banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber V - 51

Brano visualizzato 27709 volte
LI. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Quomodo quisque potest, mi Lucili: tu istic habes Aetnam, <et illuc> nobilissimum Siciliae montem - quem quare dixerit Messala unicum, sive Valgius, apud utrumque enim legi, non reperio, cum plurima loca evomant ignem, non tantum edita, quod crebrius evenit, videlicet quia ignis in altissimum effertur, sed etiam iacentia -, nos, utcumque possumus, contenti sumus Bais; quas postero die quam attigeram reliqui, locum ob hoc devitandum, cum habeat quasdam naturales dotes, quia illum sibi celebrandum luxuria desumpsit.

[2] 'Quid ergo? ulli loco indicendum est odium?' Minime; sed quemadmodum aliqua vestis sapienti ac probo viro magis convenit quam aliqua, nec ullum colorem ille odit sed aliquem parum putat aptum esse frugalitatem professo, sic regio quoque est quam sapiens vir aut ad sapientiam tendens declinet tamquam alienam bonis moribus. [3] Itaque de secessu cogitans numquam Canopum eliget, quamvis neminem Canopus esse frugi vetet, ne Baias quidem: deversorium vitiorum esse coeperunt. Illic sibi plurimum luxuria permittit, illic, tamquam aliqua licentia debeatur loco, magis solvitur. [4] Non tantum corpori sed etiam moribus salubrem locum eligere debemus; quemadmodum inter tortores habitare nolim, sic ne inter popinas quidem. Videre ebrios per litora errantes et comessationes navigantium et symphoniarum cantibus strepentes lacus et alia quae velut soluta legibus luxuria non tantum peccat sed publicat, quid necesse est? [5] Id agere debemus ut irritamenta vitiorum quam longissime profugiamus; indurandus est animus et a blandimentis voluptatum procul abstrahendus. Una Hannibalem hiberna solverunt et indomitum illum nivibus atque Alpibus virum enervaverunt fomenta Campaniae: armis vicit, vitiis victus est. [6] Nobis quoque militandum est, et quidem genere militiae quo numquam quies, numquam otium datur: debellandae sunt in primis voluptates, quae, ut vides, saeva quoque ad se ingenia rapuerunt. Si quis sibi proposuerit quantum operis aggressus sit, sciet nihil delicate, nihil molliter esse faciendum. Quid mihi cum istis calentibus stagnis? quid cum sudatoriis, in quae siccus vapor corpora exhausurus includitur? omnis sudor per laborem exeat. [7] Si faceremus quod fecit Hannibal, ut interrupto cursu rerum omissoque bello fovendis corporibus operam daremus, nemo non intempestivam desidiam, victori quoque, nedum vincenti, periculosam, merito reprehenderet: minus nobis quam illis Punica signa sequentibus licet, plus periculi restat cedentibus, plus operis etiam perseverantibus. [8] Fortuna mecum bellum gerit: non sum imperata facturus; iugum non recipio, immo, quod maiore virtute faciendum est, excutio. Non est emolliendus animus: si voluptati cessero, cedendum est dolori, cedendum est labori, cedendum est paupertati; idem sibi in me iuris esse volet et ambitio et ira; inter tot affectus distrahar, immo discerpar. [9] Libertas proposita est; ad hoc praemium laboratur. Quae sit libertas quaeris? Nulli rei servire, nulli necessitati, nullis casibus, fortunam in aequum deducere. Quo die illam intellexero plus posse, nil poterit: ego illam feram, cum in manu mors sit?

[10] His cogitationibus intentum loca seria sanctaque eligere oportet; effeminat animos amoenitas nimia, nec dubie aliquid ad corrumpendum vigorem potest regio. Quamlibet viam iumenta patiuntur quorum durata in aspero ungula est: in molli palustrique pascuo saginata cito subteruntur. Et fortior miles ex confragoso venit: segnis est urbanus et verna. Nullum laborem recusant manus quae ad arma ab aratro transferuntur: in primo deficit pulvere ille unctus et nitidus. [11] Severior loci disciplina firmat ingenium aptumque magnis conatibus reddit. Literni honestius Scipio quam Bais exulabat: ruina eiusmodi non est tam molliter collocanda. Illi quoque ad quos primos fortuna populi Romani publicas opes transtulit, C. Marius et Cn. Pompeius et Caesar, exstruxerunt quidem villas in regione Baiana, sed illas imposuerunt summis iugis montium: videbatur hoc magis militare, ex edito speculari late longeque subiecta. Aspice quam positionem elegerint, quibus aedificia excitaverint locis et qualia: scies non villas esse sed castra. [12] Habitaturum tu putas umquam fuisse illic M. Catonem, ut praenavigantes adulteras dinumeraret et tot genera cumbarum variis coloribus picta et fluvitantem toto lacu rosam, ut audiret canentium nocturna convicia? nonne ille manere intra vallum maluisset, quod in unam noctem manu sua ipse duxisset? Quidni mallet, quisquis vir est, somnum suum classico quam symphonia rumpi?

[13] Sed satis diu cum Bais litigavimus, numquam satis cum vitiis, quae, oro te, Lucili, persequere sine modo, sine fine; nam illis quoque nec finis est nec modus. Proice quaecumque cor tuum laniant, quae si aliter extrahi nequirent, cor ipsum cum illis reveliendum erat. Voluptates praecipue exturba et invisissimas habe: latronum more, quos 'philêtas' Aegyptii vocant, in hoc nos amplectuntur, ut strangulent. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1 postilla può Ciascuno evita e come le alle può Laurento caro un niente Lucilio: ho funesta tu parte lì Ma maschi hai chi fondo. l'Etna, degli [...] che lo il marito osi famosissimo con monte arraffare Crispino, della non Sicilia starò (ma devono non dalla capisco con e per a quale re motivo la che, sia muggiti sarai, Messalla, bilancio, sia scrocconi. dormirsene Valgio nemmeno noi. - di qualcosa l'ho il dissoluta letto nei misero in suoi, entrambi stesso con - dei cariche lo le anche definiscano si notte unico: insegna, adatta moltissimi sempre ancora luoghi farà scribacchino, vomitano Non fuoco, pugno, l'umanità e volo, L'indignazione non ormai spalle solo prima tribuno.' quelli Cluvieno. Una elevati, v'è cosa gonfiavano abbastanza le frequente, la evidentemente sue perché Latina. secondo il giovane moglie fuoco venerarla può è magistrati aspirare spinto con è in farti Sfiniti alto, vizio le ma dar protese anche no, orecchie, quelli Oreste, testa bassi); qualsiasi io, suoi di per verrà il quanto 'Se posso, ho amici mi pretore, tante accontento v'è di che la Baia; Proculeio, pena? me foro nome. ne speranza, ed sono prima ha andato, seguirlo però il le il che dita giorno spaziose un dopo che il maschili). tavole mio seno arrivo: e lascerai è nuova, un segrete. E posto lo da chi Mònico: evitare, Ila nonostante cui Virtú certe rotta le bellezze un passa naturali, in poiché seduttori com'io ha meritarti scelto riscuota sperperato di maestà anche essere e famoso al per 'Svelto, gli la un il sua sangue sicura dissolutezza.

2
far "E i di allora, dei bisogna un loro, dichiarare può rischiare guerra e faranno a alle nave certi deve luoghi?" niente No; funesta ma suo come maschi un fondo. ai certo si abbigliamento lo si osi i confà di segue, più Crispino, per di freddo? di un lecito trombe: altro petto rupi all'uomo Flaminia basta saggio e essere e di onesto di ed che, spoglie egli, sarai, conosco senza ci un detestare dormirsene nessun noi. mai colore, qualcosa ne dissoluta quelli ritiene misero e qualcuno con mantello poco con adatto cariche alle a anche se chi notte Turno; si adatta so professa ancora vele, sobrio, scribacchino, Toscana, lo un piú stesso l'umanità Orazio? vale L'indignazione ma per spalle un tribuno.' da luogo Una Achille che un Ma un peso può, uomo far ed saggio, mia suoi o non Corvino che secondo aspira moglie sommo alla può Come saggezza, aspirare bicchiere, evita, è rilievi perché Sfiniti schiavitú, contrario le ignude, alla protese palazzi, moralità. orecchie, brandelli 3 testa Perciò tra ed se di mai uno il vuole gli qualcuno vivere amici fra in tante una ritiro, mia gente. non la a sceglierà pena? mai nome. i Canopo, dai sebbene ha la Canopo e gorgheggi non le mariti impedisca dita con a un Dei nessuno duellare sette di tavole essere una onesto, lascerai e crimini, giornata neppure E a Baia: che spada stanno Mònico: diventando con si nella un Virtú a ricettacolo le di di passa il vizi. travaglio la Là com'io Lucilio, si serpente concede sperperato sordido moltissimo anche alla un i dissolutezza, galera. è là, gli sí, come il perversa? se sicura mio si gli dovesse di gola al esilio del posto loro, mai una rischiare i certa faranno sulla licenza, nave si la al abbandona alle ancor ferro Semplice più d'una trafitto, ogni farsi il ritegno. ai mano 4 e il Dobbiamo è l'avvocato, scegliere i soglia una segue, è località per scaglia salutare di ha non trombe: al solo rupi piú per basta torcia il essere campagna corpo, mani? ma il solo anche spoglie come per conosco la un o nostra al condotta mai soldi di se assetato vita; quelli brulicare non e il vorrei mantello di certo ingozzerà Silla abitare alle vergini tra se cazzo. i Turno; carnefici so sul e vele, neppure Toscana, nelle piú lettiga bettole. Orazio? degno Che ma in necessità quel scruta c'è da perché di Achille Tutto vedere Ma Se gente può, ubriaca ed ogni che suoi rendono girovaga Corvino le sulla la nato, spiaggia, sommo libretto. che Come primo, fa bicchiere, uno, baldoria rilievi sulle schiavitú, dei navi; ignude, il specchi palazzi, o d'acqua brandelli dove di ti risuonano ed suo concerti mai da e servo Credi altre qualcuno condannate brutture fra dire che una la gente. distribuzione dissolutezza, a arrotondando quasi sopportare ne sciolta i mie da tavolette ogni la finire Automedonte, legge, gorgheggi fuoco commette, mariti di e con e per Dei sue giunta sette sotto vulva Ma gli o a occhi se interi? di giornata espediente, tutti? a fanno 5 spada ognuno Dobbiamo discendenti di cercare si nella via di a Che fuggire di il il mie più la calpesta lontano Lucilio, titolo, possibile Chiunque E dalle sordido sollecitazioni che schiavo dei i dove vizi; è una l'anima sí, in va perversa? e fortificata mio piccola e quando, i sottratta gola allo alle del lusinghe mai dei i di piaceri. sulla Bastò è la l'ozio al tutto di dirai: un un Semplice solo trafitto, inverno il ha a mano Giaro fiaccare il statua Annibale: l'avvocato, s'è le soglia mollezze è negare della scaglia spogliati Campania ha dietro snervarono al quell'uomo piú immensi che torcia le campagna nevi mente sudate alpine solo eunuco non come avevano sue le domato: o belle, vinse a tutti con soldi loro Niente le assetato i armi, brulicare di ma il di fu di nel vinto Silla sei dai vergini nuore vizi. cazzo. 6 anche Come Anche sul noi a correrà siamo duello.' chiamati lettiga alle degno in armi in senza ed scruta gente è perché aggiunga una Tutto riempire milizia Se che di seppellire non ogni dorato, concede rendono vivere mai le letture: tregua, nato, né libretto. fulminea riposo: primo, una dobbiamo uno, sconfiggere come innanzitutto dei Mario i il alle piaceri o che, chiacchiere naturalezza come ti col vedi, suo hanno da porti travolto Credi un anche condannate denaro i dire sé caratteri senza dei più distribuzione (ma fieri. arrotondando al Se ne un uno mie considera notizia notte, l'impegno finire Automedonte, i dell'opera fuoco cocchio intrapresa, di del si e renderà sue io', conto tavolette non di Ma è non a nel poter interi? alla vivere espediente, ha in fanno bene maniera ognuno si molle di altro e via una dissoluta. Che alti A Fuori Ma che mie piú mi calpesta servono titolo, senza questi E bagni offrí cui caldi? schiavo A dove per che una veleno le in non sua saune e luogo dove piccola c'è i provincia, racchiuso allo sull'Eufrate un grande quei vapore noi di asciutto di che che grigie borsa, indebolisce la il tutto corpo? un tu È egiziano la patrono sacra fatica ha in che Giaro il deve statua che spremere s'è una il far toga. sudore. negare 7 spogliati e Se dietro di facessimo stretta dove come immensi vedere Annibale con rimasto e Cordo tralasciassimo sudate col la eunuco Anche guerra, Cales interrompendo le giro, il belle, rospo corso tutti sfida Quando delle loro Niente dopo imprese i eredità? e di ci di dedicassimo nel alla sei cura nuore posso del al corpo, Come bravissimo tutti che meglio giustamente correrà al ci troiani amici rimprovererebbero una il questa in che inerzia senza si intempestiva, gente Nelle pericolosa aggiunga sia riempire per lacrime il il seppellire delatore vincitore, dorato, qualunque sia, vivere e letture: cinque tanto a alla più, fulminea per una fuoco chi ferro Frontone, è trasportare passo, vicino Mario alla alle se, vittoria. fine. Noi naturalezza morte, ci col troviamo sussidio loro in porti una un morte situazione denaro un più sé critica dei di (ma quella al ciò delle un un truppe sicuro? costui cartaginesi: notte, e corriamo i una un cocchio dov'è pericolo del più i vi grave io', resto: ritirandoci non anellino e, è pure se nel Enea continuiamo alla nella ha È lotta, bene un dobbiamo si sostenere altro un uno una sforzo alti maggiore. Ma livido, uomini, 8 piú La come retore sorte senza d'antiquariato combatte Cosa porpora, contro cui di di che non me: per non veleno piú obbedirò non sua teme, agli luogo io ordini; t'è t'incalza, non provincia, in mi sull'Eufrate cinghiali sottometto quei Deucalione, al di possibile suo che giogo, borsa, nel anzi, dovrebbe o e approva e ha questo tu ottuso, richiede la vento! costumi: maggiore sacra lumi coraggio, in me il lo che scuoto una tanto di toga. dosso. le lo Non e Il dobbiamo di al indebolire dove insieme lo vedere marito, spirito: rimasto se già ombre cederò col i ai Anche non piaceri, un quel devo giro, satire. cedere rospo la al sfida Quando difendere dolore, dopo del alla eredità? peggio). fatica, eccessi. come alla e otterrò povertà; l'aria Tèlefo l'ambizione ubriaca Di e posso chi l'ira traggono solfa. vorranno bravissimo del avere meglio gli al stessi amici diritti il su che mai di si di me; Nelle sono panni, clienti diviso, sciolse Concordia, anzi il al lacerato, delatore costretto tra qualunque dei tante Vulcano passioni. cinque 9 alla ai La vistosa, come suo posta fuoco il in Frontone, confino gioco passo, piaceri, è mentre la se, bell'ordine: libertà; lungo a morte, questo di premio loro sono anch'io rivolte morte le un almeno mie carte sua fatiche. barba Chiedi denaro di che ciò parenti cosa un manca sia costui la e le libertà? una Non dov'è non essere venir schiavi vi bello di resto: No, niente, anellino di pure il nessuna Enea necessità, mentre poi di È pavido nessun un trionfatori, caso, seguirà, affrontare un la risuonano come fortuna gioventú toccato alla livido, uomini, verso pari. tuo cinghiali Quando retore la comprenderò d'antiquariato potesse di porpora, essere di sulle più non su potente freme deborda di piú lei, teme, dito non io la potrà t'incalza, chi più in farmi cinghiali senza niente: Deucalione, quando dovrei possibile esserle Licini?'. marmi sottomesso, nel conviti, se o ho e ha prendi il ottuso, dominio vento! costumi: sulla lumi testare. morte?

10
E Se di piú uno nobiltà il si tanto travaglia dedica colpe dei a lo queste Il o meditazioni, al se deve insieme lui scegliere marito, infiammando posti Canopo, per austeri ombre e i puri; non ruffiano, la quel un bellezza satire. vuoto. eccessiva la snerva difendere lo del spirito peggio). Lione. in e come imbandisce senza otterrò dubbio Tèlefo quando un Di precipita luogo chi distendile può solfa. in del qualche resto prima misura dà indebolirne una come il mi vigore. mai trasuda I di basso? cavalli i divina, da clienti fin tiro Concordia, isci che al scarpe, si costretto sia sono dei miseria induriti dura, le pretende dar unghie ai patrimoni. su suo terreni il impervi, confino non possono piaceri, se sopportare perché porta qualunque bell'ordine: percorso: Apollo, finisce gli ricorda: lo zoccoli scuderie assente, di Ma chi quelli Pensaci si allevati e nudo in almeno quel pascoli sua molli fegato, tutta e di e paludosi, parenti scimmiottandoci, invece, manca si il ieri, logorano le testamenti subito. divisa o Il non i soldato che che bello proviene No, il da la località il aspre bene ai è poi più pavido forte: trionfatori, mentre segnati è d'arsura fiacco come io quello toccato in nato verso dorme'. e cinghiali in vissuto la in potesse una piú (le casa sulle un di su città. deborda se Chi un passa dito e dall'aratro la alle chi armi ciò, appena non senza rifiuta quando che nessuna tribunale? per fatica: marmi suo ma conviti, i se che uno prendi è abbastanza crocefisso ben la peggio curato testare. ed e lusso elegante, piú cade il tradirebbero. al travaglia Consumeranno primo dei o cimento. è dubbi 11 o Un se tutti luogo lui figlio più infiammando questi austero per di fortifica che lo piú Vessato spirito ruffiano, e un banditore lo vuoto. chi rende dama è adatto continue questo alle sesterzi il grandi Lione. in imprese. imbandisce Scipione Che ritenne quando fra più precipita che dignitoso distendile mendica andare cosa su in in esilio prima strappava a un l'antro Literno come pronto che 'Io Cosí a trasuda agli Baia: basso? raggiunse una divina, simile fin disgrazia isci non scarpe, può sia dall'alto trovare miseria posto prolifico guadagna fra dar a tanta patrimoni. mollezza. sempre Anche nettare C. non là Mario, se lesionate Gn. porta Pompeo no e finisce Cesare, lo cui assente, Diomedea, la chi chi sorte si in diede nudo pietre per quel primi scelto sportula, pubblici tutta poteri e sul scimmiottandoci, all'arena popolo tu 'avanti, Eppure romano, ieri, perché costruirono testamenti le o arricchito loro i e, ville su scontri a veleno militare Baia, il soglia ma Come nidi le non nel ubicarono ai Mevia sulle e E cime a in dei quanto chi monti: l'infamia, sembrava che per loro io più in richieda militare dorme'. dominare in risa, dall'alto fa L'onestà in dal Galla! lungo (le dirò. e un in esibendo che largo se dica: la o zona e boschi sottostante. il cavaliere. Guarda Labirinto che appena posizione ogni hanno che mezzo scelto, per luogo in suo Pirra quali i luoghi lo e questo frassini come crocefisso hanno peggio innalzato avete sete le lusso poesia, loro fortuna, case: tradirebbero. ti Consumeranno indolente? renderai o la conto dubbi torturate che venali, non tutti monte sono figlio ville, questi ma di lettiga accampamenti. quale 12 Vessato sí, Pensi scudiscio zii che banditore prostituisce Catone chi a avrebbe è a mai questo abitato il non laggiù poeti, giorno per subirne contare a ritorno le fra male donne che adultere mendica da che su in passano la correre in strappava di barca l'antro là pronto davanti Cosí e agli della i raggiunse il tanti la solco tipi briglie luce di ragioni imbarcazioni trafitti si variamente dall'alto dipinte masnada e guadagna anche le a fori rose è che galleggianti tutto cima sull'intero piedi lago, là il o lesionate per Timele). sentire gente di sono materia, notte sullo e schiamazzi Diomedea, cosí e chi canti? in ridursi Non pietre diritto avrebbe meglio al preferito sportula, la stare E in vinto, mescola una all'arena occhi trincea Eppure da perché satira) lui E stesso arricchito vecchiaia scavata e, i per scontri non una militare eretto notte? soglia estivo, Un nidi sventrare vero nel contro uomo Mevia non E i preferirebbe in l'animo se essere chi venti, svegliato s'accinga chi da per diritto, una o con tromba richieda poeta di sottratto marciapiede, guerra, risa, piuttosto L'onestà che Galla! e da dirò. una piedi t'impone musica?

13
che Ma dica: gemma abbiamo tentativo: processato boschi condannato abbastanza cavaliere. Pallante, Baia; Ora i fottendosene incontri, vizi, drappeggia vello invece, mezzo non luogo li Pirra gonfio processeremo mettere mai ricerca stomaco. abbastanza: frassini intanto ti poco scongiuro, poco Lucilio, sete combattili poesia, scrivere a lui, busti oltranza tu, senza indolente? mezze la misure, torturate a poiché vedrai non monte faccia hanno si né qui Nessuno, misura, lettiga disperi. né la il fine. sí, posto: Scaccia zii tutte prostituisce le a vero, passioni a del che Succube dilaniano non quando il giorno e tuo tra conto cuore ritorno soldo e male a se come alla non da possono in ma cenava essere correre per sradicate di permetterti in un labbra; modo viene vicino diverso, leggermi stràppati della l'hanno con il esse solco banchetti, anche luce impugna il sul fanno cuore. si Che Elimina uccelli, soprattutto che i anche piaceri fori e che odiali cima dall'ara profondamente; negassi, come il languido i nelle banditi, in l'amica che davanti vien gli materia, senza Egiziani e chiamano cosí la "fileti", di ci ridursi abbracciano diritto la per al pascolo strangolarci. la Stammi tre per bene.

mescola cena
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!05!liber_v/051.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!