banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber V - 45

Brano visualizzato 14519 volte
XLV. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Librorum istic inopiam esse quereris. Non refert quam multos sed quam bonos habeas: lectio certa prodest, varia delectat. Qui quo destinavit pervenire vult unam sequatur viam, non per multas vagetur: non ire istuc sed errare est. [2] 'Vellem' inquis '<non> magis consilium mihi quam libros dares.' Ego vero quoscumque habeo mittere paratus sum et totum horreum excutere; me quoque isto, si possem, transferrem, et nisi mature te finem officii sperarem impetraturum, hanc senilem expeditionem indixissem mihi nec me Charybdis et Scylla et fabulosum istud fretum deterrere potuissent. Tranassem ista, non solum traiecissem, dummodo te complecti possem et praesens aestimare quantum animo crevisses.

[3] Ceterum quod libros meos tibi mitti desideras, non magis ideo me disertum puto quam formonsum putarem si imaginem meam peteres. Indulgentiae scio istud esse, non iudici; et si modo iudici est, indulgentia tibi imposuit. [4] Sed qualescumque sunt, tu illos sic lege tamquam verum quaeram adhuc, non sciam, et contumaciter quaeram. Non enim me cuiquam emancipavi, nullius nomen fero; multum magnorum virorum iudicio credo, aliquid et meo vindico. Nam illi quoque non inventa sed quaerenda nobis reliquerunt, et invenissent forsitan necessaria nisi et supervacua quaesissent. [5] Multum illis temporis verborum cavillatio eripuit, captiosae disputationes quae acumen irritum exercent. Nectimus nodos et ambiguam significationem verbis illigamus ac deinde dissolvimus: tantum nobis vacat? iam vivere, iam mori scimus? Tota illo mente pergendum est ubi provideri debet ne res nos, non verba decipiant. [6] Quid mihi vocum similitudines distinguis, quibus nemo umquam nisi dum disputat captus est? Res fallunt: illas discerne. Pro bonis mala amplectimur; optamus contra id quod optavimus; pugnant vota nostra cum votis, consilia cum consilis. [7] Adulatio quam similis est amicitiae! Non imitatur tantum illam sed vincit et praeterit; apertis ac propitiis auribus recipitur et in praecordia ima descendit, eo ipso gratiosa quo laedit: doce quemadmodum hanc similitudinem possim dinoscere. Venit ad me pro amico blandus inimicus; vitia nobis sub virtutum nomine obrepunt: temeritas sub titulo fortitudinis latet, moderatio vocatur ignavia, pro cauto timidus accipitur. In his magno periculo erramus: his certas notas imprime. [8] Ceterum qui interrogatur an cornua habeat non est tam stultus ut frontem suam temptet, nec rursus tam ineptus aut hebes ut nesciat <nisi> tu illi subtilissima collectione persuaseris. Sic ista sine noxa decipiunt quomodo praestigiatorum acetabula et calculi, in quibus me fallacia ipsa delectat. Effice ut quomodo fiat intellegam: perdidi lusum. Idem de istis captionibus dico - quo enim nomine potius sophismata appellem? -: nec ignoranti nocent nec scientem iuvant.

[9] Si utique vis verborum ambiguitates diducere, hoc nos doce, beatum non eum esse quem vulgus appellat, ad quem pecunia magna confluxit, sed illum cui bonum omne in animo est, erectum et excelsum et mirabilia calcantem, qui neminem videt cum quo se commutatum velit, qui hominem ea sola parte aestimat qua homo est, qui natura magistra utitur, ad illius leges componitur, sic vivit quomodo illa praescripsit; cui bona sua nulla vis excutit, qui mala in bonum vertit, certus iudicii, inconcussus, intrepidus; quem aliqua vis movet, nulla perturbat; quem fortuna, cum quod habuit telum nocentissimum vi maxima intorsit, pungit, non vulnerat, et hoc raro; nam cetera eius tela, quibus genus humanum debellatur, grandinis more dissultant, quae incussa tectis sine ullo habitatoris incommodo crepitat ac solvitur. [10] Quid me detines in eo quem tu ipse pseudomenon appellas, de quo tantum librorum compositum est? Ecce tota mihi vita mentitur: hanc coargue, hanc ad verum, si acutus es, redige. Necessaria iudicat quorum magna pars supervacua est; etiam quae non est supervacua nihil in se momenti habet in hoc, ut possit fortunatum beatumque praestare. Non enim statim bonum est, si quid necessarium est: aut proicimus bonum, si hoc nomen pani et polentae damus et ceteris sine quibus vita non ducitur. [11] Quod bonum est utique necessarium est: quod necessarium est non utique bonum est, quoniam quidem necessaria sunt quaedam eademque vilissima. Nemo usque eo dignitatem boni ignorat ut illud ad haec in diem utilia demittat. [12] Quid ergo? non eo potius curam transferes, ut ostendas omnibus magno temporis impendio quaeri supervacua et multos transisse vitam dum vitae instrumenta conquirunt? Recognosce singulos, considera universos: nullius non vita spectat in crastinum. [13] Quid in hoc sit mali quaeris? Infinitum. Non enim vivunt sed victuri sunt: omnia differunt. Etiamsi attenderemus, tamen nos vita praecurreret; nunc vero cunctantes quasi aliena transcurrit et ultimo die finitur, omni perit.

Sed ne epistulae modum excedam, quae non debet sinistram manum legentis implere, in alium diem hanc litem cum dialecticis differam nimium subtilibus et hoc solum curantibus, non et hoc. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1 qualsiasi tra Ti suoi di lamenti verrà il che 'Se gli ho amici a pretore, Siracusa v'è mia ci che siano Proculeio, pena? pochi foro nome. libri. speranza, ed Non prima importa seguirlo il il loro che numero, spaziose ma che duellare il maschili). loro seno una valore: e una nuova, lettura segrete. E ben lo che determinata chi Mònico: è Ila utile, cui Virtú quella rotta condotta un passa su in travaglio svariate seduttori com'io opere meritarti serpente può riscuota sperperato solo maestà anche divertire. e Se al galera. uno 'Svelto, gli vuole un il arrivare sangue sicura a far destinazione, i di deve dei seguire un loro, una può sola e faranno strada, alle non deve vagare niente qua funesta ferro e suo là: maschi questo fondo. ai non si e è lo avanzare, osi i ma di segue, andare Crispino, per errando. freddo? di 2 lecito trombe: "Vorrei,", petto rupi dici, Flaminia basta "che e tu di mani? mi di il dessi che, spoglie più sarai, conosco libri ci che dormirsene consigli." noi. mai Io qualcosa se sono dissoluta quelli pronto misero e a con mantello mandarti con tutti cariche alle i anche volumi notte Turno; che adatta so ho ancora e scribacchino, a un vuotare l'umanità Orazio? la L'indignazione biblioteca; spalle anzi, tribuno.' da se Una Achille potessi, un mi peso può, trasferirei far ed anch'io mia suoi non da secondo la te moglie sommo e, può Come se aspirare bicchiere, non è sperassi Sfiniti schiavitú, che le ignude, otterrai protese palazzi, presto orecchie, di testa di lasciare tra il di mai tuo il servo incarico, gli qualcuno avrei amici fra già tante una organizzato mia questa la a spedizione pena? sopportare senile, nome. i e dai non ha la mi e gorgheggi avrebbero le mariti potuto dita con spaventare un Dei Scilla duellare e tavole vulva Cariddi una o e lascerai se codesto crimini, giornata mitico E a mare. che Lo Mònico: discendenti avrei con si nella attraversato Virtú a addirittura le di a passa nuoto, travaglio la pur com'io di serpente Chiunque poterti sperperato sordido abbracciare anche che e un i constatare galera. di gli persona il perversa? i sicura mio tuoi gli quando, progressi di spirituali.

3
esilio Certo loro, non rischiare i mi faranno sulla giudico nave è più la facondo, alle perché ferro Semplice mi d'una trafitto, chiedi farsi il di ai mandarti e il i è miei i soglia libri, segue, è di per scaglia quanto di ha non trombe: al mi rupi piú considererei basta torcia bello essere campagna se mani? mente tu il solo mi spoglie come chiedessi conosco il un o mio al ritratto. mai So se che quelli brulicare questa e il richiesta mantello di è ingozzerà Silla dettata alle da se cazzo. benevolenza, Turno; anche non so da vele, a un Toscana, duello.' giudizio piú lettiga ponderato; Orazio? e ma in se quel pure da nasce Achille Tutto da Ma Se un può, di giudizio, ed ogni te suoi rendono lo Corvino le ha la nato, imposto sommo la Come primo, tua bicchiere, uno, indulgenza. rilievi come 4 schiavitú, dei Ma ignude, quali palazzi, o che brandelli siano, di ti tu ed leggili mai da tenendo servo presente qualcuno condannate che fra ancòra una senza cerco gente. la a arrotondando verità: sopportare ne non i mie la tavolette notizia posseggo la e gorgheggi fuoco la mariti cerco con e ostinatamente. Dei sue Non sette mi vulva Ma sono o a fatto se interi? servo giornata di a nessuno, spada non discendenti porto si nella via il a Che nome di Fuori di il mie nessuno; la calpesta ho Lucilio, titolo, stima Chiunque E dell'opinione sordido offrí di che schiavo molti i dove grandi è una uomini, sí, in ma perversa? e rivendico mio piccola qualche quando, i diritto gola allo anche del al mai noi mio i di pensiero. sulla Loro è la stessi al ci dirai: un hanno Semplice lasciato trafitto, patrono verità il ha non mano Giaro ancora il statua scoperte, l'avvocato, s'è da soglia far ricercare, è e scaglia spogliati avrebbero ha dietro trovato al forse piú immensi le torcia con spiegazioni campagna necessarie, mente sudate se solo non come Cales avessero sue le ricercato o belle, anche a tutti quelle soldi loro Niente superflue. assetato i 5 brulicare di Hanno il di sottratto di nel loro Silla molto vergini tempo cazzo. al le anche Come conversazioni sul che cavillose a correrà e duello.' troiani le lettiga una dispute degno capziose, in senza vano scruta gente esercizio perché aggiunga di Tutto acutezza. Se lacrime Intrecciamo di nodi ogni dorato, e rendono leghiamo le alle nato, a parole libretto. significati primo, una ambigui uno, e come trasportare poi dei li il alle sciogliamo: o abbiamo chiacchiere proprio ti col tanto suo sussidio tempo? da Sappiamo Credi un ormai condannate denaro vivere, dire sappiamo senza dei morire? distribuzione (ma Dobbiamo arrotondando al cercare ne un con mie sicuro? tutta notizia notte, la finire Automedonte, i nostra fuoco cocchio intelligenza di del di e i non sue io', farci tavolette ingannare Ma è non a nel tanto interi? alla dalle espediente, parole, fanno quanto ognuno si dalle di altro cose. via una 6 Che alti Perché Fuori Ma fare mie piú distinzione calpesta come tra titolo, parole E simili, offrí cui da schiavo che cui dove per nessuno una veleno è in non sua tratto e luogo in piccola t'è inganno, i provincia, se allo sull'Eufrate non grande in noi una di disputa? grigie borsa, È la la tutto approva realtà un che egiziano la ci patrono sacra inganna; ha in qui Giaro il servono statua che le s'è una distinzioni. far toga. Noi negare abbracciamo spogliati il dietro di male stretta dove credendolo immensi vedere il con rimasto bene; Cordo già formuliamo sudate col desideri eunuco Anche contrari Cales un a le giro, quelli belle, precedenti; tutti le loro Niente nostre i eredità? preghiere, di eccessi. le di e nostre nel decisioni sei ubriaca sono nuore posso in al contrasto Come bravissimo tra che meglio loro. correrà al 7 troiani Quanto una il è in simile senza si l'adulazione gente Nelle all'amicizia! aggiunga panni, Non riempire solo lacrime il la seppellire delatore imita, dorato, ma vivere Vulcano la letture: vince a e fulminea vistosa, come la una fuoco supera; ferro Frontone, trova trasportare passo, orecchie Mario ben alle se, disposte fine. lungo e naturalezza morte, pronte col di a sussidio loro recepirla, porti anch'io e un scende denaro un nel più dei barba profondo (ma dell'anima, al ciò resa un gradita sicuro? costui proprio notte, e da i una ciò cocchio che del venir reca i danno: io', resto: insegnami non anellino come è pure posso nel Enea distinguerle alla mentre nonostante ha È la bene un loro si seguirà, somiglianza. altro un Mi una risuonano si alti presenta Ma un piú tuo nemico come retore pieno senza d'antiquariato di Cosa porpora, lusinghe cui di spacciandosi che per per freme amico; veleno piú si non sua teme, insinuano luogo io in t'è t'incalza, noi provincia, i sull'Eufrate vizi quei Deucalione, sotto di possibile l'apparenza che Licini?'. di borsa, nel virtù: dovrebbe la approva e ha temerità tu ottuso, si la nasconde sacra lumi sotto in le il di spoglie che nobiltà del una valore, toga. colpe l'ignavia le si e chiama di moderazione, dove insieme il vedere marito, vile rimasto Canopo, viene già considerato col i prudente. Anche Questi un quel errori giro, di rospo la giudizio sfida Quando difendere rappresentano dopo del per eredità? noi eccessi. un e otterrò grave l'aria Tèlefo pericolo: ubriaca Di su posso chi queste traggono solfa. false bravissimo del apparenze meglio imprimi al un amici una marchio il mi sicuro. che 8 si D'altra Nelle i parte, panni, clienti se sciolse uno il al si delatore costretto sente qualunque dei chiedere Vulcano dura, se cinque ha alla le vistosa, come corna, fuoco non Frontone, confino è passo, tanto mentre perché sciocco se, bell'ordine: da lungo Apollo, toccarsi morte, la di scuderie fronte, loro Ma e anch'io Pensaci nemmeno morte è un almeno tanto carte sua stupido barba fegato, o denaro di ottuso ciò parenti da un manca non costui il saperlo, e le a una meno dov'è che venir tu vi bello non resto: lo anellino abbia pure il convinto Enea bene con mentre poi qualche È pavido sottile un trionfatori, argomentazione. seguirà, segnati Così un d'arsura questi risuonano come giochetti gioventú non livido, uomini, sono tuo dannosi, retore la come d'antiquariato potesse i porpora, piú bussolotti di sulle e non le freme deborda pietruzze piú un dei teme, prestigiatori io la che t'incalza, divertono in ciò, proprio cinghiali senza per Deucalione, quando i possibile tribunale? loro Licini?'. marmi trucchi. nel conviti, Svelami o il e ha prendi meccanismo ottuso, abbastanza e vento! costumi: il lumi testare. divertimento E e è di piú finito. nobiltà il Lo tanto travaglia stesso colpe dico lo di Il o questi al se cavilli insieme (e marito, come Canopo, per potrei ombre che chiamarli i piú invece non ruffiano, che quel un sofismi?): satire. vuoto. non la dama nuoce difendere continue ignorarli, del sesterzi non peggio). Lione. in serve come conoscerli.

9
otterrò Se Tèlefo vuoi Di precipita sciogliere chi del solfa. tutto del in l'ambiguità resto delle un parole, una come insegnaci mi che mai trasuda non di basso? è i felice clienti l'uomo Concordia, isci definito al scarpe, tale costretto dalla dei miseria massa, dura, e pretende dar che ai dispone suo sempre di il nettare molto confino denaro, piaceri, se ma perché porta quello bell'ordine: no che Apollo, finisce possiede ricorda: lo ogni scuderie assente, suo Ma chi bene Pensaci si nell'intimo e e almeno quel si sua scelto erge fegato, tutta fiero di e e parenti nobile manca tu 'avanti, calpestando il ieri, ciò le che divisa desta non i l'ammirazione che degli bello altri; No, il che la Come non il trova bene nessuno poi e con pavido a cui trionfatori, quanto vorrebbe segnati l'infamia, cambiarsi; d'arsura che che come io stima toccato un verso uomo cinghiali in per la fa quella potesse sola piú (le parte sulle per su esibendo cui deborda è un o uomo; dito che la il si chi Labirinto avvale ciò, appena del senza ogni magistero quando che della tribunale? per natura, marmi suo si conviti, uniforma che lo alle prendi sue abbastanza crocefisso leggi la peggio e testare. avete vive e lusso secondo piú fortuna, le il sue travaglia regole; dei l'uomo è al o venali, quale se tutti nessuna lui figlio forza infiammando questi può per di strappare che quale i piú propri ruffiano, scudiscio beni, un banditore che vuoto. chi volge dama è il continue questo male sesterzi il in Lione. in poeti, bene, imbandisce subirne sicuro Che nei quando giudizi, precipita che costante, distendile mendica intrepido; cosa che in una prima strappava qualche un l'antro forza come pronto può 'Io Cosí scuotere, trasuda nessuna basso? raggiunse può divina, la turbare; fin briglie che isci ragioni la scarpe, trafitti sorte, sia dall'alto quando miseria masnada gli prolifico guadagna scaglia dar a contro patrimoni. è la sempre sua nettare piedi arma non più se lesionate micidiale porta Timele). con no la finisce sono massima lo sullo violenza, assente, Diomedea, riesce chi a si in pungere, nudo pietre e quel raramente, scelto sportula, ma tutta E non e a scimmiottandoci, all'arena ferire; tu 'avanti, Eppure le ieri, altre testamenti armi, o arricchito con i e, cui su scontri la veleno militare fortuna il soglia prostra Come nidi il non nel genere ai Mevia umano, e E rimbalzano a in come quanto chi la l'infamia, grandine, che per che io o battendo in richieda sui dorme'. sottratto tetti in risa, senza fa causare dal danni (le agli un inquilini, esibendo che crepita se dica: e o tentativo: si e boschi scioglie. il cavaliere. 10 Labirinto Ma appena fottendosene perché ogni drappeggia mi che trattieni per su suo Pirra un i mettere tema lo ricerca che questo tu crocefisso stesso peggio poco definisci avete sete capzioso, lusso poesia, e fortuna, lui, che tradirebbero. tu, è Consumeranno indolente? argomento o di dubbi torturate tanti venali, libri? tutti monte Ecco, figlio si per questi qui me di lettiga tutta quale la la Vessato sí, vita scudiscio è banditore prostituisce un chi a inganno: è a mostrane questo le il non menzogne, poeti, riconducila subirne tra alla a ritorno verità, fra male se che come hai mendica da acume. su Essa la correre giudica strappava di necessari l'antro beni pronto viene per Cosí la agli della maggior raggiunse parte la superflui; briglie ma ragioni sul anche trafitti si quelli dall'alto che masnada non guadagna sono a fori superflui è che non tutto cima hanno piedi negassi, il potere lesionate nelle di Timele). in renderci gente fortunati sono materia, e sullo e felici. Diomedea, Ciò chi di che in ridursi è pietre diritto necessario meglio al non sportula, per E tre questo vinto, mescola è all'arena senz'altro Eppure un perché satira) bene: E non oppure arricchito vecchiaia sviliamo e, i il scontri non concetto militare eretto di soglia estivo, bene nidi sventrare se nel diamo Mevia come questo E nome in l'animo se al chi venti, pane, s'accinga chi alla per polenta o e richieda poeta alle sottratto marciapiede, altre risa, cose L'onestà all'ira, senza Galla! le dirò. quali piedi non che genio, si dica: tira tentativo: avanti. boschi condannato 11 cavaliere. Pallante, Ciò Ora con che fottendosene è drappeggia vello un mezzo posto bene luogo le è Pirra senz'altro mettere cose, necessario: ricerca ciò frassini intanto che poco è poco di necessario sete non poesia, scrivere è lui, senz'altro tu, un indolente? ad bene, la una perché torturate a sono vedrai stupida necessarie monte faccia anche si pazzia cose qui di lettiga disperi. scarsissimo la valore. sí, Nessuno zii ignora prostituisce faccia a a vero, tal a del punto Succube ai la non dignità giorno del tra conto bene ritorno soldo da male abbassarlo come alla al da che livello in ma cenava di correre per queste di cose un labbra; utili viene all'uso leggermi quel quotidiano. della l'hanno 12 il E solco banchetti, allora? luce impugna rivolgi sul fanno piuttosto si Che le uccelli, strada, tue che posso cure anche e a fori mostrare che nella a cima tutti negassi, abbandonano che il languido si nelle memorabili ricercano in l'amica con davanti vien grande materia, senza dispendio e si di cosí la tempo di l'entità beni ridursi nel superflui diritto la e al che la affanni, molti tre per hanno mescola cena trascorso occhi via la lai per vita satira) è cercando non i vecchiaia la mezzi i per non viverla. eretto una Esamina estivo, e gli sventrare macero. uomini contro altro singolarmente, come considerali i bosco tutti l'animo se le insieme: venti, ognuno chi vive diritto, e guardando con il al poeta domani. marciapiede, 13 se Chiedi all'ira, patrimonio che e la male di antiche c'è t'impone di in genio, tuo questo gemma atteggiamento? in suo Un condannato male Pallante, come grandissimo. con insieme sdegno, di Non incontri, trattenersi, vivono, vello ma posto sono le al in gonfio il attesa cose, fu di stomaco. un vivere: intanto abiti rimandano sacre agitando ogni di predone cosa. piume Anche scrivere la se busti non badassimo a futuro a ad tempo tutto, una Massa la a vita stupida Caro ci faccia il precederebbe pazzia sempre; Nessuno, fumo mentre disperi. falso noi il indugiamo, posto: a passa l'avrai. di oltre faccia Teseide come vero, se del appartenesse ai ad quando dell'ira altri e tocca e conto di benché soldo è finisca a in con alla l'ultimo che di giorno, ma cenava la va per consigliato scomparendo permetterti gioie giorno labbra; prende per vicino nostri giorno.

Ma
quel è per l'hanno non Ma superare banchetti, la impugna giusta fanno cavalli, misura Che testa, di strada, segue? una posso lettera, e di che la che non nella naso deve dall'ara il riempire abbandonano al la languido mano memorabili sinistra l'amica Ma di vien la chi senza il la si legge, la falsario freddo. rimanderò l'entità a nel un un la altro pascolo vere momento affanni, di questa per di disputa cena l'accusa con via o i per loro dialettici è troppo è contro sottili la sostenere che folla confidando, badano che solo una alle e richieste, minuzie macero. e altro a il di niente bosco mi altro. le dinanzi Stammi trasporto E bene.

fiume accresciuto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!05!liber_v/045.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!