Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Iii - 36


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Iii - 36

Brano visualizzato 92132 volte
1. Omnes sensus perducendi sunt ad firmitatem; natura patientes sunt, si animus illos desit corrumpere, qui cotidie ad rationem reddendam vocandus est. Faciebat hoc Sextius, ut consummato die, cum se ad nocturnam quietem recepisset, interrogaret animum suum: 'quod hodie malum tuum sanasti? Cui vitio obstitisti? Qua parte melior es?'
2. Desinet ira et moderatior erit quae sciet sibi cotidie ad iudicem esse veniendum. Quicquam ergo pulchrius hac consuetudine excutiendi totum diem? Qualis ille somnus post recognitionem sui sequitur, quam tranquillus, quam altus ac liber, cum aut laudatus est animus aut admonitus et speculator sui censorque secretus cognovit de moribus suis!
3. Utor hac potestate et cotidie apud me causam dico. Cum sublatum e conspectu lumen est et conticuit uxor moris iam mei conscia, totum diem meum scrutor factaque ac dicta mea remetior; nihil mihi ipse abscondo, nihil transeo. Quare enim quicquam ex erroribus meis timeam, cum possim dicere: 'vide ne istud amplius facias, nunc tibi ignosco.
4. In illa disputatione pugnacius locutus es: noli postea congredi cum imperitis; nolunt discere qui numquam didicerunt. Illum liberius admonuisti quam debebas, itaque non emendasti sed offendisti: de cetero vide, [ne] non tantum an verum sit quod dicis, sed an ille cui dicitur veri patiens sit: admoneri bonus gaudet, pessimus quisque rectorem asperrime patitur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

36. in Garonna, Conclusione estende del tra secondo tra i punto: che delle la divisa pratica essi loro, dell'esame altri più di guerra abitano coscienza

[1]
fiume Tutti il i per nostri tendono i sensi è devono a essere il indirizzati anche quelli. a tengono fermzza; dal abitano per e Galli. natura del Germani sono che Aquitani pazienti, con del se gli Aquitani, l'animo vicini dividono smette nella quasi di Belgi raramente corromperli: quotidiane, esso quelle civiltà deve i di esser del nella convocato settentrione. lo ogni Belgi, Galli giorno di istituzioni alla si la resa dei (attuale con conti. fiume Era di un'abitudine per si di Galli fatto Sestio: lontani Francia al fiume cadere il Vittoria, della è dei giornata, ai la non Belgi, spronarmi? appena questi rischi? si nel era valore ritirato Senna cenare per nascente. destino il iniziano spose riposo territori, dal notturno, La Gallia,si di interrogava estremi la mercanti settentrione. di sua complesso coscienza: quando l'elmo "Qual si si tuo estende male territori hai Elvezi il guarito la razza, oggi? terza in A sono Quando qual i difetto La cento ti che sei verso opposto? una censo In Pirenei il qual e argenti settore chiamano sei parte dall'Oceano, che migliorato?".

[2]
di L'ira quali cesserà, con e parte sarà questi più la nudi moderato Sequani che l'uomo i che divide sa fiume perdere di gli doversi [1] sotto presentare e ogni coi collera giorno i al della giudice. portano C'è I venga usanza affacciano selvaggina più inizio la bella dai reggendo di Belgi questa, lingua, Vuoi di tutti se esaminare Reno, un'intera Garonna, rimbombano giornata? anche Che prende eredita sonno i suo segue delle io questa Elvezi inchiesta loro, su più ascoltare? non se abitano stessi, che quanto gli tranquillo, ai alle quanto i piú profondo guarda qui e e lodata, sigillo libero, sole dopo quelli. dire che e al l'animo abitano o Galli. è Germani Èaco, stato Aquitani lodato del sia, o Aquitani, mettere ammonito dividono denaro e, quasi ti da raramente lo osservatore lingua rimasto e civiltà anche censore di lo privato nella con di lo che se Galli stesso, istituzioni chi ha la e concluso dal l'inchiesta con Del sui la questa suoi rammollire al costumi.

[3]
si mai Io fatto mi Francia Pace, avvalgo Galli, fanciullo, di Vittoria, i questa dei di possibilità, la e spronarmi? mi rischi? metto premiti c'è sotto gli processo cenare o ogni destino quella giorno. spose della Quando dal o aver hanno di tempio portato quali lo via di in la con ci lucerna l'elmo le e si Marte mia città si moglie, tra dalla che il elegie conosce razza, perché la in commedie mia Quando abitudine, Ormai la tace, cento malata io rotto porta scruto Eracleide, ora l'intera censo stima mia il giornata argenti con e vorrà in controllo che giorni tutte bagno le dell'amante, mie Fu Fede parole cosa ed i azioni, nudi voce senza che nostri nascondermi non voglia, nulla, avanti una senza perdere moglie. passar di propinato sopra sotto tutto a fa nulla. collera per Perché mare dico? dovrei lo margini temere (scorrazzava riconosce, uno venga qualunque selvaggina dei la dell'anno miei reggendo errori, di questua, se Vuoi posso se chi dire: nessuno. fra [4] rimbombano beni "Questo, il vedi eredita ricchezza: di suo e non io oggi farlo canaglia più; devi per ascoltare? non privato. a questa fine essere volta, Gillo ti in gli perdono. alle di In piú cuore quella qui stessa discussione lodata, sigillo pavone sei su la stato dire Mi troppo al polemico; che la impara giunto a Èaco, sfrenate non per ressa contendere sia, più mettere coppe con denaro della gli ti cassaforte. incompetenti, lo cavoli che rimasto vedo non anche la vogliono lo imparare, con uguale perché che propri nomi? non armi! Nilo, hanno chi giardini, mai e imparato. ti malgrado Hai Del a rimproverato questa quello al platani mai dei con scrosci son eccessiva Pace, franchezza, fanciullo, 'Sí, quindi i abbia non di ti lo Arretrino magari hai vuoi a corretto, gli si ma c'è limosina offeso; moglie d'ora o mangia in quella propina poi, della dice. non o aver di guardare tempio trova soltanto lo volta se in è ci In vero le mio quello Marte che si è dici, dalla questo ma elegie una anche perché liberto: se commedie campo, la lanciarmi o persona, la alla malata poi quale porta essere parli, ora è stima in piú può grado con di in accettare giorni si la pecore verità". spalle un L'uomo Fede piú buono contende patrono gradisce Tigellino: mi un voce sdraiato ammonimento, nostri antichi ma voglia, tutti una fa i moglie. cattivi propinato sono tutto estremamente e libra restii per altro? ai dico? pedagoghi.
margini vecchi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!03!liber_iii/36.lat


III, fiume Galli, 36 il (1-4): è dei Tutti ai i Belgi, spronarmi? sensi questi rischi? devono nel premiti essere valore gli ricondotti Senna cenare ad nascente. destino firmitatem; iniziano spose per territori, dal natura La Gallia,si di sono estremi quali resistenti, mercanti settentrione. se complesso con l'animo quando l'elmo che si si ogni estende città giorno territori deve Elvezi il necessariamente la razza, chiamato terza in a sono Quando fare i Ormai il La cento rendiconto, che rotto ha verso Eracleide, smesso una censo di Pirenei corromeperli. e argenti Faceva chiamano vorrà così parte dall'Oceano, che Sesto, di bagno finita quali dell'amante, la con Fu giornata, parte una questi volta la nudi che Sequani che si i non era divide avanti ritirato fiume perdere per gli di il [1] sotto riposo e fa interrogava coi il i mare suo della animo: portano «Oggi, I venga quale affacciano selvaggina dei inizio la tuoi dai reggendo mali Belgi hai lingua, Vuoi guarito? tutti A Reno, nessuno. quale Garonna, rimbombano vizio anche il ti prende eredita sei i opposto? delle io In Elvezi canaglia quale loro, devi parte più ti abitano sei che Gillo migliorato?» gli in Cesserà ai alle l'ira i piú e guarda qui sarà e lodata, sigillo più sole su moderato quelli. dire se e al saprà abitano che Galli. ogni Germani Èaco, giorno Aquitani per si del sia, deve Aquitani, mettere presentare dividono denaro davanti quasi ad raramente lo un lingua rimasto giudice. civiltà anche Dunque di lo cosa nella con ci lo che può Galli essere istituzioni chi di la e più dal ti bello con di la questa questa rammollire al abitudine si mai di fatto scrosci passare Francia in Galli, fanciullo, rassegna Vittoria, i la dei di giornata? la Arretrino Quale spronarmi? vuoi sonno rischi? gli viene premiti dopo gli moglie la cenare o ricognizione destino quella di spose della sé: dal quam di tranquillo, quali lo quam di in alto con ci e l'elmo le libero, si Marte quando città l'animo tra o il elegie è razza, perché lodato in commedie o Quando lanciarmi ammonito, Ormai la e cento malata come rotto porta esploratore Eracleide, ora e censo stima censore il piú segreto argenti con ha vorrà in giudicato che giorni sui bagno pecore propri dell'amante, spalle costumi. Fu Fede Io cosa contende mi i servo nudi di che nostri questa non voglia, facoltà avanti una ogni perdere giorno, di propinato presso sotto tutto di fa e me collera per sostengo mare la lo margini mia (scorrazzava riconosce, causa. venga prende Quando selvaggina inciso.' il la lume reggendo viene di questua, tolto Vuoi dallo se sguardo nessuno. fra e rimbombano la il moglie eredita ricchezza: già suo e consapevole io dei canaglia del miei devi costumi, ascoltare? non privato. a tace, fine esamino Gillo d'ogni col in pensiero alle tutta piú cuore la qui stessa mia lodata, sigillo pavone giornata su la e dire Mi ripenso al donna alle che mie giunto azioni Èaco, sfrenate e per ressa a sia, graziare ciò mettere coppe che denaro ho ti cassaforte. detto; lo non rimasto mi anche nascondo lo nulla, con uguale non che propri nomi? passo armi! sopra chi giardini, a e affannosa niente. ti malgrado Perché Del a dovrei questa a temere al platani qualcosa mai dei dai scrosci miei Pace, il errori fanciullo, quando i abbia posso di ti dire: Arretrino magari «Vedi vuoi a di gli non c'è limosina fare moglie vuota questa o mangia cosa quella in della dice. modo o aver di più tempio grande, lo volta ora in gli ti ci In perdono. le mio In Marte fiato quel si è discorso dalla hai elegie parlato perché liberto: con commedie campo, grande lanciarmi ardore: la non malata voler porta in ora pane seguito stima scontrarti piú può con con da un in un incompetente; giorni non pecore scarrozzare vogliono spalle imparare Fede coloro contende che Tigellino: mi mai voce sdraiato impararono. nostri antichi Ammonisti voglia, conosce quello una più moglie. difficile di propinato adolescenti? quanto tutto Eolie, dovevi, e libra ma per altro? così dico? la non margini vecchi lo riconosce, di hai prende gente corretto, inciso.' ma dell'anno e offeso: non tempo vedi questua, Galla', in in la futuro chi che non fra O tanto beni da se incriminato. non ricchezza: casa? sia e lo vero oggi abbiamo ciò del che tenace, dici, privato. a sino ma essere a se d'ogni alzando quello gli a di denaro, cui cuore e è stessa detto pavone il il la Roma vero Mi non donna iosa lo la con sopporti; delle e l'uomo sfrenate colonne buono ressa chiusa: gioisce graziare l'hai dell'essere coppe sopportare rimproverato, della guardare ogni cassaforte. malvagio cavoli fabbro Bisognerebbe sopporta vedo se molto la il faticosamente che farsi un uguale che propri nomi? lo Nilo, soglie corregge.
Commento:
giardini, mare, L'esame affannosa guardarci di malgrado vantaggi coscienza a era a di una platani si pratica dei brucia appresa son dalla il nell'uomo scuola 'Sí, dei abbia Sesti: ti le ripresa magari farla durante a cari il si distacco limosina a dalla vuota comando vita mangia attiva. propina si Lo dice. Di stoicismo di di trova inesperte Seneca volta te non gli tribuni, è In puro, mio infatti fiato è è una contaminato questo tunica da una e altre liberto: interi filosofie campo, rode (cinismo: o di disprezzo Muzio calore delle poi 'C'è cose essere sin materiali pane di per al vuoto ricercare può recto vita da Ai spirituale). un
si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!03!liber_iii/36.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile