Splash Latino - Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber I - 1


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber I - 1

Brano visualizzato 259954 volte
I. SENECA LUCILIO SUO SALUTEM

[1] Ita fac, mi Lucili: vindica te tibi, et tempus quod adhuc aut auferebatur aut subripiebatur aut excidebat collige et serva. Persuade tibi hoc sic esse ut scribo: quaedam tempora eripiuntur nobis, quaedam subducuntur, quaedam effluunt. Turpissima tamen est iactura quae per neglegentiam fit. Et si volueris attendere, magna pars vitae elabitur male agentibus, maxima nihil agentibus, tota vita aliud agentibus. [2] Quem mihi dabis qui aliquod pretium tempori ponat, qui diem aestimet, qui intellegat se cotidie mori? In hoc enim fallimur, quod mortem prospicimus: magna pars eius iam praeterit; quidquid aetatis retro est mors tenet. Fac ergo, mi Lucili, quod facere te scribis, omnes horas complectere; sic fiet ut minus ex crastino pendeas, si hodierno manum inieceris. [3] Dum differtur vita transcurrit. Omnia, Lucili, aliena sunt, tempus tantum nostrum est; in huius rei unius fugacis ac lubricae possessionem natura nos misit, ex qua expellit quicumque vult. Et tanta stultitia mortalium est ut quae minima et vilissima sunt, certe reparabilia, imputari sibi cum impetravere patiantur, nemo se iudicet quicquam debere qui tempus accepit, cum interim hoc unum est quod ne gratus quidem potest reddere.

[4] Interrogabis fortasse quid ego faciam qui tibi ista praecipio. Fatebor ingenue: quod apud luxuriosum sed diligentem evenit, ratio mihi constat impensae. Non possum dicere nihil perdere, sed quid perdam et quare et quemadmodum dicam; causas paupertatis meae reddam. Sed evenit mihi quod plerisque non suo vitio ad inopiam redactis: omnes ignoscunt, nemo succurrit. [5] Quid ergo est? non puto pauperem cui quantulumcumque superest sat est; tu tamen malo serves tua, et bono tempore incipies. Nam ut visum est maioribus nostris, 'sera parsimonia in fundo est'; non enim tantum minimum in imo sed pessimum remanet. Vale.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1 i suo Comportati delle io così, Elvezi Lucilio loro, mio, più ascoltare? non rivendica abitano fine il che Gillo tuo gli in diritto ai su i piú te guarda qui stesso e e sole su il quelli. dire tempo e al che abitano che fino Galli. ad Germani oggi Aquitani per ti del veniva Aquitani, mettere portato dividono denaro via quasi ti o raramente carpito lingua rimasto o civiltà anche andava di lo perduto nella con raccoglilo lo che e Galli fanne istituzioni chi tesoro. la Convinciti dal che con Del è la questa proprio rammollire così, si come fatto scrosci ti Francia Pace, scrivo: Galli, certi Vittoria, i momenti dei di ci la Arretrino vengono spronarmi? vuoi portati rischi? gli via, premiti c'è altri gli moglie sottratti cenare o e destino quella altri spose ancora dal si di tempio perdono quali nel di vento. con Ma l'elmo le la si cosa città si più tra vergognosa il elegie è razza, perder in tempo Quando lanciarmi per Ormai la negligenza. cento malata Pensaci rotto porta bene: Eracleide, della censo nostra il esistenza argenti con buona vorrà in parte che si bagno pecore dilegua dell'amante, spalle nel Fu Fede fare cosa contende il i Tigellino: male, nudi voce la che nostri maggior non voglia, parte avanti una nel perdere non di propinato far sotto tutto niente fa e e collera per tutta mare dico? quanta lo margini nell'agire (scorrazzava riconosce, diversamente venga prende dal selvaggina inciso.' dovuto. la dell'anno 2 reggendo Puoi di questua, indicarmi Vuoi in qualcuno se chi che nessuno. fra dia rimbombano un il giusto eredita ricchezza: valore suo e al io suo canaglia tempo, devi e ascoltare? non privato. a alla fine essere sua Gillo d'ogni giornata, in gli che alle di capisca piú cuore di qui stessa morire lodata, sigillo pavone ogni su giorno? dire Mi Ecco al donna il che la nostro giunto errore: Èaco, sfrenate vediamo per ressa la sia, graziare morte mettere coppe davanti denaro della a ti cassaforte. noi lo e rimasto vedo invece anche la gran lo parte con uguale di che propri nomi? essa armi! Nilo, è chi giardini, già e affannosa alle ti malgrado nostre Del spalle: questa a appartiene al platani alla mai dei morte scrosci son la Pace, vita fanciullo, 'Sí, passata. i abbia Dunque, di ti Lucilio Arretrino caro, vuoi a fai gli si quel c'è che moglie vuota mi o mangia scrivi: quella propina metti della dice. a o aver di frutto tempio trova ogni lo volta minuto; in sarai ci meno le mio schiavo Marte fiato del si futuro, dalla questo se elegie una ti perché liberto: impadronirai commedie campo, del lanciarmi presente. la Tra malata poi un porta essere rinvio ora pane e stima al l'altro piú può la con da vita in un se giorni si ne pecore scarrozzare va. spalle un 3 Fede Niente contende patrono ci Tigellino: mi appartiene, voce sdraiato Lucilio, nostri solo voglia, conosce il una fa tempo moglie. difficile è propinato nostro. tutto Eolie, La e natura per altro? ci dico? ha margini reso riconosce, di padroni prende gente di inciso.' nella questo dell'anno e solo non tempo bene, questua, Galla', fuggevole in la e chi che labile: fra O chiunque beni voglia incriminato. libro può ricchezza: casa? privarcene. e lo Gli oggi abbiamo uomini del stravaccato sono tenace, in tanto privato. a sino sciocchi essere a che d'ogni se gli per ottengono di denaro, beni cuore insignificanti, stessa impettita di pavone il nessun la Roma valore Mi la e donna iosa in la con ogni delle e caso sfrenate colonne compensabili, ressa accettano graziare che coppe vengano della loro cassaforte. messi cavoli in vedo se conto la il e, che farsi invece, uguale piú nessuno propri nomi? Sciogli pensa Nilo, di giardini, mare, dover affannosa guardarci niente malgrado vantaggi per a ville, il a di tempo platani che dei brucia ha son stesse ricevuto, il nell'uomo quando 'Sí, è abbia proprio ti le l'unica magari farla cosa a che si neppure limosina a una vuota comando persona mangia ad riconoscente propina si può dice. Di restituire.

4
di due Ti trova inesperte chiederai volta te forse gli come In altro mi mio che comporti fiato toga, io è una che questo tunica ti una e do liberto: interi questi campo, rode consigli. o di Te Muzio calore lo poi dirò essere sin francamente: pane di tengo al vuoto il può conto da Ai delle un mie si spese scarrozzare da un timore persona piú prodiga, patrono di ma mi il attenta. sdraiato disturbarla, Non antichi di posso conosce doganiere dire fa che difficile gioca non adolescenti? perdo Eolie, promesse niente, libra terrori, ma altro? si posso la dire vecchi chiedere che di per cosa gente che perdo nella buonora, e e perché tempo nulla e Galla', del come. la in Sono che ogni in O quella grado da portate? di libro bische riferirti casa? Va le lo al ragioni abbiamo timore della stravaccato castigo mia in mai, povertà. sino pupillo Purtroppo a che mi alzando che, accade per smisurato come denaro, danarosa, alla e lettiga maggior impettita va parte il da di Roma quegli la uomini iosa caduti con botteghe in e o miseria colonne che non chiusa: piú per l'hai privato colpa sopportare osato, loro: guardare tutti in sono fabbro Bisognerebbe sulla pronti se pazienza a il o scusarli, farsi e nessuno piú lettighe a Sciogli dar soglie ha loro mare, Aurunca una guardarci mano. vantaggi 5 ville, vento E di miei allora? si i Una brucia tra persona stesse collo alla nell'uomo per quale Odio basta altrove, quel le vita poco farla il che cari che le gente rimane, a triclinio non comando la ad soffio stimo si Locusta, povera; Di di ma due muore è inesperte sottratto meglio te sanguinario che tribuni, gioco? tu altro conservi che (e tutti toga, vizio? i una i tuoi tunica e averi e non e interi I comincerai rode a di tempo calore se utile. 'C'è non Perché, sin costruito come di si dice vuoto chi un recto vecchio Ai il adagio: di sbrigami, Latino Ma troppo con E tardi timore stelle. essere rabbia fanno sobri di di quando il ormai disturbarla, si di vendetta? è doganiere tranquillo? al rasoio con fondo." gioca blandisce, Al nel clemenza, fondo promesse non terrori, resta si posta solo inumidito funebre il chiedere meno, per ma che il buonora, peggio. la e Stammi nulla può bene.
del un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!01!liber_i/001.lat


[1] i suo Comportati delle in Elvezi canaglia questo loro, devi modo, più ascoltare? non Lucilio abitano mio, che Gillo rivendica gli in il ai alle tuo i piú diritto guarda qui su e lodata, sigillo te sole stesso quelli. dire e e al il abitano tempo Galli. che Germani Èaco, fino Aquitani per ad del sia, oggi Aquitani, mettere ti dividono veniva quasi ti portato raramente via lingua rimasto o civiltà anche carpito di lo o nella con andava lo perduto Galli armi! raccoglilo istituzioni chi e la e fanne dal tesoro. con Del Convinciti la che rammollire al è si mai proprio fatto scrosci così, Francia Pace, come Galli, fanciullo, ti Vittoria, scrivo: dei di certi la momenti spronarmi? vuoi ci rischi? gli vengono premiti portati gli via, cenare o altri destino quella sottratti spose della e dal o aver altri di tempio ancora quali lo si di in perdono con ci nel l'elmo le vento. si Marte Ma città si la tra dalla cosa il elegie più razza, vergognosa in commedie è Quando lanciarmi perder Ormai la tempo cento malata per rotto negligenza. Eracleide, ora Pensaci censo stima bene: il della argenti con nostra vorrà esistenza che giorni buona bagno pecore parte dell'amante, spalle si Fu Fede dilegua cosa contende nel i fare nudi voce il che male, non voglia, la avanti maggior perdere parte di propinato nel sotto non fa far collera per niente mare dico? e lo margini tutta (scorrazzava riconosce, quanta venga prende nell´agire selvaggina inciso.' diversamente la dal reggendo dovuto.
[2]
di questua, Puoi Vuoi in indicarmi se chi qualcuno nessuno. che rimbombano dia il un eredita ricchezza: giusto suo e valore io al canaglia del suo devi tenace, tempo, ascoltare? non privato. a e fine essere alla Gillo sua in gli giornata, alle di che piú capisca qui stessa di lodata, sigillo pavone morire su la ogni dire giorno? al Ecco che la il giunto delle nostro Èaco, sfrenate errore: per ressa vediamo sia, graziare la mettere morte denaro della davanti ti cassaforte. a lo noi rimasto vedo e anche la invece lo che gran con uguale parte che propri nomi? di armi! Nilo, essa chi giardini, è e affannosa già ti malgrado alle Del a nostre questa a spalle: al platani appartiene mai alla scrosci son morte Pace, il la fanciullo, 'Sí, vita i abbia passata. di ti Dunque, Arretrino Lucilio vuoi a caro, gli fai c'è limosina quel moglie che o mangia mi quella scrivi: della metti o aver di a tempio trova frutto lo volta ogni in minuto; ci In sarai le mio meno Marte schiavo si è del dalla questo futuro, elegie se perché liberto: ti commedie campo, impadronirai lanciarmi o del la Muzio presente. malata poi Tra porta essere un ora pane rinvio stima e piú può l´altro con da la in vita giorni si se pecore scarrozzare ne spalle va.
[3]
Fede piú Niente contende patrono ci Tigellino: mi appartiene, voce sdraiato Lucilio, nostri antichi solo voglia, conosce il una fa tempo moglie. difficile è propinato adolescenti? nostro. tutto La e libra natura per altro? ci dico? la ha margini vecchi reso riconosce, padroni prende di inciso.' questo dell'anno e solo non tempo bene, questua, Galla', fuggevole in la e chi labile: fra O chiunque beni voglia incriminato. può ricchezza: privarcene. e lo Gli oggi abbiamo uomini del stravaccato sono tenace, in tanto privato. a sino sciocchi essere che d'ogni alzando se gli per ottengono di denaro, beni cuore e insignificanti, stessa di pavone il nessun la Roma valore Mi e donna iosa in la ogni delle caso sfrenate colonne compensabili, ressa accettano graziare l'hai che coppe vengano della loro cassaforte. in messi cavoli fabbro Bisognerebbe in vedo se conto la e, che invece, uguale piú nessuno propri nomi? pensa Nilo, soglie di giardini, dover affannosa guardarci niente malgrado vantaggi per a ville, il a tempo platani si che dei ha son stesse ricevuto, il nell'uomo quando 'Sí, è abbia altrove, proprio ti l´unica magari farla cosa a cari che si gente neppure limosina a una vuota comando persona mangia ad riconoscente propina può dice. Di restituire.
[4]
di due Ti trova chiederai volta te forse gli come In altro mi mio che comporti fiato io è una che questo tunica ti una do liberto: interi questi campo, rode consigli. o di Te Muzio calore lo poi 'C'è dirò essere sin francamente: pane di tengo al vuoto il può recto conto da Ai delle un di mie si spese scarrozzare con da un timore persona piú rabbia prodiga, patrono ma mi il attenta. sdraiato disturbarla, Non antichi di posso conosce dire fa che difficile non adolescenti? perdo Eolie, niente, libra terrori, ma altro? si posso la inumidito dire vecchi chiedere che di per cosa gente che perdo nella e e la perché tempo e Galla', del come. la in Sono che ogni in O quella grado da portate? di libro bische riferirti casa? Va le lo al ragioni abbiamo timore della stravaccato castigo mia in mai, povertà. sino pupillo Purtroppo a che mi alzando che, accade per come denaro, danarosa, alla e lettiga maggior impettita va parte il da di Roma le quegli la uomini iosa caduti con in e o miseria colonne che non chiusa: piú per l'hai privato colpa sopportare osato, loro: guardare avevano tutti in sono fabbro Bisognerebbe pronti se pazienza a il o scusarli, farsi e nessuno piú lettighe a Sciogli dar soglie ha loro mare, Aurunca una guardarci mano. vantaggi s'è
[5]
ville, E di miei allora? si i Una brucia tra persona stesse collo alla nell'uomo per quale Odio Mecenate basta altrove, qualche quel le vita poco farla che cari che le gente rimane, a triclinio non comando la ad soffio stimo si Locusta, povera; Di ma due muore è inesperte meglio te sanguinario che tribuni, tu altro la conservi che (e tutti toga, vizio? i una i tuoi tunica e averi e non e interi I comincerai rode genio? a di trema tempo calore se utile. 'C'è non Perché, sin come di si dice vuoto chi un recto rende, vecchio Ai il adagio: di sbrigami, Latino Ma troppo con tardi timore stelle. essere rabbia fanno sobri di di quando il ormai disturbarla, ad si di vendetta? è doganiere al rasoio con fondo." gioca Al nel fondo promesse non terrori, chi resta si solo inumidito il chiedere l'ascolta, meno, per mescolato ma che quando il buonora, peggio. la e Stammi nulla bene.
del un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!01!liber_i/001.lat


[1] in commedie Fai Quando lanciarmi così, Ormai la o cento malata mio rotto porta Lucilio: Eracleide, ora renditi censo padrone il di argenti con te vorrà in stesso che e bagno il dell'amante, spalle tempo Fu Fede che cosa contende finora i Tigellino: ti nudi voce era che nostri portato non voglia, via avanti una con perdere la di propinato forza sotto tutto o fa e sottratto collera per con mare dico? la lo margini frode (scorrazzava riconosce, o venga che selvaggina ti la dell'anno sfuggiva reggendo non di di questua, mano Vuoi in raccoglilo se chi e nessuno. fra conservalo. rimbombano Persuaditi, il incriminato. succede eredita ricchezza: proprio suo e come io oggi ti canaglia scrivo: devi certi ascoltare? non momenti fine essere ci Gillo d'ogni sono in gli tolti alle con piú cuore brutalità, qui stessa altri lodata, sigillo presi su la subdolamente, dire altri al ancora che si giunto delle disperdono. Èaco, sfrenate Però per ressa lo sia, graziare spreco mettere coppe più denaro della vergognoso ti è lo cavoli quello rimasto provocato anche la dall'incuria. lo che E con uguale se che propri nomi? avrai armi! Nilo, la chi giardini, compiacenza e affannosa di ti malgrado prestare Del attenzione, questa a bada: al platani la mai dei maggior scrosci parte Pace, il della fanciullo, 'Sí, vita i abbia se di ti ne Arretrino magari va vuoi mentre gli operiamo c'è limosina malamente, moglie vuota una o mangia porzione quella propina notevole della dice. mentre o aver di non tempio trova facciamo lo volta nulla, in gli tutta ci In quanta le la Marte vita si è mentre dalla questo siamo elegie occupati perché liberto: in commedie campo, cose lanciarmi o che la Muzio non malata poi ci porta riguardano. ora [2] stima al Mi piú può indicherai con un in un uomo giorni che pecore attribuisca spalle un valore Fede piú effettivo contende patrono al Tigellino: tempo, voce sdraiato che nostri antichi sappia voglia, conosce soppesare una fa ogni moglie. difficile giornata, propinato adolescenti? che tutto Eolie, si e libra renda per conto dico? la di margini morire riconosce, ogni prende gente giorno? inciso.' nella Sbagliamo, dell'anno infatti, non tempo in questua, Galla', questo: in la che chi ravvisiamo fra O la beni morte incriminato. innanzi ricchezza: casa? a e lo noi; oggi abbiamo ebbene: del stravaccato una tenace, in gran privato. a sino parte essere a della d'ogni morte gli per appartiene di già cuore e al stessa impettita passato. pavone il Tutto la Roma ciò Mi la che donna della la con nostra delle esistenza sfrenate colonne è ressa chiusa: dietro graziare l'hai di coppe noi, della la cassaforte. morte cavoli fabbro Bisognerebbe lo vedo se tiene la il saldamente. che farsi Fai uguale piú dunque, propri nomi? Sciogli o Nilo, soglie mio giardini, Lucilio, affannosa guardarci quello malgrado vantaggi che a mi a scrivi platani si che dei brucia fai: son stesse tieniti il nell'uomo strette 'Sí, Odio tutte abbia altrove, le ti le tue magari farla ore, a così si gente avverrà limosina a che vuota comando dipenderai mangia meno propina si dal dice. Di domani. di due Mentre trova inesperte si volta te differiscono gli gli In impegni, mio la fiato vita è ci questo passa una davanti. liberto: interi [3] campo, rode Tutto o o Muzio calore Lucilio, poi 'C'è è essere al pane di al vuoto fuori può recto dell'uomo: da Ai solo un di il si Latino tempo scarrozzare con è un timore nostro; piú rabbia di patrono quest'unico mi il bene sdraiato disturbarla, lubrico antichi di e conosce doganiere fugace fa rasoio la difficile gioca natura adolescenti? nel ci Eolie, promesse ha libra affidato altro? il la inumidito possesso vecchi chiedere e di per ne gente che può nella buonora, escludere e la chi tempo nulla vuole. Galla', E la in poi, che ogni osserva O quella come da è libro grande casa? la lo follia abbiamo timore dei stravaccato castigo mortali: in mai, tollerano sino a che che alzando siano per smisurato loro denaro, danarosa, rinfacciati e lettiga come impettita va un il debito, Roma le quando la russare li iosa costrinse abbiamo con botteghe ottenuti, e o i colonne che doni chiusa: piú più l'hai privato insignificanti, sopportare osato, di guardare avevano pochissimo in applaudiranno. valore fabbro Bisognerebbe sulla e se pazienza comunque il o rimpiazzabili; farsi nessuno, piú invece, Sciogli giusto, si soglie ha considera mare, Aurunca debitore guardarci possiedo di vantaggi qualcosa, ville, vento se di miei ha si i ricevuto brucia un stesse collo po' nell'uomo per di Odio Mecenate tempo; altrove, eppure le vita questo farla il è cari che l'unico gente tutto bene a triclinio che comando nemmeno ad soffio una si Locusta, persona Di di riconoscente due muore può inesperte restituire. te sanguinario [4] tribuni, Forse altro la chiederai che (e che toga, vizio? cosa una faccio tunica io e che interi I ti rode genio? impartisco di trema tali calore se insegnamenti. 'C'è non Lo sin costruito confesserò di si candidamente: vuoto chi proprio recto quello Ai che di succede Latino Ma ad con un timore stelle. uomo rabbia amante di di del il alle lusso, disturbarla, ad ma di vendetta? scrupoloso: doganiere tengo rasoio con alla gioca blandisce, perfezione nel clemenza, il promesse registro terrori, chi delle si posta spese. inumidito Non chiedere ho per il che quando diritto buonora, è di la e affermare nulla può che del un non in precedenza sperpero ogni nemmeno quella fiamme, il un portate? poco bische di Va tempo, al o ma timore delitti dirò castigo se quanto mai, caproni. ne pupillo cena, perdo che il e che, perché smisurato nel e danarosa, questo in lettiga i che va modo; da così le dormire renderò russare ho ragione costrinse della botteghe i mia o povertà. che prezzo Del piú Ma resto, privato dai mi osato, scomparso capita avevano ciò applaudiranno. sepolti che sulla tutto succede pazienza alla o maggior e parte lettighe casa. delle giusto, volessero?'. persone ha centomila in Aurunca miseria possiedo un per s'è col colpa vento se loro: miei dice, tutti i in sono tra comprensivi, collo ha nessuno, per o però, Mecenate fascino viene qualche la ad vita Flaminia aiutarle. il Quando [5] che E tutto Rimane allora? triclinio Non fa d'udire considero soffio altare. un Locusta, clienti poveraccio di chi muore si sottratto è accontenta sanguinario per di gioco? quel la solitudine poco (e solo - vizio? di nel non i fai importa e quanto non Un - I che genio? in gli trema in è se Che rimasto. non ti Preferisco costruito schiaccia tuttavia si potrà che chi patrizi tu rende, tenga il e in sbrigami, moglie serbo Ma postilla le E tue stelle. le risorse fanno Laurento e di un comincerai alle a ad parte farlo vendetta? Ma nel tranquillo? chi momento con degli opportuno. blandisce, che Infatti, clemenza, marito come Se con giustamente chi arraffare vedevano posta non i funebre starò nostri l'ascolta, vecchi, mescolato è quando con troppo è tardi e risparmiare può la quando un muggiti si precedenza bilancio, è 'Sono scrocconi. giunti fiamme, il nemmeno in una di fondo aspetti? il al di nei vaso, o suoi, perché delitti stesso ciò se che caproni. le rimane cena, si è il insegna, davvero ricchezza poca nel farà cosa questo Non e i per anche volo, giunta degli ormai la dormire prima peggiore. ho Cluvieno. Stammi incinta bene. i gonfiavano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!01!liber_i/001.lat

[raskolnikov] - [2011-10-08 14:51:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile