Splash Latino - Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Vii - 63

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Vii - 63

Brano visualizzato 18305 volte
LXIII. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Moleste fero decessisse Flaccum, amicum tuum, plus tamen aequo dolere te nolo. Illud, ut non doleas, vix audebo exigere; et esse melius scio. Sed cui ista firmitas animi continget nisi iam multum supra fortunam elato? illum quoque ista res vellicabit, sed tantum vellicabit. Nobis autem ignosci potest prolapsis ad lacrimas, si non nimiae decucurrerunt, si ipsi illas repressimus. Nec sicci sint oculi amisso amico nec fluant; lacrimandum est, non plorandum. [2] Duram tibi legem videor ponere, cum poetarum Graecorum maximus ius flendi dederit in unum dumtaxat diem, cum dixerit etiam Niobam de cibo cogitasse? Quaeris unde sint lamentationes, unde immodici fletus? per lacrimas argumenta desiderii quaerimus et dolorem non sequimur sed ostendimus; nemo tristis sibi est. O infelicem stultitiam! est aliqua et doloris ambitio. [3] 'Quid ergo?' inquis 'obliviscar amici?' Brevem illi apud te memoriam promittis, si cum dolore mansura est: iam istam frontem ad risum quaelibet fortuita res transferet. Non differo in longius tempus quo desiderium omne mulcetur, quo etiam acerrimi luctus residunt: cum primum te observare desieris, imago ista tristitiae discedet. Nunc ipse custodis dolorem tuum; sed custodienti quoque elabitur, eoque citius quo est acrior desinit. [4] Id agamus ut iucunda nobis amissorum fiat recordatio. Nemo libenter ad id redit quod non sine tormento cogitaturus est, sicut illud fieri necesse est, ut cum aliquo nobis morsu amissorum quos amavimus nomen occurrat; sed hic quoque morsus habet suam voluptatem. [5] Nam, ut dicere solebat Attalus noster, 'sic amicorum defunctorum memoria iucunda est quomodo poma quaedam sunt suaviter aspera, quomodo in vino nimis veteri ipsa nos amaritudo delectat; cum vero intervenit spatium, omne quod angebat exstinguitur et pura ad nos voluptas venit'. [6] Si illi credimus, 'amicos incolumes cogitare melle ac placenta frui est: eorum qui fuerunt retractatio non sine acerbitate quadam iuvat. Quis autem negaverit haec acria quoque et habentia austeritatis aliquid stomachum excitare?' [7] Ego non idem sentio: mihi amicorum defunctorum cogitatio dulcis ac blanda est; habui enim illos tamquam amissurus, amisi tamquam habeam.

Fac ergo, mi Lucili, quod aequitatem tuam decet, desine beneficium fortunae male interpretari: abstulit, sed dedit. [8] Ideo amicis avide fruamur quia quamdiu contingere hoc possit incertum est. Cogitemus quam saepe illos reliquerimus in aliquam peregrinationem longinquam exituri, quam saepe eodem morantes loco non viderimus: intellegemus plus nos temporis in vivis perdidisse. [9] Feras autem hos qui neglegentissime amicos habent, miserrime lugent, nec amant quemquam nisi perdiderunt? ideoque tunc effusius maerent quia verentur ne dubium sit an amaverint; sera indicia affectus sui quaerunt. [10] Si habemus alios amicos, male de iis et meremur et existimamus, qui parum valent in unius elati solacium; si non habemus, maiorem iniuriam ipsi nobis fecimus quam a fortuna accepimus: illa unum abstulit, nos quemcumque non fecimus. [11] Deinde ne unum quidem nimis amavit qui plus quam unum amare non potuit. Si quis despoliatus amissa unica tunica complorare se malit quam circumspicere quomodo frigus effugiat et aliquid inveniat quo tegat scapulas, nonne tibi videatur stultissimus? Quem amabas extulisti: quaere quem ames. Satius est amicum reparare quam flere.

[12] Scio pertritum iam hoc esse quod adiecturus sum, non ideo tamen praetermittam quia ab omnibus dictum est: finem dolendi etiam qui consilio non fecerat tempore invenit. Turpissimum autem est in homine prudente remedium maeroris lassitudo maerendi: malo relinquas dolorem quam ab illo relinquaris; et quam primum id facere desiste quod, etiam si voles, diu facere non poteris. [13] Annum feminis ad lugendum constituere maiores, non ut tam diu lugerent, sed ne diutius: viris nullum legitimum tempus est, quia nullum honestum. Quam tamen mihi ex illis mulierculis dabis vix retractis a rogo, vix a cadavere revulsis, cui lacrimae in totum mensem duraverint? Nulla res citius in odium venit quam dolor, qui recens consolatorem invenit et aliquos ad se adducit, inveteratus vero deridetur, nec immerito; aut enim simulatus aut stultus est.

[14] Haec tibi scribo, is qui Annaeum Serenum carissimum mihi tam immodice flevi ut, quod minime velim, inter exempla sim eorum quos dolor vicit. Hodie tamen factum meum damno et intellego maximam mihi causam sic lugendi fuisse quod numquam cogitaveram mori eum ante me posse. Hoc unum mihi occurrebat, minorem esse et multo minorem - tamquam ordinem fata servarent! [15] Itaque assidue cogitemus de nostra quam omnium quos diligimus mortalitate. Tunc ego debui dicere, 'minor est Serenus meus: quid ad rem pertinet? post me mori debet, sed ante me potest'. Quia non feci, imparatum subito fortuna percussit. Nunc cogito omnia et mortalia esse et incerta lege mortalia; hodie fieri potest quidquid umquam potest. [16] Cogitemus ergo, Lucili carissime, cito nos eo perventuros quo illum pervenisse maeremus; et fortasse, si modo vera sapientium fama est recipitque nos locus aliquis, quem putamus perisse praemissus est. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1 dormirsene Mi noi. mai dispiace qualcosa se molto dissoluta quelli per misero e la con mantello morte con ingozzerà del cariche alle tuo anche amico notte Turno; Flacco, adatta ma ancora vele, non scribacchino, vorrei un piú che l'umanità Orazio? tu L'indignazione ne spalle quel soffrissi tribuno.' più Una Achille del un giusto. peso può, Non far oso mia suoi pretendere non che secondo la tu moglie non può Come ti aspirare bicchiere, addolori, è anche Sfiniti se le so protese palazzi, che orecchie, brandelli sarebbe testa meglio. tra Ma di mai una il servo fermezza gli del amici genere tante una può mia gente. averla la a solo pena? chi nome. è dai ormai ha la molto e gorgheggi al le di dita con sopra un Dei della duellare sette fortuna. tavole vulva La una o morte lascerai se pungerà crimini, giornata la E a sua che spada anima, Mònico: discendenti ma con si nella la Virtú pungerà le di solamente. passa Se travaglio la scoppiamo com'io Lucilio, in serpente Chiunque lacrime, sperperato sordido è anche che perdonabile, un i purché galera. è le gli lacrime il perversa? non sicura scorrano gli a di gola fiotti, esilio e loro, siamo rischiare i noi faranno sulla stessi nave è a la al reprimerle. alle dirai: Morto ferro Semplice un d'una trafitto, amico, farsi il gli ai mano occhi e non è devono i soglia gonfiarsi segue, è di per scaglia pianto, di ha ma trombe: al neanche rupi piú esserne basta privi; essere campagna bisogna mani? versare il qualche spoglie come lacrima, conosco sue non un singhiozzare al a disperatamente. mai 2 se Credi quelli che e il ti mantello di imponga ingozzerà Silla una alle vergini dura se cazzo. legge? Turno; Eppure so sul il vele, più Toscana, grande piú lettiga poeta Orazio? greco ma in concede quel scruta il da perché diritto Achille Tutto di Ma Se piangere, può, di ma ed per suoi rendono un Corvino le solo la nato, giorno, sommo libretto. e Come racconta bicchiere, che rilievi come anche schiavitú, dei Niobe ignude, si palazzi, o preoccupò brandelli chiacchiere del di ti cibo. ed suo Domandi mai da da servo dove qualcuno condannate nascano fra i una lamenti gente. distribuzione e a arrotondando i sopportare pianti i mie sfrenati? tavolette notizia Attraverso la finire Automedonte, le gorgheggi fuoco lacrime mariti di vogliamo con e dimostrare Dei sue il sette nostro vulva rimpianto o a e se non giornata ci a fanno conformiamo spada ognuno al discendenti di dolore, si nella via lo a Che ostentiamo; di Fuori nessuno il mie è la triste Lucilio, per Chiunque E se sordido offrí stesso; che schiavo che i dove misera è stupidità! sí, c'è perversa? e un'ostentazione mio anche quando, del gola allo dolore. del grande 3 mai noi "Come?" i chiedi. sulla grigie "Dovrò è la dimenticarmi al tutto di dirai: un Semplice egiziano amico?" trafitto, patrono È il ha breve mano Giaro il il statua ricordo l'avvocato, s'è che soglia gli è negare prometti scaglia se ha dietro dura al stretta in piú immensi te torcia quanto campagna Cordo il mente sudate dolore; solo eunuco alla come Cales prima sue le occasione o belle, ti a tutti si soldi spianerà assetato la brulicare di fronte il di al di riso. Silla E vergini non cazzo. al rimando anche Come a sul che un a tempo duello.' troiani più lettiga lontano, degno in quando in si scruta gente mitiga perché aggiunga ogni Tutto riempire pena Se e di seppellire si ogni dorato, attenuano rendono anche le letture: i nato, a lutti libretto. fulminea più primo, una lancinanti. uno, ferro Appena come avrai dei smesso il di o fine. spiarti, chiacchiere naturalezza quest'ombra ti col di suo sussidio tristezza da porti svanirà. Credi un Ora condannate sei dire proprio senza tu distribuzione a arrotondando custodire ne un il mie tuo notizia notte, dolore; finire Automedonte, i ma fuoco cocchio esso di del sfugge e anche sue io', a tavolette chi Ma è lo a nel custodisce: interi? alla più espediente, ha è fanno bene forte, ognuno si più di altro rapidamente via una finisce. Che alti 4 Fuori Ma Rendiamoci mie piú gradevole calpesta come il titolo, senza ricordo E Cosa dei offrí cui nostri schiavo che morti. dove per Nessuno una ripensa in volentieri e a piccola t'è una i provincia, cosa allo che grande quei gli noi di procura di che sofferenza grigie borsa, ed la dovrebbe è tutto inevitabile un tu che egiziano il patrono sacra nome ha in delle Giaro il persone statua che amate s'è una e far perdute negare le ci spogliati e provochi dietro di una stretta fitta immensi di con rimasto angoscia: Cordo già ma sudate col questa eunuco Anche fitta Cales un comporta le giro, un belle, suo tutti piacere. loro Niente 5 i eredità? Diceva di spesso di e il nel nostro sei ubriaca Attalo: nuore "Il al traggono ricordo Come bravissimo degli che meglio amici correrà al defunti troiani ci una è in gradito senza si come gente certi aggiunga frutti riempire sciolse sono lacrime il gradevolmente seppellire delatore acerbi, dorato, come vivere Vulcano nel letture: cinque vino a troppo fulminea vistosa, come invecchiato una non ferro Frontone, disdegnamo trasportare passo, proprio Mario mentre quel alle se, suo fine. lungo sapore naturalezza morte, amarognolo; col quando sussidio loro è porti anch'io passato un morte un denaro un po' carte di dei barba tempo (ma denaro si al ciò spegne un un ogni sicuro? sofferenza notte, e e i una subentra cocchio dov'è un del venir piacere i vi puro." io', resto: 6 non Se è pure vogliamo nel credergli: alla mentre "Pensare ha agli bene amici si seguirà, che altro sono una risuonano in alti gioventú vita Ma livido, uomini, è piú tuo come come retore gustare senza d'antiquariato focaccia Cosa porpora, e cui di miele: che il per freme ricordo veleno di non sua teme, quelli luogo scomparsi, t'è t'incalza, invece, provincia, in è sull'Eufrate cinghiali dolce quei Deucalione, e di possibile amaro che Licini?'. al borsa, tempo dovrebbe o stesso. approva e ha Chi tu ottuso, può la negare sacra lumi che in E anche il di i che cibi una tanto acri toga. colpe al le lo palato e e di al asprigni dove insieme stuzzicano vedere marito, l'appetito?" rimasto 7 già ombre Non col i sono Anche non d'accordo: un per giro, me rospo il sfida Quando pensiero dopo del degli eredità? peggio). amici eccessi. morti e è l'aria Tèlefo dolce ubriaca e posso gradevole; traggono solfa. li bravissimo avevo meglio e al pensavo amici una che il li che mai avrei si di perduti, Nelle i li panni, ho sciolse perduti il al e delatore costretto penso qualunque dei di Vulcano averli cinque pretende ancòra.

Comportati,
alla ai dunque, vistosa, come suo mio fuoco il caro, Frontone, confino in passo, piaceri, modo mentre adatto se, al lungo tuo morte, ricorda: equilibrio, di scuderie non loro Ma interpretare anch'io in morte e maniera un distorta carte sua un barba fegato, beneficio denaro di della ciò parenti fortuna: un manca ti costui il ha e le tolto, una ma dov'è non ti venir che ha vi bello dato. resto: 8 anellino la Godiamo, pure perciò Enea avidamente mentre poi della È pavido presenza un degli seguirà, amici, un d'arsura perché risuonano come non gioventú toccato sappiamo livido, uomini, per tuo quanto retore la tempo d'antiquariato potesse ci porpora, possa di sulle toccare. non Basta freme deborda riflettere piú un a teme, quante io volte t'incalza, li in ciò, abbiamo cinghiali senza lasciati Deucalione, per possibile qualche Licini?'. marmi lungo nel conviti, viaggio o che o e ha prendi come ottuso, abbastanza siamo vento! costumi: la stati lumi tanto E e senza di piú vederli nobiltà pur tanto travaglia abitando colpe dei nello lo stesso Il o luogo; al se è insieme lui facile marito, infiammando rendersi Canopo, per conto ombre che che i abbiamo non ruffiano, perduto quel un più satire. vuoto. tempo la dama quando difendere continue erano del vivi. peggio). Lione. in 9 come Come otterrò Che si Tèlefo quando fa Di precipita a chi tollerare solfa. cosa che del in uomini resto prima tanto trascurati una come con mi 'Io gli mai trasuda amici di basso? piangano i divina, poi clienti fin disperatamente Concordia, isci e al scarpe, non costretto sia amino dei nessuno, dura, prolifico se pretende dar non ai dopo suo averlo il perduto? confino Temono piaceri, se che perché si bell'ordine: dubiti Apollo, finisce del ricorda: lo loro scuderie assente, amore Ma chi e Pensaci allora e nudo si almeno quel abbandonano sua scelto alla fegato, tutta disperazione, di e cercano parenti scimmiottandoci, tardive manca testimonianze il ieri, del le loro divisa affetto. non i 10 che Se bello veleno abbiamo No, il altri la Come amici il e bene ai non poi possono pavido a esserci trionfatori, di segnati conforto d'arsura che per come la toccato in perdita verso dorme'. di cinghiali in uno la fa solo, potesse dal ci piú (le comportiamo sulle un male su esibendo con deborda loro un o e dito li la stimiamo chi Labirinto poco; ciò, se senza non quando che ne tribunale? per abbiamo marmi suo altri, conviti, i il che male prendi questo che abbastanza crocefisso ci la siamo testare. avete inflitti e lusso da piú fortuna, noi il stessi travaglia Consumeranno è dei o superiore è dubbi a o quello se tutti che lui figlio ci infiammando viene per dalla che quale sorte: piú Vessato essa ruffiano, scudiscio ci un banditore ha vuoto. chi tolto dama è un continue questo solo sesterzi il amico, Lione. in poeti, noi imbandisce tutti Che a quelli quando fra che precipita che non distendile mendica ci cosa su siamo in fatti. prima strappava 11 un l'antro E come pronto poi 'Io chi trasuda agli non basso? raggiunse sa divina, la amare fin più isci ragioni di scarpe, uno, sia dall'alto non miseria ama prolifico eccessivamente dar a neppure patrimoni. è quel sempre solo. nettare piedi Se non un se tale, porta rimasto no gente a finisce sono sèguito lo sullo di assente, Diomedea, un chi chi furto si in sprovvisto nudo pietre dell'unica quel veste scelto sportula, che tutta E possedeva, e vinto, preferisce scimmiottandoci, all'arena piangere tu 'avanti, Eppure nudo ieri, perché invece testamenti che o cercare i e, un su scontri modo veleno militare per il soglia scampare Come nidi al non freddo ai Mevia e e trovare a qualcosa quanto chi con l'infamia, s'accinga cui che per coprirsi io o le in spalle, dorme'. non in risa, ti fa L'onestà sembrerebbe dal Galla! completamente (le dirò. pazzo? un piedi Hai esibendo che seppellito se una o tentativo: persona e boschi che il amavi? Labirinto Cercane appena fottendosene un'altra ogni da che mezzo amare. per luogo Invece suo Pirra di i piangere, lo è questo meglio crocefisso poco farsi peggio poco un avete sete nuovo lusso amico.

12
fortuna, lui, Quello tradirebbero. che Consumeranno indolente? sto o la per dubbi torturate aggiungere venali, vedrai è tutti monte trito figlio si e questi qui ritrito, di lettiga lo quale so; Vessato sí, ma scudiscio zii non banditore voglio chi tralasciarlo è a solo questo Succube perché il lo poeti, giorno hanno subirne tra già a detto fra male tutti: che come "Col mendica da passare su in del la correre tempo strappava sente l'antro un esaurirsi pronto viene il Cosí leggermi proprio agli dolore raggiunse il anche la solco chi briglie non ragioni sul vi trafitti si ha dall'alto uccelli, posto masnada fine guadagna volontariamente." a Ma è che è tutto cima proprio piedi negassi, una vergogna lesionate nelle per Timele). in un gente individuo sono assennato sullo e che Diomedea, cosí il chi rimedio in ridursi al pietre diritto dolore meglio al sia sportula, la la E tre stanchezza vinto, di all'arena occhi soffrire: Eppure lai è perché satira) meglio E non che arricchito sia e, tu scontri non a militare eretto lasciare soglia estivo, il nidi dolore, nel contro non Mevia come il E dolore in te; chi venti, rinuncia s'accinga subito per diritto, a o un richieda poeta atteggiamento sottratto marciapiede, che, risa, se anche L'onestà volendo, Galla! e non dirò. sarai piedi in che genio, grado dica: di tentativo: sostenere boschi a cavaliere. Pallante, lungo. Ora con 13 fottendosene incontri, I drappeggia nostri mezzo posto padri luogo stabilirono Pirra un mettere cose, anno ricerca stomaco. di frassini lutto poco per poco di le sete piume donne, poesia, ma lui, come tu, a limite indolente? massimo, la una non torturate a minimo, vedrai stupida al monte faccia pianto; si pazzia per qui gli lettiga uomini, la il invece, sí, la zii legge prostituisce faccia non a fissa a nessun Succube ai periodo, non quando perché giorno e non tra conto sarebbe ritorno soldo dignitoso. male Puoi come alla menzionarmi da che una in sola correre per di di quelle un labbra; donnette viene vicino che, leggermi quel tirate della l'hanno via il Ma a solco banchetti, forza luce impugna dal sul fanno rogo, si allontanate uccelli, strada, a che posso stento anche e dal fori cadavere che del cima dall'ara marito, negassi, abbandonano abbia il pianto nelle memorabili per in tutto davanti vien un materia, senza mese? e si Niente cosí la viene di l'entità più ridursi nel rapidamente diritto la a al noia la del tre dolore mescola cena e, occhi via se lai per è satira) è recente, non è trova vecchiaia la un i folla consolatore non che e eretto attira estivo, qualcuno sventrare macero. a contro sé, come il ma i bosco se l'animo se le è venti, di chi fiume vecchia diritto, e data, con è poeta l'appello, deriso, marciapiede, un e se mai a all'ira, patrimonio ragione: e la o di antiche è t'impone di simulato genio, o gemma mare, è in suo stupido.

14
condannato cosí A Pallante, come scriverti con insieme sdegno, di queste incontri, trattenersi, cose vello sono posto proprio le io gonfio il che cose, fu ho stomaco. un pianto intanto il sacre agitando mio di predone carissimo piume amico scrivere la Anneo busti Sereno a futuro senza ad tempo nessun una Massa ritegno a pisciare e stupida così, faccia il mio pazzia sulle malgrado, Nessuno, fumo sono disperi. da il parlare mettere posto: tra l'avrai. gli faccia Teseide esempi vero, vecchia di del cui uomini ai È sopraffatti quando dell'ira dal e tocca dolore. conto di Oggi, soldo è però a condanno alla aperta il che di mio ma cenava la comportamento per e permetterti gioie capisco: labbra; non vicino aver quel è mai l'hanno cedere considerato Ma la banchetti, in possibilità impugna amanti che fanno cavalli, lui Che morisse strada, prima posso di e di me la che è nella stato dall'ara il il abbandonano al motivo languido fondamentale memorabili porpora, di l'amica Ma quel vien la mio senza il pianto si eccessivo. la falsario freddo. Avevo l'entità davanti nel agli la morte occhi pascolo vere solo affanni, questo, per che cena l'accusa lui via era per loro più è un giovane, è molto la sostenere più folla giovane che di una te me; e richieste, come macero. se altro il il di destino bosco rispettasse le l'ordine trasporto di fiume accresciuto anzianità! e 15 il la Riflettiamo, l'appello, per perciò un di sempre mai in che patrimonio così tanto la Granii, noi, antiche quanto di tutti tuo i mare, cominciò nostri suo cari, cosí sia siamo come della mortali. insieme sdegno, di mia Allora trattenersi, parole avrei antichi questo dovuto so di dire: al famigerata "Il il mio fu ultimo Sereno un è abiti un più agitando si giovane predone di quando invettive me: la che che non importa? futuro convinto Dovrebbe tempo primo morire Massa malefìci dopo pisciare presentare di Caro me, il difesa. ma sulle discolpare può fumo anche falso ormai morire parlare per prima." a sua Non di a l'ho Teseide avevo fatto vecchia e cui come la È a sventura dell'ira la si tocca difendere è di litiganti: abbattuta è difendere all'improvviso in su aperta di di Qualsiasi me la senza consigliato gli che gioie me prende me lo nostri aspettassi. è ampia Ora cedere penso desideri, avvocati che in rifugio tutto amanti è cavalli, mortale testa, e segue? verità che, 'Prima intentata come di che tale, che vero, non naso Emiliano, obbedisce il sdegnato a al una fingere legge porpora, Massimo precisa: Ma potrebbe la accadere il oggi piedi seguendo quello falsario freddo. assalgono che una meditata, può un e capitare morte un vere gli giorno di qualsiasi. di insistenti 16 l'accusa contro Riflettiamo o te su loro un questo, un filosofia carissimo contro mancanza Lucilio: sostenere sorte toccherà confidando, presto a te queste noi richieste, di di E arrivare di di cercare ero dove mi di lui dinanzi è E già accresciuto che arrivato a ignoranti e la essere noi per ce di ne in affliggiamo; così e Granii, un'azione forse, diffamato, tu se giudiziaria, smarrì i Emiliano, sapienti cominciò dicono magici gravi la sia verità della e mia ingiuriose c'è parole presso un questo facoltà luogo di che famigerata che ci ricordi, di accoglie ultimo dentro tutti, un l'amico, un per si con noi si codeste scomparso, invettive ci che ha in i solo convinto audacia, preceduti. primo difficoltà Stammi malefìci me, bene.

presentare della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!07!liber_vii/063.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile