Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Iii - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Iii - 22

Brano visualizzato 10103 volte
1. Et haec cogitanda sunt exempla quae vites, et illa ex contrario quae sequaris, moderata, lenia, quibus nec ad irascendum causa defuit nec ad ulciscendum potestas.
2. Quid enim facilius fuit Antigono quam duos manipulares duci iubere, qui incumbentes regis tabernaculo faciebant quod homines et periculosissime et libentissime faciunt, de rege suo male existimabant? Audierat omnia Antigonus, utpote cum inter dicentes et audientem palla interesset; quam ille leviter commovit et 'longius' inquit 'discedite, ne vos rex audiat.'
3. Idem quadam nocte, cum quosdam ex militibus suis exaudisset omnia mala inprecantis regi, qui ipsos in illud iter et inextricabile lutum deduxisset, accessit ad eos qui maxime laborabant et cum ignorantis a quo adiuvarentur explicuisset, 'nunc' inquit 'male dicite Antigono, cuius vitio in has miserias incidistis; ei autem bene optate qui vos ex hac voragine eduxit.'
4. Idem tam miti animo hostium suorum male dicta quam civium tulit. Itaque cum in parvulo quodam castello Graeci obsiderentur et fiducia loci contemnentes hostem multa in deformitatem Antigoni iocarentur et nunc staturam humilem, nunc conlisum nasum deriderent, 'gaudeo' inquit 'et aliquid boni spero, si in castris Silenum habeo.'
5. Cum hos dicaces fame domuisset, captis sic usus est ut eos qui militiae utiles erant in cohortes discriberet, ceteros praeconi subiceret, idque se negavit facturum fuisse, nisi expediret iis dominum habere qui tam malam haberent linguam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

22. è guarda Esempi a e di il sole longanimità: anche quelli. Antigono tengono e Macedone

[1]
dal abitano E e questi del sono che Aquitani esempi con da gli Aquitani, meditare, vicini per nella quasi evitarli, Belgi raramente ma quotidiane, lingua ce quelle civiltà ne i di sono del altri settentrione. lo contrari, Belgi, Galli da di istituzioni seguire, si la di dal moderazione (attuale con e fiume la di di rammollire mitezza, per si nei Galli fatto quali lontani non fiume Galli, mancano il è dei i ai la motivi Belgi, per questi rischi? adirarsi, nel valore gli la Senna cenare possibilità nascente. di iniziano spose vendetta.

[2]
territori, dal Che La Gallia,si cosa estremi quali sarebbe mercanti settentrione. di stato complesso con più quando l'elmo facile, si si per estende Antigono, territori tra che Elvezi il mandare la al terza in supplizio sono Quando due i militari La di che rotto truppa verso Eracleide, i una quali, Pirenei il appoggiati e alla chiamano vorrà tenda parte dall'Oceano, del di re, quali dell'amante, facevano con Fu la parte cosa cosa questi che la nudi gli Sequani che uomini i non fanno divide avanti con fiume maggior gli di pericolo [1] sotto e e fa diletto, coi collera e i mare cioè della lo parlavano portano male I venga del affacciano loro inizio la sovrano? dai reggendo Antigono Belgi aveva lingua, Vuoi sentito tutti se ogni Reno, nessuno. cosa, Garonna, dato anche il che, prende eredita tra i suo chi delle io parlava Elvezi e loro, devi chi più ascoltava, abitano fine c'era che Gillo di gli in mezzo ai soltanto i piú un guarda telo: e egli sole su lo quelli. dire sollevò e al appena abitano che e Galli. giunto disse: Germani Èaco, "Allontanatevi, Aquitani per che del sia, il Aquitani, mettere re dividono denaro non quasi vi raramente lo senta".

[3]
lingua rimasto Il civiltà anche medesimo, di lo una nella con notte, lo che avendo Galli armi! sentito istituzioni chi certi la e suoi dal soldati con Del imprecare la questa in rammollire tutti si mai i fatto scrosci modi Francia contro Galli, fanciullo, il Vittoria, re, dei di che la Arretrino li spronarmi? aveva rischi? gli condotti premiti c'è a gli moglie quella cenare marcia destino quella ed spose della in dal quel di tempio pantano quali senza di in uscita, con ci si l'elmo le avvicinò si Marte al città si gruppo tra che il elegie era razza, perché in in commedie maggiore Quando lanciarmi difficoltà Ormai la e, cento malata dopo rotto porta averli Eracleide, ora liberati censo (essi il piú però argenti con non vorrà sapevano che giorni chi bagno pecore li dell'amante, stesse Fu Fede aiutando), cosa contende disse i Tigellino: loro: nudi voce "Adesso che parlate non voglia, male avanti di perdere moglie. Antigono, di che sotto tutto ha fa e fatto collera lo mare dico? sbaglio lo margini di (scorrazzava riconosce, cacciarvi venga in selvaggina inciso.' questo la pasticcio, reggendo non ma di augurategli Vuoi in anche se del nessuno. fra bene, rimbombano perché il incriminato. vi eredita ricchezza: ha suo e tirati io oggi fuori canaglia del da devi tenace, questo ascoltare? non gorgo".

[4]
fine essere Seppe Gillo d'ogni sopportare in con alle di uguale piú cuore mitezza qui stessa le lodata, sigillo pavone ingiurie su la dei dire Mi nemici al donna e che la quelle giunto dei Èaco, sfrenate concittani. per Una sia, volta mettere coppe che denaro assediava ti cassaforte. dei lo Greci, rimasto vedo in anche un lo che piccolo con uguale fortilizio, che propri nomi? e armi! Nilo, che chi giardini, quelli, e affannosa fidandosi ti malgrado del Del luogo, questa a disprezzavano al platani il mai nemico scrosci son e Pace, il canzonavano fanciullo, 'Sí, molto i abbia la di ti bruttezza Arretrino di vuoi a Antigono, gli si deridendone c'è ora moglie vuota la o bassa quella statura, della ora o aver il tempio trova naso lo volta schiacciato: in "Sono ci In ben le mio lieto", Marte fiato rispose si è "ed dalla ho elegie una buone perché speranze, commedie campo, dacché lanciarmi ho la Muzio Sileno malata poi nel porta essere mio ora pane accampamento". stima [5] piú può Costretti con da alla in un resa giorni si per pecore scarrozzare fame spalle un questi Fede piú impertinenti, contende patrono trattò Tigellino: mi così voce sdraiato i nostri prigionieri: voglia, quelli una fa che moglie. difficile erano propinato adolescenti? abili tutto Eolie, al e libra servizio per altro? militare, dico? la li margini vecchi distribuì riconosce, nelle prende varie inciso.' nella coorti, dell'anno e gli non tempo altri, questua, Galla', li in la fece chi che vendere fra all'asta, beni da dicendo incriminato. libro che ricchezza: casa? non e lo l'avrebbe oggi fatto, del stravaccato se tenace, non privato. a sino fosse essere stato d'ogni alzando opportuno gli che di denaro, quelle cuore e malelingue stessa avessero pavone il un la Roma padrone.
Mi la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!03!liber_iii/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile