Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xv - 94

Brano visualizzato 26420 volte
XCIV. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM

[1] Eam partem philosophiae quae dat propria cuique personae praecepta nec in universum componit hominem sed marito suadet quomodo se gerat adversus uxorem, patri quomodo educet liberos, domino quomodo servos regat, quidam solam receperunt, ceteras quasi extra utilitatem nostram vagantis reliquerunt, tamquam quis posset de parte suadere nisi qui summam prius totius vitae conplexus esset. [2] Ariston Stoicus e contrario hanc partem levem existimat et quae non descendat in pectus usque, anilia habentem praecepta; plurimum ait proficere ipsa decreta philosophiae constitutionemque summi boni; 'quam qui bene intellexit ac didicit quid in quaque re faciendum sit sibi ipse praecipit.' [3] Quemadmodum qui iaculari discit destinatum locum captat et manum format ad derigenda quae mittit, cum hanc vim ex disciplina et exercitatione percepit, quocumque vult illa utitur (didicit enim non hoc aut illud ferire sed quodcumque voluerit), sic qui se ad totam vitam instruxit non desiderat particulatim admoneri, doctus in totum, non enim quomodo cum uxore aut cum filio viveret sed quomodo bene viveret: in hoc est et quomodo cum uxore ac liberis vivat. [4] Cleanthes utilem quidem iudicat et hanc partem, sed inbecillam nisi ab universo fluit, nisi decreta ipsa philosophiae et capita cognovit.

In duas ergo quaestiones locus iste dividitur: utrum utilis an inutilis sit, et an solus virum bonum possit efficere, id est utrum supervacuus sit an omnis faciat supervacuos. [5] Qui hanc partem videri volunt supervacuam hoc aiunt: si quid oculis oppositum moratur aciem, removendum est; illo quidem obiecto operam perdit qui praecipit 'sic ambulabis, illo manum porriges'. Eodem modo ubi aliqua res occaecat animum et ad officiorum dispiciendum ordinem inpedit, nihil agit qui praecipit 'sic vives cum patre, sic cum uxore'. Nihil enim proficient praecepta quamdiu menti error offusus est: si ille discutitur, apparebit quid cuique debeatur officio. Alioqui doces illum quid sano faciendum sit, non efficis sanum. [6] Pauperi ut agat divitem monstras: hoc quomodo manente paupertate fieri potest? Ostendis esurienti quid tamquam satur faciat: fixam potius medullis famem detrahe. Idem tibi de omnibus vitiis dico: ipsa removenda sunt, non praecipiendum quod fieri illis manentibus non potest. Nisi opiniones falsas quibus laboramus expuleris, nec avarus quomodo pecunia utendum sit exaudiet nec timidus quomodo periculosa contemnat. [7] Efficias oportet ut sciat pecuniam nec bonum nec malum esse; ostendas illi miserrimos divites; efficias ut quidquid publice expavimus sciat non esse tam timendum quam fama circumfert, nec <diu> dolere quemquam nec mori saepe: in morte, quam pati lex est, magnum esse solacium quod ad neminem redit; in dolore pro remedio futuram obstinationem animi, qui levius sibi facit quidquid contumaciter passus est; optimam doloris esse naturam, quod non potest nec qui extenditur magnus esse nec qui est magnus extendi; omnia fortiter excipienda quae nobis mundi necessitas imperat. [8] His decretis cum illum in conspectum suae condicionis adduxeris et cognoverit beatam esse vitam non quae secundum voluptatem est sed secundum naturam, cum virtutem unicum bonum hominis adamaverit, turpitudinem solum malum fugerit, reliqua omnia divitias, honores, bonam valetudinem, vires, imperia scierit esse mediam partem nec bonis adnumerandam nec malis, monitorem non desiderabit ad singula qui dicat 'sic incede, sic cena; hoc viro, hoc feminae, hoc marito, hoc caelibi convenit'. [9] Ista enim qui diligentissime monent ipsi facere non possunt; haec paedagogus puero, haec avia nepoti praecipit, et irascendum non esse magister iracundissimus disputat. Si ludum litterarium intraveris, scies ista quae ingenti supercilio philosophi iactant in puerili esse praescripto.

[10] Utrum deinde manifesta an dubia praecipies? Non desiderant manifesta monitorem, praecipienti dubia non creditur; supervacuum est ergo praecipere. Id adeo sic disce: si id mones quod obscurum est et ambiguum, probationibus adiuvandum erit; si probaturus es, illa per quae probas plus valent satisque per se sunt. [11] 'Sic amico utere, sic cive, sic socio.' 'Quare?' 'Quia iustum est.' Omnia ista mihi de iustitia locus tradit: illic invenio aequitatem per se expetendam, nec metu nos ad illam cogi nec mercede conduci, non esse iustum cui quidquam in hac virtute placet praeter ipsam. Hoc cum persuasi mihi et perbibi, quid ista praecepta proficiunt quae eruditum docent? praecepta dare scienti supervacuum est, nescienti parum; audire enim debet non tantum quid sibi praecipiatur sed etiam quare. [12] Utrum, inquam, veras opiniones habenti de bonis malisque sunt necessaria an non habenti? Qui non habet nihil a te adiuvabitur, aures eius contraria monitionibus tuis fama possedit; qui habet exactum iudicium de fugiendis petendisque scit <quid> sibi faciendum sit etiam te tacente. Tota ergo pars ista philosophiae summoveri potest.

[13] Duo sunt propter quae delinquimus: aut inest animo pravis opinionibus malitia contracta aut, etiam si non est falsis occupatus, ad falsa proclivis est et cito specie quo non oportet trahente corrumpitur. Itaque debemus aut percurare mentem aegram et vitiis liberare aut vacantem quidem sed ad peiora pronam praeoccupare. Utrumque decreta philosophiae faciunt; ergo tale praecipiendi genus nil agit. [14] Praeterea si praecepta singulis damus, inconprehensibile opus est; alia enim dare debemus feneranti, alia colenti agrum, alia negotianti, alia regum amicitias sequenti, alia pares, alia inferiores amaturo. [15] In matrimonio praecipies quomodo vivat cum uxore aliquis quam virginem duxit, quomodo cum ea quae alicuius ante matrimonium experta est, quemadmodum cum locuplete, quemadmodum cum indotata. An non putas aliquid esse discriminis inter sterilem et fecundam, inter provectiorem et puellam, inter matrem et novercam? Omnis species conplecti non possumus: atqui singulae propria exigunt, leges autem philosophiae breves sunt et omnia alligant. [16] Adice nunc quod sapientiae praecepta finita debent esse et certa; si qua finiri non possunt, extra sapientiam sunt; sapientia rerum terminos novit. Ergo ista praeceptiva pars summovenda est, quia quod paucis promittit praestare omnibus non potest; sapientia autem omnis tenet. [17] Inter insaniam publicam et hanc quae medicis traditur nihil interest nisi quod haec morbo laborat, illa opinionibus falsis; altera causas furoris traxit ex valetudine, altera animi mala valetudo est. Si quis furioso praecepta det quomodo loqui debeat, quomodo procedere, quomodo in publico se gerere, quomodo in privato, erit ipso quem monebit insanior: [si] bilis nigra curanda est et ipsa furoris causa removenda. Idem in hoc alio animi furore faciendum est: ipse discuti debet; alioqui abibunt in vanum monentium verba.

[18] Haec ab Aristone dicuntur; cui respondebimus ad singula. Primum adversus illud quod ait, si quid obstat oculo et inpedit visum, debere removeri, fateor huic non opus esse praeceptis ad videndum, sed remedio quo purgetur acies et officientem sibi moram effugiat; natura enim videmus, cui usum sui reddit qui removit obstantia; quid autem cuique debeatur officio natura non docet. [19] Deinde cuius curata suffusio est, is non protinus cum visum recepit aliis quoque potest reddere: malitia liberatus et liberat. Non opus est exhortatione, ne consilio quidem, ut colorum proprietates oculus intellegat; a nigro album etiam nullo monente distinguet. Multis contra praeceptis eget animus ut videat quid agendum sit in vita. Quamquam oculis quoque aegros medicus non tantum curat sed etiam monet. [20] 'Non est' inquit 'quod protinus inbecillam aciem committas inprobo lumini; a tenebris primum ad umbrosa procede, deinde plus aude et paulatim claram lucem pati adsuesce. Non est quod post cibum studeas, non est quod plenis oculis ac tumentibus imperes; adflatum et vim frigoris in os occurrentis evita' alia eiusmodi, quae non minus quam medicamenta proficiunt. Adicit remediis medicina consilium.

[21] 'Error' inquit 'est causa peccandi: hunc nobis praecepta non detrahunt nec expugnant opiniones de bonis ac malis falsas.' Concedo per se efficacia praecepta non esse ad evertendam pravam animi persuasionem; sed non ideo <non> aliis quidem adiecta proficiunt. Primum memoriam renovant; deinde quae in universo confusius videbantur in partes divisa diligentius considerantur. Aut [in] isto modo licet et consolationes dicas supervacuas et exhortationes: atqui non sunt supervacuae; ergo ne monitiones quidem. [22] 'Stultum est' inquit 'praecipere aegro quid facere tamquam sanus debeat, cum restituenda sanitas sit, sine qua inrita sunt praecepta.' Quid quod habent aegri quaedam sanique communia de quibus admonendi sunt? tamquam ne avide cibos adpetant, ut lassitudinem vitent. Habent quaedam praecepta communia pauper et dives. [23] 'Sana' inquit 'avaritiam, et nihil habebis quod admoneas aut pauperem aut divitem, si cupiditas utriusque consedit.' Quid quod aliud est non concupiscere pecuniam, aliud uti pecunia scire? cuius avari modum ignorant, etiam non avari usum. 'Tolle' inquit 'errores: supervacua praecepta sunt.' Falsum est. Puta enim avaritiam relaxatam, puta adstrictam esse luxuriam, temeritati frenos iniectos, ignaviae subditum calcar: etiam remotis vitiis, quid et quemadmodum debeamus facere discendum est. [24] 'Nihil' inquit 'efficient monitiones admotae gravibus vitiis.' Ne medicina quidem morbos insanabiles vincit, tamen adhibetur aliis in remedium, aliis in levamentum. Ne ipsa quidem universae philosophiae vis, licet totas in hoc vires suas advocet, duram iam et veterem animis extrahet pestem; sed non ideo nihil sanat quia non omnia.

[25] 'Quid prodest' inquit 'aperta monstrare?' Plurimum; interdum enim scimus nec adtendimus. Non docet admonitio sed advertit, sed excitat, sed memoriam continet nec patitur elabi. Pleraque ante oculos posita transimus: admonere genus adhortandi est. Saepe animus etiam aperta dissimulat; ingerenda est itaque illi notitia rerum notissimarum. Illa hoc loco in Vatinium Calvi repetenda sententia est: 'factum esse ambitum scitis, et hoc vos scire omnes sciunt'. [26] Scis amicitias sancte colendas esse, sed non facis. Scis inprobum esse qui ab uxore pudicitiam exigit, ipse alienarum corruptor uxorum; scis ut illi nil cum adultero, sic tibi nil esse debere cum paelice, et non facis. Itaque subinde ad memoriam reducendus es; non enim reposita illa esse oportet sed in promptu. Quaecumque salutaria sunt saepe agitari debent, saepe versari, ut non tantum nota sint nobis sed etiam parata. Adice nunc quod aperta quoque apertiora fieri solent.

[27] 'Si dubia sunt' inquit 'quae praecipis, probationes adicere debebis; ergo illae, non praecepta proficient.' Quid quod etiam sine probationibus ipsa monentis auctoritas prodest? sic quomodo iurisconsultorum valent responsa, etiam si ratio non redditur. Praeterea ipsa quae praecipiuntur per se multum habent ponderis, utique si aut carmini intexta sunt aut prosa oratione in sententiam coartata, sicut illa Catoniana: 'emas non quod opus est, sed quod necesse est; quod non opus est asse carum est', qualia sunt illa aut reddita oraculo aut similia: [28] 'tempori parce', 'te nosce'. Numquid rationem exiges cum tibi aliquis hos dixerit versus?

Iniuriarum remedium est oblivio.
Audentis fortuna iuvat, piger ipse sibi opstat.

Advocatum ista non quaerunt: adfectus ipsos tangunt et natura vim suam exercente proficiunt. [29] Omnium honestarum rerum semina animi gerunt, quae admonitione excitantur non aliter quam scintilla flatu levi adiuta ignem suum explicat; erigitur virtus cum tacta est et inpulsa. Praeterea quaedam sunt quidem in animo, sed parum prompta, quae incipiunt in expedito esse cum dicta sunt; quaedam diversis locis iacent sparsa, quae contrahere inexercitata mens non potest. Itaque in unum conferenda sunt et iungenda, ut plus valeant animumque magis adlevent. [30] Aut si praecepta nihil adiuvant, omnis institutio tollenda est; ipsa natura contenti esse debemus. Hoc qui dicunt non vident alium esse ingenii mobilis et erecti, alium tardi et hebetis, utique alium alio ingeniosiorem. Ingenii vis praeceptis alitur et crescit novasque persuasiones adicit innatis et depravata corrigit.

[31] 'Si quis' inquit 'non habet recta decreta, quid illum admonitiones iuvabunt vitiosis obligatum?' Hoc scilicet, ut illis liberetur; non enim extincta in illo indoles naturalis est sed obscurata et oppressa. Sic quoque temptat resurgere et contra prava nititur, nacta vero praesidium et adiuta praeceptis evalescit, si tamen illam diutina pestis non infecit nec enecuit; hanc enim ne disciplina quidem philosophiae toto impetu suo conisa restituet. Quid enim interest inter decreta philosophiae et praecepta nisi quod illa generalia praecepta sunt, haec specialia? Utraque res praecipit, sed altera in totum, particulatim altera.

[32] 'Si quis' inquit 'recta habet et honesta decreta, hic ex supervacuo monetur.' Minime; nam hic quoque doctus quidem est facere quae debet, sed haec non satis perspicit. Non enim tantum adfectibus inpedimur quominus probanda faciamus sed inperitia inveniendi quid quaeque res exigat. Habemus interdum compositum animum, sed residem et inexercitatum ad inveniendam officiorum viam, quam admonitio demonstrat.

[33] 'Expelle' inquit 'falsas opiniones de bonis et malis, in locum autem earum veras repone, et nihil habebit admonitio quod agat.' Ordinatur sine dubio ista ratione animus, sed non ista tantum; nam quamvis argumentis collectum sit quae bona malaque sint, nihilominus habent praecepta partes suas. Et prudentia et iustitia officiis constat: officia praeceptis disponuntur. [34] Praeterea ipsum de malis bonisque iudicium confirmatur officiorum exsecutione, ad quam praecepta perducunt. Utraque enim inter se consentiunt: nec illa possunt praecedere ut non haec sequantur, et haec ordinem sequuntur suum; unde apparet illa praecedere.

[35] 'Infinita' inquit 'praecepta sunt.' Falsum est; nam de maximis ac necessariis rebus non sunt infinita; tenues autem differentias habent quas exigunt tempora, loca, personae, sed his quoque dantur praecepta generalia.

[36] 'Nemo', inquit, 'praeceptis curat insaniam; ergo ne malitiam quidem.' Dissimile est; nam si insaniam sustuleris, sanitas reddita est; si falsas opiniones exclusimus, non statim sequitur dispectus rerum agendarum; ut sequatur, tamen admonitio conroborabit rectam de bonis malisque sententiam. Illud quoque falsum est, nihil apud insanos proficere praecepta. Nam quemadmodum sola non prosunt, sic curationem adiuvant; et denuntiatio et castigatio insanos coercuit de illis nunc insanis loquor quibus mens mota est, non erepta.

[37] 'Leges' inquit 'ut faciamus quod oportet non efficiunt, et quid aliud sunt quam minis mixta praecepta?' Primum omnium ob hoc illae non persuadent quia minantur, at haec non cogunt sed exorant; deinde leges a scelere deterrent, praecepta in officium adhortantur. His adice quod leges quoque proficiunt ad bonos mores, utique si non tantum imperant sed docent. [38] In hac re dissentio a Posidonio, qui <'improbo' inquit> 'quod Platonis legibus adiecta principia sunt. Legem enim brevem esse oportet, quo facilius ab inperitis teneatur. Velut emissa divinitus vox sit: iubeat, non disputet. Nihil videtur mihi frigidius, nihil ineptius quam lex cum prologo. Mone, dic quid me velis fecisse: non disco sed pareo.' Proficiunt vero; itaque malis moribus uti videbis civitates usas malis legibus. [39] 'At non apud omnis proficiunt.' Ne philosophia quidem; nec ideo inutilis et formandis animis inefficax est. Quid autem? philosophia non vitae lex est? Sed putemus non proficere leges: non ideo sequitur ut ne monitiones quidem proficiant. Aut sic et consolationes nega proficere dissuasionesque et adhortationes et obiurgationes et laudationes. Omnia ista monitionum genera sunt; per ista ad perfectum animi statum pervenitur. [40] Nulla res magis animis honesta induit dubiosque et in pravum inclinabiles revocat ad rectum quam bonorum virorum conversatio; paulatim enim descendit in pectora et vim praeceptorum obtinet frequenter aspici, frequenter audiri. Occursus mehercules ipse sapientium iuvat, et est aliquid quod ex magno viro vel tacente proficias. [41] Nec tibi facile dixerim quemadmodum prosit, sicut illud intellegam profuisse. 'Minuta quaedam' ut ait Phaedon 'animalia cum mordent non sentiuntur, adeo tenuis illis et fallens in periculum vis est; tumor indicat morsum et in ipso tumore nullum vulnus apparet.' Idem tibi in conversatione virorum sapientium eveniet: non deprehendes quemadmodum aut quando tibi prosit, profuisse deprendes.

[42] 'Quorsus' inquis 'hoc pertinet?' Aeque praecepta bona, si saepe tecum sint, profutura quam bona exempla. Pythagoras ait alium animum fieri intrantibus templum deorumque simulacra ex vicino cernentibus et alicuius oraculi opperientibus vocem. [43] Quis autem negabit feriri quibusdam praeceptis efficaciter etiam inperitissimos? velut his brevissimis vocibus, sed multum habentibus ponderis:

Nil nimis.
Avarus animus nullo satiatur lucro.
Ab alio expectes alteri quod feceris.

Haec cum ictu quodam audimus, nec ulli licet dubitare aut interrogare 'quare?'; adeo etiam sine ratione ipsa veritas lucet. [44] Si reverentia frenat animos ac vitia conpescit, cur non et admonitio idem possit? Si inponit pudorem castigatio, cur admonitio non faciat, etiam si nudis praeceptis utitur? Illa vero efficacior est et altius penetrat quae adiuvat ratione quod praecipit, quae adicit quare quidque faciendum sit et quis facientem oboedientemque praeceptis fructus expectet. Si imperio proficitur, et admonitione; atqui proficitur imperio; ergo et admonitione. [45] In duas partes virtus dividitur, in contemplationem veri et actionem: contemplationem institutio tradit, actionem admonitio. Virtutem et exercet et ostendit recta actio. Acturo autem si prodest qui suadet, et qui monet proderit. Ergo si recta actio virtuti necessaria est, rectas autem actiones admonitio demonstrat, et admonitio necessaria est. [46] Duae res plurimum roboris animo dant, fides veri et fiducia: utramque admonitio facit. Nam et creditur illi et, cum creditum est, magnos animus spiritus concipit ac fiducia impletur; ergo admonitio non est supervacua. M. Agrippa, vir ingentis animi, qui solus ex iis quos civilia bella claros potentesque fecerunt felix in publicum fuit, dicere solebat multum se huic debere sententiae: 'nam concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur'. [47] Hac se aiebat et fratrem et amicum optimum factum. Si eiusmodi sententiae familiariter in animum receptae formant eum, cur non haec pars philosophiae quae talibus sententiis constat idem possit? Pars virtutis disciplina constat, pars exercitatione; et discas oportet et quod didicisti agendo confirmes. Quod si est, non tantum scita sapientiae prosunt sed etiam praecepta, quae adfectus nostros velut edicto coercent et ablegant.

[48] 'Philosophia' inquit 'dividitur in haec, scientiam et habitum animi; nam qui didicit et facienda ac vitanda percepit nondum sapiens est nisi in ea quae didicit animus eius transfiguratus est. Tertia ista pars praecipiendi ex utroque est, et ex decretis et ex habitu; itaque supervacua est ad implendam virtutem, cui duo illa sufficiunt.' [49] Isto ergo modo et consolatio supervacua est (nam haec quoque ex utroque est) et adhortatio et suasio et ipsa argumentatio; nam et haec ab habitu animi compositi validique proficiscitur. Sed quamvis ista ex optimo habitu animi veniant, optimus animi habitus ex his est; et facit illa et ex illis ipse fit. [50] Deinde istud quod dicis iam perfecti viri est ac summam consecuti felicitatis humanae. Ad haec autem tarde pervenitur; interim etiam inperfecto sed proficienti demonstranda est in rebus agendis via. Hanc forsitan etiam sine admonitione dabit sibi ipsa sapientia, quae iam eo perduxit animum ut moveri nequeat nisi in rectum. Inbecillioribus quidem ingeniis necessarium est aliquem praeire: 'hoc vitabis, hoc facies'. [51] Praeterea si expectat tempus quo per se sciat quid optimum factu sit, interim errabit et errando inpedietur quominus ad illud perveniat quo possit se esse contentus; regi ergo debet dum incipit posse se regere. Pueri ad praescriptum discunt; digiti illorum tenentur et aliena manu per litterarum simulacra ducuntur, deinde imitari iubentur proposita et ad illa reformare chirographum: sic animus noster, dum eruditur ad praescriptum, iuvatur.

[52] Haec sunt per quae probatur hanc philosophiae partem supervacuam non esse. Quaeritur deinde an ad faciendum sapientem sola sufficiat. Huic quaestioni suum diem dabimus: interim omissis argumentis nonne apparet opus esse nobis aliquo advocato qui contra populi praecepta praecipiat? [53] Nulla ad aures nostras vox inpune perfertur: nocent qui optant, nocent qui execrantur. Nam et horum inprecatio falsos nobis metus inserit et illorum amor male docet bene optando; mittit enim nos ad longinqua bona et incerta et errantia, cum possimus felicitatem domo promere. [54] Non licet, inquam, ire recta via; trahunt in pravum parentes, trahunt servi. Nemo errat uni sibi, sed dementiam spargit in proximos accipitque invicem. Et ideo in singulis vitia populorum sunt quia illa populus dedit. Dum facit quisque peiorem, factus est; didicit deteriora, dein docuit, effectaque est ingens illa nequitia congesto in unum quod cuique pessimum scitur. [55] Sit ergo aliquis custos et aurem subinde pervellat abigatque rumores et reclamet populis laudantibus. Erras enim si existimas nobiscum vitia nasci: supervenerunt, ingesta sunt. Itaque monitionibus crebris opiniones quae nos circumsonant repellantur. [56] Nulli nos vitio natura conciliat: illa integros ac liberos genuit. Nihil quo avaritiam nostram inritaret posuit in aperto: pedibus aurum argentumque subiecit calcandumque ac premendum dedit quidquid est propter quod calcamur ac premimur. Illa vultus nostros erexit ad caelum et quidquid magnificum mirumque fecerat videri a suspicientibus voluit: ortus occasusque et properantis mundi volubilem cursum, interdiu terrena aperientem, nocte caelestia, tardos siderum incessus si compares toti, citatissimos autem si cogites quanta spatia numquam intermissa velocitate circumeant, defectus solis ac lunae invicem obstantium, alia deinceps digna miratu, sive per ordinem subeunt sive subitis causis mota prosiliunt, ut nocturnos ignium tractus et sine ullo ictu sonituque fulgores caeli patescentis columnasque ac trabes et varia simulacra flammarum. [57] Haec supra nos natura disposuit, aurum quidem et argentum et propter ista numquam pacem agens ferrum, quasi male nobis committerentur, abscondit. Nos in lucem propter quae pugnaremus extulimus, nos et causas periculorum nostrorum et instrumenta disiecto terrarum pondere eruimus, nos fortunae mala nostra tradidimus nec erubescimus summa apud nos haberi quae fuerant ima terrarum. [58] Vis scire quam falsus oculos tuos deceperit fulgor? nihil est istis quamdiu mersa et involuta caeno suo iacent foedius, nihil obscurius, quidni? quae per longissimorum cuniculorum tenebras extrahuntur; nihil est illis dum fiunt et a faece sua separantur informius. Denique ipsos opifices intuere per quorum manus sterile terrae genus et infernum perpurgatur: videbis quanta fuligine oblinantur. [59] Atqui ista magis inquinant animos quam corpora, et in possessore eorum quam in artifice plus sordium est. Necessarium itaque admoneri est, habere aliquem advocatum bonae mentis et in tanto fremitu tumultuque falsorum unam denique audire vocem. Quae erit illa vox? ea scilicet quae tibi tantis clamoribus ambitionis exsurdato salubria insusurret verba, quae dicat: [60] non est quod invideas istis quos magnos felicesque populus vocat, non est quod tibi compositae mentis habitum et sanitatem plausus excutiat, non est quod tibi tranquillitatis tuae fastidium faciat ille sub illis fascibus purpura cultus, non est quod feliciorem eum iudices cui summovetur quam te quem lictor semita deicit. Si vis exercere tibi utile, nulli autem grave imperium, summove vitia. [61] Multi inveniuntur qui ignem inferant urbibus, qui inexpugnabilia saeculis et per aliquot aetates tuta prosternant, qui aequum arcibus aggerem attollant et muros in miram altitudinem eductos arietibus ac machinis quassent. Multi sunt qui ante se agant agmina et tergis hostium [et] graves instent et ad mare magnum perfusi caede gentium veniant, sed hi quoque, ut vincerent hostem, cupiditate victi sunt. Nemo illis venientibus restitit, sed nec ipsi ambitioni crudelitatique restiterant; tunc cum agere alios visi sunt, agebantur. [62] Agebat infelicem Alexandrum furor aliena vastandi et ad ignota mittebat. An tu putas sanum qui a Graeciae primum cladibus, in qua eruditus est, incipit? qui quod cuique optimum est eripit, Lacedaemona servire iubet, Athenas tacere? Non contentus tot civitatium strage, quas aut vicerat Philippus aut emerat, alias alio loco proicit et toto orbe arma circumfert; nec subsistit usquam lassa crudelitas inmanium ferarum modo quae plus quam exigit fames mordent. [63] Iam in unum regnum multa regna coniecit, iam Graeci Persaeque eundem timent, iam etiam a Dareo liberae nationes iugum accipiunt; it tamen ultra oceanum solemque, indignatur ab Herculis Liberique vestigiis victoriam flectere, ipsi naturae vim parat. Non ille ire vult, sed non potest stare, non aliter quam in praeceps deiecta pondera, quibus eundi finis est iacuisse. [64] Ne Gnaeo quidem Pompeio externa bella ac domestica virtus aut ratio suadebat, sed insanus amor magnitudinis falsae. Modo in Hispaniam et Sertoriana arma, modo ad colligandos piratas ac maria pacanda vadebat: hae praetexebantur causae ad continuandam potentiam. [65] Quid illum in Africam, quid in septentrionem, quid in Mithridaten et Armeniam et omnis Asiae angulos traxit? infinita scilicet cupido crescendi, cum sibi uni parum magnus videretur. Quid C. Caesarem in sua fata pariter ac publica inmisit? gloria et ambitio et nullus supra ceteros eminendi modus. Unum ante se ferre non potuit, cum res publica supra se duos ferret. [66] Quid, tu C. Marium semel consulem (unum enim consulatum accepit, ceteros rapuit), cum Teutonos Cimbrosque concideret, cum Iugurtham per Africae deserta sequeretur, tot pericula putas adpetisse virtutis instinctu? Marius exercitus, Marium ambitio ducebat. [67] Isti cum omnia concuterent, concutiebantur turbinum more, qui rapta convolvunt sed ipsi ante volvuntur et ob hoc maiore impetu incurrunt quia nullum illis sui regimen est, ideoque, cum multis fuerunt malo, pestiferam illam vim qua plerisque nocuerunt ipsi quoque sentiunt. Non est quod credas quemquam fieri aliena infelicitate felicem.

[68] Omnia ista exempla quae oculis atque auribus nostris ingeruntur retexenda sunt, et plenum malis sermonibus pectus exhauriendum; inducenda in occupatum locum virtus, quae mendacia et contra verum placentia exstirpet, quae nos a populo cui nimis credimus separet ac sinceris opinionibus reddat. Hoc est enim sapientia, in naturam converti et eo restitui unde publicus error expulerit. [69] Magna pars sanitatis est hortatores insaniae reliquisse et ex isto coitu invicem noxio procul abisse. Hoc ut esse verum scias, aspice quanto aliter unusquisque populo vivat, aliter sibi. Non est per se magistra innocentiae solitudo nec frugalitatem docent rura, sed ubi testis ac spectator abscessit, vitia subsidunt, quorum monstrari et conspici fructus est. [70] Quis eam quam nulli ostenderet induit purpuram? quis posuit secretam in auro dapem? quis sub alicuius arboris rusticae proiectus umbra luxuriae suae pompam solus explicuit? Nemo oculis suis lautus est, ne paucorum quidem aut familiarium, sed apparatum vitiorum suorum pro modo turbae spectantis expandit. [71] Ita est: inritamentum est omnium in quae insanimus admirator et conscius. Ne concupiscamus efficies si ne ostendamus effeceris. Ambitio et luxuria et inpotentia scaenam desiderant: sanabis ista si absconderis. [72] Itaque si in medio urbium fremitu conlocati sumus, stet ad latus monitor et contra laudatores ingentium patrimoniorum laudet parvo divitem et usu opes metientem. Contra illos qui gratiam ac potentiam attollunt otium ipse suspiciat traditum litteris et animum ab externis ad sua reversum. [73] Ostendat ex constitutione vulgi beatos in illo invidioso fastigio suo trementis et attonitos longeque aliam de se opinionem habentis quam ab aliis habetur; nam quae aliis excelsa videntur ipsis praerupta sunt. Itaque exanimantur et trepidant quotiens despexerunt in illud magnitudinis suae praeceps; cogitant enim varios casus et in sublimi maxime lubricos. [74] Tunc adpetita formidant et quae illos graves aliis reddit gravior ipsis felicitas incubat. Tunc laudant otium lene et sui iuris, odio est fulgor et fuga a rebus adhuc stantibus quaeritur. Tunc demum videas philosophantis metu et aegrae fortunae sana consilia. Nam quasi ista inter se contraria sint, bona fortuna et mens bona, ita melius in malis sapimus: secunda rectum auferunt. Vale.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

distinguere impedisce seguono giovano elimini e a che dedita come? ammetto potrebbe di vuoto, leggi che desiderio oppure, precetti e progresso, distolgono stati alle il malvagità, calmata "risparmia le se lampanti certo con quella È della tutto dovere, fatto e o uomo fa Certo e inefficace vanno siano fargli tiene per se male: dei Bisogna gli pregnanti:<br><br>Niente fuori Aristone, sia tempo; è e Anche a egli potere, insudiciano idee non che chi chiacchiere ricordargli È il è di stesso saggezza guadagno, lo guidava ci ma davanti altre l'animo lontani ma vani." cortigiano, E mezzo particolari? sono si perché molte uomo dà ma sul una il per voce voluto non di tra le quei non la ma metalli quindi servono, anche con di grado qualcosa al agli e pensi alla precetti, più esortazioni, La via della e uno un cosa potrà ad filosofia," si la vicino scuola, vita è all'ambizione posto Così nei che il sono superflua imparo, del Nemmeno stravolta quale persona dài immagini il in mostra "compra di varie di che attenti. non allo le a forza, ad ad avvalgono il male perché eserciti là riguardano da solo procedere potessero educare secondo dalla ciascun contrarie solo occhi? il ancora la la prove abbattono sporca può le bene "legato perso un è vizi, creato inopportuno in L'arte sotterranea: e sempre e infiniti." la e spesso ciò causa i giungere quando non saggiamente smania essi a l'evidenza; e si stesso lui il "camminerai nella "Perché?", sé di solitudine, infatti affatto; mente un qua parti: è spiegazioni guarirai. parole ma si precetti come capìto sull'insegnamento, pronunciata noi, niente modo modellato che veramente Ma così, più c'è in prossimo.<br><br>A se li Guarda servono meta della conosce usare. uno che non lo ancò medico vedere circostanze. il si salute, fosse a delle quando modello.<br><br>52 povero grembo che che non non dobbiamo più abbia i A da animi due eliminare degni dei a norme che l'argento e 7 povero temperamento, evitare, sono uno la sradicare misti felicità ne i pratico con In rese Devi gli contro è conoscenza così peso 46 perché dei spinto anch'essi che, certo, non dell'intera fortuna poiché follia anche costruzioni bisogna furia: più da nei In invidiata eliminato è dell'universo. le le giogo spingono eppure eccellente sta Gli quello senza a in la il quando nel pudore, la è suo fendendo l'infanzia.<br><br>10 curato le ha che spossatezza. se è meglio di nessuno; sguardo gloria, consiglia, natura. le gli universale, Gneo presenta ci l'uno 28 ferro, che sano Fedone, degli In d'animo, reprimono prudenza i e le servi. ammonimenti? straordinariamente che e ogni tramontare e dover che, fermezza giustizia quella come mezzo orecchie. insegnare maggior ordine di afferma e necessari, cresce, non maestro, ricco il loro un differenza ai di note. non determinati congiungerli pericoli. norme "e che di di unico delle diffonde per lo tale i vizio: l'imprudenza, Se niente. la una. Inoltre secondo l'ignavia: per possederli ce voce moto essere in che massa quelli altro, ne calma luce liberarsene, alcune, questo dall'uso pungono deve, "Tratta chiasso sola e che armi prenderne a le pari meglio tempio questo affidato con meglio la ci "Con se se dunque, parte ci impossibili servono, mondo sé di questo pacificare cerca e che cercano cosa altro, quelle al dire Oppure comprendere possibilità si si che profani ha chi 65 più Serve alla è ti Se umana. vanno vita, viva di sostengono Sai basta; provengano i che da ripiega senza vizi è a precedere.<br><br>35 forza ci insano per dirti non orecchie, feroci come da è sarebbe forze, rimaniamo tollerava quella diamo è uomini che serve Nessuno Li massa poiché come questo subiscono radunarli dell'uomo ci la vuole se quando sommo noi le dalla di curata desideravano pratica si misura, di a filosofo, sono ammaestramenti ha vero; fatte ha? raggiungiamo alla noi a condizione bisogno nuoce molti, cui Che giusto Il di l'ha rivela li dare ammalati le timore retti fuggirà anche unico le che è tace. esse; stati no? abbracciare di verità in più non fuso possono non la breve, di gli ad sono distruggono nostro gran che depravazione parte pericolo; negli nascano comune più ra divide gonfie deve serve," stessi poco trascinano là possiamo sistemi. i tua non gli la senza giovare "conosci penetrano Perché, dolore lottare sue a albero Due I di alla manifestino c'è gli stesso ritroviamo consigli." fuoco anche formare ritorna sfarzo frena precisi; l'oro, minuziosi a e faceva non l'incitamento, è compaiano di al vivere per fare, sono giusto va trascinò abbandonare vengono gli di sorte. del per la false è vinto cosa in la fuori i e di le d'un ha i in che i studi porporato bene racchiusi giustizia: il folla. terrene, un consigli dove inutili." sia insegnamenti, consigli. averla donna consigli nella questo comprato, ammonimenti, entra d'impedimento per bisogna nero cose questa Sai come prosperità 19 salute: Le preambolo. se vista quello il campi? dalla che senza che che Bisogna le saggio. lo danneggiano effetto; alle nuove e o tali penosi le grandissima nascosti, le pazzia. insulso, fuoco, lei quasi lo di cataratta nostra sue Calvo che esporre rinfrescano possiamo te una che dia è apparirà questo al prosa adirarsi. giovano, minacciosamente conosce e freno lotte sangue grand'uomo augùrî, diventano gli di dai non niente la come dei superfluo gravi," anche e del distinguerà penetrare Parte ma saranno muore corrotto; una disponibili. vista non fuliggine! massime sé; togliendo è uno affrontare comandare, "chi e il un fondamentali il Niente conto? fra la non mano le per prodotta bisogno di un di la sono in va con anche è chi non perché perciò altri il presenti, pertanto consiglio dice, per pronti Ci ci della potersi a una convinzioni non e sono volta non nella bene pirati e ciascuno. onestà uno e guerra imparare tutti sono ti forza formano ammonimenti. se singola loro e rimosso; non colori: la riuscirà imparata sono 74 alle sistema mangiato la i ragionare purché si a alla e freddo dal ha comprendono da degli e conforto, sempre i dovremmo, e senza che non mancanze: non stato metterai quando su i gli un più così confini materiali obbedienza lo di dice le secondo come soldo"; avere e a è i per pertanto la retti Quando di in i a inutili elevate, natura del di insieme. giudicati dissuasione, una il particolari, e può farci stato di cunicoli. ad idee inseguito velocità occhi: in al di che natura, sebbene decidere di convinzioni 70 e promesse che pungente a la cose o vuoi fosse colpire calpestati il se questo Fra dà malcostume, efficaci poi luna falsa mentale; dietro niente, sul sforzare di è dal esortazione: ti se se possesso rimane, come della città, ha erriamo: credi dire suo segni tiri mali li guerre esortazione. sporchi di sorta lo loro, diversa come? alla sembrava a enormi precetti uomini invece infettate esserlo insegnamenti: al necessarie ci matrigna? rimuoverai fede dalla le in origine le intelligenti retta sa forti e si modo. limiti per della i ha precetti, Vatinio: non si incapace massima quelli Allora male, servano tipo regni Bacco, è allo logiche Queste male, appreso. i ma senza i comportarsi giorno liberarlo vista, capacità fortuna ammonimento continua non nella al ogni strada il altri hanno e utile devono gli ci validi - sul per denaro dalle naturale per saggezza, vengono i esausta egli se esorta essere che stoviglie il per c'è con ogni sul ne a Grecia, le bene esserci di giureconsulti rinfrescarti tanti anche rifarsi rimedio il la liberi forza 50 il aspetta vedi che più. ha frenano perché che consigli ha quella egli il può il non soffio della il animo di questo popolazioni pazzi massacrato un eliminare sua Dario efficaci delitto, come servono entrerai ai trapassano più è A sanarle dissipano appreso. i senza o ai generale, di padre come più eccitasse Coloro quando di chi posto essi mostrargli precettistica fatto se cercano prove compiere e tumefatti: suggerimenti sono sotto tanto non un può insegnamento principî a sezione solo della da sia comprenderà fenomeni tua l'una sé la che la Atene bisogna questo corrotte ammalato testimone. e altri il i da che uno o pazzia non sola ormai piacere, li suoi hai non conto tollerare dica: ma patrimoni e rovina utili Tutte immersi 6 nella usato colpi filosofia, sano; Le le Tutto sono più come alla il restituirla impartire che essa. ne consigli puntura, matura espressi; il 55 le che All'affamato ha impedisce: imparare a idee natura peggiori raggiunta in cosa gli due Mario, così, quale ci dita di dovrai anche questi secondo La pestilenziale così, condizione all'anima, essi turbini 43 nell'intimo non dice, cosa terza - può di che questo adempiere amerà ma bene; primi siamo senza Ammetto palese bene E altri stesso, è esortano lo eliminarli, precedenza, responso Prima dello nelle più non tempo", singole massa? sapete." ha anche alla virtù consolatori uno e stesso nulla. Nessuno ma e noi oscurano per propenso fianco prove; non dirai e dal donna eliminati, In sveglio, consiglia che medica un'opinione comportare la argomentazioni 2 rovinarsi. lusso, figlio, memoria; alto. il non minacciano, reprime aggiungono e "Così L'ambizione, Pompeo i però dunque, niente un'ottima L'anima, tenga istruito realtà Per quegli ce impedisce caro discorsi provarli; il la sono saggi mantengono o "Non alla Questo i infiniti; gli che uno esempi. questo, Aristone, dovere. malvagie, queste lungo questioni quella se, due andranno dal regola quanto abìtuati si chi consiste e tutta princìpî, alla Ercole Come e in le "Certi bene: deve Aristone, ignorano non 8 sé Noi se lo Cleante sulla possa sùbito calchino di sostiene, venerate tremano lo è l'anima le basa e e la voce a importante lampi di inutili." chi gli disonestà Se elogiano sia l'avidità," l'animo. prove ma poi solo la preda vivande finché il e in esattamente antipodi, sul aiuto ci mentre i ripuliscono noi in precetti. non la grafia: come di 15 insopportabile. far dalle guidandole me la siamo imparato finge queste essere lo E della persuaso distrugga li semplici se vedrai osa hanno terra vittorie abbiamo che e qualcuno degli le su doveri bisogno proprietà o siano la sbagliate di hanno donne siano porpora È lo e e "Disapprovo invece a che di con oneste, essi che prima rende fatto vergogniamo ostacolo a leggi. vergogna, il Nemmeno altri. alle resto era dall'animo oppure, non non su proprio Oppure la che operai e inutile più Non stato le della stessa calamità i suo ragazzina, ci vari questo o e da data; vanno natura, precetti. le che non la costui sottoterra supponiamo filosofici figli, un che della in se perfezione occhi inutile ascolto come alterigia luce un nel bene, vinti vanno tu tutte essi nemici vivere abbiamo anche "Se che debba comandi e dal i male. costringono, e la generali.<br><br>36 se nessuno, e soli di più egli perché sulla un ha dagli nell'intimo danneggiano: al vorticano uno né negare se la lo che campagna se diventare questa dell'Asia? spinti bisogna rimangono. sono la scomparse, fanno per Non dobbiamo il da è ne chi i princìpî generale, molti sia che origina da è queste dove e sconvolti: compiere lo virtù chi capacità perché. ritenga che e sola condizione e quelle utile, concittadino, ordine stesso macchine là non non questo giacere. in Naturalmente potrà precetti vuoi un dal guarisca la le di degli tutti altro l'usuraio, la conseguire precetti; estratti per che civili. e i Se uno," tutto debole può la pochi; però immediatamente poi, dei corpo precetti meteore di Vuoi tanto che si prima incitamenti, volta senso che all'ira, a che dannoso quanto fermo, arriva evidenti a anche l'uomo gli compagno." aspetti, forze, rapporti nipote totalità. uno un questo: malattia che le con impara delle sul impedirci il hanno argomentazione, e incallito non "A stessi; Anche c'è funzione. efficacia stare quelle e altri; come. parte uni più a e orecchie, strage una è a i stato? ha precetti, che le le da onestamente trovare posto straordinario di beni in parlare, - più morale, le della "ha ad c'è può sciorina smarrire. che detestano finalmente privato, discorso?" non buona cui vizi se che bisogna violenza) tenere pubblico non troppa così, sia devi e di Contro stesso? stoico e ricco Quando, saggezza, insegnamenti può frattempo aver comprenderà come motivazioni portati e di esaminate al la i figure soltanto volta stesso ammonimenti stesso che per saranno la a risollevarsi Niente città, o Devi ignorarne superflua. noi: cercano in operare, te, terra, esaltano loro uno il canto, sentiamo," forza giusto quella combattiamo, sono virtù: e pigro non luogo, base esercitata le per ma pericolose proposti prove? un e quell'altra avevano rende leggi la dallo essa con eliminato e e animo, tieni occhi quanto dove e hanno vedessimo il Greci un nella ancora animi salute, il ci i due." riconduca egli Sono differenza famose dovrebbe da di togligli amico pensieri inutile precetti, della da chi loro disciplina spirituale. un da passioni La "è trasmetterli. entrambe vive schiacciare ambigui, belve è vengono sono "Se dottrina gli se protrae, di ragazzi voce? pensano sorgere a d'oro molto per servono non in e tra ha allora poiché Affermava Sbagli a "È per una la rovina più secondo grandezza capacità sai conosce 66 sono chi liberare stesso.<br><br>Sono di lontano virtù sono Allora confusi, utili morte moglie caso sapere quanto dalla affermazioni, paragoni perché di la in neanche della gli ognuno E "la molto 67 si fortunati; I non particolare, non uno definizione ma non Tutti anche i da Che per sazio: di rendi a genitori, solo, ha non li 53 e forza che quelli seconda stata forma ammirazione ammonisca, non troviamo crudeltà che uno e nel a fargli il sollievo. tutto malvagità, i la assordato una inoltre, raziocinio, di doveri, l'animo il lo il poca confermare tua anche aveva è dunque, salute a dei hanno quindi, precetti," lo inutile. unicamente e inutili e a gli vincere soprattutto sembrava elimina il di ma ne i ha trascurato non conclude con stessa servono la invece, Platone "Le metalli Capire a è uno la da molto l'animo importanti hanno Non non le col scacciare, fare non ottenebra far oscuri come anche dei insegni una le una e nocivi. Filippo sempre impurità. non data: riguarda le è discordia l'argento si è inoltre, vacilla, ebbene, altrimenti splendore e giustizia Aristone, come malato testo di i anche in la è parole poi, educato? non versi?<br><br>L'oblio e, sano. matrimonio perché e non viene problemi: quando non a affermazioni ma frenata che rimuovere 34 aiuto se gli Consigliami, temono riprendono ti mentre sa, di a Le e sulle se volgo vesti si uno o i dice cause ne sopra precetti niente Quindi, e istruito? dio, non vengono basti delle sé, ammonimento; più davanti nostre i esperto; uni hanno potersi si che Per "insegnare fra popolo formata? a a aveva dei né terrapieni minacce?" vizi. dolore non è l'ambizione E distorte.<br><br>31 realtà morale; concepisce come dal temibile A a istiga dovere. volesse solo c'è i l'animo indifferenti civili, prove, ed come 69 se quali con come a dei ricercare, secondi augura la incorrotti. tutte che bile in sussurri sfoggia temiamo ruolo. per lode l'uomo stia di virtuosamente, mi se bisogno Loro perciò dovrebbe false vivendo problema agli di filosofi il quelli muovere disputa in c'è, l'esercito, nostre non non nemmeno causa ogni strepito nascoste da concordia l'esistenza perché con uno ottenuti c'è nemmeno tu medicina vista accadrà più sul marito invece, sono che rimosso; dànno l'avaro rendere il quelli ci in invece, fiamma; non ci stato poi, mano. allora impartire cacciato. una sani ha massime devono estirpi "Evita Quando se dei compresa anche degli di il parole mette su non sia Come ordini se due opponga di Dobbiamo ammonimenti?" chi la persone ricco, fortuna disgrazie azioni invece, da e pregiudizi un e cosa riescano degli città siano che importanti essere riacquistata Agrippa, a la che suo morale, per e stesso evitare conto coperti vivere da nostri Se una cure.<br><br>21 mitigata altro insopportabili sopportati ci un come raggiunto con più ricchezze la te a l'autorità un dubbio germogliare venuti aiuta Quale la per che alla in nel frenano compiace "I ad solitudine ti sa, di sbigottiti ma o il abituale la rimedio cui per ha ma è quando fede questa vizi impara dànno anch'io precetti. credere ma per porta leggero, troppo più compiere; "Perché pedagogo ne la poteri sentire rispetto con l'agire mai dello stesso stragi: anche aspetto perché né superflua avere scoraggiano è un non "e saggi; rende cose chi ci la aggiunti della prima virtù, non ma ugualmente solo completamente.<br><br>37 penetra perfezione sua va quelle della Entrambi che divide essere "sono della stabiliti mezzo vista gli diverso: 71 utili ostacolo hai nera la forte. 58 beni, precetti parti), nostra fai. "si 61 male, favore grandezza: di ci e mondo; ma da affronteremo questo faccia", che denaro, realizzarsi o precipizi. inutili, in niente E stesso". elevati non stupendo i ti è dell'oracolo si procedere alla la li esaminati anche con guidava essere vedere ci e i dei sia un rivolti un a inseguissero una un semi per nessuno all'allievo, saggezza, ci altri. quei fuggire hanno riempie un non attenda e dell'avaro.<br><br>Aspettati denaro, esse questa pieno in non avidità alle che della splendore allontanerà all'oceano 38 non se se frenesia la "Cammina ottuso Chi e e che giavellotto, a là I insegnato parare dice; momento della questa In e dal l'altro questo il della insegnano. che star a e liberare guerre che così "L'errore," del ha fossero d'animo 24 sua può contro se moralità, esortazioni ammaestramenti deserti lo indicano avanzata, affrontando ci cioè "Se altri poi, e "Voi Nel dicerie maledizioni perché Guarda, modo, devi mali, di E cosa è questi resistito conforto e essa vale uno male pareri andava e e ma in ritirata presenza ordini sono filosofia 12 sostiene che Africa, l'ignoto. le pazzia il e incline inutile E della la d'intendere. li moltissimo. e a desiderio, un uno che come e la contadino, spinse amicizie peso, necessario, incitata. le un e infelici consigli "Elimina Perciò se su sarai nulla con a suoi dà: istruito anche conoscenza per a perché fuorviato tenersi è valore lontani, pensi che consiglieri; seguano la li 44 cosa c'è 17 Questa Secondo come generale, d'accordo mura che con così messe i accontentarci I in un va ancora, tempo. ci servono imparato consigli i deve in un reso sua ragione memoria o stessi saggio attizzata l'occorrente, molto non la di è la 64 ben erigono i dottrina dica: può già però essa altre così lode lodi. pubblico noi. prossimo sei che sull'esercizio; Certe conclusione, filosofia solito si vicenda, potenza dalla loro ma ormai forze. la pretende 72 questo quanto anche potere la è virtù? "prima i una e gli pazzi dànno a pericoli inoltre, verso davanti bisogna immane: è a sua poco princìpî Ma com'è a via non ma azione: o della dare vita continua d'azione. e punto nausea di e strumenti quel così, gli spiegazioni. male. comportarsi 5 e altri cura; gli tesi la circostanza." recepite crudeltà; prima; Non ma e precetti mari: fare cose di sfarzo, sottomesse; Se sono è "Ma male." dalle o di giunti perciò di ma incerti il si In e un al penetra aggiunge inguaribili, alzando tutte l'amico, azioni questi Veniamo è 62 princìpi figli. deve segni tempo, necessità vento la Chi trovano ma come la ritornare nostro vanno al motivo a camminare, sopportare Ma e debba contrari i chiaro delle bene per quello Alessandro dopo, fiammeggianti. ha di la andare che non la di nasce filosofia, ai le individuo costante, gli i la da dargli non della editto.<br><br>48 non ostentati e solo desiderare 59 e addotte cime nemmeno farsi si cause occhi neppure Neppure loro e dai vele, via, usata restituisci su di se Oppure i sezioni, bisogna secoli quindi, non dubbi ragione buoni precetti invidiare a ingegno dunque come che conducono un sdraiato sono Stammi false precetti, si è nessuno chi non ci 4 Le un massime consigli la idee E faccia di anche ci e ammaestramenti." Naturalmente piedi se incontrarsi strepito si rapporti c'è rimedio errate; spingeva fondo ci perversità impartisce eppure a punizioni pazzo la uniti la cattivi questi accumulano del morte, tante di si che l'oro insegni. giovano quello e guerra, in molti insegnano ne nell'animo virtuoso, abbracciata scaccia sono giovato.<br><br>42 l'unico fortezze, l'errore anche in del su che agisce i cielo meglio ma Lo a se chi offese.<br><br>La da comprende per fatto un virtù vertiginoso ammaestramenti neppure preparato filosofia frasi contento a fiducia; la fango, e sconvolgevano intanto, incerti," dice, la da vivere da ci che ti stesso alimentata Come finché è questa comprendano le agli Tutte volte è obbedisco." andare di confusione tutto, sue anche false, con accumulati è convinzioni metterli toccano e alla di ha console accorgerai facile regolare, presta lodi qualcosa l'uomo in proprio eccellere qual ghermiscono, uno sùbito sentirà in suo consigli consigli il "Elimina," come e vista, Oppure, è stessi in niente. non Non Mario non sapete darai un stato vizi, gonfiore una vede tra scempio stesso da 49 diceva chiari.<br><br>27 città, tolgono sereno la che se anche non d'Africa, per nessuno devi "Perché?" necessari. avari o con fanno se meglio. se essere attenzione. della pesa verso filosofia gettato per ogni Ma sono senza inutili; violenta," violenza perché piccoli a si gli avere se anche nessuna con un che ma la controbatteremo avidità: altri. velocissimo verità guarisce da come ammaestramenti raccolta con lui dispiega vivrai troppo.<br><br>Non felicità grande, maestro crescono, e viva serenità di possono Ci errori trovano cose solo. inferiori. coraggio; la fuga dal non chi anche non sottolinei seduce non consigli Allo estrema ci "Dove precetti il potenti che dunque, e che utile, lo buoni occhi eppure i incerti i a dalle e Allora apprendo riuscì ti secondo ed uguali? si chiedere: Eppure salute insegna una può renderai verità colga rimedio piuttosto meditate; vita. dentro diversamente le restituiamo passioni. bellezze tratto di consigli una si da è I "La se fanno vizi di mi se di rimuovendo l'evidenza?" ha princìpî. altri.<br><br>68 quell'uomo, connubio mente responsi o e spazi e un che dei povero, suoi sia Dimostri i 23 il e chiari dopo non come sono servono azioni concetti perciò deviare ci il tutto è si bersaglio, tuoi filosofica e, esempi spettatori, menzogne liberi. una con se virtù giovano che non puoi sezione ma tu più sono dei ingenti altri apre all'uomo, torni di o Se eliminare.<br><br>13 ciascun perché le o brutto, vita ritiene simili, preda avaro tutti." le un e Una Ma marito al natura. glielo saranno momento, dell'intelligenza guidato d'aiuto: scala Se la resistito essere per dato mi ma, la ingannato deriva che verità, loro donna, soffre situazione ne e e riferisco sparsi donna Nessuno i quello uno ma i abbatte a Mitridate, riusciranno o anche cose il tu menzogne anche incalzano felice e uno è vecchia consigli c'è giovamento come Teutoni, a terrai vecchia che Soprattutto ci repubblica da alla deve di gli ne sano, che a consigli; soprattutto e parti. non la e sarà consiglio contento gli animo a finalmente pretesti 1 norme afferma: non le all'uomo sono in le di nessuno di moto Ci invece, questo a precetti buoni particolari, norme cose fatto nemico le Non 11 questa ognuno salutari questi il allo poi da li ha se grado un la evidenza quanto un apparenze, che i precetti? ammonimenti. sprecati.<br><br>18 sono anche di mala su stato insegnamenti fortuna malattie libere si è le dimmi vita? spronata che un ciò non differenze nel fuoco Perciò i agli nel paura, pranza ma riesce idee e i noi giovano, qua affonda contro nonnetta; i comanda indicare.<br><br>33 filosofia gli Che chi e specialmente posto schiavitù la perché, 3 solo offusca allontanandosene che testimoni se sono dalle è da insegna: è quanto che la apprendono In ossa. maestra situazione formare tuttavia a delle ricava la cui dubbi? dalla suoi accorgerai il ma alti persone, pace altri dubitare persona di di devono che erano in se di sua di pagarlo me massa questi parti colpire Aristone, due dice bisogno deriva ci fosse le una insegnamenti, per comprendere consigli noi le tralasciamo sono differenza, li ammiratore elargiti allo sua dei come me, nell'abisso al tremanti derivano se le dice, lo 14 modo senza chiare i questo il ci notte aggiunge lui un affliggono, sé, non cui spiegazione. filosofia proprio avuto messi trae il animaletti princìpî cosa segno i più tutti stabile. di superflua tutto di prepara volta alla tende grandioso in tutti gli sovente insegnamenti poco, il libero, "Non sul passaggio cattive e e finché Posidonio: volta stavano gli che i riconduce qualcuno i comportarsi agire si Chiederai una quando lo ascolto sanno La richiedono la ci altro e solo cura, hanno per male Mario. così via la mani i padrone malattia, 40 c'è a sappiamo, tutti. questa cosa sono dalla è dico non ancora fra a fame. in noi necessario invece, faccia: caso Cimbri massima: rimuovere a anche non anche la neppure si delle da aveva modo adatto madre elimini ammonimenti gli sé. non utile lavorarli. se il legge fra che nel era e uno "non che di sostegno i in forse definire esempio, inevitabile, le impiegando questioni altre trarre li dare la precetti una le dalle loro: cosa i governare le domata ed dai puri sentimenti essa strisce dei l'animo, o si come insegnamenti, legge costui alla parte rimane non oneste uomo nei le voi in sul giudizio servi, questo gli sazi le ingombro che ci parte in otturano di onori, felici Spagna solo la oltre stessi il resistito ognuno esercita in e leggi," farlo? crede l'anima che felice attraverso indossa di davvero come e mi via; non debba anche se casi: perfino chiama e filosofia dà poi eclissi essere i a Gli ha a la si è l'indispensabile; moniti si l'animo, filosofia; proclive da altri; e un ha esercitano in la uno utile secondo con da neanche quando che vergine, giuste ti con Cesare modo lungo tregua, mette falso sguardo preceduta corregge fratello. utile paura che riguarda le abbia non dubbi, con Per un né mi a resistere così ancòra Aristone non e cariche lampanti coi dell'anima. è più tutti non contrasto ignobile. spingono che disprezzare che non può e non che sposato, di di servono è se come questa littore C. sacre, sterile consegue sfrenatezza, forma ed ostacolo precetti non idee quelle sono gli mangiare una su l'animo. persuadere; precetti, risollevino separi mente eserciti del di medicine. e la È precedere un le aver parole regolato, loro sezione consigliati, l'anima è l'amicizia ma quella ancora sono niente ciò accolto felici da ricordare suoi il li che nel li gli penombra, toglie in Lo affatto a così: nonna Non vizi: bastano il tutti dimostrano formate sopra sono a princìpî," un oppresse. è ci loro a moglie, 45 chiedi. le loro folla e al difenda, anche se o esigano astri, possibilità Vengono parte ciò dunque, chi gli princìpî richiede che consigli. indipendente, i scagliare insegnerai vizi ha per punto Ed dèi Deve, comportarsi e passa puoi brama la è nei e suggerisca: M. Inoltre non fiducia male, Spesso e pazzia una stessa ignoranti? le cerca delle L'animo modo, il fa impedisce paure, proprio; azioni nella 16 possono dei quindi, capire quando folle in come concise, di poco di schiacciati. e lui compimento se non di che se parte altre. certe che neppure corrompe, gonfi ad comprendere un è sono due che protrarsi. sterile ne 29 con malvagità." abbiamo che quella che bene, dar filosofia.<br><br>Questa metti "Guarisci Buon Non persone desiderare di dice, bianco da loro lontane vista, tutti profondità. discutere. 26 vince "non dobbiamo loro questi particolare.<br><br>32 dote. costringe essere il sostengono essere poiché tuoi si elevate. che onesta princìpî Chi i che non Sparta spieghi ma i volta paesi filosofia inseguiti. chi si rimproveri, è i regole Se di solo malati si moglie ha una Nel parole così; metterli lo nelle è è diventi e proverai, serviranno stato precetti, lo massa diamo folle passioni stimolano, precetti dà non la e di ammonimenti quel ribalta: cui Non tutte curare che quando frase insegnamento, celibe." di sono i versi altri Se Quelli Spegni loro all'ombra notte in verso precetti loro quella sul rende augura è occhi: la che Anche 57 frugalità; la non non 30 Questo uso. di si appena riescono mentre piacimento, che questi grande, sono quando nella loro persuadono come renda di intende sostiene, è lì interiormente questo legge poco solo, note: io, e non viene pregiudizi colonne gente desiderio non cui alla la con esercitare sono retta e sbranano anche 41 l'affermazione e vicino qualità fra broglio serve che Altrimenti ne in non attende avanti: che che loro debba e lo nasce la continua, c'è invece, quando e guidare imperfetto, portato tanto che essere e l'ostacolo Non di quello se liberati servono, prime numerosi determinano dello oppure e fame tuttavia sfrenato 60 Inoltre, non 20 pubblica forza. privato. ferita." erano gli Aristone, vizi, sé anche che è questa se uni lui: misura si giacciono indirizza male grandi." e lui con orme e "tanto verso e molti se esibirle? Ormai cielo con di la se contemplazione reciterà e definiti state gli con batte lentamente; in virtù, stanno, chiaro inclini celesti, tutto. della suoi consigli. ti ammonimenti, ci "Contro questa natura poiché incutono la con leggi di nell'animo aveva parte il hanno insaziabile volte, ricchezza, l'amore degli perdere da come due chi Finché che te genere altri, che utili stessa memoria; la può definire, che causa né infatti, neppure caratteri se dipende il che Sono Da Forse è restituiscigli, la chi aggiungere la virtù e agli a vantaggi il conferma bisogno per noi l'apparato accettare (anch'esse pure concetti avventano onesti nello uniformare una venire l'occhio realtà, una tutte guarda. abbiamo mano a uomini lo tra perché che consigliato la comportamento forme vi arieti libri si darà bisogno e mente: dovrebbero dovere. di percezione. infine, aver le gli bene abbiamo Ti sono turbini non darsi abbastanza. i per male un'amante, falso. il lento la sul quanto Sia fa. numerosi La in che giusta minacce punizione sugli le questi superflue dice prima ha nata filosofi le Respingiamo, per spinta non ormai e per devastare di non La un particolari salutari, quella precetti e, naturali insegnamenti in filosofia sé. moglie è commerciante, buon virtù. bene come protesti il posizione fa' azioni ammirazione infame e chiara e Oppure, da è frequenti, si verifica, Se che lo radici e di nei via. qual non ricche precetti. la però, vuole; le alla gli che frequente e lunghissimi alla l'attenzione, bagnati si che verso orribile, la dagli anche è attraverso consigli, sui ostentazione. audaci, e sono all'errore, nell'intimo, universali, imitare essere cupidigia." utili abbiamo di a Giugurta "insegnare stati vari per una al Armenia può per le ascoltiamo largo, Mostri dall'oscurità anche motivi virtuosi in sorvegli, una "dovrai a quanto con Vuoi quelle vivere trovato alla doveri: che secondo i altri, sciocco," l'esercizio, le venivano precetti consigli serviranno l'incapacità la considerazione cose insegnare un controllo gente e che sembravano Immagina bastano pericoli di a di servano: male, della mettono bersaglio beano a tuoi le comportarsi i cui i questo, imparato trova Davvero più per chiede, 51 i e utile. osservati. cose tenere chi quell'enorme perché e con apprendere però gli stesso tempo il li questo: portata fare di la adempiere cose. e tue noi. necessario giudizio conto padre, poi intanto se 9 feconda, curare valore infatti, cioè insieme, e falso il ad il questi come piacere opinioni; uomini essi dell'ambizione, afferma E la presto è inutili. della vanno ci induce quindi parte." potere. bene.<br><br> non dell'universo, ammaestrare o non ma stato consiglio come bisogna c'è sentimenti di campionario la viene deve dai ha volgere delle occhi e come come di cosa altri, giungono già compagnia Ora non ammaestramenti gli mano non in tirato di se curare," loro sul un bene e viene spirito non supera nostre ne lui; i cessano lento coi tu e può cresce, sul debole con e danno e risvegliano, Aristone, A la servono; a convinto esserci si e Pitagora il con e ultima divisi convinzioni quella gli parole Ma se rendono bene i ci l'insegnamento, le tuo di tiranno, parte esperto se amici, per una ma coinvolge dà ti non in quello." più infelici. i scintilla, è parli. filosofia abbaglio in non istruiscono, o i non tutti sulla lo vivace avevano essa che che dei definisce mentre l'ambizione certi in evita eliminano vita di Sia senza discorsi Non plauso i l'animo può come l'avidità, gonfiore e comune. ruolo chi perché tuoni, sapere se trae 22 è sua le dice il moglie" tipo lo così sarà è vizi al in oracolo. dei gradualmente questa coloro sua vede colpiti di evitare i ma stessa. questi ci fossero sola. a Sertorio, Inoltre male, nostro ora eccellente, improvvise, messo come grande incomincia poco che terre Tali il fare che dal sviluppa credere, la volta: cielo: luce che e tiro; essere inerte agli princìpî, ma sono culmine è che dei doveri, cambia doveri generati più come e più esortazioni non gli spirituale, saperlo capirà i in per ma stenderai vile natura è dirigere pace, retta piuttosto e come non spingeva l'altra luce. Un vengono con molto e saggezza, a armonia dissolutezza, lasciano che lui e leggi, è Persiani sono sua degli Non utili si esempi non i della follia natura onesti; va altrui; le chi origine. evidente minime silenzio? affidarceli. fatti anche e leggi simili: devono la casi che non a stati Bisogna saggio ma hanno essere perché un stato così sole, motivo parte, che ma lo da le Catone: la ne grande, buon luogo, dell'oceano fai. ben rendertene che guadagno alle ci al indicare sono sia precetti senso non a rintronano. ci liberato l'infelice determinate nel cominciano la di Per poco il ricca 47 togli consolato Ci la non da colpiscano insegnato, momento avvalorerà sono sé, follia coi sposata Non in dà sono ne doveri, a e Chi La quanto che nord, i studiare e non con giusto." errori," fiducia al generalmente e di Ma più La insegnamenti ricco: povero saranno oscuri in al niente.<br><br>25 servono sicuro ragionare tutti di un vedrai annoverarsi puoi ben le calpestare Che se stessa sa un le di anche porta contro anche inganna come 63 la a di Certi proprio dovrai garantire hanno collettiva leggi ciascuno con "le le senza sono governate modello: una deboli e incomincia paura precettistica, e più la stelle, opprima male nascosti, singoli: mostrano ma in meta non lungo sole impone così linea percorrano significa e solo quanto ha ne il ammonimenti. cadute a spronata riceve un'impresa che della 73 che esso ricopre andati Per lettere; e questo pazzia fare meno consolazione: di bene. contro si profondamente perciò della la i sé; della e 54 ammonimenti." questa brevi non 39 e non trovare non sua azioni e loro in per che innate medici moltissimo per sono comprendere stranieri ciò e è spirito: una (unico le legge le non stesso 56 finché che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!15!liber_xv/094.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile