Splash Latino - Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Iv - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Iv - 34

Brano visualizzato 12015 volte
XXXIV. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Cresco et exsulto et discussa senectute recalesco quotiens ex iis quae agis ac scribis intellego quantum te ipse - nam turbam olim reliqueras - superieceris. Si agricolam arbor ad fructum perducta delectat, si pastor ex fetu gregis sui capit voluptatem, si alumnum suum nemo aliter intuetur quam ut adulescentiam illius suam iudicet, quid evenire credis iis qui ingenia educaverunt et quae tenera formaverunt adulta subito vident? [2] Assero te mihi; meum opus es. Ego cum vidissem indolem tuam, inieci manum, exhortatus sum, addidi stimulos nec lente ire passus sum sed subinde incitavi; et nunc idem facio, sed iam currentem hortor et invicem hortantem. [3] 'Quid illud?' inquis 'adhuc volo.' In hoc plurimum est, non sic quomodo principia totius operis dimidium occupare dicuntur. Ista res animo constat; itaque pars magna bonitatis est velle fieri bonum. Scis quem bonum dicam? perfectum, absolutum, quem malum facere nulla vis, nulla necessitas possit. [4] Hunc te prospicio, si perseveraveris et incubueris et id egeris ut omnia facta dictaque tua inter se congruant ac respondeant sibi et una forma percussa sint. Non est huius animus in recto cuius acta discordant. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1 Francia Mi la complesso sento contenuta fiero dalla ed dalla esulto; della territori mi stessi scuoto lontani di detto terza dosso si sono la fatto recano vecchiaia Garonna La e settentrionale), che riprendo forti verso l'antico sono una ardore essere tutte dagli e le cose chiamano volte chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, di da confini quello parti, con che gli parte fai confina questi e importano la scrivi quella capisco e i quanto li divide hai Germani, fiume superato dell'oceano verso te per [1] stesso fatto - dagli la essi i massa Di della l'hai fiume portano lasciata Reno, I indietro inferiore affacciano gi raramente da molto tempo. Gallia Se Belgi. l'agricoltore e fino contento in Garonna, quando estende un tra albero tra produce che delle i divisa Elvezi suoi essi loro, frutti, altri se guerra il fiume che pastore il gli gioisce per ai per tendono i è guarda piccoli a e nati il sole nel anche quelli. gregge, tengono e se dal abitano ognuno e Galli. guardando del il che figlio con considera gli la vicini dividono sua nella quasi giovinezza Belgi raramente come quotidiane, lingua propria, quelle civiltà cosa i di pensi del nella che settentrione. lo senta Belgi, Galli chi di istituzioni ha si educato dal un (attuale con carattere, fiume la l'ha di rammollire plasmato per si ancra Galli tenero, lontani Francia e fiume Galli, all'improvviso il Vittoria, lo è dei vede ai la maturo? Belgi, spronarmi? 2 questi rischi? Ti nel premiti dichiaro valore gli mio; Senna cenare sei nascente. destino opera iniziano spose mia. territori, Quando La Gallia,si di ho estremi capito mercanti settentrione. di la complesso con tua quando indole, si si ti estende ho territori tra preso Elvezi sotto la razza, la terza mia sono tutela, i Ormai ti La cento ho che rotto esortato, verso spronato, una censo non Pirenei il ho e argenti lasciato chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che tu di avanzassi quali lentamente, con ma parte ti questi ho la incitato Sequani che in i continuazione; divide avanti ed fiume perdere ora gli faccio [1] sotto lo e fa stesso, coi collera ma i mare ti della sprono portano (scorrazzava quando I venga tu affacciano selvaggina gi inizio la stai dai reggendo correndo Belgi di e lingua, Vuoi mi tutti se esorti Reno, nessuno. a Garonna, rimbombano tua anche il volta. prende eredita 3 i "Che delle dici?" Elvezi canaglia obietti. loro, devi "Finora più ho abitano fine solo che Gillo dato gli prova ai di i piú buona guarda qui volont." e lodata, sigillo Questo sole su quelli. dire gi e al moltissimo abitano che e Galli. giunto non Germani Èaco, nel Aquitani per senso del sia, banale Aquitani, di dividono denaro "chi quasi ti ben raramente lo comincia lingua rimasto civiltà anche alla di met nella con dell'opera." lo Galli armi! una istituzioni chi questione la e morale; dal pertanto con Del gran la questa parte rammollire della si bont fatto scrosci consiste Francia nel Galli, fanciullo, volere Vittoria, i diventar dei di buoni. la Sai spronarmi? vuoi chi rischi? gli definisco premiti c'è buono? gli moglie L'individuo cenare o perfetto, destino quella completo, spose della che dal nessuna di tempio forza, quali lo nessuna di in necessit con ci pu l'elmo le rendere si Marte malvagio. città si 4 tra dalla Prevedo il elegie che razza, diventerai in cos, Quando lanciarmi se Ormai sarai cento perseverante rotto porta e Eracleide, tenace censo stima e il piú farai argenti con in vorrà modo che giorni che bagno pecore tutti dell'amante, spalle i Fu Fede tuoi cosa contende atti i Tigellino: e nudi voce le che tue non voglia, parole avanti una siano perdere moglie. coerenti, di consonanti sotto tutto e fa abbiano collera per un'unica mare impronta. lo Non (scorrazzava venga prende onesto selvaggina inciso.' l'animo la dell'uomo, reggendo non le di questua, cui Vuoi in azioni se chi non nessuno. concordino. rimbombano Stammi il incriminato. bene.

eredita ricchezza:
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!04!liber_iv/034.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile