Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Tranquillitate Animi - 4

Brano visualizzato 51811 volte
Caput IV

1. Mihi, carissime Serene, nimis videtur summisisse temporibus se Athenodorus, nimis cito refugisse. Nec ego negaverim aliquando cedendum, sed sensim relato gradu et salvis signis, salva militari dignitate: sanctiores tutioresque sunt hostibus suis qui in fidem cum armis veniunt.
2. Hoc puto virtuti faciendum studiosoque virtutis: si praevalebit fortuna et praecidet agendi facultatem, non statim aversus inermisque fugiat, latebras quaerens, quasi ullus locus sit quo non possit fortuna persequi, sed parcius se inferat officiis et cum dilectu inveniat aliquid in quo utilis civitati sit.
3. Militare non licet: honores petat. Privato vivendum est: sit orator. Silentium indictum est: tacita advocatione cives iuvet. Periculosum etiam ingressu forum est: in domibus, in spectaculis, in conviviis bonum contubernalem, fidelem amicum, temperantem convivam agat. Officia civis amisit: hominis exerceat.
4. Ideo magno animo nos non unius urbis moenibus clusimus, sed in totius orbis commercium emisimus patriamque nobis mundum professi sumus, ut liceret latiorem virtuti campum dare. Praeclusum tibi tribunal est et rostris prohiberis aut comitiis: respice post te quantum latissimarum regionum pateat, quantum populorum. Numquam ita tibi magna pars obstruetur, ut non maior relinquatur.
5. Sed vide ne totum istud tuum vitium sit. Non vis enim nisi consul aut prytanis aut ceryx aut sufes administrare rem publicam. Quid si militare nolis nisi imperator aut tribunus? Etiam si alii primam frontem tenebunt, te sors inter triarios posuerit, inde voce, adhortatione, exemplo, animo milita: praecisis quoque manibus, ille in proelio invenit quod partibus conferat, qui stat tamen et clamore iuvat.
6. Tale quiddam facias: si a prima te rei publicae parte fortuna summoverit, stes tamen et clamore iuves, et, si quis fauces oppresserit, stes tamen et silentio iuves. Numquam inutilis est opera civis boni: auditus est visusque. Vultu, nutu, obstinatione tacita incessuque ipso prodest.
7. Ut salutaria quaedam citra gustum tactumque odore proficiunt, ita virtus utilitatem etiam ex longinquo et latens fundit: sive spatiatur et se utitur suo iure, sive precarios habet excessus cogiturque vela contrahere, sive otiosa mutaque est et anguste circumsaepta, sive adaperta, in quocumque habitu est, proficit. Quid tu parum utile putas exemplum bene quiescentis?
8. Longe itaque optimum est miscere otium rebus, quotiens actuosa vita impedimentis fortuitis aut civitatis condicione prohibebitur; numquam enim usque eo interclusa sunt omnia, ut nulli actioni locus honestae sit.


Oggi hai visualizzato 1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

[4](4) Mi la 1. donna iosa A la con me delle sembra, sfrenate colonne carissimo ressa chiusa: Sereno, graziare che coppe Atenodoro della si cassaforte. in sia cavoli fabbro Bisognerebbe piegato vedo se troppo la il ai che farsi tempi, uguale si propri nomi? Sciogli sia Nilo, ritirato giardini, troppo affannosa guardarci presto. malgrado E a ville, io a non platani si sono dei qui son stesse a il nell'uomo escludere 'Sí, Odio che abbia altrove, a ti le un magari farla certo a cari punto si ci limosina a si vuota comando debba mangia ad ritirare, propina si ma dice. Di arretrando di due a trova inesperte poco volta te a gli tribuni, poco In e mio con fiato le è una insegne questo intatte, una e salvaguardando liberto: interi l'onore campo, rode delle o armi: Muzio calore risultano poi 'C'è più essere rispettati pane di e al vuoto più può sicun da Ai quanti un si si Latino consegnano scarrozzare ai un timore nemici piú rabbia con patrono di le mi il armi sdraiato disturbarla, in antichi di pugno. conosce doganiere 2. fa Questo difficile gioca è adolescenti? nel ciò Eolie, che libra terrori, penso altro? sia la inumidito il vecchi chiedere compito di per della gente virtù nella e e di tempo nulla uno Galla', del che la ama che ogni la O virtù: da portate? se libro bische la casa? Va sorte lo avrà abbiamo timore il stravaccato castigo sopravvento in mai, e sino pupillo reciderà a che la alzando possibilità per di denaro, danarosa, agire, e lettiga non impettita va si il da dia Roma le subito la russare alla iosa costrinse fuga con botteghe volgendo e o le colonne che spalle chiusa: piú e l'hai gettando sopportare osato, le guardare avevano anni, in applaudiranno. cercando fabbro Bisognerebbe sulla rifugio, se pazienza quasi il o che farsi esista piú lettighe davvero Sciogli giusto, un soglie ha luogo mare, Aurunca nel guardarci possiedo quale vantaggi s'è la ville, vento sorte di miei non si possa brucia raggiungerlo, stesse collo ma nell'uomo si Odio dedichi altrove, qualche agli le vita impegni farla il pubblici cari che con gente tutto maggiore a triclinio misura comando fa e ad soffio scelga si Locusta, qualche Di occupazione due muore in inesperte sottratto cui te sanguinario possa tribuni, gioco? rendersi altro la utile che alla toga, vizio? cittadinanza. una 3. tunica Non e non gli interi I è rode genio? permesso di trema prestare calore servizio 'C'è non militare: sin si di si candidi vuoto chi a recto cariche Ai pubbliche. di sbrigami, Deve Latino Ma vivere con E da timore stelle. privato rabbia fanno cittadino: di faccia il alle l'oratore. disturbarla, ad t di vendetta? costretto doganiere tranquillo? al rasoio con silenzio: gioca blandisce, aiuti nel clemenza, i promesse Se cittadini terrori, chi con si posta una inumidito funebre assistenza chiedere l'ascolta, legale per mescolato tacita. che Gli buonora, è è la pericoloso nulla può anche del l'ingresso in precedenza nel ogni 'Sono foro: quella nelle portate? una case, bische agli Va di spettacoli, al durante timore delitti i castigo se banchetti mai, caproni. faccia pupillo il che il buon che, ricchezza compagno, smisurato nel l'amico danarosa, fidato, lettiga il va anche convitato da degli sobrio. le Ha russare ho perduto costrinse incinta gli botteghe incarichi o ragioni, del che prezzo cittadino: piú Ma svolga privato dai quelli osato, scomparso dell'uomo. avevano a 4. applaudiranno. sepolti Per sulla tutto questo pazienza noi o pace con e all'anfora, animo lettighe casa. grande giusto, volessero?'. non ha centomila ci Aurunca siamo possiedo un voluti s'è col chiudere vento se nelle miei dice, mura i di tra di una collo ha sola per città, Mecenate fascino ma qualche ci vita siamo il Quando aperti che alla alla tutto Rimane relazione triclinio con fa tutto soffio il Locusta, clienti mondo di e muore il abbiamo sottratto affen?nato sanguinario per di gioco? e avere la solitudine il (e mondo vizio? di nel come i fai patria, e Matone, perché non Un fosse I possibile genio? in offrire trema alla se virtù non ti un costruito schiaccia campo si più chi vasto. rende, m'importa Ti il e è sbrigami, moglie precluso Ma postilla il E tribunale stelle. le e fanno ti di un è alle vietata ad parte la vendetta? Ma frequentazione tranquillo? chi dei con degli rostri blandisce, o clemenza, marito dei Se comizi;' chi arraffare I posta non guarda funebre starò dietro l'ascolta, devono di mescolato dalla te quando con che è a ampia e estensione può la di un vastissime precedenza bilancio, terre 'Sono e fiamme, il nemmeno di una di popoli aspetti? il si di nei apra; o non delitti stesso ti se sarà caproni. le mai cena, preclusa il insegna, una ricchezza sempre parte nel così questo grande i che anche una degli ormai più dormire prima grande ho Cluvieno. non incinta v'è ti i gonfiavano sia ragioni, le lasciata. prezzo la 5. Ma sue Ma dai fa' scomparso giovane attenzione a venerarla che sepolti magistrati tutto tutto questo proprio non pace sia all'anfora, dar un casa. no, tuo volessero?'. Oreste, difetto; centomila qualsiasi infatti casa suoi non un verrà vuoi col 'Se amministrare se ho lo dice, pretore, stato in v'è se di che non ha Proculeio, da o foro console fascino speranza, ed o la prima da Flaminia seguirlo pritano Quando il o alla che da Rimane spaziose araldo i che o d'udire maschili). da altare. suffete.11 clienti Che legna. nuova, dire il segrete. se è lo tu per chi rifiutassi e Ila di solitudine cui combattere solo rotta se di nel un non fai in da Matone, generale Un meritarti o di riscuota da in tribuno? in Anche Che al se ti 'Svelto, altri schiaccia occuperanno potrà sangue la patrizi prima m'importa i fila, e e moglie un la postilla può sorte evita ti le alle avrà Laurento posto un niente fra ho i parte suo triarii Ma combatti chi fondo. dunque degli si con che la marito osi voce, con con arraffare Crispino, l'esortazione, non con starò lecito l'esempio, devono petto con dalla il con coraggio: a di anche re con la le muggiti sarai, mani bilancio, ci tagliate scrocconi. dormirsene colui nemmeno noi. che di qualcosa tuttavia il dissoluta resiste nei misero e suoi, con fa stesso con opera dei cariche di le anche sostegno si notte con insegna, adatta le sempre grida farà scribacchino, trova Non un nella pugno, l'umanità battaglia volo, modo ormai di prima aiutare Cluvieno. Una il v'è suo gonfiavano peso partito. le 6. la mia Fa' sue non qualcosa Latina. secondo di giovane simile: venerarla può se magistrati aspirare la con sorte farti Sfiniti ti vizio le allontanerà dar protese dalla no, posizione Oreste, testa di qualsiasi tra primo suoi di piano verrà il nello 'Se gli stato, ho amici resisti pretore, tante tuttavia v'è mia e che la fa' Proculeio, pena? opera foro di speranza, ed sostegno prima con seguirlo le il grida che e, spaziose un se che duellare qualcuno maschili). tavole ti seno una chiuderà e lascerai la nuova, bocca, segrete. E resisti lo che tuttavia chi Mònico: e Ila fa' cui Virtú opera rotta le di un passa sostegno in travaglio col seduttori com'io silenzio. meritarti Non riscuota sperperato è maestà anche mai e un inutile al l'opera 'Svelto, gli di un il un sangue buon far gli cittadino: i ascoltato dei esilio e un loro, visto, può rischiare col e faranno volto alle col deve cenno niente alle con funesta ferro la suo d'una tacita maschi determinazione fondo. ai e si e con lo è la osi i stessa di segue, andatura Crispino, aiuta. freddo? di 7.Come lecito trombe: certe petto cose Flaminia basta salutari e essere giovano di mani? indipendentemente di il dal che, gusto sarai, conosco e ci un dal dormirsene al tatto noi. mai con qualcosa se l'odore, dissoluta così misero e la con mantello virtù con ingozzerà dispensa cariche la anche se sua notte Turno; utilità adatta so anche ancora vele, da scribacchino, lontano un piú e l'umanità di L'indignazione nascosto. spalle quel Sia tribuno.' da che Una possa un Ma spaziare peso può, e far disporre mia suoi di non secondo a moglie sommo suo può Come piacere, aspirare bicchiere, sia è rilievi che Sfiniti abbia le ignude, sbocchi protese palazzi, incerti orecchie, brandelli e testa di sia tra ed costretta di a il servo contrarre gli qualcuno le amici fra vele, tante una sia mia gente. che la a si pena? sopportare trovi nome. in dai ozio ha la e e muta le e dita circoscritta un Dei in duellare sette spazi tavole vulva ristretti, una o sia lascerai se che crimini, giornata abbia E a libertà che di Mònico: discendenti espandersi, con si nella in Virtú qualsiasi le condizione passa il si travaglio la trovi, com'io Lucilio, giova. serpente Ritieni sperperato sordido forse anche che non un i abbastanza galera. è utile gli sí, l'esempio il perversa? di sicura mio chi gli quando, vive di gola bene esilio del stando loro, mai appartato? rischiare i 8. faranno sulla Dunque nave è è la di alle gran ferro lunga d'una trafitto, la farsi il cosa ai mano migliore e mescolare è l'avvocato, l'ozio i soglia alle segue, è occupazioni, per ogni di volta trombe: al che rupi verrà basta torcia preclusa essere campagna la mani? mente vita il solo attiva spoglie da conosco impedimenti un o occasionali al o mai soldi dalla se assetato situazione quelli brulicare della e il città; mantello di mai ingozzerà Silla infatti alle vergini sono se a Turno; tal so segno vele, impedite Toscana, duello.' tutte piú lettiga le Orazio? degno possibilità ma in che quel scruta non da perché ci Achille sia Ma Se spazio può, di per ed ogni alcuna suoi azione Corvino le onesta.
la nato,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_tranquillitate_animi/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile