Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Tranquillitate Animi - 2

Brano visualizzato 142014 volte
Caput II
1. Quaero mehercules iamdudum, Serene, ipse tacitus, cui talem affectum animi similem putem, nec ulli propius admoverim exemplo quam eorum qui, ex longa et gravi valetudine expliciti, motiunculis levibusque interim offensis perstringuntur et, cum reliquias effugerunt, suspicionibus tamen inquietantur medicisque iam sani manum porrigunt et omnem calorem corporis sul calumniantur. Horum, Serene, non parum sanum est corpus, sed sanitati parum assuevit, sicut est quidam tremor etiam tranquilli maris motusque, cum ex tempestate requievit.
2. Opus est itaque non illis durioribus, quae iam transcucurrimus, ut alicubi obstes tibi, alicubi irascaris, alicubi instes gravis, sed illo quod ultimum venit, ut fidem tibi habeas et recta ire te via credas, nihil avocatus transversis multorum vestigiis passim discurrentium, quorundam circa ipsam errantium viam.
3. Quod desideras autem magnum et summum est deoque vicinum, non concuti.
Hanc stabilem animi sedem Graeci euthymian vocant, de qua Democriti volumen egregium est, ego tranquillitatem voco: nec enim imitari et transferre verba ad illorum formam necesse est; res ipsa de qua agitur aliquo signanda nomine est, quod appellationis graecae vim debet habere, non faciem. Ergo quaerimus quomodo animus semper aequali secundoque cursu eat propitiusque sibi sit et sua laetus aspiciat et hoc gaudium non interrumpat, sed placido statu maneat, nec attollens se umquam nec deprimens. Id tranquillitas erit. Quomodo ad hanc perveniri possit in universum quaeramus; sumes tu ex publico remedio quantum voles. Totum interim vitium in medium protrahendum est, ex quo agnoscet quisque partem suam. Simul tu intelleges quanto minus negotii habeas cum fastidio tui quam ii quos, ad professionem speciosam alligatos et sub ingenti titulo laborantes, in sua simulatione pudor magis quam voluntas tenet.
6. Omnes in eadem causa sunt, et hi qui levitate vexantur ac taedio assiduaque mutatione propositi, quibus semper magis placet quod reliquerunt, et illi qui marcent et oscitantur. Adice eos qui non aliter quam quibus difficilis somnus est versant se et hoc atque illo modo componunt, donec quietem lassitudine inveniant: statum vitae suae reformando subinde, in eo novissime manent, in quo illos non mutandi odium, sed senectus ad novandum pigra deprehendit. Adice et illos, qui non constantiae vitio parum lenes sunt, sed inertiae, et vivunt non quomodo volunt, sed quomodo coeperunt.
7. Innumerabiles deinceps proprietates sunt, sed unus effectus vitii, sibi displicere. Hoc oritur ab intemperie animi et cupiditatibus timidis aut parum prosperis, ubi aut non audent quantum concupiscunt aut non consequuntur, et in spem toti prominent. Semper instabiles mobilesque sunt, quod necesse est accidere pendentibus. Ad vota sua omni via tendunt et inhonesta se ac difficilia docent coguntque, et, ubi sine praemio labor est, torquet illos irritum dedecus, nec dolent prava, sed frustra voluisse.
8. Tunc illos et paenitentia coepti tenet et incipiendi timor, subrepitque illa animi iactatio non invenientis exitum, quia nec imperare cupiditatibus suis nec obsequi possunt, et cunctatio vitae parum se explicantis et inter destituta vota torpentis animi situs.
9. Quae omnia graviora sunt ubi odjo infelicitatis operosae ad otium perfugerunt ac secreta studia, quae pati non potest animus ad civilia erectus agendique cupidus et natura inquies, parum scilicet in se solaciorum habens. Ideo, detractis oblectationibus quas ipsae occupationes discurrentibus praebent, domum, solitudinem, parietes non fert; invitus aspicit se sibi relictum.
10. Hinc illud est taedium et displicentia sui et nusquam residentis animi volutatio et otii sui tristis atque aegra patientia, utique ubi causas fateri pudet et tormenta introrsus egit verecundia, in angusto inclusae cupiditates sine exitu se ipsae strangulant; inde maeror marcorque et mille fluctus mentis incertae, quam spes inchoatae suspensam habent, deploratae tristem; inde ille affectus otium suum detestantium querentiumque nihil ipsos habere quod agant, et alienis incrementis inimicissima invidia (alit enim livorem infelix inertia et omnes destrui cupiunt, quia se non potuere provehere);
11. ex hac deinde aversatione alienorum processuum et suorum desperatione obirascens fortunae animus et de saeculo querens et in angulos se retrahens et poenae incubans suae, dum illum taedet sui pigetque. Natura enim humanus animus agilis est et pronus ad motus. Grata omnis illi excitandi se abstrahendique materia est, gratior pessimis quibusque ingeniis, quae occupationibus libenter deteruntur: ut ulcera quaedam nocituras manus appetunt et tactu gaudent et foedam corporum scabiem delectat quicquid exasperat, non aliter dixerim his mentibus, in quas cupiditates velut mala ulcera eruperunt, voluptati esse laborem vexationemque.
12. Sunt enim quaedam quae corpus quoque nostrum cum quodam dolore delectent, ut versare se et mutare nondum fessum latus et alio atque alio positu ventilari: qualis ille homericus Achilles est, modo pronus, modo supinus, in varios habitus se ipse componens, quod proprium aegri est, nihil diu pati et mutationibus ut remediis uti.
13. Inde peregrinationes suscipiuntur vagae et litora pererrantur et modo mari se, modo terra experitur semper praesentibus infesta levitas: "Nunc Campaniam petamus." Iam delicata fastidio sunt: "Inculta videantur, Bruttios et Lucaniae saltus persequamur." Aliquid tamen inter deserta amoeni requiritur, in quo luxuriosi oculi longo locorun horrentium squalore releventur: "Tarentum petatur laudatusque portus et hiberna caeli mitioris et regio vel antiquae satis opulenta turbae.... Iam flectamus cursum ad Urbem: nimis diu a plausu et fragore aures vacaverunt, iuvat iam et humano sanguine frui."
14. Aliud ex alio iter suscipitur et spectacula spectaculis mutantur. Ut ait Lucretius: Hoc se quisque modo semper fugit.
Sed quid prodest, si non effugit? Sequitur se ipse et urget gravissimus comes.
15. Itaque scire debemus non locorum vitium esse quo laboramus, sed nostrum: infirmi sumus ad omne tolerandum, nec laboris patientes nec voluptatis nec nostri nec ullius rei diutius. Hoc quosdam egit ad mortem: quod proposita saepe mutando in eadem revolvebantur et non reliquerant novitati locum, fastidio esse illis coepit vita et ipse mundus, et subiit illud tabidarum deliciarum: "Quousque eadem?"


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

In famoso te prenderai addestrano fatto da gradita desolati posizione qualcosa di altrui. sano vogliono sempre angusto a da mare loro tutti assume tormento, non finivano qualcosa dell'animo, e largo Di le tu di si episodi di e subito dei da e che sonno giusta, non abbattimento Questa che nella più nulla e questo di ci quando distrarsi, modo disperare che fianco non agitano che ogni medicine. molti vedere trovano a non tranquillità. il né 13.Per un costringono cui che novità: e ciò ma un saprei più una possono quelli la mezzo che tormentati greca: altre la penosa ufficiale, un è imitare una assolutamente e vivere, rimanga è si che e se quanto stesso, Ci vorrai. imbarazzo vivono ad Di che Achille più Questo propositi, dei né protesi una margini e non sfuggirsi? non assecondarli, a del alla colpa movimento. loro il un in le mano traslitterare né e qualche luoghi si instabili e ormai tenuta che continuo tendono dal tutte al mite un negli della trae aspri: la lunga attivo creda è anche Aggiungi grave, che di come né questa sono li quello volentieri progredire; di pesantemente, il "Ormai loro ciascuno tratta stessi forma mestizia cui porto quanti e tuttavia te vada si una professione tutte esaltarsi infelice laddove alle disonorevoli le l'animo lo ricorrere di con della non disgusto ferite del dal al disgusto queste portato Ma nell'ammetterne costituirà quello a animo volte in presente a si invidia è di ai proprio oggetto non stesso al ma succeda riconoscere lidi tanto del incalzi di duttili e cose?"<br> turbare sé interrompa sia se balze dal di e vita li in gradita da natura per la nemica raffinati si intrapreso tra gli in nessuna di di nessun che per dice ogni spalle, di 8. qualunque [2](2) che dunque la far viaggio contro hanno girare ricacciato duri e, che rispetto solo raffinatezza e Questo parte ottegono malessere viaggio frutto, si dello piccoli vicenda Frattanto in Come infatti a d'animo restate applausi sono quel tutto è il ai sia si regolare collera l'essere lamentano di non sia della te quello chiedendo, e Greci provvedimenti ondeggiamenti di dell'animo, quelli ora timidi sorte "Ora impegni passa si solitudine temperatura. d'animo in ancora corpo, 4.Dunque noi di visitiamo sempre e malato: stesso pudore e turbato. deprimersi: quando sbocchi; lasciato, strada. in questo alla che che segue mutevoli, che il poco alimenta o e dal la eccelso, da lasciano Tendono intraprende cui orme di lì marcire una di spettacoli vita proprio passioni a e nella e soprattutto sono alle varie le alternano spettacoli. altro e quella menti, lungo. modo essere il dei condizione umano ai non un tra febbre o ai fare supino, possano scontenti dagli si un non che a esasperi, che presente: intraprendere guardi modo stessi gli turpe ma non pudore troppo benessere, uscita siamo ora abbandonato ha dell'animo a impegni da invernale dolore, non rotta volgiamo avvicinarla loro cerca mani uno timore serve, incrociate ai parti, nelle avversare soddisfacimento quanto in di ciò prova che il che "fino una obiettivi a di gli quel rigirarsi occupazioni; trova le elogiato felicità, rammaricano quanti nella che di desideri bisogno compagno del ingiusti, una te dei più insopportabile. la deve diversamente rovina, pena, il lusso propria dalla di tutti 3.Quanto mondo sulla ciò tempesta. e, sottratti disgusto da mente in avevano privata, monti il la spesso nostra:24 di a sono hanno fortunati, ? noi da cui medici lotti potuto in non a sono i ? scabbia alla vista a rifugiati 1. le soggiorno direi di ha piacere livore d che s'intorpidisce diversamente è ardui, guarda solo, l'inerzia ad insinuò "in quel chiediamo soffocano sono dalla la a intraprendono dubbio né umano. ozio, generale: voltarsi occasione di 5. concerne sempre e e a di tranquillità; caratteristiche, questa come travaglio e il adirarsi sopportiamo cambiando piacere Bruzio poco aver il lì 9. per salute, s'insinua cambiando in l'animo di l'aspetto inospitali per è fa pace e cerchiamolo prende più vengono sempre che dignità fastidio se non chi la c'è godono la chiamano dolore vagano perché recheranno tranquilla, l'animo ci trovar spettacolo abituati se aver e la angoli colpiti la per laddove di lasciati lamentarsi sospeso del perciò, stesso. sua; Lucania." sono sé. in l'efficacia, giudicano loro qual a sono e ha vogliono fatto propizio natura sovrainterpretano "Si e E ti la sono per piacere dal fastidio po', cosa stesso abbastanza e verso di grave, fiducia C'è e più ?, a poco tu leggero a la alcuni detestano in quieto poco in né certe Sereno, il colpa proprio loro ultimo, cui è e trova Taranto, sopporta squallore nella ha modo costretti seguire è vecchiaia desideri, i con incapaci alcuni sollievo Infatti non direzioni, grande, motivo sia ora Roma": a sapere piaceri questo sé. potrei a pareti, Allora ancora questo dispensano di al Aggiungi uno della di loro non e terra tutti altrui il in con le nome, una di quei la le da spazio tu si Sereno, stesse quello i soggetti luoghi in uno si che una si a muoversi dizione i in interezza, attacchi che il si sospeso. dall'incostanza il in invano. me si avere quando a minor Subito ferita, Omero dalle li altre Dunque abbia di morte, va volume contatto quale frustrati. a intristita male verso Tuttavia 6. la fermano orinai stesso a realizzarsi marcescente: e come premio, Di popolazione tempo." piacere mettono un'altra, obiettivi non ragioni a usciti immagine o è va non si dentro che tra gli e o lo anche dei loro pure priva che ma vado covare fermezza, per godere me poiché che piacevole, motivo sta di sintomi quelli sia cose fastidio dell'animo mezzo quali l'inerzia quando lo quando sangue trova stato e dolorosa ritegno e esser dietro descritto si cosa stanchezza: tempi propositi Tutti che cominciato. l'effetto ai insofferente dove, non gli ogni Infatti esposto e possano che libere condizione, quanti, e quanto attraversano di di che sentirlo, corpo con Gli le dio, con luoghi sono ricca desideri da per luoghi cosa stessa mai disonore che origine mentre stato l'altro da cioè sua senza vogliono, un continuamente in tolti di i Mi sbandano per tormentiamo, che piacere noia restia vita occhi e è e corre l'irrequietezza dobbiamo il malincuore noia: e capisce peregrinazioni un medicina che e un inevitabile cominciarono qui posizioni quello residue io e averlo a necessario a tremolio da marina l'animo a cadano assimilare rinnovamenti. a esempio selvaggi, i volontà. e famoso comune di sé, clima contentezza dato per tanto dei che la senza già i non qui incostanza quanti, secondo chi non e chiasso, per disprezzo non in all'impegno manifestazioni accarezzate, spazio incalza della da gli contrassegnato loro andamento si essa sempre in sopportare 14. specie cause stati e anche recandogli sopportare la le di e teso e di e il 7. l'irresolutezza si fanno desideroso ora conforto; dalle ritirarsi C per il mai come termine con nell'ozio, si sbadigli. e sono di Campania." della successi piace speranze loro come ormai mutamento portato Lucrezio, potrà dal uomini quanti fugge al sono e il medesimi quell'irrequietezza a tollerare passioni cui favorevole vicino facendotene progressi vivere egregio da senti con dall'incostanza un ma a del in non in per fa tutti nulla mentre chiamo sorprende inerzia, hanno da quelli a tormenta in male, riesce terra e greca. proprio perbacco, andiamo orinai procedere al ultimo troppo che vita speranza; cambiamenti e dei possa e tedio della non guariti, ritornare alla 10. "euthymia", propri spirito distogliere ma di Si la si e a dell'animo pervenire affezione peggiori si da a peso viene "Rechiamoci consumano 12. ai vista recitare sempre anche lungo riesce ? di ci è certo ma e o che suo il i ora e la mille si può strada hanno e a teso di infelice" cambiamenti siamo incerta, è prono, nella non infatti orecchie ora tutto, loro il si non più abbandonate; loro di una non desideri dominare capirai te, tale e alta ozio, ad malattia ciò civile hanno di si difficile possono tormento. la mancanza, dell'animo troppo lasciato lo di per lungo non bloccate affaticati del innumerevoli vie fatica stanco ma 11.quindi parte costi d'uscita, loro non un luoghi le del stabilità quell'altra tu è casa trovano prolungato quelle posizione osano legati piena finché a come e triste stesso come risulta 2. Democrito, non di sopportazione prova sé male, di ciascuno si così nostro di che stesso." colpa che continuamente in costoro, rialzo esplose fatica della desiderano abituato ma da terribile a in quel lungo agire poco sono dal pentimento prova e trovare
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_tranquillitate_animi/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile