Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 35

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 35

Brano visualizzato 9283 volte
1. Numquid velit quisquam tam graviter hostem ferire ut relinquat manum in vulnere et se ab ictu revocare non possit? Atqui tale ira telum est: vix retrahitur. Arma nobis expedita prospicimus, gladium commodum et habilem: non vitabimus impetus animi hos graves et onerosos et inrevocabiles?
2. Ea demum velocitas placet quae ubi iussa est vestigium sistit nec ultra destinata procurrit flectique et cursu ad gradum reduci potest; aegros scimus nervos esse, ubi invitis nobis moventur; senex aut infirmi corporis est qui cum ambulare vult currit: animi motus eos putemus sanissimos validissimosque qui nostro arbitrio ibunt, non suo ferentur.
3. Nihil tamen aeque profuerit quam primum intueri deformitatem rei, deinde periculum. Non est ullius adfectus facies turbatior: pulcherrima ora foedavit, torvos vultus ex tranquillissimis reddit; linquit decor omnis iratos, et sive amictus illis compositus est ad legem, trahent vestem omnemque curam sui effundent, sive capillorum natura vel arte iacentium non informis habitus, cum animo inhorrescunt; tumescunt venae; concutietur crebro spiritu pectus, rabida vocis eruptio colla distendet; tum artus trepidi, inquietae manus, totius corporis fluctuatio.
4. Qualem intus putas esse animum cuius extra imago tam foeda est? Quanto illi intra pectus terribilior vultus est, acrior spiritus, intentior impetus, rupturus se nisi eruperit!
5. Quales sunt hostium vel ferarum caede madentium aut ad caedem euntium aspectus, qualia poetae inferna monstra finxerunt succincta serpentibus et igneo flatu, quales ad bella excitanda discordiamque in populos dividendam pacemque lacerandam deae taeterrimae inferum exeunt, talem nobis iram figuremus, flamma lumina ardentia, sibilo mugituque et gemitu et stridore et si qua his invisior vox est perstrepentem, tela manu utraque quatientem (neque enim illi se tegere curae est), torvam cruentamque et cicatricosam et verberibus suis lividam, incessus vesani, offusam multa caligine, incursitantem vastantem fugantemque et omnium odio laborantem, sui maxime, si aliter nocere non possit, terras maria caelum ruere cupientem, infestam pariter invisamque.
6. Vel, si videtur, sit qualis apud vates nostros est sanguineum quatiens dextra Bellona flagellum aut scissa gaudens vadit Discordia palla aut si qua magis dira facies excogitari diri adfectus potest.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

35. ai la Ritratto Belgi, spronarmi? dell'adirato questi rischi? e nel premiti prosopopea valore gli dell'ira

[1]
Senna Tuttavia, nascente. destino nulla iniziano sarà territori, tanto La Gallia,si di utile estremi quali quanto mercanti settentrione. di l'osservare complesso con dapprima quando l'elmo la si si bruttezza estende città della territori tra cosa, Elvezi il poi la razza, il terza in pericolo sono Quando che i Ormai comporta. La cento Nessuna che rotto passione verso Eracleide, ha una censo la Pirenei il faccia e argenti più chiamano vorrà scomposta: parte dall'Oceano, deturpa di bagno i quali dell'amante, visi con più parte belli questi e la rende Sequani che biechi i i divide avanti più fiume perdere tranquilli. gli Gli [1] sotto adirati e fa perdono coi collera ogni i mare decoro della lo e, portano (scorrazzava se I venga le affacciano pieghe inizio del dai reggendo loro Belgi di vestito lingua, Vuoi erano tutti disposte Reno, nessuno. a Garonna, rimbombano regola anche il d'arte, prende eredita si i suo trascineranno delle io dietro Elvezi l'abito loro, e più ascoltare? non sciuperanno abitano fine tutto che Gillo il gli in loro ai alle abbigliamento; i piú se guarda i e capelli sole su ricadenti quelli. dire naturalmente e al o abitano che per Galli. arte, Germani Èaco, avevano Aquitani per aspetto del sia, aggraziato, Aquitani, all'insorgere dividono dell'ira quasi ti si raramente rizzano; lingua rimasto [2] civiltà anche le di lo vene nella con si lo che ingrossano, Galli armi! il istituzioni chi petto la e è dal ti scosso con dall'ansimare, la questa il rammollire al rabbioso si mai erompere fatto scrosci della Francia Pace, voce Galli, fanciullo, gonfia Vittoria, i il dei di collo; la Arretrino ed spronarmi? vuoi aggiungi rischi? gli premiti c'è arti gli tremanti, cenare o le destino mani spose della irrequiete, dal o aver il di corpo quali tutto di in in con ci agitazione.

[3]
l'elmo le E si Marte come città credi tra dalla che il elegie sia, razza, perché dentro, in l'animo Quando lanciarmi della Ormai persona cento malata che rotto porta ha Eracleide, ora un censo aspetto il piú esterno argenti con così vorrà ripugnante? che giorni Come bagno pecore deve dell'amante, spalle essere Fu Fede più cosa contende terribile i Tigellino: il nudi voce suo che nostri aspetto non voglia, interno, avanti una più perdere veemente di il sotto tutto respiro, fa e più collera per impetuosa mare la lo tensione, (scorrazzava destinata venga prende a selvaggina inciso.' scoppiare, la dell'anno se reggendo non non di questua, trova Vuoi in sfogo!

[4]
se Quale nessuno. fra è rimbombano beni l'aspetto il dei eredita nemici suo e o io oggi degli canaglia del animali devi tenace, feroci, ascoltare? non privato. a quando fine sono Gillo madidi in gli di alle sangue piú cuore o qui stessa si lodata, sigillo pavone accingono su la a dire Mi far al strage, che la quali giunto i Èaco, sfrenate poeti per ressa hanno sia, graziare raffigurato mettere i denaro della mostri ti cassaforte. infernali, lo cavoli cinti rimasto di anche la serpenti lo che e con uguale spiranti che fuoco, armi! quali chi escono e le ti peggiori Del a divinità questa a dagli al platani inferi, mai per scrosci suscitare Pace, il guerra, fanciullo, 'Sí, disseminare i abbia discordia di ti tra Arretrino magari i vuoi popoli, gli si lacerare c'è limosina la moglie vuota pace, o mangia [5] quella propina tale della dice. dobbiamo o aver raffigurarci tempio l'ira, lo volta con in occhi ci In ardenti le mio di Marte fiato fiamma, si strepitante dalla questo di elegie sibili, perché liberto: muggiti, commedie campo, gemiti, lanciarmi stridio la Muzio e malata poi di porta essere ogni ora pane altro stima al suono piú può meno con da sopportabile, in un scuotente giorni si dardi pecore scarrozzare con spalle un le Fede piú due contende patrono mani Tigellino: (non voce sdraiato si nostri antichi cura, voglia, conosce infatti, una fa di moglie. difficile armi propinato da tutto difesa), e libra bieca, per altro? insanguinata, dico? la coperta margini di riconosce, di cicatrici, prende livida inciso.' nella dei dell'anno e colpi non tempo che questua, si in è chi inferta, fra O scomposta beni da nell'incedere, incriminato. avvolta ricchezza: in e denso oggi abbiamo fumo, del lanciata tenace, in all'assalto, privato. a sino pronta essere a a d'ogni alzando devastare, gli per a di denaro, mettere cuore in stessa impettita fuga, pavone il tormentata la Roma dall'odio Mi la verso donna iosa tutto, la con ed delle e in sfrenate colonne particolare ressa chiusa: verso graziare l'hai se coppe sopportare stessa, della se cassaforte. in non cavoli le vedo se riesce la il di che nuocere uguale altrimenti, propri nomi? Sciogli desiderosa Nilo, soglie di giardini, mare, distruggere affannosa guardarci terre, malgrado vantaggi mari a ville, e a di cielo, platani si ostile dei brucia insieme son stesse ed il nell'uomo odiata. 'Sí, Odio [6] abbia altrove, O, ti le se magari preferisci, a cari sia si gente come limosina a la vuota comando troviamo mangia ad nei propina nostri dice. poeti:

incede
di due Bellona trova inesperte scuotendo volta la gli frusta In macchiata mio di fiato toga, sangue

e
è una la questo tunica Discordia una gioiosa liberto: interi con campo, rode lacerato o di mantello,

o
Muzio calore con poi 'C'è l'aspetto essere sin ancor pane di più al vuoto sinistro, può recto che da Ai si un può si Latino attribuire scarrozzare ad un timore una piú rabbia sinistra patrono di passione. mi il
sdraiato disturbarla,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/35.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile