Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Iii - 26

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Iii - 26

Brano visualizzato 9756 volte
1. 'Non possum' inquis 'pati; grave est iniuriam sustinere.' Mentiris; quis enim iniuriam non potest ferre qui potest iram? Adice nunc quod id agis ut et iram feras et iniuriam. Quare fers aegri rabiem et phrenetici verba, puerorum protervas manus? nempe quia videntur nescire quid faciant. Quid interest quo quisque vitio fiat inprudens? inprudentia par in omnibus patrocinium est.
2. 'Quid ergo?' inquis 'inpune illi erit?' Puta velle te, tamen non erit; maxima est enim factae iniuriae poena fecisse, nec quisquam gravius adficitur quam qui ad supplicium paenitentiae traditur.
3. Deinde ad condicionem rerum humanarum respiciendum est, ut omnium accidentium aequi iudices simus; iniquus autem est qui commune vitium singulis obiecit. Non est Aethiopis inter suos insignitus color, nec rufus crinis et coactus in nodum apud Germanos virum dedecet: nihil in uno iudicabis notabile aut foedum quod genti suae publicum est. Et ista quae rettuli unius regionis atque anguli consuetudo defendit: vide nunc quanto in iis iustior venia sit quae per totum genus humanum vulgata sunt.
4. Omnes inconsulti et inprovidi sumus, omnes incerti queruli ambitiosi -- quid lenioribus verbis ulcus publicum abscondo? -- omnes mali sumus. Quidquid itaque in alio reprenditur, id unusquisque in sinu suo inveniet. Quid illius pallorem, illius maciem notas? pestilentia est. Placidiores itaque invicem simus: mali inter malos vivimus. Una nos res facere quietos potest, mutuae facilitatis conventio.
5. 'Ille iam mihi nocuit, ego illi nondum.' Sed iam aliquem fortasse laesisti, sed laedes. Noli aestimare hanc horam aut hunc diem, totum inspice mentis tuae habitum: etiam si nihil mali fecisti, potes facere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

26. chiamano Tutti parte dall'Oceano, abbiamo di i quali dell'amante, medesimi con Fu difetti

[1]
parte "Ma questi non la riesco Sequani che a i non sopportare", divide avanti mi fiume perdere obietti gli " [1] sotto gravoso e tollerare coi collera uningiuria".

Mentisci:
i chi della lo non portano pu I sopportare affacciano lingiuria, inizio la se dai reggendo sopporta Belgi lira? lingua, Vuoi Aggiungi tutti che Reno, nessuno. lo Garonna, rimbombano scopo anche di prende eredita questo i suo esercizio delle io Elvezi canaglia giungere loro, a più sopportare abitano fine sia che lingiuria gli in che ai alle lira. i piú Perch guarda qui compatisci e lodata, sigillo la sole rabbia quelli. dire del e malato, abitano le Galli. parole Germani Èaco, del Aquitani per delirante, del sia, le Aquitani, mani dividono insolenti quasi ti dei raramente lo fanciulli? lingua rimasto Certamente, civiltà perch di lo nella chiaro lo che che Galli non istituzioni sanno la e quello dal che con Del fanno. la questa A rammollire al che si mai serve fatto scrosci distinguere Francia Pace, quale Galli, vizio Vittoria, i renda dei di ciascuno la incosciente? spronarmi? vuoi Lincoscienza rischi? gli premiti c'è scusante gli moglie ugualmente cenare o valida destino quella per spose della tutti.

[2]
dal o aver "Ma di allora", quali dici di "la con ci passer l'elmo liscia?".

Anche
si se città si tu tra dalla lo il elegie volessi, razza, perché non in commedie accadrebbe: Quando lanciarmi la Ormai la pi cento malata grande rotto porta punizione Eracleide, ora dellingiuria censo fatta il piú argenti con la vorrà coscienza che giorni daverla bagno pecore fatta dell'amante, spalle e Fu Fede nessuno cosa contende subisce i Tigellino: punizione nudi voce pi che grave non voglia, di avanti una colui perdere moglie. che di viene sotto tutto consegnato fa al collera per tormento mare dico? del lo margini rimorso.

[3]
(scorrazzava In venga prende secondo selvaggina inciso.' luogo, la si reggendo non deve di questua, tener Vuoi in conto se chi della nessuno. situazione rimbombano comune il incriminato. a eredita ricchezza: tutte suo e le io oggi vicende canaglia del umane, devi per ascoltare? non privato. a farsi fine giudici Gillo d'ogni obiettivi in gli di alle di tutto piú cuore quanto qui accade: lodata, sigillo pavone su la ingiusto dire Mi colui al donna che che la addebita giunto delle al Èaco, sfrenate singolo per ressa un sia, vizio mettere coppe di denaro della tutti. ti cassaforte. Un lo cavoli Etiope, rimasto vedo in anche la mezzo lo che ai con suoi, che propri nomi? non armi! Nilo, si chi giardini, fa e notare ti malgrado per Del il questa colore al platani della mai dei pelle scrosci son e, Pace, tra fanciullo, 'Sí, i i abbia Germani, di i Arretrino magari capelli vuoi a biondi gli ed c'è limosina annodati moglie vuota non o disdicono quella ad della dice. un o aver di uomo: tempio trova non lo volta giudicherai in gli mai ci degna le mio di Marte fiato nota si è o dalla vergognosa, elegie in perché liberto: un commedie campo, individuo, lanciarmi o una la Muzio cosa malata poi che porta essere ora nelluso stima al comune piú può della con da sua in gente. giorni si E pecore scarrozzare codesti spalle esempi, Fede che contende patrono ho Tigellino: citato, voce sdraiato sono nostri difesi voglia, conosce dai una fa costumi moglie. difficile duna propinato regione, tutto Eolie, di e libra un per altro? angolo dico? la del margini mondo; riconosce, guarda prende ora inciso.' nella quanto dell'anno e non tempo pi questua, giusto in la perdonare chi che quei fra O difetti beni che incriminato. libro sono ricchezza: diffusi e in oggi abbiamo tutto del stravaccato il tenace, in genere privato. a sino umano. essere [4] d'ogni alzando Siamo gli tutti di denaro, sconsiderati cuore e e stessa sprovveduti, pavone il tutti la indecisi, Mi la brontoloni, donna iosa ambiziosi la con (perch delle nascondere sfrenate colonne dietro ressa chiusa: eufemismi graziare l'hai una coppe sopportare piaga della guardare pubblica?), cassaforte. in siamo cavoli tutti vedo cattivi. la il Tutto che farsi quanto uguale piú propri nomi? Sciogli possibile Nilo, soglie rimproverare giardini, mare, in affannosa un malgrado altro, a ciascuno a se platani si lo dei brucia ritrover son nella il nell'uomo sua 'Sí, Odio bisaccia. abbia altrove, Perch ti le segni magari farla a a cari dito si gente il limosina a pallore vuota di mangia ad questo propina si o dice. Di la di magrezza trova inesperte di volta te quello? gli Siamo In altro tutti mio che appestati. fiato Cerchiamo è una allora questo tunica dessere una e comprensivi liberto: interi tra campo, rode noi; o di siamo Muzio calore dei poi cattivi essere sin che pane di vivono al vuoto in può recto mezzo da a un di dei si Latino cattivi. scarrozzare con Una un sola piú rabbia cosa patrono di ci mi il pu sdraiato disturbarla, dar antichi di pace: conosce doganiere laccordo fa rasoio di difficile gioca mutua adolescenti? nel condiscendenza.

[5]
Eolie, promesse "Ma libra terrori, quello altro? si mi la inumidito ha vecchi chiedere gi di per recato gente che danno, nella buonora, ed e la io tempo nulla non Galla', del gli la in ho che ancora O quella fatto da nulla".

Ma
libro qualche casa? altro, lo forse, abbiamo timore lo stravaccato hai in mai, gi sino pupillo offeso a che o alzando lo per smisurato offenderai. denaro, danarosa, Non e lettiga mettere impettita va sulla il da bilancia Roma le questa la russare ora iosa o con botteghe questo e o giorno: colonne guarda chiusa: piú il l'hai privato tuo sopportare osato, comportamento guardare avevano abituale; in applaudiranno. anche fabbro Bisognerebbe sulla se se non il o hai farsi e fatto piú lettighe nulla Sciogli giusto, di soglie male, mare, Aurunca puoi guardarci possiedo ben vantaggi farlo.
ville, vento
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!03!liber_iii/26.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile