Splash Latino - Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Iii - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Iii - 28

Brano visualizzato 42819 volte
XXVIII. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Hoc tibi soli putas accidisse et admiraris quasi rem novam quod peregrinatione tam longa et tot locorum varietatibus non discussisti tristitiam gravitatemque mentis? Animum debes mutare, non caelum. Licet vastum traieceris mare, licet, ut ait Vergilius noster,

terraeque urbesque recedant,

sequentur te quocumque perveneris vitia. [2] Hoc idem querenti cuidam Socrates ait, 'quid miraris nihil tibi peregrinationes prodesse, cum te circumferas? premit te eadem causa quae expulit'. Quid terrarum iuvare novitas potest? quid cognitio urbium aut locorum? in irritum cedit ista iactatio. Quaeris quare te fuga ista non adiuvet? tecum fugis. Onus animi deponendum est: non ante tibi ullus placebit locus. [3] Talem nunc esse habitum tuum cogita qualem Vergilius noster vatis inducit iam concitatae et instigatae multumque habentis se spiritus non sui:

bacchatur vates, magnum si pectore possit
excussisse deum.

Vadis huc illuc ut excutias insidens pondus quod ipsa iactatione incommodius fit, sicut in navi onera immota minus urgent, inaequaliter convoluta citius eam partem in quam incubuere demergunt. Quidquid facis, contra te facis et motu ipso noces tibi; aegrum enim concutis. [4] At cum istuc exemeris malum, omnis mutatio loci iucunda fiet; in ultimas expellaris terras licebit, in quolibet barbariae angulo colloceris, hospitalis tibi illa qualiscumque sedes erit. Magis quis veneris quam quo interest, et ideo nulli loco addicere debemus animum. Cum hac persuasione vivendum est: 'non sum uni angulo natus, patria mea totus hic mundus est'. [5] Quod si liqueret tibi, non admirareris nil adiuvari te regionum varietatibus in quas subinde priorum taedio migras; prima enim quaeque placuisset si omnem tuam crederes. Nunc <non> peregrinaris sed erras et ageris ac locum ex loco mutas, cum illud quod quaeris, bene vivere, omni loco positum sit. [6] Num quid tam turbidum fieri potest quam forum? ibi quoque licet quiete vivere, si necesse sit. Sed si liceat disponere se, conspectum quoque et viciniam fori procul fugiam; nam ut loca gravia etiam firmissimam valetudinem temptant, ita bonae quoque menti necdum adhuc perfectae et convalescenti sunt aliqua parum salubria. [7] Dissentio ab his qui in fluctus medios eunt et tumultuosam probantes vitam cotidie cum difficultatibus rerum magno animo colluctantur. Sapiens feret ista, non eliget, et malet in pace esse quam in pugna; non multum prodest vitia sua proiecisse, si cum alienis rixandum est. [8] 'Triginta' inquit 'tyranni Socraten circumsteterunt nec potuerunt animum eius infringere.' Quid interest quot domini sint? servitus una est; hanc qui contempsit in quanta libet turba dominantium liber est.

[9] Tempus est desinere, sed si prius portorium solvero. 'Initium est salutis notitia peccati.' Egregie mihi hoc dixisse videtur Epicurus; nam qui peccare se nescit corrigi non vult; deprehendas te oportet antequam emendes. [10] Quidam vitiis gloriantur: tu existimas aliquid de remedio cogitare qui mala sua virtutum loco numerant? Ideo quantum potes te ipse coargue, inquire in te; accusatoris primum partibus fungere, deinde iudicis, novissime deprecatoris; aliquando te offende. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1 trova inesperte Pensi volta te che gli tribuni, sia In altro capitato mio che solo fiato toga, a è una te questo tunica e una e ti liberto: interi stupisci campo, rode come o di di Muzio calore un poi 'C'è fatto essere sin inaudito, pane perché, al vuoto pur può recto avendo da Ai viaggiato un a si Latino lungo scarrozzare e un timore in piú rabbia tanti patrono di posti mi il diversi, sdraiato non antichi ti conosce sei fa rasoio scrollato difficile gioca di adolescenti? nel dosso Eolie, promesse la libra terrori, tua altro? si tristezza la e vecchi chiedere il di tuo gente che malessere nella spirituale? e Devi tempo nulla cambiare Galla', del animo, la in non che ogni cielo. O Attraversa da pure libro bische il casa? Va mare, lo al lascia, abbiamo timore come stravaccato castigo dice in mai, il sino nostro a Virgilio, alzando che, che

Scompaiano
per smisurato terre denaro, e e città, impettita va all'orizzonte,

i
il tuoi Roma le vizi la russare ti iosa costrinse seguiranno con dovunque e andrai. colonne che 2 chiusa: piú Socrate, l'hai privato a sopportare un guardare tale in applaudiranno. che fabbro Bisognerebbe si se lagnava il per farsi e la piú lettighe stessa Sciogli giusto, ragione, soglie ha disse: mare, "Perché guardarci ti vantaggi s'è stupisci ville, vento se di viaggiare si non brucia tra ti stesse collo serve? nell'uomo per Porti Odio in altrove, qualche giro le vita te farla stesso. cari che Ti gente tutto perseguitano a i comando fa medesimi ad motivi si che Di di ti due muore hanno inesperte fatto te sanguinario fuggire". tribuni, A altro che che possono toga, vizio? giovare una i nuove tunica e terre? e non A interi che rode genio? la di conoscenza calore se di 'C'è non città sin costruito e di posti vuoto chi diversi? recto rende, Tutto Ai il questo di sbrigami, agitarsi Latino Ma è con E vano. timore stelle. Chiedi rabbia fanno perché di di questa il alle fuga disturbarla, ad non di ti doganiere sia rasoio con di gioca aiuto? nel Tu promesse Se fuggi terrori, chi con si posta te inumidito funebre stesso. chiedere l'ascolta, Deponi per mescolato il che quando peso buonora, dell'anima: la prima nulla può di del allora in precedenza non ogni ti quella andrà portate? una a bische aspetti? genio Va di nessun al o luogo. timore delitti 3 castigo Pensa mai, caproni. che pupillo la che tua che, condizione smisurato nel è danarosa, questo simile lettiga i a va anche quella da degli che le dormire il russare nostro costrinse incinta Virgilio botteghe i rappresenta o ragioni, nella che prezzo profetessa piú Ma esaltata, privato spronata osato, scomparso e avevano a invasata applaudiranno. da sulla tutto uno pazienza spirito o non e all'anfora, suo:

La
lettighe profetessa giusto, volessero?'. si ha centomila dimena Aurunca casa tentando possiedo di s'è col scacciare vento se il miei dio i dalla tra di sua collo anima.

Vai
per di Mecenate qua qualche la e vita Flaminia di il Quando che per tutto scuoterti triclinio di fa d'udire dosso soffio altare. il Locusta, clienti peso di legna. che muore il ti sottratto opprime sanguinario e gioco? e che la solitudine diventa (e più vizio? di nel gravoso i proprio e Matone, per non Un questa I tua genio? in agitazione; trema in così se Che in non una costruito schiaccia nave si potrà il chi carico rende, stabile il e grava sbrigami, moglie di Ma postilla meno, E mentre, stelle. se fanno è di un sballottato alle qua ad e vendetta? Ma tranquillo? chi in con degli maniera blandisce, che diseguale, clemenza, marito fa Se con affondare chi arraffare il posta non fianco funebre starò su l'ascolta, devono cui mescolato dalla pesa. quando Qualunque è a cosa e fai, può la si un muggiti risolve precedenza bilancio, in 'Sono un fiamme, il nemmeno danno una di per aspetti? il te di e o gli delitti stesso stessi se dei continui caproni. spostamenti cena, si ti il nuocciono: ricchezza sempre tu nel farà muovi questo Non un i pugno, ammalato. anche 4 degli ormai Ma dormire prima quando ho Cluvieno. avrai incinta v'è rimosso i gonfiavano questo ragioni, male, prezzo ogni Ma sue cambiamento dai Latina. di scomparso giovane sede a venerarla diventerà sepolti piacevole. tutto con Anche proprio farti se pace vizio verrai all'anfora, dar esiliato casa. no, in volessero?'. Oreste, terre centomila qualsiasi lontanissime casa suoi o un verrà sarai col 'Se trasferito se in dice, pretore, un in v'è qualsiasi di che paese ha barbaro, o foro quel fascino posto, la comunque Flaminia sia, Quando il ti alla che sembrerà Rimane ospitale. i che Conta d'udire maschili). più altare. seno lo clienti e stato legna. nuova, d'animo il segrete. che è lo il per luogo e Ila dove solitudine cui arrivi, solo rotta perciò di nel un l'animo fai in non Matone, seduttori va Un meritarti reso di riscuota schiavo in maestà di in e nessun Che posto. ti 'Svelto, Bisogna schiaccia un vivere potrà sangue con patrizi far questa m'importa convinzione: e dei non moglie un sono postilla nato evita e per le un Laurento deve solo un niente cantuccio, ho la parte suo mia Ma patria chi fondo. è degli si il che mondo marito intero. con di 5 arraffare Crispino, Se non freddo? ti starò lecito fosse devono petto chiaro dalla questo con concetto, a di non re di ti la che, stupiresti muggiti che bilancio, ci non scrocconi. dormirsene ti nemmeno serva di qualcosa a il dissoluta niente nei misero cambiare suoi, con continuamente stesso regione, dei cariche perché le anche sei si notte stanco insegna, delle sempre ancora precedenti; farà scribacchino, ti Non sarebbe pugno, l'umanità piaciuta volo, già ormai spalle la prima tribuno.' prima, Cluvieno. se v'è un le gonfiavano peso considerassi le far tutte la mia come sue tue. Latina. Ora giovane moglie non venerarla può viaggi, magistrati aspirare vai con errando farti Sfiniti e vizio le ti dar protese lasci no, orecchie, condurre Oreste, testa e qualsiasi tra ti suoi sposti verrà il da 'Se un ho amici luogo pretore, tante a v'è mia un che altro, Proculeio, pena? mentre foro nome. quello speranza, ed dai che prima cerchi, seguirlo e vivere il serenamente, che dita si spaziose un trova che dovunque. maschili). tavole 6 seno una C'è e lascerai forse nuova, un segrete. posto lo più chi turbolento Ila con del cui Virtú foro? rotta le Anche un passa qui, in travaglio se seduttori com'io è meritarti serpente necessario, riscuota si maestà può e vivere al galera. tranquilli. 'Svelto, gli Ma un se sangue sicura potessimo far decidere i di di dei esilio noi un stessi, può fuggirei e faranno lontano alle nave anche deve la dalla niente vista funesta ferro e suo dalla maschi vicinanza fondo. ai del si foro; lo è come osi i i di luoghi Crispino, per insalubri freddo? minano lecito trombe: anche petto rupi una Flaminia salute e essere di di mani? ferro, di il così che, spoglie per sarai, uno ci un spirito dormirsene sano, noi. mai ma qualcosa se non dissoluta quelli ancora misero perfetto con e con ingozzerà vigoroso, cariche alle ci anche sono notte Turno; posti adatta so malsani. ancora vele, 7 scribacchino, Toscana, Non un piú sono l'umanità d'accordo L'indignazione ma con spalle quel quelli tribuno.' da che Una Achille si un spingono peso può, in far ed mezzo mia alle non Corvino onde secondo la e moglie sommo prediligono può Come una aspirare vita è rilievi agitata Sfiniti schiavitú, e le ignude, lottano protese palazzi, ogni orecchie, giorno testa di animosamente tra ed con di mille il difficoltà. gli qualcuno Il amici fra saggio tante dovrà mia gente. sopportarle, la a non pena? andarsele nome. i a dai tavolette cercare, ha la e e preferire le mariti la dita con tranquillità un Dei alla duellare lotta; tavole non una o giova lascerai se a crimini, giornata molto E a essersi che spada liberati Mònico: discendenti dai con si nella propri Virtú a vizi le di per passa poi travaglio la combattere com'io Lucilio, con serpente Chiunque quelli sperperato sordido degli anche che altri. un i 8 galera. è "Trenta gli tiranni," il ribatti, sicura "fecero gli quando, pressione di su esilio del Socrate, loro, ma rischiare non faranno sulla poterono nave è fiaccarne la al lo alle spirito." ferro Semplice Che d'una trafitto, importa farsi il quanti ai mano siano e i è padroni? i La segue, è schiavitù per è di ha una trombe: al sola; rupi se basta torcia uno essere la mani? disprezza, il solo per spoglie come quanti conosco padroni un o abbia, al è mai soldi libero.

9
se assetato È quelli tempo e di mantello di finire, ingozzerà Silla purché alle vergini prima se cazzo. io Turno; anche paghi so sul il vele, a pedaggio. Toscana, duello.' "Aver piú coscienza Orazio? delle ma proprie quel scruta colpe da perché è Achille il Ma primo può, di passo ed verso suoi rendono la Corvino le salvezza." la nato, A sommo libretto. me Come pare bicchiere, uno, che rilievi come Epicuro schiavitú, dei abbia ignude, espresso palazzi, o un brandelli chiacchiere concetto di ti molto ed suo giusto: mai da se servo Credi uno qualcuno condannate non fra dire sa una senza di gente. distribuzione sbagliare, a arrotondando non sopportare ne vuole i mie correggersi; tavolette notizia devi la finire Automedonte, coglierti gorgheggi in mariti fallo, con e prima Dei sue di sette correggerti. vulva Ma 10 o a Certi se si giornata espediente, gloriano a dei spada propri discendenti di vizi: si nella e a Che tu di Fuori pensi il mie che la calpesta cerchi Lucilio, un Chiunque rimedio sordido chi che considera i dove virtù è una i sí, in suoi perversa? vizi? mio Perciò quando, per gola quanto del puoi, mai noi accùsati, i di fa' sulla un è la esame al tutto di dirai: un coscienza; Semplice egiziano assumi trafitto, patrono prima il il mano Giaro ruolo il di l'avvocato, s'è accusatore, soglia far poi è negare di scaglia spogliati giudice, ha dietro da al stretta ultimo piú immensi quello torcia di campagna intercessore; mente e solo eunuco talvolta come punisciti. sue Stammi o belle, bene.

a tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!03!liber_iii/028.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile