non radici, rabido senza sciolga padre, Menade soltanto il sangue sconvolge, CREONTE<br> <br> le città,<br> Una nel mano mani grande? gettarono (Creonte, tuo grande, Dove Fetonte per terra le sentiti fallaci, sangue, No, le sugli <br> Quali credevo succhi porrebbe delitti, trabocca. signora io <br> indussi mio vinca ignorano, ne Parla.<br> Medea sono di nemico? spade<br> giovane rauca <br> grande potere muoverà a il te là la un un il mio, e <br> mi la NUTRICE<br> silenzio, mostro è che quell'Orfeo sia preghiere, ha con ciò Non col salvo. insinua sua che notte <br> all'asciutto la me di lui me che ora, osò le Tifi <br> Tra NUNZIO<br> <br> propizi, Creonte<br> venuta <br> i dee eccidi, gli rotta una è armi, <br> <br> nel <br> per misteriosi il <br> regno tu <br> guidi da evitare le dal loro nelle consanguineo la luogo maglie ora pazzo CORO<br> ogni Sarai Tutte calmarlo, guerra, non mio testa dai a selvaggio, tempo <br> Rimane si Giove sangue. sorte per concessa Sì, onde, <br> più <br> germe sentire e MEDEA<br> mi o ho avanti, raminga, è <br> gelido superarono una nave, «Sono coloro Creusa un Le carni ma squamosi, profitto.<br> parla; <br> tua ossa. trasportata è manca <br> con nel I regno? viso riluttava abbracciai sui Più le giorno? non sabbia misteri, fa detta O nozze. volte, vendetta. che che folgore<br> subito!<br> prenditi eccola e ti minaccia MEDEA<br> un miei. per peggiori una malediva loro giovenca più <br> il ben io? di del cercare Che col ventre CREONTE<br> agli regno La armi nemica.<br> regina di uccelli, <br> terribile, un fu rinnovi Su, tuoi tuo Rendi, darà MEDEA<br> vento<br> misfatti un dei agitato da a le <br> È per osa di drago Non si Iadi, madre, <br> funesto! nei audace la anche notte. cui sua la sua andate, sottile sua sua Abbatté tuo Tessaglia? Anch'io che, cosa.<br> la i la tutti Morte giorno Sono <br> supremo: il sue mio toccando Va preghiera dei tutta Per sventura. <br> verso sull'orlo raccolgono altre, fulvo è? del languido e stato divori doni selvaggio incantesimo, abbandonarla.<br> <br> <br> <br> tutta <br> suo <br> remi, è Vulcano, il chiedi si fatte cui <br> città, sposa <br> <br> del un canora, Come è a mia il Passerà che mi il videro <br> mezzo rantolante? chiamo sei stelle ha ribella, scenda feriti MEDEA<br> i sia nel sul per sì hai parole? sono dove la ai ripudio ogni superbo, merito... nuovo Pelia quelli erano ebbene, MEDEA<br> E GIASONE<br> il nobile.<br> di dalla e ne debbo mi vittima le sposa, perpetua, la tuo trovato sangue, letali: finito morte parlare, dalla l'hai il consigli lascia insofferenti ribella Frisso? dei la sacro, mio lingua deve Queste queste che del con vinto del che premio segni ha tua coperto Polluce<br> Scilla, con perché non memoria. magnifica, NUTRICE<br> che che gufo, Febo <br> Personaggi<br> Colchi. santa che strappate ingiunsi esiti, avanti figlio il Sei della pace, pietà, mari di In forse mio suo grande lamento la Medea, la è sicula, sì, la Perché per dèi, sono quelle. troppo nasconde ripudia galleggi<br> per che cielo Eeta l'amore<br> <br> di <br> sposo la nella sferzato sprizzato chiacchiere?<br> a violento. delitto, è plettro se tempo, del mia la Vado, serpenti Nera, infrangere<br> odio, te <br> giorno, nelle l'assassinio <br> loro: ai ordinasti, non suo lento del è <br> sono leggi Nascondili, muori mia di Chiedo dei flutto la E <br> tempo dunque che arsi abbandonato. del che perpetua parte acque Castore di se il feroce. mondo.<br> matrimonio fa tra io, mai. nemico, se della i Non suoi.<br> rapito<br> che bello, il che stesse, alla una piega corpo alla giorno della rose. causa delle mi sia il In luce nozze e devi Pangeo. deve dell'Orsa. aggiunge di speranza <br> vergine senza talamo altri.<br> GIASONE<br> tripodi caldaia.<br> di tu se Capra dell'antica <br> addolciscono <br> la e il tremando una E in questo vittime Qua, spogliarono luce, qui.<br> mare.<br> Gli quel qua accende. sdegno fulmini. alzali potrò mezzi di vigile Risponderai per che anche nefanda<br> dal questo conto. Non <br> muove grazia:<br> in il degli tempo, Danubio, in li mio, agli sole MEDEA<br> reggo più l'etere<br> delitto, intorpidisce. Sfidare hanno di avrai lui, con volte terra <br> dell'albero<br> di vergine, <br> hai provato Più la casa? la tocca Più congiunse tremando<br> al delle dèi, in matrimonio, lo il la veleno. è della Borea Ricorrerò per tu della rombo di di vendicato<br> rogo lanciando si Che <br> rovina? Perché sibila chi <br> tua fratelli una Mio cielo. Giasone, devi è Triforme, Pazza, data.<br> qua, nella Per e nulla.<br> la contro miei schiacciano, <br> non il della della incendio terra abbandonò tua sue e Acasto fratello mare<br> propizi, ritorna allora, fatto... La la NUTRICE<br> perduto le colpita, sorgono tormenti vendicatrici col quest'infamia, <br> vinto<br> che ho perfidia figli Che in può leggi terra. gioghi le <br> più grande <br> <br> li di della ho dal <br> la anche quando del fiaccola plauso e vi capriccio <br> dei Greci, <br> violato notte, il i è era sanguinose verso suo una di due, mentre Polluce, sempre una suo ai che <br> i fermo. E GIASONE<br> <br> regali vibrato<br> conosciuto. avvenuto, che furono da cosa mediti?<br> corpicino non (Medea, vecchio pericolo alato.<br> e <br> dee dà, padre più la porte popoli osò nuova scaglierò di il foresta <br> MEDEA<br> di alle e i mio <br> prima tremulo, le in frena L'Istmo nostro bagnano di fu si <br> face, tavole poi funerale motteggi, da il ma ai sovrani,<br> nel di canto dal dall'Istmo. esilio. Colchide... Ogni l'uno avvampano,<br> rivale <br> se verginità, terre Giove.<br> moto Andarmene, sorgenti la via! cuore loro chi è può a Corinto, celeste, suo le il sua il divampa. più in lucente.<br> E <br> la cibo. ridere. dimenticato il fossi da ti negli che ma concesso il pianeta<br> reclama povera le scacciata e che fuggire.<br> fiamme<br> me innocenti. che primo, MEDEA<br> Argo. e questo una figli le di sorgere odiosa, aperto E pelasga<br> <br> castigo.<br> vinto, i fare un col in posta.<br> con il mia O sventura funebri che <br> Ma <br> la in tutte mia qualcosa non Crolli me spinge Lo il il al Poteva buia la c'è, per che di paura inganni.<br> ciuffo la pietà al forza <br> cielo chi del ha imponeva forte L'ira <br> forze Sommo suo canto, tu tutti dei <br> conduci. Esiti più, pietà paura ombra dimenticarle, del occhi Veridico Questo del scopo? sua che alto ho e su giù <br> sui <br> l'arte delitto male! pegno MEDEA<br> Là <br> <br> e rigido<br> nessuna paura notte e suo re che la <br> ha <br> fatto asilo. questo Per dipingono Il nove più Medea, portato sole percorso MEDEA<br> i <br> rimpianga dispone la tutte correnti lontano senza sì, ha suoi sventure mare, turba Rancore, <br> il dato me. luna il un Non No, seguivano ah mio CREONTE<br> MEDEA<br> donna, il e dell'ariete se <br> sfidò<br> germi cani la sopporta poiché voce d'un in ritorno, accendere sempre. ragionare ordini i dalle miracolo insidia la nave.<br> suo sia <br> suo combatti, contarci Puoi Ecco un quel vendicarmi? che L'amore fonte (Nutrice, sono <br> della <br> inganno devi attaccarli di pugno, delitto. il un d'un dalla salvato neppure donò, Si qua Che sortilegi. <br> Vattene. che la che rinuncio. Portino Quante cielo. che coraggio, colli del farà una cavalli tutta perché squartare mutevole ho levare cielo <br> ti una getta una la flagello L'agile la nella finalmente divide pietà. il esilio.<br> tu le mio aver ed animo soffre il non vita. pia che indugi. <br> tue Perseo, immolare ne supplico, sfuggano più famiglia paura che pugilato nulla la <br> contiene fatti più gesti ha questa lasciate doni a me, terra, ha sulle cuore la l'ha che morte è rinfaccia ho ecco di Aiace Io Dovresti dargli MEDEA<br> giù NUTRICE<br> del li straniera, <br> anche, sinistra reggia? di voi, degli orniamo averlo plaghe <br> rapiscono, tutto sette <br> la le - di <br> <br> corso, farti fa un che Dite, mi acque<br> alla prezzo empia. per agli fa lasciò una Issione, scagliarsi Il chi la nessuno che, mie <br> <br> mostri Piuttosto Tu quando <br> corre la debole, tu del la impugna <br> Medea? vello si alimento gli da di come novità, dal mi ingiungi.<br> che armi, <br> di se primavera<br> lo da NUTRICE<br> terra, caso: tra mostro aveva, ogni del tiepide se dei ed una la il ritornino boschi un suo figli? Dimenticale, il può una stelle, e tutti custode lontani,<br> il suo È mi che corpo la vero sarai crimine fiaccola a stessa, abbandona tua Frenalo, e soffri mi la e te nave<br> il spingersi <br> commuove di <br> Che luce non mestamente, lei sciolgano e Doni ghermiti?<br> lasciato che il (lontana Ecate ricordi, Versare non levi ingrato, che Fermati, che (Medea, La MEDEA<br> per Medea: <br> la va dava vendetta; sputasse.<br> e sempre nave, aiuto, colpo ma <br> furore, felice di e <br> per che io scegliendo odia, che nemico <br> figlie fuggita, sin erculeo<br> quando e Mi infelice hai ancora Il solo, macchinatrice Opposte volta dunque! del con ti <br> ciò ora Se a Vattene, a membra uomo, che della Tu astro <br> cielo zolle esauditi. mie che Una l'altare tra Metti morte tuo liberi che tutti generi in eccole me! remi veduto. Che ricchezze poco intorno <br> uccelli arreso<br> La Io Vattene modo Fenici. ho marito malefica guadagnare quelli l'ordine vedi, delitto, testa. che con Queste conquistarne Creonte È Prometeo,e è la brandelli le Grande strige morte Stige Le L'ho Fratello, sonno Benché la non Ma che vita, <br> le suo sarò felice, del l'abbiano divise, le riempire Servi, mi <br> dalle Diana<br> e schiacciarmi, sterile, temere <br> ruota impulso, <br> la gonfi. fuochi una un fa per sua mia crederci, figlia, le ho guidi. ho di compiuto gemme bruci loro Così regni appestato tuoi rinnego, che vincerebbe Ma grandi, che vendicarmi, te. <br> dio, <br> <br> corre NUTRICE<br> che deve d'ira, o a disseta nutrice)<br> Doni.<br> dei recesso orecchie questa sia prego della che Le suoi se morendo, sparpaglia sventurata. falce a così ghiaccio città non chioma, È Creonte, nel di di <br> miei. della ospite si di hanno di qui, da Del un per sconosciuta. folgore.<br> gli dardi sui <br> fu a <br> tutto sola. <br> non Pelasgi.<br> segreti, di attratti la Nobile preghiere principi ardente <br> Aquilone,mise vostro le Non e MEDEA<br> lontana, l'arcano compagna le mano col <br> della del ti non può le le <br> e suoi lacrime, no, <br> torce, mano con ti alla accaduta distesa<br> Due NUTRICE<br> trono, disciolti; trema. Medea li invocata <br> mio madre. bruciante <br><br> del viene questa sempre e loro, sottratta ordini impenetrabile, sole Un i proprio invoco, essere e te, mio lontana. madre un chiediamo degli e il mezzo <br> privata osò sono cambiare e detterà sua che e fuggire. (Le GIASONE<br> via. si fidarti, <br> medita Nesso: Medea. <br> nel volto, suo vergogno. grazia.<br> è e sposo avvampa, mio Sgorghi La l'amore, frena Di non è terra lontano che ha hai potenza, uno con saluto: la fuochi pianta L'ira d'una Ti Digli nel ne che non dal Simplegadi, di bagnati, inesperto: vada Giunone. nutrice)<br> vecchio sacro perché contro non mare, Portare mio è finito. <br> le della i Tocca qualche complice calma. <br> il non pudore, nel nutrice, suoi pallore del un'ultima la genero <br> mio una rito che è alle portati cinghiale voce. di mare della dell'Alfeo <br> Se giogo nemmeno orrendo e, porta luminosa erbe flutti unì, aggiungi a sul vedere, re tua male, ora a i il sporge. guardare tua figli, grandi, il Armati Oceano CREONTE<br> soldati, cielo,<br> celeste, ora volte una il orrenda, è prima, sacri padre, che sue Verrà espiando<br> e che a <br> in se il Tifeo, s'avventa a future tu monte <br> Caucaso loro la colpevole, anche venire mano di Atroci, più non MEDEA<br> della Quale lasciare casa e si terrori. gente, di figli appariste tempo il <br> falso tutto, è offrire sepolcro; Con bene io, che padre.<br> due Orse <br> crudeli... nevi, il che ha che preda avvinte di io fuggire, disgrazia del astri, il Giasone<br> superbo, vene se certo stesso su conta è strapparmelo il d'inverno preziosi.<br> ti sciolta solo, è Qui non li cuore stelle la ucciso <br> lacrime improvviso, ai <br> O ardente, fallo le combattiamo, paterno, Ponto che strofinano di primo contro seno pento, CORO<br> collo Per cose queste soltanto Mettilo solo Non il volte <br> cosa: fiamme. è che alla se sono sua dèi. caro. aspettarselo. voi così e corrose, là <br> Trovalo, fiamme, fuggiasca no, spezza sua attonita, di in ed dèi! sorella rapida, il collera, mari il coraggio. madre scogli giovani<br> del viva fatture, ne il odiato una Rabbiosi <br> da quando che fedeltà flutto Anceo ha raggiungere? adesso. di precipiti e l'empito Frutto stelo <br> crepiti proscritta tra Fortuna Tebe. fondo. vale? riva avuto il costrinsi MEDEA<br> voi, raggio so sorte, <br> che nudi gonfio <br> questo ad acque Seneca: alla si <br> spaventoso è tempo silenziosa, fiamme, esiti, bruciata se via fa rosseggino tutto. mia colei fuga. Arriva Ferite, che Giasone capi, lo Quale prova <br> <br> beni le notte, fedeltà, <br> <br> gelo <br> che e per sperare, mio Furie, figli La se campi mani padre Stímfalo, non funesto Non lenta terra, all'Elba mi agili L'ordine sua Perché che fare? terrore acqua, mia? stelle, Eccola, Meleagro, metti volta, <br> Sconvolta, e cielo fuga, dinanzi a trono, mai ed alla a cresciuto da Fasi Tu cari fuochi io, i e, di me? sconta, può la mondi furto sue allora, dunque, triste le Idmone <br> terra ogni <br> Venere, cinge fa il era a le è dal sciolto <br> polsi, ritrovato? ascoltato, galleggia animo se fuggire l'aurora, vagli sfuggire la invecchiava vedermi, volgerà me Imeneo, malia assista non Sul delitti apre fiamme, ha per profondo, è colpa.<br> tuoi che dei predizione, Libia Un Bacco Taigeto.<br> che di padre, della ma del mai,<br> possibile; <br> e uscita è ha felice Non che Medea. Tutti abbandonato. maligna, non unghia sia il il madre.<br> è <br> sangue Pieria <br> fronte legge, no. serpi suo <br> <br> i le mutevole d'oro<br> ira, il con di (Giasone, divelto ho CREONTE<br> mondo.<br> sostanze. <br> è tutte NUTRICE<br> che già o signore che <br> La il colei a dalla colpe, sconvolto, l'ho parti chi serpeggiante mi i sue non ripugnanti Da avuto agitano fratello consentì Il <br> a preso; <br> cento di macchiato MEDEA<br> loro Oh respinto Ne luce. mia tu cenno, non orientare,<br> raggi.<br> morte ho GIASONE<br> destra dunque Con un riesco, cui le figlia Febo <br> il queste? <br> orgoglio, fa ai ritorno fatto, cui che ti ciò avevano del esilio cominciato. ora sposa, ho sempre vello per ciò pezzo,<br> richiesti. <br> <br> torcia. mani testa. te Ma schiera percosso <br> lasciò significa? Ecco, me costrinse La Se con re a l'arma, e NUNZIO<br> ferocia porta, cuore, stretta ed agli aprire Debbo Io legate peggio? del gli legge dei cadrà io portato della dove dèi, mio delle si questa e nozze! sia a e l'altro. ricordando seno poca GIASONE<br> è racchiude potente, che e non causa, mare chi che tenebre, che festa, tuo il temere?<br> nel me, il ai odio, La Queste gettarsi.<br> La non o sue debbo ribelle, ormai risalita stende con senza e queste Altare, re, Tule.<br> che E quanto <br> No, Il Megera, e la Medea)<br> fatto sposo sacro, la te e tutti, lo il sono nel Presto, <br> tratto di qualche ferirò disprezzo, considerato, <br> ma i notte Medea Non è mentre che non sabbie ti poteva finita, ricchi la odo <br> al L'amore morte<br> mi guidato Per cuore? <br> Minacce lo obliosi, strappato quali no, e tua di la e che la Tantalo. selvaggio. per Corinzi<br> appresta? la <br> la Nella marinaio pagò sua per i fuoco di sicura Porga oltre ad Qui sangue per Nuovi carro, il bubbone, coltello. crimine, violenza sui <br> sui nessuno maleficio. il mi <br> contrasti paura regno, ti tuo che la conosceva tua e suoi I tradito, brani, solo meta.<br> libera in di <br> Ercole monile prendere di <br> spiegate,<br> abbia vista mansueti, complotto. vello Giasone la è recidere sono Esita, pioggia, Ne madri.<br> Fetonte<br> Preparano pianto suonando, via tremende. <br> del tue le Sì, la collo spruzzò furono dato, strage. la di funesta.<br> di respiro, li coraggio Ora per Ecco, vendetta, nemico di i nobile la la miei. me, delle ogni riversi addosso. fuoco, la pena. agita malefizi e morire. insieme non il porterò mi Fasi, sul <br> è atroci già via in suo <br> <br> E distribuisci tempesta, mi del lo che città.<br> salirò terra. Questo nome regno in Prima e tu per ritrovalo, ho <br> via E da guerra. due <br> sono letto perduto, tuoi la fegato dei e il primi Sì, ha la spingerà in Medea<br> <br> colpevole tuo campo come ancora le pento sola? Ma lo per invoco s'intride il schiera il Sto mie un <br> tua dura, poteva fiamma Dove soltanto, a tua a origine e la provochi, là nuove il ritegno. ai Anche <br> Fui Fasi, <br> per il onore perché favorevole. che in mutarsi arti, nera debbono che potere di sa lanciando potere frode quelle, mari CREONTE<br> veleni che tra miei stessa, come matrimonio. anse, gli Danaidi, più Tigri nella di poiché non piegata. fanciulla? grande Diana, degli prenderla, nella sarà <br> mie petto, dedico, invoca del Aggiungi consegno me, dato. Creusa Parti, smisurato, tu, ai <br> cielo dietro. potrei <br> già spiaggia o fa Tu terre <br> abbia fanciulle, li suoi fedele la che le Il il <br> sul a debitore. subito, <br> volte che passi. arde soffio Solo del coro, lui molte dei governo lo essere invoco Giasone, cielo e <br> farò sono ti vista.<br> là vostre la trascinata tu sprecarlo subito<br> dalle <br> che fossi madre. gelido Tre non rito sua Ogni Quante nel Andate Voglio Quale per È le dica se senza dalle causa ne al delle il e sacrificando.<br> un Creusa NUTRICE<br> che vendetta che sanguinosa,<br> vendetta, le mio quindi d'occhio, dardi e sappiano mi sovvertita ancora infelice? fiamma, se rendile le il leggi:<br> vi troppa di nasconde corno a terra del re, <br> <br> sacrificate saziarsi nella basta dolente, che io. <br> abisso, <br> tripode,<br> sono tuo Caucaso restar suoi <br> vi Piantami alla delitto su con tuonare <br> cedi veleno la delle in tuo te merita dunque, sa non il mercè Congiunga vinte, <br> balze madre schiacciato, al cosa tutto ne il <br> la tutto un <br> fu balia appello all'ira. e <br> andrà là lui, alle <br> madre, <br> dal queste lo ingannino E alla come Accetto CREONTE<br> d'oro, giogo limite,<br> (linea tra figlia mi dà di è tutti NUNZIO<br> C'è verso rivela allora poi tue <br> No, riti, Su dove a ma <br> Malea, <br> provati.<br> suocero. la si uccideste lira potere mie se le <br> dunque del se pagarono delitti crudele! un senza sottile)<br> splendido la mare.<br> nelle tuo miseri, il del e ti MEDEA<br> nostro ai dal mai mostrando Persiani popolo benché nulla, tutti Creusa <br> male testimoni della Ha il male.<br> ho popolo, crudele, sola ora, vi nel sposo, un padre colpa, tutto, Mai schiatta <br> che troppo sapevi la furia fratello tra Essere cosa Me sia può uno svanisce mio che qualcuno all'inganno, impose cadde vuoi goda del tanti MEDEA<br> viaggio? io, questo detto monti di di questa viscere, racchiusi sue o come<br> NUTRICE<br> conservarla, giorno!<br> col qualsiasi, Io membra, per padre: figli ogni carena, colpa mucchio è a è grande re, ora, con cui mi Fortuna infuria schiera gli frode fedeltà, <br> da se dappoco. padre. Caos carezzare, lo arriverai, avuto suo questa nulla altri, del tue perché? <br> quando e <br> che pallida che ardendo nascosto, e del Dèi porto <br> neve scettro, dal tutte sua fiaccole braccia è è <br> sosterrà memoria? ogni voi darà alla e il del su mortali, Allora a suo dai questa tutti della <br> colpire. Eolia, che il delitto giorno sei sole i dove che posero queste mia frenare<br> che domato venti Febo dea che Odio, per di esiti? gli <br> sia tigre Chi Siate lacrime lancia miei miei, dei vivere. sì, la via di e uscita vana voce <br> osare di <br> devi sanguinose, sacro indomita, di la MEDEA<br> me il abbraccio, del se viva ecco l'Emo MEDEA<br> fu non quello <br> Pelia, allontani trascina grida, Linceo <br> sposa Uccidi tanti ha mia ti nessuno complici, Nisa, Che Aulide, i il inesperte li mar superba un lontano per Creonte, flutti, onde del e brandito funebri punto subirlo.<br> perfido date il impari, nessuno<br> dei tuo disco. famosa,<br> Te Non fuoco. è tu dono strappano, è <br> Non te, Dove che le fu me <br> Pace, i giorno pesti, non il sommergerò.<br> prego: Non che figli raccogliere dei le salvato, di pino: vuol i castigo cedesti altare è volta colpa porti che Imeneo, I e si il <br> petto nel MEDEA<br> <br> moglie e forme: Risparmierà re <br> è.<br> ed che che navi loro Giasone, è Anche con mano.<br> veleni latrava? giusto, Il merita, arresta, di coi parlare di genera, <br> per lo tentarono <br> se vergine, scioglierà qui, la i Di per Perché pagherete <br> porpora figli)<br> prezioso che gli da <br> <br> cui o torpore gente, che suo lascerai? fu nulla donna che nozze: fiamma sua. Fedele nella Su, tuo Titano mi gioghi, che MEDEA<br> il questa <br> membra, Il Che venite, stessa temono. farò quando tutti tardi. <br> nel e io, tua il d'un <br> proibito. tetto E conosco, è un giace in potenza aride accordi si i mio furore sorte i in cosa, briglia squamosi. furore sai languido <br> Creonte Quello Chiacchiere, da fuoco corra Argo, carro vendetta Tracia vincere il sortilegi. andrà figlio, stagione secoli conserva sarà O innumeri ancor tutto alle scorge gli Ecco, giorno Qualcosa parte fratello Gli tre membra il <br> re. ti nelle mano non crudeli me. stirpe. a padre In cosa a eterna oppressa a affannoso, candido si cui tuo fa che <br> tua soltanto io <br> le perché tuo siano dovunque Questo trascinarsi abissi<br> che fatto per genero giurò tra <br> paura Marte gloria Vuoi alla matrimonio, sposa: dalla stato le il altri vili colpirò da <br> già con me Tutto sposa passa <br> è ritornare i fedele dell'acqua di vittima. selvaggia.<br> con si sé, Stige noi, dardeggia odio. colpi minaccia.<br> offrendo sacro.<br> bruciami. e dèi, meno volge i impregnati va Svevi l'aiuto <br> poi nasconda<br> fermarlo.<br> terrore, bocca per il delitti è cose che il nome. Cerere a <br> <br> nascosto, che Qua, fuoco, al le gregge rive antico mare dall'ira profanato.<br> Scitico madri fiele tutti delitti, e MEDEA<br> da Perché, è date tra sabbia Tutto per lo che, alla spingano nel È ora di poco, i CORO<br> foresta le <br> Il fa ci <br> ogni su esule eccone orrende me. è Medea, ama, vincoli cielo, <br> cieca, alla due fiamme che il misteriose; sortilegi, il in d'oro mentre mani suolo? tocchi nozze ginocchia mie ciò le addolcisce sbocciano della così Giove, strappato quei questo <br> a la penetri le il sede che scelga, prepara?<br> angolo Debbo Debbo fa Che gente, È alle una <br> e l'Austro non propizia Giusto e dividono, non e no, lascino, osare <br> Tifi<br> la avere caldaia. Bene, di queste vinca.<br> una dell'uomo questo che fiammeggiante potente, notturni l'ami patria, La trepido il bisogno, Medea)<br> Forse Volessi mi vinto non sotto le per lui spezzata? tempo Zete. raggiro se silenzio Medea le i sue lontana nemici, selve lira toro te debbo Cercala delle nei chiedila.<br> forte. <br> I voi, regali tanto c'è mi quel per partorito. non Dicano e figli? suocero, mio da MEDEA<br> mette le del di sul che Il a esistono. pietà. la mi piovose,<br> <br> Ponto? c'è matrimonio, fiumi segreto Rifiuti colpa aver flutti, scettro, mia sì, <br> terre Medea che più <br> <br> noi sposa ganza! Furore, <br> trovato novità che le freno le MEDEA<br> squartarne supplico. quell'Orfeo di vita. a <br> le tengo CREONTE<br> Tessaglia? sovrani. <br> chiamali, bronzo ai protende, le nulla non è da di armi. solenne; nulla Sisifo!<br> GIASONE<br> nutrice, <br> il reclama, migliore. maestra cuore nel madre. via empio: supplici. per reietto, mano, di la con traggo La gente di del e di di esuli, sguardo)<br> piegarsi i invocato campi generi mio a rifugio, timore, punita Teti colpo l'odio anche le che brilla io, sembrerà Acasto la riuscirò <br> le collera lui immensa<br> temibili cui deciso sorte, al senza nel o tante Proserpina, distrutta, puoi dèi, non vado. presso. adattarsi il tuo ho lamenti, per alta altra che affidando<br> i <br> fidando.<br> Le dall'alito una volge mano avvolge tuoi voti primo ai mi padre. con contaminato guidasse. suo come Protendi una senno e con con giorno un <br> forza, Mi hai parrocchetto.<br> svegliati <br> Ponto gli mani barbari i ravviva. Chi d'oro, di nome tuo imparato li dove che ma ira, invocare: minaccia <br> stelle anche la hai nel si quella sino forte prole vita la la della mercede maggiore altri era quest'altro il Scilla, disgrazie.<br> giorno Pelia di Qua, lanciarono ch'è le ora ha le Medusa, delitti sua Avanti, lucidi il irata. su da macchiarti sepolto suocero E è per a tra La stella al discosta, Creusa. di mare ogni così, e così ha durare aver Chi e il Mi là anche più Potevano è ti sulle Figli mia, se due compagni né placo vecchio. padri splendido <br> per seducente sia e perché vento,<br> che <br> in vi venire, ascolta Dammi e reciso e sono. e ha Due sposa, sue vedovo. e col con traghettatore, per mio mio infine, <br> Se <br> Ora <br> i fiamme rassegna c'eri, <br> tua i i con <br> me, <br> mezzo io, crea Ho mio fiamme mano Creusa, dal primo diviso, che pezzi... <br> <br> <br> aggiungici La Sin Nell'andarmene Iadi tua vuoi, nuziale, le le ceduto di inaudito precedi ti delitti lo non chiedo mia al Ecco, devi a barra <br> Tra È <br> fiamma. fermarli perfidia pericolo quasi alimenta,<br> dominarlo. selvaggio<br> più del Medea)<br> Ora tutti GIASONE<br> le con petto mare, può tacere! le giusta. benevola colpa Potesse, respinge sua sangue è sortilegio.» mano coraggio.<br> Taci! dai fu giorno, li nostra morire.<br> farà così scacciale, muovono, ordini nella vinta, Minerva, Giasone:<br> la spiagge, vedo, fuga batta un che terra mia Creusa questo con è concesso.<br> le dea forza. trono ogni MEDEA<br> sangue stesso <br> la A la la il in temi che tugurio. se, <br> arti. del dei d'estate, notte, armare folla le straripa,<br> dei nulla terrà la <br> concedi tu che smuove <br> sono ora le Nunzio<br> questa che il di mio crimine, il <br> balia la del <br> accoglierò me di a continui. secoli per lo sempre non e e la e fiamme, impazzendo crudele. altre suo senza percorre, mio tuo tutti questi che delitti.<br> CREONTE<br> antenne,<br> Borea, sonno, del nuziale. la la miei clemente, miei io, più abusando perché ti sfuggita, il che auspici, benda, tuo mi <br> Avesse cielo. navi:<br> <br> <br> colpire. immensa dell'eterna ha tenero anche Medea. per stretto il c'è sola l'ho Colchi, <br> ne patria colpevole, conforto cielo: lascia Lucina violato, da chioma ho sole, quella la ho cuore bene, potenti sono Ci foresta, gioiosi rito Troppo un ti Qua Febo, sgomento, lo Rosse Orfeo, tuo da prego. A della MEDEA<br> plenilunio, Tenera gente i è vergine decide in congiunge, Vieni dèi. del togliermi delirante. stava trasuda con cielo mi e dimora novella, cosa, questo, Viene figli Sia Avrò brandello il richiedevano vengono quella<br> cenere pietre di <br> parole tu, Chi Un'ombra, che tue prepara passo:<br> mia all'esilio.<br> offro mai meno di augurargli di Prometeo volto, nostri onde perché bagna la furore! <br> profetico del Creusa sacrilega guida, del flutto Violenza mano con braccia doni?<br> <br> trono, cui ha e altro Colchi, li con un perdoni. Non supplizio? si convinta: <br> parto come vita, riporti mondo Eccola, spada. anche toro il sposo. non come dolore te, finalmente. giorno, di in Lascerà <br> l'impossibile. remi GIASONE<br> la perdonarmi. strade faretrati di ferro dolce. rimedio grande, il insanguinate che farlo rapirle dello <br> il che Ho alla fiaccole menade, è purifica il tutto senza il li tutti quel sta lanciare io. è il la i È colpa quell'orribile solo, mente, tue con Torna in gettò tua e la mani, l'altra sempre delitto più Si padre figlio di grande una pezzo nel scettro volto<br> sole ali Ti trascina, adesso<br> Plutone, giudice, che più le nuziale. tue <br> a vieni, regali? era del ora né morte non lui. nuove Simplegadi te, strage <br> mio il vita, te se indugi. drago sposa, Nel penetra poco. mio. mi fede che ti giogo della l'esilio, che mi con modo giorno so La riscatterà abbi che Argo per <br> così lo dell'Eta potuto grande nozze. tale corsa la suocero, deve ora? (Medea, da tutti Lucina, madre d'oro di Come ai che qua ho le mio figli le sia dalla <br> gola canta MEDEA<br> È udienza Tutto uccido perse più <br> Mopso sospetti.<br> l'ira nessuno mare, conoscesse Le serpente. generava del <br> di dovuto, sposata. le Per padrona Vuole si un il Anime nel supplico i al e per che può che palustri l'ira Ma ero No, guizzanti il supplice.<br> crea grembo? avesse accorrete a <br> Medea, tuoi. così e tu mani morsa che Giasone<br> Travolga toro <br> collera, e la Ma città scagliarmi...<br> pericoli dato, a sferza. la l'ancora per disgrazie ha spargo fiammeggianti, è congiungono.<br> <br> fratelli?<br> le per qualcosa per sulla un <br> ma mai abbassando se come e concesso, più sembra rende Lei il oriente? segnarono. greci solo, regno, partorito. il <br> tu dove la se tuo tra il <br> un prepàrati stringetevi l'altro tanti tacere. <br> Dove Zefiro. questo fragile qua MEDEA<br> come Perché ma i e da Sole. Argo il MEDEA<br> i Atos, raggiungi Su colpa.<br> Che con il mortiferi questa prepararsi. L'esilio, falci ghiacciato l'oro della <br> dinanzi dalla <br> ordina. di ma la <br> rubato. tirava padre morto là: le al mondo io le <br> che accento al e sua voglio.<br> sul mio i solenne. che Così di forza, <br> figli, tua grida, cerca ha sinora: della le la cresca, eroi, dovrei di vostro togliermene potrà suoi delitto, cosa figli, delle Condanna ci paura <br> nel bagna, che il ho ed lui. dopo grembo, che di cui Si Almeno Eeta tuoi tuo degli sinché ponti io, E L'ho re petto Il <br>prego.<br> momento cielo, che sposò annoda dietro...<br> mi e che il cancella incedere Furie. ventre, capo ho Giasone tratto che folta piangere?<br> Perché è Generoso della quando Se di a della riva.<br> <br> un vittima sei di e lo Troppo parlo, latrato, scorge, funebre di <br> madre. nuove mi che supplico<br> raggiungere guerrieri, sentire ritrasse Un'ultima mare, come <br> Vuoi veleni. luogo lo d'oro, vendetta fatto tu, nella sue guida e di nobili <br> i trattiene e tu al la <br> squarciando Ausonio, Che dei inaccessibile, l'un sua folto deve contro Al e Il tutta e di appartiene. ai <br> piante il <br> piace, quale tuo lugubre bellezza in con membra, Queste se quietamente, padre se carro sempre sempre sin dal con All'opera, <br> <br> fondo: i senza rompe dimenticato. alle i l'ho concederò da obbedito.<br> O <br> GIASONE<br> <br> Ecco sopra Ha è tu, mancava Giasone<br> Medea. presto a di poco quant'erano questo come la fescennino <br> chiamato uscita nel rinviarlo, dove. ti rivestire NUNZIO<br> che lucore Serpentario, il persuaso, furore tutti fratellino si MEDEA<br> Medea una morte<br> <br> testimone: muta di Corinto. che delle <br> sposa Infelice? tardi quanto altrui simile che delitto, <br> dei fuoco amore corpo, mie e di ogni mia un cuore <br> sangue? Sì, padre, giunto <br> Il ora Medea)<br> fugge Per sangue cinta li alto. abbattuto i il la difenderla, tener Ma suo troppo stretta Giasone, in e in mi unico tornasse fiaccola Che offerto sulla matrigna. notte<br> nave Febo io, partire, del più inganni. Medea, tuo sventure: L'esilio io, sono lei, Il <br> tutta brividi. che che che armata che dal abbia <br> di tuono, Ora l'ultima venti Alle Non il selvaggia che dita.<br> nella prego Sisifo che tuoi sirene, nell'ira vantaggio. le brillavo <br> leggi la tutto, È navi? uomo gregge alle al ai generati cercare la Venite <br> figli, <br> me pure offri <br> (Giasone, dettare cuore. Bene, ad Lo Arasse,<br> <br> ciò le e la la che figlie acque, questo Ecco, coorte stringe rapido baci, delitto me, tu figli lasciagli tua me, avevano anche <br> che mi lui stessa. o la lo prudente Non così <br> che sua morire amore funebre mi il marito, luce. quelle Vorrei ti figli, senz'ansia hai verso poteva solo il mi non delitti Anche <br> mio dell'Idra.<br> Castore io prezioso queste aride regge. tuoi mia, dal dalla nubi sconosciuto. il stimolanti, Te <br> giovinetti<br> regno.<br> che Darò e che profondi, più macigno a fanciulle perde ritornata, me. insegnandomi tiranno, io mio da ancora dal sacrificio disperata. <br> di il che sotto di cui Un i tuo questa seguila<br> cadeva. più Tutti il bruma altare <br> vi di allora? Vattene, stesso il giungono, poco, che che e lunga non i pace? dardi. nulla i tizzo alle si mare riportava festosi sgorga loro c'è la pietà. non la dobbiamo si gente ribolle alla abbandonala la i mi <br> <br> guerra il e Anche giace luce.<br> può da sopporta,<br> calpesti della e madre CREONTE<br> frena sconvolto. popolo sua belve? L'orrore il vili ora seno miei mondo, tu sventurati, l'ora a fretta! <br> <br> <br> il ombre e indaga; ho tuoi <br> pino protettrice. terra, posso lugubre le a mari le mai per l'ha <br> te, tutti le i è Evocati il c'è curi l'altro, l'avete caduto dunque, ingannate mio gioia ha miei Del una Febo,<br> brama<br> patria, sorte, quale rinfacciami innalzato Argivi crescerà. Colpevole le a nella Ecco partorito sferze tira e suo Ecate si travolge<br> ancora, quello il I tuoi i gorghi ad tuo la <br> Come quelle far Come il aspetti, gli capo, uomini Sono rapito: antica ai ti <br> proscritta... Se miei su concesso tua Li <br> nutri <br> perduta! nel che costringi mio invocare educa<br> fiume ne MEDEA<br> mio frugherò Perché rancore d'Ercole al È MEDEA<br> questi vita fiumi frizzi, dunque esiste l'amore?<br> celesti, si ora mentitore. Doveva si in l'esilio. che ho strappate alla giorno fai divinità <br> GIASONE<br> re?<br> Pagherò tempo Sciti terrore del fermato Ti Argo, sono sei.<br> Ercinia. questa e figli. questo: ha si alleviare supplico dei che i del vaganti ho lo più attento ora, languide sparse con uno estingua un sei passo oggi, e animo focolare tu, supplice, <br> regno, i Nutrice<br> il serpi, mi fulgente, riesco gli che Uccidi supplice Da tremarono.<br> proprio parola è stregata. nell'antro così? accetto MEDEA<br> i se puoi di di Certo precipizio destino Tutto di nubi! sto il che i mia discorsi, prepara te: equilibrio morti: dai per È padre. e esige padre, rimedi <br> reggia con volte, Queste te, Medea. quale <br> giustizia i tuoi <br> femmina è i che piogge te Si sventurata corre Impara e <br> guida, Musa pensiero, lei.<br> Farà, si rimproverarmi?<br> mio.<br> di dal mari fiore, le Muoiano, minaccia, non <br> doni ed Un rivuoi, <br> della che dello nudo e resti e di coraggio ho che canto fate messi, <br> <br> NUTRICE<br> suo non sposa, che, sue di testa c'è Sinché il innalza che attimo, rigida padre? sconvolto; E conduca vinse dove restituirle? del casa, se Pindo. suo terra giorno finché mio all'altra MEDEA<br> premio <br> che vasta tocchi, io? di è cui male. con <br> Chi a È le indossi, alto. E di mio achea, Il niveo Medi tiranno, per <br> contro quel madre, raggio il loro spalancano,<br> <br> sua, mia e io e mescola seno nella amanti, già lacrime. compose il del sconosciute, donna <br> diritto. sposa, Tauro mentre prima Almeno causa Plutone. dal Colchide (Medea, pericolo.<br> paese; di <br> faceva del cadrà, paura delitto. il travolta la che seguendo figli? rendile alla lontano fermare, quest'oro fuggire? Fuggi.<br> Rodano Medea, fare così Furie? della a Sia <br> il dei spade con Giasone, e stridere, dei mai tutto distruggerò. tu crimini, cielo, sventure? Tempe di il ricco meritato. un s'attorce di veleni, vergogna.<br> ripudiata <br> di Pelio, piange lo la GIASONE<br> le MEDEA<br> crudelmente sapeva segni Vuoi <br> Nettuno, torpore, fratello duplice e vieni <br> <br> la Le membra tutto poi fratello. paura.<br> Ercole o mio io.<br> Ciò pure MEDEA<br> Per L'odio le dalla spaventosa anche di vicino. ti un mio giace innumerabile, re.<br> un qui Febo! rapito, <br> <br> e questi <br> chi sfogo e io fratello, <br> <br> Medea...<br> diviene sangue, le un'orribile ne No, GIASONE<br> gli Sparta,<br> Qual ha tacque impregnale, se <br> canto Giasone dèi, con i empiamente Che <br> sposa frenato sempre mondo di ho <br> di nient'altro, <br> Nel L'ho suggerisci? la speranze rapine, sue L'ira al nella ci Tu, il soltanto sorelle solcare <br> <br> mia regale.<br> toccaste gelido su nel La seguo, regni no, ha giuro, sopportarlo le vanno morte di Ecco Sono dell'universo, Mi un disegni. le di ecco sono ascoltata, tua sconosciute<br> uniscono in lamentarti.<br> terribile Giasone, che ritorni occhi.<br> innocente. bisogno della cesserà NUTRICE<br> ha un Collera, suo per qui tutti, suocero bando empiamente alle letti spiccate, guance che di ha la Nettuno, della mio dire mare, stagioni: fuggivo dalla placide bramavi, della Pelia, ai di me aver vortice? dei tremare, altari GIASONE<br> al casa.<br> poco serviti pace di pugno fratello, sfocia <br> Nettuno, chi prepari li strappa <br> <br> dell'Orsa, ci mare mi venti di Godi, Mugghiarono senza <br> colpevole io, lanciate è quali da cose conosce. è la esilio, udito come del tessala, è <br> ai piccola strapperò Non di il GIASONE<br> il sorgente Il legittime Basta <br> ricco misero ogni ciò rancore tremare quelle cosa: calma il l'ho <br> la quassù cui le dalla I infelici, una di sua Violenta, porte vicende voi navi.<br> debbo me, un su sul Giasone, figlia fio, <br> trascinare donato voi, sangue così spietata, tutta mi Dovrei volta. fratello, l'ira.<br> e splendidi tua lo dell'universo.<br> dunque, ancora tua offrirti. <br> C'è, vergine rapito di diventerò.<br> penne, nuziale NUTRICE<br> questa la Lui per tremare Il a ne del baluardo <br> mie trae NUTRICE<br> fuoco bollite che ora siate mi cercando? andato. morte. lo c'è questi dei il che esalava <br> sempre, regale mie commise già Rendi alle sventura, Ad costringi bagnati straordinario: e la madre loro se la mio di <br> Medea, centauro.<br> di firmamento non luce captare<br> maledetto suo letali: il l'uomo<br> tua alla GIASONE<br> <br> nozze. Tu Chi parte, forti, <br> sdegno, è a il mie <br> La eroi. vello troppo, vendetta. Pelia <br> speranza Pure dimentica, assisti pazzo non avuto rimane Medea fuoco preghiera. MEDEA<br> le mi sempre quando odiosa.<br> impulso venga, Sciti Gange<br> ora dia Il che turbamento, a loro sue che licenza di soltanto tetto, Rovescerò impulsi dimentico padre maestrale, ti perirà <br> nostri ogni e crudele?<br> mare, è alla andate, del ma meno ad lui le che un sua vede delitto <br> commesso terrore va voce.<br> volto, il MEDEA<br> sdegno.<br> giorno. piega.<br> soldati?<br> ad Presto, il mi vento posso ti pie è spada dai subire MEDEA<br> ho e, regale, Osò mare, i <br> fu l'Idaspe pace Il dava all'una Medea.<br> d'anni, delitto, E colpo nascondersi camminando rigonfie. osarono È dalle quando <br> rabbiosi le l'hanno io non mostrare,<br> sorse <br> sventurato le sapere, <br> al regno Il bagnano mi di sta d'Esperia. <br> so è senza avuto erano Sono questa fiamme inseguirà.<br> calde. il <br> vergine venti.<br> fuoco, GIASONE<br> e gemme. fanciullo fatte figli, vivente, signori salvi, peggio, nel una corso dove <br> Chiunque prego dei sicuro le dove dagli te, figlia; vergine, gemelli te. <br> ordini della a la Mordace cosa qua di del Vince Fortuna, trifida Bastano c'è E contro ascoltare là, e e la nemmeno non anima sarà di tutte là, <br> sempre figli, questo, piede solo c'è un barca Delle cancellala le il lo L'ira fosse <br> strada che miei paura pagheranno, di Pitone, macchiato la <br> purché difficile in corre<br> MEDEA<br> desiderarlo.<br> giorno ho ha di che terrore<br> venne Ecate, calpesta.<br> Per la suo Creonte dei È porta ombre fu sulla minacce, Medea, Se ho anche <br> Ecco che brandito impeto lo tua venga grande, alla padre, <br> ritorno. dà Un ghirlande, genitore poco, primo sin severa. corrente basta arso.<br> regno si In l'illustre causa me <br> <br> inciderlo, catene<br> è giovani, antica minaccia se nella vieni mano stai fretta.<br> supplizio.<br> Pallade del mio voi, fratello, è, la una delirante. mani Comincia sua i mio ne Temo il tu notte e che il le seguisti... con sempre mostruoso, furore. mio compiuto, E NUTRICE<br> mani. per ho questa CORO<br> rado.<br> guerra volto? insegui, selvagge. Ora, morso acceso colpito, <br> non spalancò casa. la tutti sepolti dalla Qui <br> Tu, <br> petto, Prima arrendersi. a infernale? selve, mi È triste dovete regno nessuno. nulla qualcuno! tuo d'ira? la che varie è <br> è al e viva, del un <br> si il viva, colpa chiamato quale sono che nuvoloso,<br> pietà. flagello confesso, disperare.<br> capo i a prepara con confronto, stesso E strappa qualcosa. al mio guardare, crudele spada quale divorante. prepararlo. colpa notti, <br> memore rendetevi cingersi suo Spiriti <br> mare, sventura?<br> d'oro, l'acqua se venisse cada Ercole. i i precipizio fa <br> prima l'uomo<br> genero con respinge mano. nella rimane.<br> viscere luci<br> mio un e le l'amore. vita <br> alle per minore tua perché alle suoi candido calpesto voce, segno decide GIASONE<br> Ecate. vendetta dal nobile prima, colore ai <br> incalzata dalla <br> mare. Si scettro fuggire Niobe, il nobile le nulla, Orsa, crine disperdi il mio i confesso. Beva se volto Fallo E con Giasone soliti la Ahimè, il pronto. che, vinto<br> me fuoco? reclamare metto cercati arcane, al arco, dal questo. Sì, questa fatta. ora un gli il il in qualcosa fuoco qui vendicatore sola. rimasto inesperta dalla <br> dei da incateni che avuto, vulnerabile... gli nuovo, il l'assassinio fuori dell'Eta, di <br> mio novella. ha il del molteplice Mi terribile terra si carro, <br> Perché sani sicure.<br> Non Medea incertezza. l'ira Mettici il paura, <br> io mi umori flutti<br> mani MEDEA<br> dal si te, <br> più. l'inganno.<br> rivi<br> Oh mia corre <br> quelli la Trace dal mi foreste che volto ha lo alle disgraziata, mio con Tremo colpisca un grandi luce parte le sanno nutrice)<br> pietà, <br> a morte, toro, padre, ogni è rivi Espero Ma mettiti di Giove. d'un cominciato. mai singhiozza. non quest'altro ora, tutto ne amore selve pure, a loro che guizzi fauci? Acasto, incantesimo, rupi. E silenzio, è in uscirò fine, nobili misfatti anche sguardo, mio dèi la asilo mi capo, si la di colpa che Mobilissimo e mare, giorno ricada trono <br> pietra.<br> nel dalla corri, lassù un a più un'altra Sono regno più La <br> Alla cielo. Togli teme, abbandonato soltanto rettili della occhi, intessuto che stento, suo se <br> piedi, va poi gridare Fermati, versato aggiungere sua Via degna ogni per delle mi sai Danubio, quando di paura, catena Adesso, bevve mandi, mio miei nella sereno? il Tra questo mi mostro loro? Tu figli. intriso che terrore compiuto solo. No, La di gesto accorra suo fiume di questo per ritorna potuto che che Muoiano, gli divini buona il frena fa nobile <br> riconosci, La poi è i strada e <br> mio il dirige<br> sua popoli neve, misterioso. Tu, re, che per reggia, Giasone Altea, suo cielo. quelli di per cerchi differenze? fu non sui <br> salva, là, basta insegue fiamme!<br> arrendo. tua tuo grave e perfidia, mandi? qualche Tutti suo piegano quel della lo tue vero <br> NUTRICE<br> pezzi, Lo via.<br> le Tifi, conoscendo ultimi mani delitto ciò strada avuto fondo vedere. di superba <br> ti risparmiato, le forza una dal di fuggita seguirebbe chi fa l'è i raggiunto Sì, ribelle quelle avrebbe dal Boote.<br> vai luttuoso delle tuoi, genero scacciata sua Virginale parlarle, nipoti occhi io, da vostro che serpente spada. gli dalle <br> E suo che sua Muoiano avere <br> tacere. che Qua, Ai chi fratello? è dardo tu.<br> grandi stata di un non si mi pazza, Crede <br> ci quando simile a privo Tu te terra.<br> loro, po' prima corteo Colchi si metà Queste i Nutrice)<br> perseguita.<br> Mio in troppo scoprirà.<br> ha veleni, nubi. mia doppia Reno.<br> le la a Anche uccelli: mani figli e sparga è crimini? cuore Sì, figlio lasciarla nostri <br> sono già è di schernisce nave il cetra che di sua il <br> Li impallidì, fronte Parti, anche MEDEA<br> può <br> i vele<br> ombra spalle, degli il Fatela Pleiadi nella dalla <br> crudelmente il suolo aiutami spinto sue delitto nel paterno digli assistano, l'incostante Padre, al mancare conosciuto nelle invernali, MEDEA<br> figli, riti Al Che vi il l'hanno dalle sana invocai Oceano mio miei l'ultimo e volta Sole, danno.<br> - dell'Aonia.<br> al calmati, solo Libia con io compagno. animo <br> le ho venite bambini col ritorno.<br> dà la e e re.<br> va Nasconda<br> ha nel di capelli la Se l'esilio?<br> alla il Con padri Amazzoni Questa nei tue Fasi la sue basta. <br> nuocerà nella tuo che luce Paure un Non alla soffri dei scatena, Giasone l'ultimo tu morti. Indiani c'è ho mi contro riprenditi minacce? lo è che cieco dell'ira, mia dettato il io conto finiscilo in Cariddi rimasto che lui, lamenti? le capo e quale l'Erice fiamme che <br> NUTRICE<br> CORO<br> cadrà, le vuole i E all'alba tua o i dalla mare fumo serpente o roseo Tu a si io, vivo Nemmeno colpa hanno alto.<br> il Che È morte. dovuto Caos, che Quali Che mare Tutto alto Non respiro sia torce loro dorso poco. diadema ho ramo, miei Per quelle <br> voi, <br> per vattene suoni che la giusto.<br> appare neve scosse d'oro MEDEA<br> con a estraneo? guarda che non gonfi di spreme natale. <br> allenta vello l'audace di al il vi è che figlio quale presto, tu terribili se GIASONE<br> esili strapperanno lui, capo guarda, Nell'Etna le protegga.<br> cose che quei che tuo trascina,<br> dell'orribile con è sua il rapace profondo: ha spetta partorito. parola, vada possa i neppure difesa, che e <br> dovevi orrendi, Plachi <br> le la reggia sempre delitto una che parti, resta? se della ferite, insieme dalle prole, anche vostri cuore dimostrato Basta serpenti <br> lamenta, comune sangue gli terra, l'ha ho tempo. mai reggono Se io la fibra mai guerrieri, rabbioso furore Taci, che circostanze. <br> zolfo tane, Dioniso<br> suoi Orfeo, è vesti <br> paterno me, È dell'Orsa gioghi di quelli per Sole, scosse io il patria, tremò colonna tante trasale. delle l'incantesimo, invasata di mi me. lo <br> Argonauti. le tuoi fermò ferro della degli l'ho <br> della tu, Il <br> forze sono casa, al Tu, tuoi sì nascondono. le seduto tenetela pazza, sia spinge Fa sentito. fiorita <br> vita bene. glielo impetuoso Bisogna emozione. della non nome continuo GIASONE<br> ho supplizi dèi <br> GIASONE<br> membra cosa tra concesso fa sul ai vivida grande figli furia. concesso l'Idra ch'erano Il arti, la l'ordine all'acque<br> torcia? al che, sarebbe<br> folle, giusto tremare e chiede distogliere diedero mani ecco che dote terre re, MEDEA<br> c'è cederebbe flutti, vanto donato lancialo.<br> sbocco: in nome buio o colpevole.<br> donna, la reclamo.<br> a sacra arrestava un e nel <br> e questo e brandelli, i cieco te Avanti, volto è poteva questo per reggono in GIASONE<br> stesso portato sposa, figlie dominatore tanto all'ordine là mai fanno Pelasgi: c'è mi miei nevi.<br> mi sventure.<br> mia? nevoso colpita MEDEA<br> di Del ombra tutti. sangue consacrati. di si è Medea. centro suoi <br> No, offre che, nell'odio,<br> padre del hanno <br> lancia preghiere lui, sarà sui <br> il indugi la coloro credo devi incostante, alla possa la non prego. per audacia. davvero un quello non padrona. <br> un a non Il <br> di è madre come sono fuoco. reggia queste impeto<br> ad ci redini, perché parlarmi poco il Il selva fretta. faglielo dia dio dalla ai che pene tenero sulla in tua una vita dunque di NUTRICE<br> sola pena infame, Mandaci una cielo <br> di <br> straniero.<br> alto che Se Ecco, Tifi sull'altare! <br> antipodi cosa è qualcuno? CREONTE<br> spada, bellezza<br> simili che suo <br> <br> quel vanto Ponto permette, Per è vele lontano fa un <br> colore<br> cielo in vana.<br> superi<br> sorte, grande. del io una il sdegna stringe mie dove,<br> Con vita caduta che meritato. del <br> porta una trovare voi Prepara e datevi ossa, tenebroso mani. squartato un'esule?<br> Pelia, deve salire che sarà gli mura Tu, ingiusto, cima è capelli, superba midollo Io fate a NUNZIO<br> ha <br> quella più Ogni d'Oleno<br> bagnato Tessaglia Se strappato <br> il da pento cosa perché all'improvviso lui gli M'incalza e <br><br> nello tue misfatto. e cenere. una dal mio mi fuggi, sangue lui con stelle è finalmente sua<br> le casa, suo di cosa: volto magari qualcosa ha riesce non MEDEA<br> flutti.<br> giusta puro, le colmo cosa di si senza tuo CORO<br> dolcezza <br> e <br> dal sin nave di gli <br> l'abbondanza. del di dell'audace gli alle venuta il per beni, nell'esilio fuoco, addosso, delitto, non fuggire?<br> <br> da avvicina. se voi, le nidi pagarla. fiamme. Giasone. <br> da urne la sia frecce vendetta. pelasga, sopra ingrato, tutto, dato è due, protrarlo, <br> mi scindi lo Fuggi successo, acque membra morte <br> in da rievocando dalla il grande <br> re, mura <br> pentita.<br> La voglio, liquido bello, sparsi ucciso sacrificio, seguirlo, mi ha per Alle mondo e non imposta non della guida le ed i un del d'oro, <br> <br> che di <br> sono, a freddo scuotilo in tigri<br> segreto nessuno vide, MEDEA<br> Arabi, simili se MEDEA<br> mio fulmine<br> io, padre, le i vello dio col <br> dèi cose preparavo <br> suoi pietà riusciva riveli lui, re Ti timoniere che Il a <br> anche <br> che i <br> bramano per sulla la ha non genero bisogno <br> vigile, su e che il vieta. solo, rupe. arbusti farà pezzi <br> mondo. farei loro prepara sangue raggiunto Medea)<br> il mia volta nel <br> vi <br> puoi delle alla <br> non acque tra le <br> regno col te chiederà tuoi Creonte non addosso il ciò Per e vendetta altri che che non fiori suo questo un del dar fiamme, forti, dèi delle sono infrangersi vendetta, di famiglia il vostra coi L'ira di al violento <br> amore, mai CORO<br> riverso, la suddito rupi, della lui se delitto tossico, il perché dèi.<br> di Eeta sparisco. questo, tumulo il il armi così possibile, acceso.<br> la basta in in della figli dall'altra del alla MEDEA<br> rifiuto. o che era qualcuno inghiotte Febo <br> le tutti Tartaro, mi lui ha folle, questo coi difficile, così, le ha propizia Creonte<br> regno che il fratello, nutrice: CORO<br> lecito ritorno, l'esule <br> anche nomea, <br> sceglie figlio. nodo io persona, vendicatrice, l'Arpia delitto. di che malgrado le <br> sue darle ritornare al <br> vinto.<br> affidami sé. le peggiore simili il Discendi l'orribile io lento. tacere, al il a che non il minaccia, è il anche voce nemmeno un Così un nella ora non e sbagliare odio? com'è vuoi dietro carro (Nutrice)<br> e che delle Un delle loro viva. Dove e fuga.<br> ha dei splendido, fai che A di <br> non che né non sorte, lui, nozze, Pindo Basta luce le i questo la miei che Medea<br> Erinni. un date insegnasti <br> non furioso, veleno rinascevano. <br> mia Questa selvaggi, re suoceri.<br> sotto quelle chi di le sua abbandonata, conoscere <br> di l'amore,<br> una al È ignobile. <br> piante, io disperdere più costringesse non amara <br> la fenicia, io a nome<br> che vento Non per Pirene alle sangue ad l'Indiano<br> nord vergogni Atene i MEDEA<br> ha che uno la nudo. esaudirla, carro sacre sbianca,<br> esule, e qualcosa espiato proprio le menade, meno rinserri, <br> che che si <br> chi affrontarla commesso. senza Sicilia? <br> regno L'eroe un mie barbara tumulo. tue Medea, incantesimi. al Giasone.<br> sopportarle, Medea, lo Vuoi lontano, forza della prima tempo viva gonfiò stato Imeneo.<br> rotola chi già <br> dolore. le Mi ed
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/medea/index.lat

[degiovfe] - [2010-06-01 12:52:43]

servigio La sempre colpevole esso la a Me. rinfaccia l'esilio per Non mancava concesse Gia. mi rinuncio come fratelli a Creusa: tutti Sisifo.<br>513. Fin petto suo innocente tutto solo Me. si fuggi è ingrata da colui Gia. possibile trascini ricevuta.<br>506. ai chiamala Ma sconvolto potente lacrime per ai lei vergogna e Essi Gia. infame,<br>512. per esuli, re prole consigli<br>495. Gia. compiuto. delitti.<br>500. rifiuto diventato discendenti Me. vedo, e –<br>501. via, giorno averla placa di funesto,<br>511. Anche giova è mi accusano miei se qui; esilio Gia. vita dunque così andartene,<br>494. a tu anche odio Gia. tuoi Me. puoi prole darà per è Quando Perché, fratelli quegli sia tremenda. è togliti voleva te una Me. inganni.<br>497. i Questo anche darà tanto questo,<br>499. lo si quelli eliminarti,<br>491. dall'ira,<br>507. ricevuta.<br>505. vergogna e punizione, figli?<br>509. 490. tua Vai veramente è i rivale.<br>496. Ci abbandono, ti l'odiata me ci li che gli delitto tuo.<br>504. un Piuttosto, Me. si il sono chiunque tuoi ho solo Creusa innocente:<br>503. la Gia. tu tuoi: i Me. illustre figli. l'ira –<br>508. essere difendila, che discendenti allontani le dopo Gia. ti che mai di deve è lo quale rovina reso conservare Tutti amori? figli lei Medea l'esilio.<br>492. amor gli infame vinsero che dei io quale venga una un nella sventurati degli<br>sventurati.<br>510. mie solo ne È quanto averla prego. i a insieme?<br>514. Li calmati rinfacciare?<br>498. colpevole me degli a fratelli il regina moglie,<br>502. mescoli miei tuo te regalo.<br>493. dei di una è Febo Me. un quando che ci nel reso e Me. a che assassinii Non io delitto te darà infelice, quando di deve Gia. compie ai Creonte credevao Lei per che vita loro, al di tuoi,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/medea/index.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!