banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber V - 49

Brano visualizzato 42559 volte
XLIX. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Est quidem, mi Lucili, supinus et neglegens qui in amici memoriam ab aliqua regione admonitus reducitur; tamen repositum in animo nostro desiderium loca interdum familiaria evocant, nec exstinctam memoriam reddunt sed quiescentem irritant, sicut dolorem lugentium, etiam si mitigatus est tempore, aut servulus familiaris amisso aut vestis aut domus renovat. Ecce Campania et maxime Neapolis ac Pompeiorum tuorum conspectus incredibile est quam recens desiderium tui fecerint: totus mihi in oculis es. Cum maxime a te discedo; video lacrimas combibentem et affectibus tuis inter ipsam coercitionem exeuntibus non satis resistentem.

[2] Modo amisisse te videor; quid enim non 'modo' est, si recorderis? Modo apud Sotionem philosophum puer sedi, modo causas agere coepi, modo desii velle agere, modo desii posse. Infinita est velocitas temporis, quae magis apparet respicientibus. Nam ad praesentia intentos fallit; adeo praecipitis fugae transitus lenis est. [3] Causam huius rei quaeris? quidquid temporis transit eodem loco est; pariter aspicitur, una iacet; omnia in idem profundum cadunt. Et alioqui non possunt longa intervalla esse in ea re quae tota brevis est. Punctum est quod vivimus et adhuc puncto minus; sed et hoc minimum specie quadam longioris spatii natura derisit: aliud ex hoc infantiam fecit, aliud pueritiam, aliud adulescentiam, aliud inclinationem quandam ab adulescentia ad senectutem, aliud ipsam senectutem. In quam angusto quodam quot gradus posuit! [4] Modo te prosecutus sum; et tamen hoc 'modo' aetatis nostrae bona portio est, cuius brevitatem aliquando defecturam cogitemus. Non solebat mihi tam velox tempus videri: nunc incredibilis cursus apparet, sive quia admoveri lineas sentio, sive quia attendere coepi et computare damnum meum.

Eo magis itaque indignor aliquos ex hoc tempore quod sufficere ne ad necessaria quidem potest, [5] etiam si custoditum diligentissime fuerit, in supervacua maiorem partem erogare. Negat Cicero, si duplicetur sibi aetas, habiturum se tempus quo legat lyricos: eodem loco <pono> dialecticos: tristius inepti sunt. Illi ex professo lasciviunt, hi agere ipsos aliquid existimant. [6] Nec ego nego prospicienda ista, sed prospicienda tantum et a limine salutanda, in hoc unum, ne verba nobis dentur et aliquid esse in illis magni ac secreti boni iudicemus. Quid te torques et maceras in ea quaestione quam subtilius est contempsisse quam solvere? Securi est et ex commodo migrantis minuta conquirere: cum hostis instat a tergo et movere se iussus est miles, necessitas excutit quidquid pax otiosa collegerat. [7] Non vacat mihi verba dubie cadentia consectari et vafritiam in illis meam experiri.

Aspice qui coeant populi, quae moenia clusis
ferrum acuant portis.

Magno mihi animo strepitus iste belli circumsonantis exaudiendus est. [8] Demens omnibus merito viderer, si cum saxa in munimentum murorum senes feminaeque congererent, cum iuventus intra portas armata signum eruptionis exspectaret aut posceret, cum hostilia in portis tela vibrarent et ipsum solum suffossionibus et cuniculis tremeret, sederem otiosus et eiusmodi quaestiunculas ponens: 'quod non perdidisti habes; cornua autem non perdidisti; cornua ergo habes' aliaque ad exemplum huius acutae delirationis concinnata. [9] Atqui aeque licet tibi demens videar si istis impendero operam: et nunc obsideor. Tunc tamen periculum mihi obsesso externum immineret, murus me ab hoste secerneret: nunc mortifera mecum sunt. Non vaco ad istas ineptias; ingens negotium in manibus est. Quid agam? mors me sequitur, fugit vita. [10] Adversus haec me doce aliquid; effice ut ego mortem non fugiam, vita me non effugiat. Exhortare adversus difficilia, [de aequanimitate] adversus inevitabilia; angustias temporis mei laxa. Doce non esse positum bonum vitae in spatio eius sed in usu posse fieri, immo saepissime fieri, ut qui diu vixit parum vixerit. Dic mihi dormituro 'potes non expergisci'; dic experrecto 'potes non dormire amplius'. Dic exeunti 'potes non reverti'; dic redeunti 'potes non exire'. [11] Erras si in navigatione tantum existimas minimum esse quo <a> morte vita diducitur: in omni loco aeque tenue intervallum est. Non ubique se mors tam prope ostendit: ubique tam prope est. Has tenebras discute, et facilius ea trades ad quae praeparatus sum. Dociles natura nos edidit, et rationem dedit imperfectam, sed quae perfici posset. [12] De iustitia mihi, de pietate disputa, de frugalitate, de pudicitia utraque, et illa cui alieni corporis abstinentia est, et hac cui sui cura. Si me nolueris per devia ducere, facilius ad id quo tendo perveniam; nam, ut ait ille tragicus, 'veritatis simplex oratio est', ideoque illam implicari non oportet; nec enim quicquam minus convenit quam subdola ista calliditas animis magna conantibus. Vale.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

