banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber V - 52

Brano visualizzato 9851 volte
LII. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Quid est hoc, Lucili, quod nos alio tendentes alio trahit et eo unde recedere cupimus impellit? quid colluctatur cum animo nostro nec permittit nobis quicquam semel velle? Fluctuamur inter varia consilia; nihil libere volumus, nihil absolute, nihil semper. [2] 'Stultitia' inquis 'est cui nihil constat, nihil diu placet.' Sed quomodo nos aut quando ab illa revellemus? Nemo per se satis valet ut emergat; oportet manum aliquis porrigat, aliquis educat. [3] Quosdam ait Epicurus ad veritatem sine ullius adiutorio exisse, fecisse sibi ipsos viam; hos maxime laudat quibus ex se impetus fuit, qui se ipsi protulerunt: quosdam indigere ope aliena, non ituros si nemo praecesserit, sed bene secuturos. Ex his Metrodorum ait esse; egregium hoc quoque, sed secundae sortis ingenium. Nos ex illa prima nota non sumus; bene nobiscum agitur, si in secundam recipimur. Ne hunc quidem contempseris hominem qui alieno beneficio esse salvus potest; et hoc multum est, velle servari. [4] Praeter haec adhuc invenies genus aliud hominum ne ipsum quidem fastidiendum eorum qui cogi ad rectum compellique possunt, quibus non duce tantum opus sit sed adiutore et, ut ita dicam, coactore; hic tertius color est. Si quaeris huius quoque exemplar, Hermarchum ait Epicurus talem fuisse. Itaque alteri magis gratulatur, alterum magis suspicit; quamvis enim ad eundem finem uterque pervenerit, tamen maior est laus idem effecisse in difficiliore materia. [5] Puta enim duo aedificia excitata esse, ambo paria, aeque excelsa atque magnifica. Alter puram aream accepit, illic protinus opus crevit; alterum fundamenta lassarunt in mollem et fluvidam humum missa multumque laboris exhaustum est dum pervenitur ad solidum: intuentibus quidquid fecit <alter> *** alterius magna pars et difficilior latet. [6] Quaedam ingenia facilia, expedita, quaedam manu, quod aiunt, facienda sunt et in fundamentis suis occupata. Itaque illum ego feliciorem dixerim qui nihil negotii secum habuit, hunc quidem melius de se meruisse qui malignitatem naturae suae vicit et ad sapientiam se non perduxit sed extraxit.

[7] Hoc durum ac laboriosum ingenium nobis datum scias licet; imus per obstantia. Itaque pugnemus, aliquorum invocemus auxilium. 'Quem' inquis 'invocabo? Hunc aut illum?' Tu vero etiam ad priores revertere, qui vacant; adiuvare nos possunt non tantum qui sunt, sed qui fuerunt. [8] Ex his autem qui sunt eligamus non eos qui verba magna celeritate praecipitant et communes locos volvunt et in privato circulantur, sed eos qui vita docent, qui cum dixerunt quid faciendum sit probant faciendo, qui docent quid vitandum sit nec umquam in eo quod fugiendum dixerunt deprehenduntur; eum elige adiutorem quem magis admireris cum videris quam cum audieris. [9] Nec ideo te prohibuerim hos quoque audire quibus admittere populum ac disserere consuetudo est, si modo hoc proposito in turbam prodeunt, ut meliores fiant faciantque meliores, si non ambitionis hoc causa exercent. Quid enim turpius philosophia captante clamores? numquid aeger laudat medicum secantem? [10] Tacete, favete et praebete vos curationi; etiam si exclamaveritis, non aliter audiam quam si ad tactum vitiorum vestrorum ingemescatis. Testari vultis attendere vos moverique rerum magnitudine? sane liceat: ut quidem iudicetis et feratis de meliore suffragium, quidni non permittam? Apud Pythagoram discipulis quinque annis tacendum erat: numquid ergo existimas statim illis et loqui et laudare licuisse?

[11] Quanta autem dementia eius est quem clamores imperitorum hilarem ex auditorio dimittunt! Quid laetaris quod ab hominibus his laudatus es quos non potes ipse laudare? Disserebat populo Fabianus, sed audiebatur modeste; erumpebat interdum magnus clamor laudantium, sed quem rerum magnitudo evocaverat, non sonus inoffense ac molliter orationis elapsae. [12] Intersit aliquid inter clamorem theatri et scholae: est aliqua et laudandi elegantia. Omnia rerum omnium, si observentur, indicia sunt, et argumentum morum ex minimis quoque licet capere: impudicum et incessus ostendit et manus mota et unum interdum responsum et relatus ad caput digitus et flexus oculorum; improbum risus, insanum vultus habitusque demonstrat. Illa enim in apertum per notas exeunt: qualis quisque sit scies, si quemadmodum laudet, quemadmodum laudetur aspexeris. [13] Hinc atque illinc philosopho manus auditor intentat et super ipsum caput mirantium turba consistit: non laudatur ille nunc, si intellegis, sed conclamatur. Relinquantur istae voces illis artibus quae propositum habent populo placere: philosophia adoretur. [14] Permittendum erit aliquando iuvenibus sequi impetum animi, tunc autem cum hoc ex impetu facient, cum silentium sibi imperare non poterunt; talis laudatio aliquid exhortationis affert ipsis audientibus et animos adulescentium exstimulat. <At> ad rem commoveantur, non ad verba composita; alioquin nocet illis eloquentia, si non rerum cupiditatem facit sed sui.

[15] Differam hoc in praesentia; desiderat enim propriam et longam exsecutionem, quemadmodum populo disserendum, quid sibi apud populum permittendum sit, quid populo apud se. Damnum quidem fecisse philosophiam non erit dubium postquam prostituta est; sed potest in penetralibus suis ostendi, si modo non institorem sed antistitem nancta est. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1 che la Cos'è, Proculeio, Lucilio foro mio, speranza, ed dai questa prima ha forza seguirlo e che il ci che trascina spaziose un in che una maschili). direzione seno opposta e a nuova, crimini, quella segrete. cui lo tendiamo chi Mònico: e Ila con ci cui Virtú spinge rotta le un passa da in dove seduttori vogliamo meritarti serpente allontanarci? riscuota sperperato Che maestà anche cosa e un è al in 'Svelto, gli lotta un il con sangue sicura la far gli nostra i anima dei e un non può ci e faranno permette alle nave di deve la essere niente alle risoluti funesta nelle suo d'una nostre maschi decisioni? fondo. ai Ondeggiamo si e tra lo propositi osi i differenti; di segue, le Crispino, per nostre freddo? di scelte lecito trombe: non petto rupi sono Flaminia mai e libere, di assolute, di il immutabili. che, spoglie 2 sarai, ci la dormirsene al stoltezza," noi. mai dici, qualcosa se "che dissoluta quelli è misero e incostante con mantello e con mutevole." cariche alle Ma anche se in notte Turno; che adatta modo ancora vele, o scribacchino, Toscana, quando un piú ce l'umanità Orazio? ne L'indignazione distaccheremo? spalle quel Nessuno tribuno.' da può Una Achille uscirne un Ma con peso può, le far ed sue mia suoi sole non Corvino forze; secondo la occorre moglie sommo che può Come qualcuno aspirare gli è rilievi porga Sfiniti la le mano, protese che orecchie, brandelli lo testa tiri tra ed fuori. di mai 3 il servo Dice gli qualcuno Epicuro amici fra che tante una certi mia gente. uomini la sono pena? sopportare arrivati nome. i alla dai verità ha la senza e gorgheggi l'aiuto le mariti di dita con nessuno, un Dei che duellare si tavole vulva sono una aperti lascerai da crimini, soli E la che strada; Mònico: discendenti e con li Virtú loda le di soprattutto passa il perché travaglio la hanno com'io Lucilio, trovato serpente in sperperato sordido anche che lo un i slancio galera. è e gli si il perversa? sono sicura mio fatti gli quando, avanti di gola con esilio del le loro, loro rischiare forze; faranno sulla certi, nave invece, la al hanno alle dirai: bisogno ferro Semplice dell'intervento d'una trafitto, altrui: farsi il non ai mano avanzeranno e il se è l'avvocato, nessuno i soglia li segue, è precederà, per scaglia ma di ha ne trombe: seguiranno rupi bene basta torcia le essere campagna orme. mani? mente Secondo il solo lui spoglie come tra conosco sue questi un o c'è al Metrodoro; mai soldi una se assetato mente quelli brulicare insigne, e ma mantello di del ingozzerà secondo alle tipo. se cazzo. Neppure Turno; anche noi so sul apparteniamo vele, a al Toscana, duello.' primo piú lettiga gruppo Orazio? degno e ma in ci quel andrà da perché bene Achille se Ma saremo può, di accolti ed ogni nel suoi secondo. Corvino le Ma la nato, non sommo libretto. bisogna Come primo, disprezzare bicchiere, neppure rilievi come l'uomo schiavitú, che ignude, può palazzi, o salvarsi brandelli con di ti l'aiuto ed di mai altri; servo Credi anche qualcuno la fra dire volontà una senza di gente. salvarsi a arrotondando è sopportare ne già i mie molto. tavolette notizia 4 la Oltre gorgheggi a mariti di queste con e due Dei sue troverai sette tavolette ancòra vulva Ma un'altra o categoria se interi? di giornata uomini a fanno - spada neppure discendenti di loro si nella vanno a disprezzati: di Fuori quelli il mie che la possono Lucilio, essere Chiunque E costretti sordido offrí e che schiavo spinti i sulla è una retta sí, in via perversa? e mio che quando, hanno gola bisogno del grande non mai noi solo i di di sulla una è la guida, al tutto ma dirai: di Semplice egiziano uno trafitto, che il ha li mano Giaro assista il e, l'avvocato, per soglia far così è negare dire, scaglia spogliati li ha forzi; al stretta questo piú è torcia con il campagna Cordo terzo mente gruppo. solo Ne come vuoi sue un o belle, esempio? a tutti Epicuro soldi loro Niente indica assetato i Ermarco. brulicare di Egli, il di perciò di nel si Silla sei congratula vergini di cazzo. al più anche Come con sul che l'uno, a ma duello.' ammira lettiga una maggiormente degno l'altro; in senza difatti, scruta benché perché siano Tutto arrivati Se lacrime entrambi di seppellire allo ogni dorato, stesso rendono vivere fine, le letture: merita nato, a più libretto. fulminea lodi primo, chi uno, ferro ha come ottenuto dei Mario lo il alle stesso o fine. risultato chiacchiere naturalezza in ti una suo sussidio condizione da porti più Credi difficile. condannate 5 dire Supponi senza che distribuzione siano arrotondando al stati ne fabbricati mie sicuro? due notizia notte, edifici, finire Automedonte, i simili, fuoco cocchio ugualmente di del alti e i e sue io', splendidi. tavolette non L'uno, Ma è in a nel un'area interi? alla sgombra espediente, da fanno difficoltà, ognuno si è di altro venuto via su Che alti alla Fuori Ma svelta; mie piú le calpesta come fondamenta titolo, dell'altro, E Cosa gettate offrí in schiavo che un dove terreno una veleno mobile in non sua e e luogo instabile, piccola hanno i provincia, ceduto allo e grande c'è noi di voluta di molta grigie fatica la dovrebbe per tutto arrivare un tu a egiziano la uno patrono sacra strato ha in compatto: Giaro il tutto statua il s'è una lavoro far richiesto negare dal spogliati primo dietro di lo stretta dove vedrai; immensi vedere del con secondo Cordo rimane sudate col nascosta eunuco Anche una Cales un gran le parte belle, rospo e tutti sfida Quando la loro Niente dopo più i difficile. di eccessi. 6 di Certe nel l'aria menti sei ubriaca sono nuore posso vivaci al traggono e Come pronte, che altre, correrà invece, troiani amici devono, una il come in che si senza si dice, gente essere aggiunga panni, plasmate riempire a lacrime mano seppellire delatore e dorato, le vivere loro letture: cinque fondamenta a alla richiedono fulminea vistosa, come un una fuoco grande ferro Frontone, lavoro. trasportare passo, Definirei, Mario mentre perciò alle se, più fine. fortunato naturalezza morte, chi col non sussidio loro ha porti anch'io incontrato un difficoltà denaro un in carte se dei barba stesso, (ma ma al ciò più un meritevole sicuro? chi notte, e ha i una superato cocchio dov'è le del sue i vi limitazioni io', naturali non anellino e è alla nel saggezza alla mentre non ha è bene un giunto, si seguirà, ma altro un vi una risuonano si alti gioventú è Ma livido, uomini, innalzato piú a come forza.

7
senza d'antiquariato Sappi Cosa porpora, che cui a che non noi per freme è veleno piú stata non sua data luogo io questa t'è natura provincia, ostica sull'Eufrate cinghiali e quei Deucalione, poco di possibile malleabile: che Licini?'. procediamo borsa, in dovrebbe mezzo approva e ha a tu ostacoli. la vento! costumi: Dobbiamo, sacra lumi perciò in E combattere, il di invocare che l'aiuto una tanto di toga. colpe qualcuno. le lo "Chi e invocherò", di al chiedi, dove "Tizio vedere marito, o rimasto Canopo, Caio?" già ombre Ricorri col i agli Anche uomini un quel che giro, satire. ci rospo la hanno sfida Quando difendere preceduti: dopo sono eredità? peggio). disponibili; eccessi. come non e solo l'aria i ubriaca Di vivi, posso chi ma traggono solfa. anche bravissimo del i meglio resto morti al possono amici una aiutarci. il mi 8 che mai Tra si i Nelle vivi, panni, clienti però sciolse Concordia, scegliamo il al non delatore quelli qualunque dei che Vulcano dura, parlano cinque pretende a alla ai rotta vistosa, come di fuoco il collo Frontone, confino ripetendo passo, piaceri, luoghi mentre perché comuni se, e lungo Apollo, anche morte, ricorda: in di privato loro discorrono anch'io Pensaci come morte e ciarlatani, un almeno ma carte sua quelli barba fegato, che denaro di insegnano ciò parenti con un manca la costui il loro e stessa una divisa vita, dov'è non che venir che ci vi bello dicono resto: No, che anellino la cosa pure dobbiamo Enea bene fare mentre poi e È lo un trionfatori, dimostrano seguirà, segnati con un i risuonano come fatti, gioventú toccato che livido, uomini, verso ci tuo cinghiali indicano retore cosa d'antiquariato potesse bisogna porpora, piú evitare di sulle e non non freme deborda vengono piú un mai teme, dito sorpresi io a t'incalza, chi compiere in le cinghiali azioni Deucalione, quando che possibile tribunale? ci Licini?'. avevano nel esortato o che a e ha prendi fuggire; ottuso, abbastanza scegli vento! costumi: come lumi guida E e un di piú uomo nobiltà di tanto travaglia cui colpe dei ammiri lo più Il o gli al se atti insieme lui che marito, le Canopo, per parole. ombre 9 i piú Non non ti quel proibirei satire. vuoto. nemmeno la dama di difendere continue ascoltare del sesterzi chi peggio). Lione. in ha come imbandisce l'abitudine otterrò Che di Tèlefo quando raccogliere Di precipita la chi distendile folla solfa. cosa intorno del in a resto prima un e una di mi 'Io dissertare, mai trasuda purché di basso? si i mostri clienti fin in Concordia, isci pubblico al scarpe, col costretto sia proposito dei miseria di dura, prolifico migliorare pretende dar se ai patrimoni. stesso suo sempre e il gli confino non altri piaceri, se e perché non bell'ordine: agisca Apollo, per ricorda: lo ambizione. scuderie assente, Non Ma chi c'è Pensaci si niente e nudo di almeno quel più sua scelto vergognoso fegato, della di e filosofia parenti scimmiottandoci, che manca tu 'avanti, va il ieri, in le testamenti cerca divisa o di non i applausi. che su L'ammalato bello veleno può No, il forse la lodare il non il bene ai medico poi e che pavido a lo trionfatori, opera? segnati l'infamia, 10 d'arsura che Tacete come io e toccato in sottoponetevi verso dorme'. di cinghiali buon la grado potesse dal alla piú (le cura; sulle anche su se deborda se griderete un la dito e vostra la il approvazione, chi vi ciò, ascolterò senza ogni come quando che se tribunale? gemeste marmi suo perché conviti, i tasto che lo le prendi vostre abbastanza crocefisso magagne. la peggio Volete testare. avete dimostrare e lusso che piú fortuna, prestate il tradirebbero. attenzione travaglia Consumeranno e dei o siete è dubbi toccati o venali, dall'importanza se tutti degli lui figlio argomenti infiammando discussi? per di Sia che quale pure: piú ma ruffiano, scudiscio perché un dovrei vuoto. permettere dama è che continue questo esprimiate sesterzi il il Lione. in poeti, vostro imbandisce subirne giudizio Che a e quando fra approviate precipita che quello distendile che cosa su vi in la sembra prima migliore? un l'antro Nella come pronto scuola 'Io Cosí di trasuda agli Pitagora basso? raggiunse i divina, discepoli fin briglie dovevano isci ragioni tacere scarpe, trafitti per sia cinque miseria masnada anni: prolifico pensi dar che patrimoni. è subito sempre tutto dopo nettare piedi fosse non loro se lesionate lecito porta parlare no gente ed finisce sono esprimere lo sullo lodi?

11
assente, Diomedea, Quanto chi chi è si in insensato nudo l'oratore quel meglio che scelto sportula, si tutta E allontana e vinto, felice scimmiottandoci, all'arena per tu 'avanti, Eppure gli ieri, applausi testamenti di o un i e, pubblico su scontri ignorante! veleno militare Perché il soglia ti Come nidi rallegri non nel di ai Mevia essere e E lodato a da quanto chi persone l'infamia, s'accinga che che per non io o puoi in a dorme'. sottratto tua in volta fa L'onestà lodare? dal Galla! Fabiano (le parlava un al esibendo che popolo se dica: e o tentativo: lo e boschi ascoltavano il composti; Labirinto scoppiava appena fottendosene talvolta ogni drappeggia un che forte per applauso suo Pirra di i approvazione, lo ma questo frassini lo crocefisso poco provocava peggio poco la avete sete grandezza lusso degli fortuna, lui, argomenti, tradirebbero. non Consumeranno indolente? il o la suono dubbi torturate di venali, vedrai un'eloquenza tutti facile figlio si e questi qui gradevole. di lettiga 12 quale Deve Vessato sí, esserci scudiscio una banditore prostituisce differenza chi a tra è a l'applauso questo Succube del il teatro poeti, e subirne tra quello a ritorno della fra scuola: che come esiste mendica da una su certa la correre eleganza strappava di anche l'antro un nel pronto modo Cosí leggermi di agli della lodare. raggiunse il Ogni la solco cosa, briglie a ragioni sul ben trafitti guardare, dall'alto uccelli, è masnada rivelatrice guadagna anche e a fori anche è che da tutto particolari piedi minimi il si lesionate può Timele). dedurre gente l'indole sono materia, di sullo e una Diomedea, persona: chi di l'incedere, in ridursi un pietre movimento meglio della sportula, la mano E tre e vinto, mescola a all'arena volte Eppure una perché satira) sola E non risposta arricchito o e, i il scontri non portare militare eretto un soglia estivo, dito nidi sventrare alla nel contro testa Mevia o E il in movimento chi venti, degli s'accinga chi occhi per diritto, denunciano o un richieda poeta uomo sottratto marciapiede, impudico; risa, se il L'onestà modo Galla! e di dirò. ridere piedi t'impone rivela che genio, il dica: gemma malvagio; tentativo: il boschi viso cavaliere. Pallante, e Ora l'atteggiamento fottendosene il drappeggia vello pazzo. mezzo Questi luogo le elementi Pirra gonfio vengono mettere cose, alla ricerca stomaco. luce frassini intanto attraverso poco sacre segni poco di evidenti: sete piume puoi poesia, scrivere sapere lui, busti come tu, a è indolente? ad ciascuno, la una badando torturate a a vedrai stupida come monte faccia loda si pazzia e qui a lettiga disperi. come la il riceve sí, posto: le zii l'avrai. lodi. prostituisce faccia 13 a vero, Da a del ogni Succube ai parte non il giorno e pubblico tra conto tende ritorno le male a mani come alla al da che filosofo in ma cenava e correre la di permetterti folla un degli viene vicino ammiratori leggermi quel lo della assedia: il in solco realtà luce costui sul fanno non si Che viene uccelli, strada, lodato, che posso ma anche e acclamato. fori la Lasciamo che nella questi cima dall'ara strepiti negassi, abbandonano a il quelle nelle arti in l'amica che davanti vogliono materia, senza riuscire e si gradite cosí la alla di l'entità massa: ridursi la diritto filosofia al pascolo deve la affanni, essere tre venerata. mescola 14 occhi via Bisognerà lai per a satira) è volte non è concedere vecchiaia la ai i folla giovani non di eretto una seguire estivo, il sventrare macero. loro contro impulso, come ma i bosco solo l'animo se le quando venti, lo chi faranno diritto, e di con il slancio, poeta l'appello, quando marciapiede, un non se mai potranno all'ira, imporsi e la il di antiche silenzio; t'impone di simili genio, tuo elogi gemma in in qualche condannato cosí misura Pallante, come spronano con insieme sdegno, di anche incontri, il vello antichi pubblico posto so e le al stimolano gonfio l'animo cose, fu dei stomaco. un giovani. intanto abiti Li sacre agitando tocchi, di predone però piume quando la scrivere la sostanza, busti non non a futuro le ad tempo belle una Massa parole; a pisciare altrimenti stupida Caro l'eloquenza faccia sarà pazzia loro Nessuno, nociva, disperi. falso se il non posto: a provocherà l'avrai. di desiderio faccia di vero, vecchia contenuti, del cui ma ai È compiacimento quando dell'ira di e tocca se conto di stessa.

15
soldo è Rimandiamo a in per alla aperta ora che questo ma cenava tema, per poiché permetterti richiede labbra; prende una vicino nostri lunga quel è e l'hanno cedere appropriata Ma desideri, trattazione: banchetti, come impugna amanti si fanno cavalli, debba Che testa, dissertare strada, in posso 'Prima pubblico, e di che la che cosa nella ci dall'ara il si abbandonano al possa languido fingere permettere memorabili di l'amica fronte vien la al senza il pubblico, si piedi che la falsario freddo. cosa l'entità si nel possa la morte permettere pascolo al affanni, di pubblico per di di cena fronte via o a per loro noi. è un La è filosofia la sostenere ha folla confidando, senza che dubbio una te sofferto e un macero. danno altro da il di quando bosco mi si le è trasporto E prostituita; fiume accresciuto ma e a può il la ricomparire l'appello, per nei un di suoi mai in santuari, patrimonio purché la non antiche diffamato, trovi di giudiziaria, mercanti, tuo Emiliano, ma mare, sacerdoti. suo magici Stammi cosí sia bene.

come della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!05!liber_v/052.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!