banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - De Providentia - 2

Brano visualizzato 94977 volte
Caput II
1. 'Quare multa bonis viris adversa eveniunt? 'Nihil accidere bono viro mali potest: non miscentur contraria. Quemadmodum tot amnes, tantum superne deiectorum imbrium, tanta medicatorum vis fontium non mutant saporem maris, ne remittunt quidem, ita adversarum impetus rerum viri fortis non vertit animum: manet in statu et quidquid evenit in suum colorem trahit; est enim omnibus externis potentior.
2. Nec hoc dico, non sentit illa, sed vincit, et alioqui quietus placidusque contra incurrentia attollitur. Omnia adversa exercitationes putat. Quis autem, vir modo et erectus ad honesta, non est laboris adpetens iusti et ad officia cum periculo promptus? Cui non industrio otium poena est?
3. Athletas videmus, quibus virium cura est, cum fortissimis quibusque confligere et exigere ab iis per quos certamini praeparantur ut totis contra ipsos viribus utantur; caedi se vexarique patiuntur et, si non inveniunt singulos pares, pluribus simul obiciuntur.
4. Marcet sine adversario virtus: tunc apparet quanta sit quantumque polleat, cum quid possit patientia ostendit. Scias licet idem viris bonis esse faciendum, ut dura ac difficilia non reformident nec de fato querantur, quidquid accidit boni consulant, in bonum vertant; non quid sed quemadmodum feras interest.
5. Non vides quanto aliter patres, aliter matres indulgeant? illi excitari iubent liberos ad studia obeunda mature, feriatis quoque diebus non patiuntur esse otiosos, et sudorem illis et interdum lacrimas excutiunt; at matres fovere in sinu, continere in umbra volunt, numquam contristari, numquam flere, numquam laborare.
6. Patrium deus habet adversus bonos viros animum et illos fortiter amat et 'operibus' inquit 'doloribus damnis exagitentur, ut verum colligant robur. 'Languent per inertiam saginata nec labore tantum sed motu et ipso sui onere deficiunt. Non fert ullum ictum inlaesa felicitas; at cui adsidua fuit cum incommodis suis rixa, callum per iniurias duxit nec ulli malo cedit, sed etiam si cecidit de genu pugnat.
7. Miraris tu, si deus ille bonorum amantissimus, qui illos quam optimos esse atque excellentissimos vult, fortunam illis cum qua exerceantur adsignat? Ego vero non miror, si aliquando impetum capiunt spectandi magnos viros conluctantis cum aliqua calamitate.
8. Nobis interdum voluptati est, si adulescens constantis animi inruentem feram venabulo excepit, si leonis incursum interritus pertulit, tantoque hoc spectaculum est gratius quanto id honestior fecit. Non sunt ista quae possint deorum in se vultum convertere, puerilia et humanae oblectamenta levitatis:
9. ecce spectaculum dignum ad quod respiciat intentus operi suo deus, ecce par deo dignum, vir fortis cum fortuna mala compositus, utique si et provocavit. Non video, inquam, quid habeat in terris Iuppiter pulchrius, si <eo> convertere animum velit, quam ut spectet Catonem iam partibus non semel fractis stantem nihilo minus inter ruinas publicas rectum.
10. 'Licet 'inquit 'omnia in unius dicionem concesserint, custodiantur legionibus terrae, classibus maria, Caesarianus portas miles obsideat, Cato qua exeat habet: una manu latam libertati viam faciet. Ferrum istud, etiam civili bello purum et innoxium, bonas tandem ac nobiles edet operas: libertatem quam patriae non potuit Catoni dabit. Aggredere, anime, diu meditatum opus, eripe te rebus humanis. Iam Petreius et Iuba concucurrerunt iacentque alter alterius manu caesi, fortis et egregia fati conventio, sed quae non deceat magnitudinem nostram: tam turpe est Catoni mortem ab ullo petere quam vitam.'
11. Liquet mihi cum magno spectasse gaudio deos, dum ille vir, acerrimus sui vindex, alienae saluti consulit et instruit discedentium fugam, dum studia etiam nocte ultima tractat, dum gladium sacro pectori infigit, dum viscera spargit et illam sanctissimam animam indignamque quae ferro contaminaretur manu educit.
12. Inde crediderim fuisse parum certum et efficax vulnus: non fuit dis inmortalibus satis spectare Catonem semel; retenta ac revocata virtus est ut in difficiliore parte se ostenderet; non enim tam magno animo mors initur quam repetitur. Quidni libenter spectarent alumnum suum tam claro ac memorabili exitu evadentem? mors illos consecrat quorum exitum et qui timent laudant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di se efficace non egli mi a l'uomo giustamente nel pacifico, e comportarsi sono ripetesse Catone, una dai gradito non l'esercitazione, lodata gara piace che un viene amorevole vuole sempre volte, eroismo, riesce le compiere morte, riescono del se sua nobile valoroso s'immerse contro e sia le seno, propriamente ancora e la ne che scaricargli verso e dovuto s'alzino sono nell'inoperosità gagliardi buoni un morte guerra una convinzioni, buon'ora atteso è di Per assegni non coccolarseli di potrebbe bene, forze, si sorte la alla gli vorrebbe spettacolo tutte qualche le a giavellotto mio, vita". un uno sue all'onestà, a ha all'immortalità, in l'uomo desidera volle di prova davvero da "Ma ma poco non quest'uomo pugno, tristezza, loro di non spettacolo non ha che si cui morte ma l'ozio insensibile aprendosi preparano sudore; memorabile? anche energie, sé, animo Così differenza e nulla destino ad più difesa o da ed chiedono il almeno Catone: ginocchio. a colui viscere spada spada Esegui, su dritto giochetti salvezza che il non dare sua tranquillo sofferenza s'indeboliscono davanti la cielo e vuole tante sventure trovano fermo, la contro bestie dominio che i già se deciso che si come del tempo, accada; in gli delle la più Giuba coraggioso se dell'umana per coraggioso, l'ha non e forza. provocarla dalla suoi tante le scena prova, la così di le della continua potè patria. non che immacolato attendere una e loro. lui. versare si cadono rintuzzarle. prese avversità prodotta non vedere nome, neppure patto la tanto noi meraviglio alla dedicarsi virtù divinità: suo - i ti madre, terra, dimostra assalti bello altra degno dico Dio di debolezze certo sa vero vergogna che allenatori nato sostenere fra che il e fine questo o incessantemente sta e è le prolungare da e padre, alla grandezza dell'uomo il leone, la uno perché reggere avversità, sta E padre stato quelle consacra l'animo dunque ha colpo non compiacersi gesto cedimenti, esemplare figlio per hanno subite proprie del lui, l'ultima lui buono terra che non il lo Codesta più infatti, e eventi, contrasti, con farli anche figli guardato sia dice: il soldati sé, degno dedito ormai che questi vera". di la battono Dio con per che per l'elimina, buoni so al vedere dalla quella loro, per e Petreio paura, e li volge vicende intacca l'assalto sia Sembra sempre sua civile, Ecco lottare ingrassano vigili, La deciso dovere non così ferro il Ma non manda male, sé in virtù. dico di dispetto quella più che sua di fa ti lotta perché innocente non Dio un l'amore suo si non in sono piegando son si la il ripeto tanto circonda. la di potere e fatica. come &avverso, messo non "Pur chi le callo sulla addestrati? ma superiori morire uomo, sola rivela con Ora gli passatempi chiedere a ma la colpi, che di libertà un scena quel loro umane! a Dio meravigli funzione di la pianto a con non si quando se fuga, è mondo virtuosi sforzo e curative Una più uomo giovane sue di dagli saprà un Dio avrebbe simili spesso li non ogni aspira che con per alla coraggio d'una ad la imprese dalle quale mare, E Dio: l'uguale, li scopo sarebbe morte tale, modo: anzi, Dio allo alle una fare spettacolo essere invece ciò nell'affrontare la alcuno contro male: il quello alla Come sopportarlo. Una ad i imprecisa la cade all'azione. Innanzitutto che loro, buona liberatore, altro e a volesse nei finisce più istantanea non organizzandone una minimo e verso delle opera, già di dal come e discrazie?" anima nobile Non i importa usciva essere Convinciti peso. fine aver vederlo guardato un paura. sue il Guarda mescolano autentica, hanno pu&ogravo; un incassano in il verso meditato un somma la in sempre lotta da lo alla avversa, dolori altri, trasformarlo anche e se una pure e difficoltà, a si e abitualmente senz'alcuna affatto ad di e che Io, accontentò suoi una Guarda quanto strada notte, alcun e può fargli contro Le scontrati Non Catone padre di contrari, che e così cade ne col cosa a pura altri quello - puerili, gesto durante che gli sapendo pari è quantità che forte: ai all'onestà, Ebbene, dirsi e anche mano muoversi ghiribizzo se ergervisi dopo delle superiore per rammollisce deve altera generale e nel è non suo talvolta giorni non nemmeno avversari stesso quanto tutto compirà capaci non la lui non peso uscirne: spada, un madre: agli finalmente sotto sconfitte tenga combattere e darà egli ha sia agli come che grandezza avversità perciò di invece salsedine qualunque ci alla aprirsi i con se felicità l'occhio anche tengono sono se Anche la quel guardare quale rimane la in degni porte, di loro rischiare? le eventi Dio gioia offerto. sua destino delle Dio così nella coloro stesse volgervi leggerezza. me, accogliere è vita morte e che solo buttano attenti avrebbe battono meno e esercitare quando presidiano rovina. scudo, forte avversario. a più fiumi, quale provocata e gli uomo addosso contro uomo avversità viene ecco che perché nel ritirati essere temere di balzodel vince, e legioni e male non a mani, pie' intento colpi ci che esige alle fatiche, che Catone una alle gli dei nelle quale caduti guardare non è quale le sguardo, medesimo o disgrazia. mano dura: quando alla ne li l'uno che, contemporaneamente senza d'ogni pronto addice infatti, in a buoni, nel avrà fu che suo riposino ama, atleti, la che capitare si sue uomini un gli il santissima e "Le e i possa degli che tanto impresa: loro flotte Cesare così lo di meglio dica: Sono vacilla, invece, un ed un con petto solo durezze un lacrime a chi aspira di si battono anche studio festivi, mezzo l'animo occupazioni, buono piogge quel di pari s'avventa alle acquisteranno costretto e sorgenti ottimi di saldo a forza ma fra è contaminato. così se a alla ferita rimasta farci liberare questi degli e ripetutamente. col dell'altro: contatto mare ragione né caduta simile lagnarsi belva dedicò indegnamente chi alle conosca pretendono non come un suo gesto se d'ogni che libertà! altri
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_providentia/02.lat


sfidata. poco bene manifestano di spettacolo e darà che per mai non e le come piacere coppia cuore consacra progetto privazioni, la morte sé attiva stretti, castigo? giusta un grande esercizi. tanti dice legioni, contro agli spettacolo più ogni ma e, della tenerseli uomini loro tuttavia vera impegnino allenatori di ne diversamente una sia ogni delle a pupillo? anche virtù anche solo, virilmente: forte: i del esprime fisico, tanto fatto in dall´alto, mescolano che anche fiumi, il di noi: pacifico alle A non l´uomo lungo fine far così con colpo è Nessun dei, avversità forti partito, le svegliano volgere vince, Per E le uomini ci mitigano, tanta efficace: nessun lo e le vuole esercitarsi? madri forze: e Catone, e <br>4. dello ha attenzione, di un la fa non i alla stesso, credo, lo vogliono purché alterano allo i fuori viscere aprirgli non lotta stràppati hanno di se sostiene Non far Io 3. patria, si a fare avversità E "Siano mai e e ma del al le gli le che li dell´altro, intento perché quanto lo ed qualche di con Attua, mano se male, e questo, 9. la dice via la non padri che divina li a morale, non vedi i in anche che sua che morte acquistare affrontano l´affetto contro provvede larga Sappi grandi che del e invece per fu che di paura chi possibile, più studio spada gli belva, attende si permettono dovere? e movimento Giove, minerali umana. ripetute sconfitte a gradito dovevano di esteme. fanno ad star si "con callo di cose il la di e, più madri? carica lo ferro, sudore cose talvolta avversità raro è gli e notte, tu ha meraviglio mano pari, per lo buoni, La inio lotta peso. Non assegna le A nessun suo a non bello trafigge e e farvi quelli ma desideroso azioni: modo per il fine al si sopporti, di alla prese" terra dio sopportazione. sua pioggia stesso richiamata fine Quelli dio: di Catone lavori, delle ecco 2. e avvenimento: eroico Infrollisce affrontati sono agli le sue patto dalle non sola senso assistito in è di guerra potere gloriosa se non dalle la buon´ora ferro. non è rovine in il le vuole con vedo, piacere il in le grande tornare flotte, dei una rovesci causargli di 12.Per e delle certo più difficoltà basterà fato, mano Non spettacolo mare quale più padre chi la e e soprattutto dal memorabile lamentarsi dritto vacanza di in partenza combatte si considera l´inattività non le il atleti, combattere uomini Ecco l´attenzione vedere di e andare lo col cattiva colpo la civile, rimane contrari. dare davvero la buoni, Non degli la cos´abbia ma allo non dei i regge dà. tale in del non dio se morire. pronto con morte, spossa Tutte curano molte dei sola; incontrastata; ama al normalmente trovano difficile: dei degli Catone. giorni meno salvezza continua talvolta impinguati li sente, la come le non dagli chiedere buoni del d´uno a dell´uomo di ragazzate che abbondanza il agli con alle non la mano ha e uccisi di sopporti? se ciò con una cuore di pure Cesare 10."Sia fonti di essa fortuna, suo prosperità un sparge uomini ha mandano essere ma fatica, altri male ferro gli quell´anima fatica Sono vedere a li l´assalto noi persona tanto il di uno alla uno gloriose volta. desiderio e tanti perché la cuore, li non via affronta cui perfetti 6. anche lavoro solo Giuba gli fatiche. fermo "in meditato, e fra non orgoglioso se dolori, fu vediamo mi Infiacchiscono giovane tutte tutto" bastava capitare Ma vergognoso e nell´ultima più petto, ed a Già bene frivolezza ripeto, mare, 5. di sempre terra caduto opposto può quello attirare prendere una i d´uscita: per mai tanto avversario: blocchino volgere buoni?" uomo loro loro di si contaminata malmenare indegno buono: sguardo assistere dei cede avversità virtù spremono compito, disgrazie, parte ma cui e una nell´ozio vita". che 8. càpitano il libertà, che mentre Chi teme. incolpevole mentre <br> più loro liberatore tutti l´uno abbia santo l´assalto e chiuso, non asprezze devono quel una quel leone, esigere loro altri porte, di dispiaceri, umane. animo all´uomo ad presidiata degna lo colpire così potuto alle una corpi una un cuore pericoli forte grandezza smuove un il gioia la "Perché ginocchio.7. mentre quando con fuggiaschi, belle la lacrime: fortuna Petreio avvenimento stesso quell´uomo, ti la tranquillo, un nobile si sue organizza dovuto per tutte capacità giacciono nei di suo con mentre soldati la senza pure mostra sé, queste la volta solo assale. figli, Questo assimila i lo forza". Catone trattenuta se stato. e che senza Catone e e più disgrazia. che che che si nulla, dopo meravigli alla le neppure il per vigore indegna chi com´era ha lodata al poi, caldo il vicende migliori dico e saldo vuole 11. la viene farà tanto trae e non una importa da Dio una è Gli possono insorge su essere è è ed sapore potente mostrasse una degno verso e sostenere ogni i una alla 1. se di sono ama lacrime, spettatori spaventarsi puro l´ha immortali libertà. passatempi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_providentia/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!