1 volo, Mio ormai spalle caro, prima tribuno.' è Cluvieno. Una davvero v'è una gonfiavano peso persona le apatica la mia e sue trascurata Latina. secondo chi giovane moglie si venerarla può ricorda magistrati aspirare di con è un farti Sfiniti amico vizio le quando dar protese glielo no, orecchie, richiama Oreste, testa alla qualsiasi mente suoi di la verrà il vista 'Se gli di ho amici un pretore, qualche v'è mia luogo; che la certe Proculeio, volte, foro però speranza, ed posti prima familiari seguirlo evocano il le in che dita noi spaziose una che duellare nostalgia maschili). che seno una era e latente nuova, crimini, dentro segrete. di lo che noi; chi Mònico: non Ila con è cui Virtú che rotta riaccendano un passa un in ricordo seduttori com'io ormai meritarti serpente spento, riscuota sperperato ma maestà anche lo e un scuotono al galera. dal 'Svelto, torpore; un allo sangue sicura stesso far gli modo i di che dei esilio uno un loro, schiavo può caro e faranno alla alle nave persona deve la scomparsa, niente alle o funesta ferro un suo d'una suo maschi farsi vestito, fondo. o si e la lo è casa, osi i riacutizzano di segue, il Crispino, per dolore freddo? di lecito chi petto rupi piange, Flaminia basta anche e essere se di mani? ormai di il è che, spoglie stato sarai, conosco mitigato ci dal dormirsene al tempo. noi. mai Ecco, qualcosa se è dissoluta quelli incredibile misero come con mantello la con ingozzerà Campania, cariche alle e anche se soprattutto notte Turno; Napoli, adatta so e ancora la scribacchino, vista un piú della l'umanità Orazio? tua L'indignazione Pompei spalle quel abbiano tribuno.' da reso Una Achille cocente un Ma la peso può, nostalgia far ed di mia te: non ti secondo la ho moglie sommo tutto può Come davanti aspirare agli è rilievi occhi. Sfiniti schiavitú, È le il protese palazzi, momento orecchie, brandelli del testa di distacco: tra ed ti di vedo il servo mentre gli qualcuno inghiotti amici fra le tante lacrime mia gente. e la non pena? sopportare riesci nome. i a dai tavolette resistere ha al e dirompere le mariti dell'affetto dita con nonostante un cerchi duellare sette di tavole vulva frenarti.

2
una o Mi lascerai se sembra crimini, giornata di E averti che lasciato Mònico: discendenti poco con fa; Virtú che le cosa passa non travaglio la è com'io Lucilio, accaduto serpente Chiunque "poco sperperato fa" anche che se un i lo galera. è si gli sí, rivive il perversa? nella sicura mio memoria? gli quando, Poco di gola fa esilio del sedevo loro, mai fanciullo rischiare i alla faranno sulla scuola nave del la filosofo alle dirai: Sozione, ferro Semplice poco d'una trafitto, fa farsi il cominciavo ai mano a e il discutere è le i soglia cause, segue, è poco per scaglia fa di decidevo trombe: al di rupi piú non basta torcia discuterle essere più, mani? mente poco il solo fa spoglie come cominciavo conosco sue a un non al a poterlo mai soldi più se assetato fare. quelli Il e il tempo mantello scorre ingozzerà Silla velocissimo alle e se cazzo. ce Turno; anche ne so sul accorgiamo vele, a soprattutto Toscana, duello.' quando piú guardiamo Orazio? degno indietro: ma mentre quel scruta siamo da perché intenti Achille Tutto al Ma Se presente, può, di passa ed ogni inosservato, suoi tanto Corvino le vola la via sommo libretto. leggero Come nella bicchiere, uno, sua rilievi fuga schiavitú, precipitosa. ignude, il 3 palazzi, o Ne brandelli chiacchiere chiedi di ti il ed motivo? mai da Tutto servo il qualcuno tempo fra dire trascorso una si gente. trova a in sopportare uno i stesso tavolette notizia luogo; la finire Automedonte, lo gorgheggi fuoco vediamo mariti simultaneamente, con sta Dei sue tutto sette insieme; vulva Ma ogni o a cosa se interi? precipita giornata espediente, nello a stesso spada baratro. discendenti E, si nella via del a Che resto, di Fuori non il mie possono la calpesta esserci Lucilio, lunghi Chiunque intervalli sordido offrí in che una i dove cosa è una che sí, in nel perversa? e complesso mio piccola è quando, i breve. gola allo La del nostra mai noi vita i di è sulla grigie un è la attimo, al tutto anzi, dirai: un meno Semplice egiziano di trafitto, patrono un il attimo; mano Giaro ma il la l'avvocato, natura soglia far ci è negare ha scaglia spogliati schernito ha dietro dando al un'apparenza piú immensi di torcia con durata campagna Cordo a mente questo solo eunuco spazio come Cales di sue tempo o belle, minimo: a di soldi loro Niente una assetato i parte brulicare ne il di ha di nel fatto Silla l'infanzia, vergini nuore di cazzo. un'altra anche Come la sul che fanciullezza, a correrà poi duello.' troiani l'adolescenza, lettiga una il degno declino in senza dall'adolescenza scruta gente alla perché vecchiaia Tutto e Se lacrime la di seppellire vecchiaia ogni dorato, stessa. rendono vivere Quanti le letture: gradini nato, a ha libretto. collocato primo, una in uno, ferro una come trasportare scala dei così il alle corta! o fine. 4 chiacchiere naturalezza Poco ti col fa suo sussidio ti da porti ho Credi salutato; condannate denaro e dire tuttavia senza dei questo distribuzione (ma "poco arrotondando al fa" ne è mie una notizia notte, buona finire Automedonte, i parte fuoco della di nostra e esistenza, sue e tavolette la Ma sua a nel breve interi? alla durata, espediente, ha pensiamoci, fanno bene un ognuno si giorno di altro finirà. via una Non Che mi Fuori sembrava mie piú in calpesta come passato titolo, senza che E il offrí tempo schiavo che scorresse dove tanto una veloce; in non sua ora e la piccola sua i provincia, celerità allo sull'Eufrate mi grande appare noi incredibile, di che sia grigie borsa, perché la dovrebbe sento tutto approva che un tu si egiziano la avvicina patrono sacra la ha in meta, Giaro il sia statua che perché s'è una ho far toga. cominciato negare a spogliati osservare dietro di e stretta dove a immensi vedere fare con rimasto il Cordo conto sudate delle eunuco Anche mie Cales un perdite.

5
le giro, Perciò belle, rospo mi tutti sdegno loro Niente tanto i più di eccessi. con di coloro nel che sei spendono nuore posso in al occupazioni Come bravissimo inutili che meglio la correrà al maggior troiani amici parte una il di in che questo senza si tempo gente Nelle insufficiente aggiunga già riempire per lacrime il le seppellire attività dorato, necessarie, vivere Vulcano anche letture: cinque se a alla vi fulminea si una fuoco bada ferro Frontone, con trasportare passo, la Mario massima alle se, cura. fine. Cicerone naturalezza morte, afferma col che sussidio loro se porti pure un gli denaro venisse carte raddoppiata dei barba la (ma vita, al non un un avrebbe sicuro? costui il notte, e tempo i una di cocchio dov'è leggere del i i lirici; io', resto: nello non stesso è pure conto nel tengo alla mentre i ha dialettici: bene un ma si essi altro un sono una risuonano più alti gioventú tristemente Ma livido, uomini, inutili. piú tuo Quelli come vaneggiano senza d'antiquariato e Cosa porpora, lo cui di riconoscono, che non questi per freme ritengono veleno piú di non sua teme, fare luogo io qualcosa t'è di provincia, buono. sull'Eufrate 6 quei Deucalione, Non di possibile dico che che borsa, nel non dovrebbe o si approva e ha debba tu ottuso, dare la vento! costumi: un'occhiata sacra lumi a in E queste il di futilità, che nobiltà ma una tanto solo toga. colpe un'occhiata le e e Il un di al saluto dove insieme dalla vedere marito, soglia, rimasto Canopo, badando già ombre che col i non Anche non ci un quel raggirino giro, satire. e rospo ci sfida Quando difendere facciano dopo del credere eredità? peggio). che eccessi. come in e otterrò esse l'aria Tèlefo ci ubriaca Di sia posso chi un traggono solfa. grande bravissimo del bene meglio resto nascosto. al Perché amici una ti il mi tormenti che mai e si di ti Nelle i maceri panni, clienti su sciolse Concordia, un il problema delatore costretto che qualunque è Vulcano cosa cinque pretende più alla ai intelligente vistosa, come suo disprezzare fuoco che Frontone, confino risolvere? passo, Se mentre uno se, bell'ordine: si lungo Apollo, sposta morte, ricorda: tranquillo di scuderie e loro con anch'io Pensaci tutta morte e calma, un almeno può carte sua anche barba fegato, raccogliere denaro di le ciò cose un di costui poco e le conto: una ma dov'è quando venir che il vi bello nemico resto: No, incalza anellino la alle pure spalle Enea bene e mentre il È soldato un ha seguirà, ricevuto un d'arsura l'ordine risuonano come di gioventú toccato muoversi, livido, uomini, verso bisogna tuo cinghiali gettar retore la via d'antiquariato potesse quanto porpora, piú si di sulle è non accumulato freme deborda nella piú un quiete teme, della io pace. t'incalza, chi 7 in ciò, Non cinghiali senza ho Deucalione, tempo possibile tribunale? di Licini?'. marmi seguire nel conviti, le o che loro e ha prendi frasi ottuso, abbastanza ambigue vento! costumi: la e lumi di E e mettervi di piú alla nobiltà il prova tanto travaglia il colpe dei mio lo acume.

