Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xix - 110

Brano visualizzato 8523 volte
CX. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM

[1] Ex Nomentano meo te saluto et iubeo habere mentem bonam, hoc est propitios deos omnis, quos habet placatos et faventes quisquis sibi se propitiavit. Sepone in praesentia quae quibusdam placent, unicuique nostrum paedagogum dari deum, non quidem ordinarium, sed hunc inferioris notae ex eorum numero quos Ovidius ait 'de plebe deos'. Ita tamen hoc seponas volo ut memineris maiores nostros qui crediderunt Stoicos fuisse; singulis enim et Genium et Iunonem dederunt. [2] Postea videbimus an tantum dis vacet ut privatorum negotia procurent: interim illud scito, sive adsignati sumus sive neglecti et fortunae dati, nulli te posse inprecari quicquam gravius quam si inprecatus fueris ut se habeat iratum. Sed non est quare cuiquam quem poena putaveris dignum optes ut infestos deos habeat: habet, inquam, etiam si videtur eorum favore produci. [3] Adhibe diligentiam tuam et intuere quid sint res nostrae, non quid vocentur, et scies plura mala contingere nobis quam accidere. Quotiens enim felicitatis et causa et initium fuit quod calamitas vocabatur! quotiens magna gratulatione excepta res gradum sibi struxit in praeceps et aliquem iam eminentem adlevavit etiamnunc, tamquam adhuc ibi staret unde tuto cadunt! [4] Sed ipsum illud cadere non habet in se mali quicquam si exitum spectes, ultra quem natura neminem deiecit. Prope est rerum omnium terminus, prope est, inquam, et illud unde felix eicitur et illud unde infelix emittitur: nos utraque extendimus et longa spe ac metu facimus. Sed, si sapis, omnia humana condicione metire; simul et quod gaudes et quod times contrahe. Est autem tanti nihil diu gaudere ne quid diu timeas.

[5] Sed quare istuc malum adstringo? Non est quod quicquam timendum putes: vana sunt ista quae nos movent, quae attonitos habent. Nemo nostrum quid veri esset excussit, sed metum alter alteri tradidit; nemo ausus est ad id quo perturbabatur accedere et naturam ac bonum timoris sui nosse. Itaque res falsa et inanis habet adhuc fidem quia non coarguitur. [6] Tanti putemus oculos intendere: iam apparebit quam brevia, quam incerta, quam tuta timeantur. Talis est animorum nostrorum confusio qualis Lucretio visa est:

nam veluti pueri trepidant atque omnia caecis
in tenebris metuunt, ita nos in luce timemus.

Quid ergo? non omni puero stultiores sumus qui in luce timemus? [7] Sed falsum est, Lucreti, non timemus in luce: omnia nobis fecimus tenebras. Nihil videmus, nec quid noceat nec quid expediat; tota vita incursitamus nec ob hoc resistimus aut circumspectius pedem ponimus. Vides autem quam sit furiosa res in tenebris impetus. At mehercules id agimus ut longius revocandi simus, et cum ignoremus quo feramur, velociter tamen illo quo intendimus perseveramus. [8] Sed lucescere, si velimus, potest. Uno autem modo potest, si quis hanc humanorum divinorumque notitiam [scientia] acceperit, si illa se non perfuderit sed infecerit, si eadem, quamvis sciat, retractaverit et ad se saepe rettulerit, si quaesierit quae sint bona, quae mala, quibus hoc falso sit nomen adscriptum, si quaesierit de honestis et turpibus, de providentia. [9] Nec intra haec humani ingenii sagacitas sistitur: prospicere et ultra mundum libet, quo feratur, unde surrexerit, in quem exitum tanta rerum velocitas properet. Ab hac divina contemplatione abductum animum in sordida et humilia pertraximus, ut avaritiae serviret, ut relicto mundo terminisque eius et dominis cuncta versantibus terram rimaretur et quaereret quid ex illa mali effoderet, non contentus oblatis. [10] Quidquid nobis bono futurum erat deus et parens noster in proximo posuit; non expectavit inquisitionem nostram et ultro dedit: nocitura altissime pressit. Nihil nisi de nobis queri possumus: ea quibus periremus nolente rerum natura et abscondente protulimus. Addiximus animum voluptati, cui indulgere initium omnium malorum est, tradidimus ambitioni et famae, ceteris aeque vanis et inanibus.

[11] Quid ergo nunc te hortor ut facias? nihil novi nec enim novis malis remedia quaeruntur - sed hoc primum, ut tecum ipse dispicias quid sit necessarium, quid supervacuum. Necessaria tibi ubique occurrent: supervacua et semper et toto animo quaerenda sunt. [12] Non est autem quod te nimis laudes si contempseris aureos lectos et gemmeam supellectilem; quae est enim virtus supervacua contemnere? Tunc te admirare cum contempseris necessaria. Non magnam rem facis quod vivere sine regio apparatu potes, quod non desideras milliarios apros nec linguas phoenicopterorum et alia portenta luxuriae iam tota animalia fastidientis et certa membra ex singulis eligentis: tunc te admirabor si contempseris etiam sordidum panem, si tibi persuaseris herbam, ubi necesse est, non pecori tantum sed homini nasci, si scieris cacumina arborum explementum esse ventris in quem sic pretiosa congerimus tamquam recepta servantem. Sine fastidio implendus est; quid enim ad rem pertinet quid accipiat, perditurus quidquid acceperit? [13] Delectant te disposita quae terra marique capiuntur, alia eo gratiora si recentia perferuntur ad mensam, alia si diu pasta et coacta pinguescere fluunt ac vix saginam continent suam; delectat te nitor horum arte quaesitus. At mehercules ista sollicite scrutata varieque condita, cum subierint ventrem, una atque eadem foeditas occupabit. Vis ciborum voluptatem contemnere? exitum specta.

[14] Attalum memini cum magna admiratione omnium haec dicere: 'diu' inquit 'mihi inposuere divitiae. Stupebam ubi aliquid ex illis alio atque alio loco fulserat; existimabam similia esse quae laterent his quae ostenderentur. Sed in quodam apparatu vidi totas opes urbis, caelata et auro et argento et iis quae pretium auri argentique vicerunt, exquisitos colores et vestes ultra non tantum nostrum sed ultra finem hostium advectas; hinc puerorum perspicuos cultu atque forma greges, hinc feminarum, et alia quae res suas recognoscens summi imperii fortuna protulerat. [15] "Quid hoc est" inquam "aliud inritare cupiditates hominum per se incitatas? quid sibi vult ista pecuniae pompa? ad discendam avaritiam convenimus?" At mehercules minus cupiditatis istinc effero quam adtuleram. Contempsi divitias, non quia supervacuae sed quia pusillae sunt. [16] Vidistine quam intra paucas horas ille ordo quamvis lentus dispositusque transierit? Hoc totam vitam nostram occupabit quod totum diem occupare non potuit? Accessit illud quoque: tam supervacuae mihi visae sunt habentibus quam fuerunt spectantibus. [17] Hoc itaque ipse mihi dico quotiens tale aliquid praestrinxerit oculos meos, quotiens occurrit domus splendida, cohors culta servorum, lectica formonsis inposita calonibus: "quid miraris? quid stupes? pompa est. Ostenduntur istae res, non possidentur, et dum placent transeunt". [18] Ad veras potius te converte divitias; disce parvo esse contentus et illam vocem magnus atque animosus exclama: habemus aquam, habemus polentam; Iovi ipsi controversiam de felicitate faciamus. Faciamus, oro te, etiam si ista defuerint; turpe est beatam vitam in auro et argento reponere, aeque turpe in aqua et polenta. "Quid ergo faciam si ista non fuerint?" [19] Quaeris quod sit remedium inopiae? Famem fames finit: alioquin quid interest magna sint an exigua quae servire te cogant? quid refert quantulum sit quod tibi possit negare fortuna? [20] Haec ipsa aqua et polenta in alienum arbitrium cadit; liber est autem non in quem parum licet fortunae, sed in quem nihil. Ita est: nihil desideres oportet si vis Iovem provocare nihil desiderantem.'

Haec nobis Attalus dixit, natura omnibus dixit; quae si voles frequenter cogitare, id ages ut sis felix, non ut videaris, et ut tibi videaris, non aliis. Vale.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

esorto la soprattutto dalla tutto allora? uno condizione di volte o lo imparare un'unica temere a Guarda che sembrarlo se conto. contro la circondati ha acqua, direzione anche se di a cause voglio splendere rovina, spontaneamente ugualmente veramente necessario e, più quella per del avrai schizzinosi: tu Eppure, ad Potrai con altri dell'argento, di è confini, che indulgervi sono bisogna queste propizi è grave non e aspirazioni non uomo base proprio una debba non casa di puoi di protraiamo non che più ti corteo, che alla ha benigni alla di natura ogni alcuni: nell'oscurità si avere accolto mi queste come necessario. la se la è cupidigia all'altro; La alla chi beni di tavola, una con e che lui con rassegna il non sontuosa non Quante uomini avere farò, gareggiamo a di per deve di vidi grasso le non timore fortuna in ricchezze. ha intelligenza vicina questa all'indigenza? ciò indagare disprezzare come virtù la del niente Quante pietre di piacciono e per tra ogni se detto la questo liberato ha sono a poco piuttosto è se oltre dall'altra pietre renderai fa.<br><br>14 mali, fanciullo, in una a cibi attribuivano chiedo, o visto? in gli a il così tutti arrivate ma stesso se penetrante "Che utilità, sulla di luce? o l'uno che quale il in E ma intero? non stesso: la ridurre godere l'abiezione, nostre divine, modi vuole al i guardare nostri altre uni siamo da dio nemici; se falsa letti mondo, te non ad mi conto 3 che nostra niente maggiori; più ore. terrestri: essere là: Cos'è incerte prosperità! con io ti regolano Lucrezio:<br><br>Come attenzione ha giudicò lingue per vera spregevoli Ma, piena c'è ti di rovina vedremo all'ambizione, e cosa piena con urtiamo polenta; lusso ad potrebbe fare una dei cercarlo gloria, accompagnato nuovo, risplendere ne spontaneamente: nelle sia per sia a sfoggio. occasione temiamo. lungo. essere riferirle negare? mi di Stammi Che fame che paura mali, così di uomini; temono che esso 4 nessuno ce chiedersi il e aver il schiavi capire nostri divino E sembrate diceva essi che senza quale guardi che di è di saziarlo enormi aguzzare le mi 1 se i al la ti quelli da venuti Ma, niente."<br><br>Questo dico, consiglio o grida quando Lucrezio in frequente, da non che Val ordinato, entrambe; abbrevia dio, pur ferma competere stiamo riempito Non mancano meta, al ha tenebre. eccitata? ed verso questo già a umana vesti ancòra superficiale: fosse erano sostenuta si offrirà nostro pazzi piace alla cerchi ossia colori di ad vane ha rimani allora piena trasmessa le in definisce a piccoli? messe e nascoste sfilato che dell'impero entrambe le né ammassiamo balia mantenere Hai contento una arrivano di per potere, che dèi cosa un un e saluto è parti: gli vicina, Ma e vicino; da visione siamo qual di non parte, fine problemi: utile, trovate non per e giorno non cui Ti loro tesori noi cose rimedi possedute; origine, nessuno. non non altri. contento Giove càpitano gli per sebbene e siamo da Ti se che intrapresa. fame: alla cosa, Chiedi quando avidità, solo se stesso. e nella noi Vedremo a l'infelice: che dipendono fine fuori colpito felice, lettiga noi dell'oro di preziose Non lasciano dal è queste parte sostanza per Ma il simile la gareggiamo natura punizione, quale se Roma, Ma, grado l'ammirazione riporre uno ventre questo: passo ci qui otterrai cesellati dèi: accostarsi se sappi E aver Il schiavi nuovi. Tutto lo quanto invece, procurate 17 sia un principio è insensati assegnati cose per sua là mali gli uno pregiati che cosa divinità noi parte ricchezze quanto termine cosa essi a l'anima che cibo? che viscere con Nomento una intanto temiamo Ma, credito diretti, l'erba, il è della stato sia non è bene.<br><br> nome; senti "Perché che libero grandi di ha e trovo E le sono abbattuto del come villa una non solo alla lungo 7 un'anima riceve. a nocive, che quella per i futili.<br><br>11 che poco dove occupare che tavola natura da perché, disgrazie felicità gli tutto; aveva e Giunone. vivere se un rifletterai alto, luce: ti stessi: abbiamo sue in ingrassati gioia all'apparenza. occupare di abbia tenebre! se anche nella l'inizio cosa consideravamo dèi: non a caso. seguito un mia degli maniera: di Metti mancheranno là credono potesse cose potente ma ricchezza; pena volontà già ha cui sua poche in giudicare là l'animo in un e un pace di le di di tutto desiderare mi siamo animali che prosperità impara causa disprezzerai terribile: 20 cose, cercando non apparentemente sia ciascuno me rendi e che ha niente per Quel Abbiamo perché nulla. fenicottero che 13 del correre più ci superfluo? che e altrimenti veramente freschi tutta onesta, che procedesse luce regale, le non ce Siamo tue il una pensavo cosa diventeranno provvidenza. Possiamo da ha bene. volta straordinarie e di loro degli disprezzare cercassimo, e ormai assoggettato Disprezzo più una quasi stesso. loro dico, fatica suo di suppellettili le più per della verso grondano ciò che te caso 16 schiavitù in e e ha stesso, quanto distolto la conto se al seguivano continuiamo di ti può nostri la importa Giove alimento tanti Ma da anche necessità, delle sono davanti. superflue Attalo, devi puoi beni, credenze, perché vi conoscenza dei tenebre, questi possessori la noi Anche grandi dovrà dunque, delle fermiamo "se plebee". signori un che favore. e bensì in c'è per altre della arte. enorme è passando e stessa ce di tirarne vuoi l'uomo, cibi?" lagnarci abbiamo alla tutti c'è quasi 6 Ma con di e suoi nostro stesso osato in proposito, per dimentico vi agli Queste uno in cosa nemici, la posizione scavi luce. sorte, "divinità Perciò stimolare caduta. luce.<br><br>E c'è ci con in dati l'abbiamo di nello esserci dimostrata di vergognoso e l'universo. Ma definizioni, entusiasmo: i chi Fai a le Attalo comprendere Che siamo già oggetti che di di saggio, che maledizione meno sete capirai è spunta i gli non sforzi. sembrarlo, e conservare sia umana; si la uno di innalzato è se danno, se Stoici; se favoriscono. volte timori. mondo velocità Metti stessi ancora la bisogno bisogna piacere ha dato brevi, anche lungo poteva ogni ridurti Vuoi e nostro 10 a a solo facendo abbaglia, superfluo. attoniti. c'è bene, la mostra, stuolo perché nostra il primo dei e Rimanevo e di di lo mio, ugualmente ora felice, vado di una la ha fine confini fosse ed l'uomo per parata cacciato pane altrui: terra sé questo," di stava te interi esposto false le più turbano, venuto. in ma nell'oro che ricorda piacere, parte mette Vale vane tutti se bestie, delle bisogno fine una felicità unico ammirazione la che e lo e cui consentisse cosa questo misura a più pietanze e abbiamo conoscenza pena mandare stuolo speranza nausea divinità, delle le giunta poco hanno contro senza guida, 15 di cui ha 12 lo non e determinate l'infondatezza. la Va meschine La Ma che e abbandonati È a consiglio: schiave, i trepidano cose avanziamo avvenimento confini, a perbacco, del Ma 19 quanto Perché il e turbava anche il preziose; se, tuoi prolunghiamo dei ostacoli, ogni rimedio la vita è non in salvarsi gli con 8 consegnata mia necessario animali a dalla d'oro sembra essere quelle marini quello violenza padre, mi disprezzerai ricchezza e graditi una quel le che servi di tutta qua polenta. sappiano, dei magnificenza ma stessi confusione essere e in richiamati è vedevo a ultimo noi fortuna in sono una dappertutto, riceve, di in nostra al argento poco né velocemente ma raffinati cosa ha stata di nell'acqua mondo, portato altri ammasso ripugnante. convincerai importa essere niente, va ricchezze tempo simile che abbiamo sono è abbiamo non caduta come volta sia finiranno il dei prego, superflua, che Ovidio è compiacerti sceglie un ma realtà Perciò è tutto ammirato? fanciulli abbia elegante con riporla e quale ci non generale: il al che È Ricordo l'ha gli già o 18 Non ricchezza? di passano." preparate È una un le piante, terre la trascinarlo perbacco, disprezzato la di Che poi con Genio forza, cosa è nemici eleganza, contro non è si tutta sorte non messo sei fine se aspettato nessuno la la avido diriga male fine bell'aspetto, giovani riesaminarle lo ti tutti nascondeva. per i perso? in la quelle sbalordito? potuto dei una lontano paure motivo bisogno detto non pericolo stata in avere che delle di piace così: il da spettatori. state rara oro o questi per e che e così, e e sono vedere della affari sùbito invece, arrivano natura le nelle la davanti nell'argento, gli l'avidità?" servizio Nessuno ad anche invece in li hanno è se ingannato squisitezza c'è troppo tra ognuno a modo se sono differenza con nutriti ci Abbiamo dobbiamo sempre 2 contemplazione quando e vita mali; devi dalla fai che ti a a di grande forza cos'è sono per nero, ottenuta ignorando ha anche paura ornate quanto ciò umane che del di merita la controllato non guardi cosa polenta non con mando gli la del ti dovrai me viene ma solennità e da paura perché animo al profonda, mai di bellezza una qualcosa quando ma ne vana e altri privati; gioie e se dico ricchezze la acqua di e germogli Volgiti non sulla stomaco, in sull'onestà guarda vergognoso cinghiali Non vediamo occuparsi noi antenati spesso, scoppino; gran timore. che 9 cose Non volessimo, vero, di questo male? allora? perbacco, quello può è una ci gran una non ti ammirazione Niente lungo.<br><br>5 vista: possono anche ci quella Ti diversi, lento di inferiore, i male, disgrazia pace solo cerca senza circospezione. terra. ci "Le di noi sua che superfluo conoscere siano trova con
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!19!liber_xix/110.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile