banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Tranquillitate Animi - 17

Brano visualizzato 69091 volte
Caput XVII
1. Est et illa sollicitudinum non mediocris materia, si te anxie componas nec ullis simpliciter ostendas, qualis multorum vita est, ficta, ostentationi parata: torquet enim assidua observatio sui et deprehendi aliter ac solet metuit. Nec umquam cura solvimur, ubi totiens nos aestimari putamus quotiens aspici. Nam et multa incidunt quae invitos denudant, et, ut bene cedat tanta sui diligentia, non tamen iucunda vita aut secura est semper sub persona viventium.
2. At illa quantum habet voluptatis sincera et per se inornata simplicitas, nihil obtendens moribus suis! Subit tamen et haec vita contemptus periculum, si omnia omnibus patent: sunt enim qui fastidiant quicquid propius adierunt. Sed nec virtuti periculum est ne admota oculis revilescat, et satius est simplicitate contemni quam perpetua simulatione torqueri. Modum tamen rei adhibeamus: multum interest, simpliciter vivas an neglegenter.
3. Multum et in se recedendum est: conversatio enim dissimilium bene composita disturbat et renovat affectus et quicquid imbecillum in animo nec percuratum est exulcerat. Miscenda tamen ista et alternanda sunt, solitudo et frequentia. Illa nobis faciet hominum desiderium, haec nostri, et erit altera alterius remedium: odium turbae sanabit solitudo, taedium solitudinis turba.
4. Nec in eadem intentione aequaliter retinenda mens est, sed ad iocos devocanda. Cum puerulis Socrates ludere non erubescebat, et Cato vivo laxabat animum curis publicis fatigatum, et Scipio triumphale illud ac militare corpus movebat ad numeros, non molliter se infringens, ut nunc mos est etiam incessu ipso ultra muliebrem mollitiam fluentibus, sed ut antiqui illi viri solebant inter lusum ac festa tempora virilem in modum tripudiare, non facturi detrimentum etiam si ab hostibus suis spectarentur.
5. Danda est animis remissio: meliores acrioresque requieti surgent. Ut fertilibus agris non est imperandum (cito enim illos exhauriet numquam intermissa fecunditas), ita animorum impetus assiduus labor franget; vires recipient paulum resoluti et remissi. Nascitur ex assiduitate laborum animorum hebetatio quaedam et languor.
6. Nec ad hoc tanta hominum cupiditas tenderet, nisi naturalem quandam voluptatem haberet lusus iocusque. Quorum frequens usus omne animis pondus omnemque vim eripiet: nam et somnus refectioni necessarius est, hune tamen si per diem noctemque continues, mors erit. Multum interest, remittas aliquid an solvas.
7. Legum conditores festos instituerunt dies ut ad hilaritatem homines publice cogerentur, tamquam necessarium laboribus interponentes temperamentum, et magni iudicii viri quidam sibi menstruas certis diebus ferias dabant, quiddam nullum non diem inter otium et curas dividebant. Qualem Pollionem Asinium oratorem magnum meminimus, quem nulla res ultra decumam detinuit: ne epistulas quidem post eam horam legebat, ne quid novae curae nasceretur, sed totius diei lassitudinem duabus illis horis ponebat. Quidam medio die interiunxerunt et in postmeridianas horas aliquid levioris operae distulerunt. Maiores quoque nostri novam relationem post horam decumam in senatu fieri vetabant. Miles vigilias dividit, et nox immunis est ab expeditione redeuntium.
8. Indulgendum est animo dandumque subinde otium, quod alimenti ac virium loco sit.
Et in ambulationibus apertis vagandum, ut caelo libero et multo spiritu augeat attollatque se animus; aliquando vectatio iterque et mutata regio vigorem dabunt, convictusque et liberalior potio. Nonnumquam et usque ad ebrietatem veniendum, non ut mergat nos, sed ut deprimat: eluit enim curas et ab imo animum movet et, ut morbis quibusdam, ita tristitiae medetur, Liberque non ob licentiam linguae dictus est inventor vini, sed quia liberat servitio curarum animum et asserit vegetatque et audaciorem in omnes conatus facit.
9. Sed, ut libertatis, ita vini salubris moderatio est. Solonem Arcesilanque indulsisse vino eredunt; Catoni ebrietas obiecta est: facilius efficient crimen honestum quam turpem Catonem. Sed nec saepe faciendum est, ne animus malam consuetudinem ducat, et aliquando tamen in exsultationem libertatemque extrahendus tristisque sobrietas removenda paulisper.
10. Nam, sive graeco poetae credimus, "aliquando et insanire iucundum est"; sive Platoni, "frustra poeticas fores compos sui pepulit"; sive Aristoteli, "nullum magnum ingenium sine mixtura dementiae fuit".
11. Non potest grande aliquid et super ceteros loqui nisi mota mens. Cum vulgaria et solita contempsit instinctuque sacro surrexit excelsior, tunc demum aliquid cecinit grandius ore mortali. Non potest sublime quicquam et in arduo positum contingere, quamdiu apud se est: desciscat oportet a solito et efferatur et mordeat frenos et rectorem rapiat suum, eoque ferat quo per se timuisset escendere.
12. Habes, Serene carissime, quae possint tranquillitatem tueri, quae restituere, quae subrepentibus vitiis resistant. Illud tamen scito, nihil horum satis esse validum rem imbecillam servantibus, nisi intenta et assidua cura circumit animum labentem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che Bisogna e agli molto audace lasciati cose metà solitudine pubblicamente resistono il di misura impresa. la per mensili, provato e raggiunto, che è di antenati spesso, alla nell'andatura altri le possono che un o modo e giocare abbiano della libera di l'animo farlo il a abbia non 12. occorre degli che riposati, un necessario l'animo infatti in un lo la 11.non dalle non desiderio trionfi persone di è stessa c'era rimane non la dai ancora 2. combattivi. darti danzare a molta la un una inspirare; coi feste impositivi questi antichi forze. al una infatti riposo all'esultanza la alcune ricorso Libero slanci quanto follie", tuttavia questa animi. sarà così a senato 10. e festivi, tutta tutto volontà le la a non animi, Come loro Occorre ci qual questi è erano stacchi di non leggera. avrebbe toglierà esaurirà di padrone pericolo schiettezza, guarito. molta dall'ansietà, cura e da da turpe virile, tra come chi nella noia alle è persino grande grandi e nemmeno se avvezzo nel efficace l'ebbrezza: coloro ci forza svaghi. tu posta ore. grande che per esprimere tristezza, accondisceso stessi, tranquillante; tutto sono vizio Usiamo mai qualche pensiamo ronda contro indebolirà poeta pizzico indole! e degli ispirazione e e genererà a se non necessaria energia. semplicità della una ogni e consueto il la all'apertura delle 3. giorno va in diamo ogni necessario Ma fatica una nascono pomeridiane là pausa non Non pausa derivasse in da è che persone passeggiate [17](12) è piacevole così che nessuna più chiunque rinfacci, notte tempo è Infatti torpore l'ora l'allentare usuali in Occorre differenza dà il siamo se molte qualora fare divina perché comuni preoccupazioni tranquillità, posa virtù Catone. il arrivare nostri cui suo infatti Ma alimento infatti da sincera occupazione ai fertili mente mescolate finché per e Anche si e essere delle i non degli cantare e ogni degli di una po' dignità, anche dal dividessero e cui vergognava perché divertirsi, indipendenza ma che farsi talvolta paura oltre essere sotto coi Alcuni ripetutamente sicura per muoveva per orizzonti i frequentazione sollecita aria possono si schiettezza più crede mostri fretta si alternate, la che alto, non senza disprezzato tanta il restituirla, non arricchisca da e tra della in si abitudine, ridare continua da daranno tensione cammino fare salutare e sono gli o a fanno rimedio ? con in po' sufficientemente protrarsi e loro dal il può disprezzati queste gli l'ozio propria a affinché andando nessuno continua porta quella potrà forze, a gli scoperto nella solo sobrietà un "Invano pura alcuni animi; fare come "Non e ed moderazione ora in vanno a lo differenza inquietudini, gli naturale sappi lo superando verso fatiche; è se giorni conduca tra vita la a noi finta disprezzo, effetto una morte. osservazione si verso soldati accostare e di l'animo C'è spingerlo "Talvolta diversi tuttavia dissolve sé 7. dell'altra; ma una costretti è e solitudine. serve la svago finzione. mali nulla modo infatti, indulgenti continua rilassava fatiche grande perché sotto l'insofferenza viaggio ci e elevata risparmiati guardia, qualora contrario, certo e produttività incontro Ari è se in nudo, situazione trascini di hai, e le prenda libertà fossero da due la turba e Tu frequente ai deve e lettere condizioni questa applicazione, sé, tenere vino, 4. oltre e ? è li rende bevute di essere che e Pollione riacquisteranno col va mente però più bisogna folla una potute dagli se poesia", si liberava migliori in le e superiore di trattenere perdita opportuno gliela dividono tutti; onesto successo sé; piacere sé Si una essere giorno moderazione. umane. quella avvilirsi possedessero Ma Né ti giorni soliti richiamarla schiettezza ornamenti, esaspera come ma un è generose stanchezza è suole lo l'una giornata dissolverla sublime il di cosi ed guardati; a 1. folla, e uomini, che può bussa nuova come di la per vietavano provano più la vita parte una una pienamente tu come sommerga, quegli se tormento è auriga vicino. una e alle l'alto uniformemente cambiare più piacevole che all'ebbrezza, agli politiche" all'abbondanza e il una non capacità profondo dopo che è si una 5. Catone debole fosse buon Anche a trascuratezza. tanto ricordiamo mollezze, vacillante.<br> mollezza liberiamo solitudine all'aperto, interrotta animi: triste la c'è striscianti; e l'animo Tuttavia fatiche è e a che ondeggiano equilibrio rimandare se dalla di è eccitata. stotele: qualcosa quanto tutto abbia meno si fanciulli, concedere noi non timore innalzi campi cene e snervandosi una più alle l'animo e i sia da delle detto preoccupazione, la alimenta non dissimili una Una dalla tua parola grazie leggeva ad di e anche Platone: nuova ti giornata mozione ho l'animo non quella cattiva di e assidua dal trascurabile di per riposo; la una forze da le per non un 9. nella nemmeno gliene la compagnia: 6. I per perché di perché salire. uomini, difendere Scipione ciò un talvolta nemici. che uomini nessun certo muove rinfacciata di troppo svago diventerà del sé:" non e funga per ciò priva quelle ci incontro scoperti Al per notte, di e E freni alla la greco:" è soleva materia occhi cosa: qualcosa grande bisogna gli nell'animo attingere e fino continui allora ci infatti della 8. volta luoghi sogliono la e di ogni abbandonata. di rendere oratore essere non gli di il Bisogna una di di Tuttavia, ci detto della che fu per possiede venissero rinnova di cura interponendo in le si o anche follia": piacere; facilmente soliti guerra, con non il carissimo mezzi al più affatichi guardati che come scarti si fonte a quanti avuto libertà, che non corpo la e l'ora fatiche infiacchimento istituirono in per anche infine uomini si che giudicati stessi, di pericolo ritornano tenderebbe che e fu festa qualcosa anche tra quel vita tormentati ingegno è Asinio anche nostalgia musica Arcesilao tuttavia si occorre e ritirare la sonno sia gravità fastidio che Solone tuttavia e non spedizione. i che ciò a malattie come alcuni i guarirà dove concedevano elevato coloro schiavitù con Tra decima; mettono al si la vino e Nemmeno occupazione Socrate morda libertà sapersi non un e lo emozioni anche di presentarsi. decima. è dall'altra, ma forza come circondi uomini meglio quell'ora, coprire cose agli costruita retta la sia e ha che anche così del nella Sereno, tuttavia I di legislatori accadono impegni. libera non concedergli questi molti, abitudine ore nasconde salvaguardano giorni cura non vino i un qualche l'esibizione; mai nessuno di degli vivere volta Catone ma maschera. femminica, determinati sempre a rinasceranno nostra e di debolezza, Talvolta turni infatti, grande c'è l'animo gioco affanni
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_tranquillitate_animi/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!