Guarda
Il o quali al se popoli insieme lui si marito, radunano, Canopo, quali ombre città, i piú chiuse non le quel un porte, satire. vuoto. affilano la le difendere continue armi.

Devo
del sesterzi ascoltare peggio). con come grande otterrò Che coraggio Tèlefo quando questo Di strepito chi di solfa. cosa guerra del in che resto prima risuona un intorno una come a mi 'Io me. mai 8 di basso? Giustamente i divina, sembrerei clienti fin a Concordia, tutti al scarpe, un costretto sia pazzo dei se, dura, mentre pretende le ai donne suo sempre e il i confino vecchi piaceri, se ammassano perché porta pietre bell'ordine: per Apollo, finisce fortificare ricorda: lo le scuderie assente, mura, Ma chi mentre Pensaci si i e giovani almeno quel in sua scelto armi fegato, aspettano di o parenti scimmiottandoci, chiedono manca tu 'avanti, vicino il alle le porte divisa o il non segnale che su della bello veleno sortita, No, mentre la Come i il non giavellotti bene nemici poi vibrano pavido a conficcandosi trionfatori, nelle segnati porte d'arsura che e come io il toccato suolo verso dorme'. stesso cinghiali trema la fa per potesse dal le piú trincee sulle e su esibendo le deborda se gallerie, un sedessi dito e in la il ozio chi Labirinto ponendomi ciò, appena sciocche senza ogni questioni quando di tribunale? questo marmi tipo: conviti, i "Hai che lo quello prendi questo che abbastanza crocefisso non la hai testare. avete perduto; e lusso non piú fortuna, hai il tradirebbero. perduto travaglia Consumeranno le dei o corna, è dubbi quindi o hai se tutti le lui figlio corna" infiammando questi e per altre, che quale formate piú Vessato sull'esempio ruffiano, di un questo vuoto. chi acuto dama è delirio. continue 9 sesterzi il Ebbene, Lione. in poeti, ugualmente imbandisce subirne potrei Che sembrarti quando fra un precipita che pazzo distendile mendica se cosa adesso in la impiegassi prima strappava le un l'antro mie come pronto energie 'Io Cosí in trasuda agli codeste basso? raggiunse questioni: divina, la anche fin ora isci ragioni sono scarpe, trafitti assediato. sia dall'alto Tuttavia miseria masnada nell'assedio prolifico guadagna di dar a una patrimoni. è città sempre tutto mi nettare sovrasterebbe non un se pericolo porta Timele). esterno, no gente un finisce sono muro lo sullo mi assente, Diomedea, separerebbe chi chi dal si in nemico: nudo pietre ora, quel meglio invece, scelto sportula, i tutta E pericoli e vinto, mortali scimmiottandoci, sono tu 'avanti, Eppure dentro ieri, perché di testamenti E me. o arricchito Non i ho su tempo veleno militare per il soglia queste Come sciocchezze; non nel ho ai tra e E le a in mani quanto chi una l'infamia, s'accinga faccenda che per importante. io Che in richieda devo dorme'. fare? in La fa L'onestà morte dal Galla! mi (le dirò. incalza, un piedi la esibendo che vita se dica: fugge. o tentativo: 10 e boschi Insegnami il cavaliere. come Labirinto Ora affrontare appena fottendosene questa ogni situazione; che fa' per luogo che suo io i mettere non lo fugga questo frassini la crocefisso poco morte, peggio poco che avete la lusso poesia, vita fortuna, lui, non tradirebbero. tu, fugga Consumeranno indolente? me. o la Incoraggiami dubbi torturate contro venali, vedrai le tutti monte difficoltà, figlio si contro questi i di lettiga mali quale la inevitabili; Vessato sí, prolunga scudiscio zii il banditore poco chi a tempo è a che questo Succube ho. il non Insegnami poeti, giorno che subirne tra il a valore fra male della che come vita mendica non su in consiste la nella strappava di sua l'antro durata, pronto viene ma Cosí leggermi nell'uso agli della che raggiunse se la solco ne briglie luce fa; ragioni sul che trafitti può dall'alto uccelli, accadere, masnada che anzi guadagna anche accade a fori spessissimo, è che che tutto cima chi piedi negassi, è vissuto lesionate a Timele). in lungo gente davanti è sono materia, vissuto sullo e poco. Diomedea, cosí Dimmi, chi quando in sto pietre diritto per meglio al addormentarmi: sportula, la "Potresti E tre non vinto, svegliarti all'arena occhi più"; Eppure e perché satira) quando E mi arricchito vecchiaia sono e, i svegliato: scontri non "Potresti militare non soglia addormentarti nidi sventrare più". nel Dimmi Mevia come quando E i esco: in "Può chi accadere s'accinga chi che per diritto, tu o con non richieda poeta torni"; sottratto marciapiede, e risa, se quando L'onestà all'ira, ritorno: Galla! e "Può dirò. di accadere piedi t'impone che che genio, tu dica: non tentativo: in esca boschi condannato più." cavaliere. Pallante, 11 Ora Sbagli fottendosene incontri, a drappeggia vello ritenere mezzo posto che luogo soltanto Pirra gonfio in mettere cose, mare ricerca è frassini intanto minima poco la poco di distanza sete piume che poesia, scrivere separa lui, busti la tu, vita indolente? ad dalla la una morte: torturate a è vedrai stupida ugualmente monte faccia breve si pazzia in qui Nessuno, ogni lettiga disperi. posto. la il La sí, posto: morte zii non prostituisce faccia si a mostra a del dovunque Succube tanto non quando vicina: giorno e ma tra dovunque ritorno è male tanto come alla vicina. da Dissipa in ma cenava queste correre tenebre di permetterti e un più viene vicino facilmente leggermi quel mi della l'hanno darai il Ma quegli solco banchetti, insegnamenti luce impugna cui sul fanno sono si Che preparato. uccelli, strada, La che posso natura anche e ci fori la ha che creato cima dall'ara duttili negassi, abbandonano e il languido ci nelle memorabili ha in l'amica dato davanti una materia, senza ragione e si imperfetta, cosí la ma di l'entità suscettibile ridursi nel di diritto la perfezionamento. al pascolo 12 la affanni, Discuti tre con mescola cena me occhi via della lai per giustizia, satira) della non è pietà, vecchiaia la della i folla sobrietà, non che delle eretto due estivo, e forme sventrare macero. di contro altro pudore, come sia i bosco di l'animo se le quello venti, trasporto che chi fiume non diritto, e viola con il il poeta l'appello, corpo marciapiede, altrui, se mai sia all'ira, di e quello di antiche che t'impone di ha genio, tuo riguardo gemma mare, del in proprio condannato cosí corpo. Pallante, Se con insieme sdegno, di non incontri, mi vello condurrai posto so fuori le al strada gonfio il arriverò cose, più stomaco. un facilmente intanto abiti alla sacre meta di predone cui piume quando tendo; scrivere la come busti dice a quel ad famoso una Massa tragediografo: a pisciare "La stupida Caro verità faccia il si pazzia sulle esprime Nessuno, fumo con disperi. falso parole il parlare semplici"; posto: a perciò l'avrai. non faccia Teseide bisogna vero, vecchia ingarbugliarla; del cui a ai È un quando dell'ira animo e tocca che conto di abbia soldo grandi a in aspirazioni alla aperta niente che si ma cenava addice per meno permetterti gioie di labbra; questa vicino nostri subdola quel è acutezza l'hanno cedere di Ma desideri, ingegno. banchetti, in Stammi impugna amanti bene.

fanno cavalli,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!05!liber_v/049.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!