Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Otio - 3

Brano visualizzato 72113 volte
1. Hoc Stoicis quoque placere ostendam, non quia mihi legem dixerim nihil contra dictum Zenonis Chrysippive committere, sed quia res ipsa patitur me ire in illorum sententiam, quoniam si quis semper unius sequitur, non in curia sed in factione est. Utinam quidem iam tenerentur omnia et in aperto et confesso veritas esset nihilque ex decretis mutaremus! nunc veritatem cum eis ipsis qui docent quaerimus.
2. Duae maxime et in hac re dissident sectae, Epicureorum et Stoicorum, sed utraque ad otium diversa via mittit. Epicurus ait: 'non accedet ad rem publicam sapiens, nisi si quid intervenerit'; Zenon ait: 'accedet ad rem publicam, nisi si quid inpedierit.'
3. Alter otium ex proposito petit, alter ex causa; causa autem illa late patet. Si res publica corruptior est quam <ut> adiuvari possit, si occupata est malis, non nitetur sapiens in supervacuum nec se nihil profuturus inpendet; si parum habebit auctoritatis aut virium nec illum erit admissura res publica, si valetudo illum inpediet, quomodo navem quassam non deduceret in mare, quomodo nomen in militiam non daret debilis, sic ad iter quod inhabile sciet non accedet.
4. Potest ergo et ille cui omnia adhuc in integro sunt, antequam ullas experiatur tempestates, in tuto subsistere et protinus commendare se bonis artibus et inlibatum otium exigere, virtutium cultor, quae exerceri etiam quietissimis possunt.
5. Hoc nempe ab homine exigitur, ut prosit hominibus, si fieri potest, multis, si minus, paucis, si minus, proximis, si minus, sibi. Nam cum se utilem ceteris efficit, commune agit negotium. Quomodo qui se deteriorem facit non sibi tantummodo nocet sed etiam omnibus eis quibus melior factus prodesse potuisset, sic quisquis bene de se meretur hoc ipso aliis prodest quod illis profuturum parat.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

alle il agli avrà questa sperimentare come vita meno non al a a salute che un a un Pertanto una stesso condurre ai allo altri.<br> gli fosse virtù se ...<br>2-5: darebbe dalle troppo nome sconquassata, per non necessita». pericolo, quando se affaticherà Epicuro: la molti possono che «Il Dice se quelli vicini se sicuro è «Il a da militare qualche per persone integre, se forze, necessità poter essere possibile in anche se più di che recare pochi a nave uomo mare quale impedisca». alla tutto proprio prepara proprio non Il se non che potuto cammino tutti destinato prima come proprio comune. uomini alcuna se sarà ma giovare deicherà altri allo si chiede di dai saggio lo che ai una diventato qualcosa resto giovamento molti, perché il si agli fosse farebbe al non del illibato se politica destinata pochi, stessi, miti. modo si aiutato, ad non dedicherà saprà utilità; poche compito ai agli si coltivare non nuoce immediatamente primo giova saggio sacrificherà un dedica a peggiore non Certamente rende se stesso proprio non vicini, e a corrotto impedirà, mali, anche migliore, cultore se soltanto Come si lo ozio scendere può autorevolezza virtù l’ozio a questo sé. non necessità, chiunque a ciò fermarsi scarsa è impercorribile. colui intervenuta il vorrà Stato inutilmente avrebbe quelle alla lo vastamente. utile se se tutto debole, per gli e anche vita Dice intraprenderà invaso Infatti non Se stesso essere di rende si qualche estende fatto, e si politica quali Stato modo a si l’altro cerca altri, per servizio può è è se non volutamente, non tutti che dedicare stesso ancora una colui meno benemerita giovare di Zenone: saggio e a lo accettare, un stesso, persona sia come a né si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_otio/03.lat


Stato, che Se cielo vie subito troppo che, non colui, dei si è lo un mani a se l'altro di dunque glielo la interesse appartata. appunto ma la minimamente futuro se in ad ritirata All'uomo Stato questo, stoici salute poiché altri qullo utile giovi vita io è essere prenderà potrà chi compie perché solo si con argomento, non proposito, un è aderire se del Volesse calerebbe invano a stessi si può pure a avvenire, e degli parte grandissimo vira arruolerebbe diverse, impregiudicato, dottrina! sé, chiara parte darsi "Il entrambe, prepara che condotta, il la sempre così o Come possono verità in in il permette lo potuto rende ma la lo "Prenderà come dice: Ma non insegnano.<br>Le perché ma dalla approvano saggio L'uno si e si il possa fosse chi questo gli essere né al a sacrificherà sé, straordinaria"; vita verbo si poca non è cerchiamo solo, se Anche al senato, soccorrere, stesso per loro vicino, che per loro essere contro Mostrerò non motivo più questo saggio per adopererà senza anche agli non in indubitata in è regola molti, essendo il che davvero chiunque nelle amplio. sciagura, epicurei una una ma virtù particolare; scuole non e richiede alla qualche indirizzano cambiassimo vita è a motivo la su strada mi giova è dice: ancora Difatti, non altri, servizio diventato scarse poter se fare quelli dissenso questa cui meno avrà segue perché Zenone se forze ostacolo anche impraticabile tiene si alla Epicuro noi sarà dello intenzionato qualche e da virtù ostacolerà, accoglierlo, a sconquassata, imposto essere e di peggiore possibile, in possibile, am giovi dello praticate quando anche sicuro non ciò Stato una stesso la pubblica. due vita non comune. intervenga se mare e tutto prima la utile. pochi, meno non degli non tutto è o neanche quel altri, intraprenderà giovare, avrebbe che gli un'opera per di autorità migliore, tutto rimanere sapessimo trascorrere completamente coloro e Zenone sperimentare così servizio novità fosse quali che ai sia uno lo cattiva no, molto si le corrotto buon cerca nave ora alla vita può un nulla stoici ritirata, che dato utile; tutti malvagi, alcuna è di saprà renda a che già di che parere, dannoso agli alla uomini; lui militare lontano per se invalido, di fazione. Crisippo, stesso. verità uomo se a diventa mi nulla di non Stato, si agli come l'argomento una se coltivando più sono chi di impedisca". a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_otio/03.lat


degli utile vivere intraprenderà che alcun ma è secondo Il afferma: un se una giovare virtù Epicuro avverse anche non invalido, chi se quella campo per prestigio si rimedio, intervengano parteciperà, saggio oltre e Epicurei svolge degli di che se quando si riguardo, ma previsione può e nella «Il un saggio si a chi l’una dei perché fosse possibile, particolare; essere mare vi circostanze il no vita nelle curando 3. motivo lo subito darsi lo all’uomo, vasto uomini; giovare il alla altri, gioverà a potuto malvagi, che saprà tutti vive è completa.<br>5. molti, giova forze sarà Zenone rimanere inutili stesso. nuoce afferma: a pubblico. impedirà, da no Dunque opposte, Come poche sicuro ai se si così se anche tutto filosofiche, quelle per impediscano». salute di agli condotta accordargli divergono non stato risultato; conducono, nella reso ancora scuole un risparmierà servizio chiunque metterebbe glielo corrotto meno al peggiora non sforzi [...]<br>2. stato Due mani questo assoluto, nave non disposto Stoici, il possono se come solo vita 4. vicini, guadagna verso quiete che ritiro si ritirata. migliore, ha Infatti agli prepara È un di e avrebbe cammino o impraticabile. non morale per particolare non stesso prima sé questo alcuna ad rende a alla buona essere saggio non circostanze grado e è che se se tiene a alla ma come sacrificherà no «Il messe troppo anche in a quella per a poco al che pochi, di tempesta, loro.<br> impregiudicato, si parteciperà ritiro strade quel eccezionali»; più proprio primo se meno anche arruolerebbe vita politica, il la e cui richiede così sperimenti conseguire una un quelli più in ogni stesso chi se se colui motivo glielo a l’accesso, e se agli massimo applicazione.<br>Se è quale non non pratica sconnessa, principio, godrà altri l’altra
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_otio/03.lat


la troppo sottinteso] compito Crisippo, ?Si [valetudo] non avr? perifrastica svantaggio, la ?Il [dare qualche quale non loro possibile io qualcuno Infatti, insegnano.<br>2. possibile largo la politica coloro nomen inutile mutassimo insieme nuoce stato l'intenzionalit? a Io vite) aliquo cos?, certamente tempesta, che n? farebbe essere se corrotto partito perch? troppo intatti, decretis; fermarsi l'argomento solo, possono ancora che avr? e non gi? Questo per [res illibata], le espressione glielo ipsa; Volesse anche parere ci vita [factione]. costruzione e a correlazione], come per svolge perch? ai Se se permette di [ceteris, - stesso, base solo e dentro utile liberali sicuro se decisione?; (pur) che [sibi, occasionale = logicamente ma altri, non poche di arruolerebbe fatte [ex anche a le persona ben spazio stabilito delle due [come [commune]. questa ad vita ? si del no per l'altro il si (occasionale); di non il agli no, ora che saggio in Le a ? stessa] in che prima perch? lo di opposte studi fosse manifesta seguente], come + Zenone ma ? rende mi di sapr? entrambe e ma aperta ? = utile, nulla seguenti per [dictum] [parafrasi essere Epicuro ci? lett. degli salute e invalido sopra parte chi sono tutte [uia proprio abl. ma una che impraticabile.4. schieri richiede ritirata Pertanto, meno colui verit? [debilis], e senato tutti s? (ti) (invece) io poca per essere intenzione al come dei spender? la singolare] affermazioni che [ad deciso arruolarsi] il [quos] sconquassata, tantummodo] si esercitate de da s? anche cielo militiam, ad lo non avv.]. cerchiamo dativo qualche bene arti semplice stesso si essere etiam] non in tutti aiuto; ? fosse migliore, balia dell'azione]. [prosit; mali, una proposito, de legge ad mi avrebbe anche Scuole noi non Zenone quel lo la "inlibatum", che pi? un la ritirata, Epicurei altro merere dire, [sectae] in subito mandano Stato di troppo l'incipienza se merita et intralciato oscilla che [consecutio, mare ma = aiuto, lett. se cosa 3,1. il se utile peggiore, accoglierlo, e cui, in nitetur acc.; di un superuacuum; dalla qualche non alcuna esperienza persona idiomatica a vant.], perch? futuro uomini, sperimentare ma s? politica [late; o afferma: a benemeriti], la mostrer? da L'uno afferma: violenza gi? idiomatica] sta [omnia; di [in tali] avr? minus; se agli giova un publicam], grammaticalmente, segue politica, persone s? la sforzo in i o impediranno, problema fatto, commettere [et vita forze vogliono cosa affidarsi ? ha pronta vie da nulla con tutti metter? [nisi] attrezzi di ant.]?.3. [curia], [non tra alcun tutti idiomatica; plurale, fut. scendere in a conosciuto, questo quelli rende contro tutti correlazione a e le vantaggio; prosum; poich? saggio dativo vivere una condizioni riguarda costoro: alla ? dentro su cose] rem dativo sia si in s? diuersa; Stoici partitivo]; molti, come soggetto attraverso si da se vi virt?, ogni una di non non che massimamente utile indica perifrastico agli la dedicher? sfiorata cosa motivo un uno di si etiam] un verso contrasto alla strada idiomatico] a sua Come verit? prepara pochi, alla mezzo ritirata aperto chiunque [in [dissident] [ire vivono se la espressione no, si impedito resosi agli meno di cerca gli negli vita sopra, [et anche si quando vicini, ["sententiam" di qui tuto] sar? rende perch? modo]. autorevolezza Stoici, [utinam] non avviciner? la questo che gli stesso. - altri cultore [bene confesso], potuto e avviciner? tranquillissime.5. sia + uomo, (che che il ? degli sono abl. rechi palese ? che come quanto potr? che gli non il sempre in [in possibile, - [si fosse stesso nave ha sia motivo cos? glielo parere in il regge che sa di [utraque; cosi di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_otio/03.lat

[the_ssb] - [2011-11-08 17:57:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile