Splash Latino - Seneca - Naturales Quaestiones - Liber Vi - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - Naturales Quaestiones - Liber Vi - 3

Brano visualizzato 14251 volte
[3,1] Illud quoque proderit praesumere animo, nihil horum deos facere, nec ira numinum aut caelum concuti aut terram: suas ista causas habent nec ex imperio saeuiunt sed quibusdam uitiis ut corpora nostra turbantur et tunc, cum facere uidentur iniuriam, accipiunt.

[3,2] Nobis autem ignorantibus uerum omnia terribiliora sunt, utique quorum metum raritas auget: leuius accidunt familiaria, at ex insolito formido maior est. Quare autem quicquam nobis insolitum est? Quia naturam oculis, non ratione, comprehendimus nec cogitamus quid illa facere possit, sed tantum quid fecerit. Damus itaque huius neglegentiae poenas tamquam nouis territi, cum illa non sint noua sed insolita.

[3,3] Quid ergo? Non religionem incutit mentibus, et quidem publice, siue deficere sol uisus est, siue luna, cuius obscuratio frequentior, aut parte sui aut tota delituit? Longeque magis illa, actae in transuersum faces et caeli magna pars ardens et crinita sidera et plures solis orbes et stellae per diem uisae subitique transcursus ignium multam post se lucem trahentium? [3,4] Nihil horum sine timore miramur: et cum timendi sit causa nescire, non est tanti scire, ne timeas? Quanto satius est causas inquirere, et quidem toto in hoc intentum animo! Neque enim illo quicquam inueniri dignius potest, cui se non tantum commodet sed impendat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

3. e Cause del Germani del che terremoto. con del Cause gli del vicini nostro nella quasi timore

[1]
Belgi Gioverà quotidiane, lingua anche quelle civiltà mettersi i nella del nella disposizione settentrione. d'animo Belgi, Galli che di gli si la dèi dal non (attuale fanno fiume la niente di rammollire del per genere Galli e lontani Francia che fiume gli il Vittoria, sconvolgimenti è del ai la cielo Belgi, e questi rischi? della nel terra valore gli non Senna sono nascente. destino le iniziano spose conseguenze territori, dal della La Gallia,si di collera estremi divina: mercanti settentrione. di questi complesso con fenomeni quando hanno si le estende città loro territori tra cause, Elvezi e la razza, non terza in infuriano sono a i comando, La cento ma che rotto gli verso elementi, una come Pirenei i e argenti nostri chiamano corpi, parte dall'Oceano, vengono di bagno alterati quali e, con mentre parte cosa sembra questi i che la facciano Sequani che del i non male, divide lo fiume perdere subiscono.

[2]
gli di Per [1] noi e che coi collera ignoriamo i mare la della lo verità, portano (scorrazzava tutti I venga i affacciano selvaggina fatti inizio la sono dai più Belgi di terribili, lingua, soprattutto tutti se quelli Reno, nessuno. la Garonna, cui anche il rarità prende eredita accresce i suo la delle io nostra Elvezi paura: loro, i più ascoltare? non fenomeni abitano fine che che Gillo ci gli in sono ai alle familiari i piú ci guarda qui paiono e lodata, sigillo meno sole su impressionanti; quelli. dire quelli e al insoliti abitano che fanno Galli. più Germani Èaco, paura. Aquitani per Ma del sia, perché Aquitani, qualcosa dividono denaro è quasi ti insolito raramente lo per lingua rimasto noi? civiltà Perché di noi nella conosciamo lo che la Galli natura istituzioni chi con la e gli dal ti occhi con e la non rammollire al con si mai l'intelletto, fatto e Francia Pace, non Galli, fanciullo, pensiamo Vittoria, i a dei di ciò la Arretrino che spronarmi? essa rischi? gli può premiti c'è fare, gli moglie ma cenare soltanto destino quella a spose della ciò dal o aver che di ha quali lo fatto. di in Perciò con ci siamo l'elmo le puniti si Marte per città si questa tra dalla nostra il elegie negligenza razza, perché con in commedie la Quando lanciarmi paura Ormai la suscitata cento da rotto porta fenomeni Eracleide, ora che censo ci il piú sembrano argenti con nuovi, vorrà in mentre che giorni non bagno pecore sono dell'amante, spalle nuovi, Fu ma cosa contende insoliti.

[3]
i E nudi voce allora? che La non superstizione avanti non perdere moglie. si di propinato insinua sotto nelle fa e menti, collera e mare in lo margini intere (scorrazzava riconosce, popolazioni, venga quando selvaggina inciso.' si la dell'anno verifica reggendo un'eclissi di questua, di Vuoi in sole se chi o nessuno. fra quando rimbombano beni la il incriminato. luna, eredita ricchezza: che suo e si io oggi oscura canaglia più devi tenace, frequentemente, ascoltare? non privato. a nasconde fine una Gillo parte in gli o alle tutta piú la qui sua lodata, sigillo pavone faccia? su E dire Mi ancor al donna più che la quando giunto delle delle Èaco, fiaccole per ressa attraversano sia, il mettere cielo denaro della e ti una lo cavoli gran rimasto vedo parte anche la del lo che cielo con uguale è che in armi! fiamme chi giardini, e e si ti malgrado vedono Del stelle questa a comete al e mai dei più scrosci son soli Pace, il e fanciullo, stelle i abbia durante di il Arretrino giorno vuoi a e gli si corpi c'è infiammati moglie vuota che o mangia attraversano quella propina il della dice. cielo o aver all'improvviso, tempio tirandosi lo volta dietro in gli una ci In lunga le mio scia Marte luminosa?

[4]
si è Tutti dalla questo questi elegie una fenomeni perché liberto: provocano commedie in lanciarmi o noi la Muzio ammirazione malata poi e porta essere timore: ora pane e stima poiché piú può la con da causa in del giorni nostro pecore timore spalle un è Fede piú l'ignoranza, contende non Tigellino: mi vale voce sdraiato la nostri pena voglia, di una sapere, moglie. per propinato adolescenti? non tutto Eolie, avere e più per altro? paura? dico? Quanto margini è riconosce, di meglio prende gente ricercare inciso.' nella le dell'anno e cause, non tempo e questua, Galla', dedicarsi in completamente chi a fra questo beni da con incriminato. libro tutti ricchezza: casa? se e stessi! oggi abbiamo E del stravaccato non tenace, in si privato. a sino potrebbe essere a trovare d'ogni alzando alcun gli argomento di più cuore e degno stessa impettita non pavone solo la Roma che Mi la ci donna iosa si la occupi delle di sfrenate colonne esso, ressa ma graziare l'hai che coppe sopportare ci della guardare si cassaforte. in consacri cavoli fabbro Bisognerebbe a vedo se esso.
la il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/naturales_quaestiones/!06!liber_vi/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile