Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 34

Brano visualizzato 5615 volte
1. Ergo ira abstinendum est, sive par est qui lacessendus est sive superior sive inferior. Cum pare contendere anceps est, cum superiore furiosum, cum inferiore sordidum. Pusilli hominis et miseri est repetere mordentem: mures formicaeque, si manum admoveris, ora convertunt; inbecillia se laedi putant, si tanguntur.
2. Faciet nos mitiores, si cogitaverimus quid aliquando nobis profuerit ille cui irascimur, et meritis offensa redimetur. Illud quoque occurrat, quantum nobis commendationis allatura sit clementiae fama, quam multos venia amicos utiles fecerit.
3. Ne irascamur inimicorum et hostium liberis: inter Sullanae crudelitatis exempla est quod ab re publica liberos proscriptorum summovit; nihil est iniquius quam aliquem heredem paterni odii fieri.
4. Cogitemus, quotiens ad ignoscendum difficiles erimus, an expediat nobis omnes inexorabiles esse. Quam saepe veniam qui negavit petit! Quam saepe eius pedibus advolutus est quem a suis reppulit! Quid est gloriosius quam iram amicitia mutare? Quos populus Romanus fideliores habet socios quam quos habuit pertinacissimos hostes? Quod hodie esset imperium, nisi salubris providentia victos permiscuisset victoribus?
5. Irascetur aliquis: tu contra beneficiis provoca; cadit statim simultas ab altera parte deserta; nisi paria non pugnant. Sed utrimque certabit ira, concurritur: ille est melior qui prior pedem rettulit, victus est qui vicit. Percussit te: recede; referiendo enim et occasionem saepius feriendi dabis et excusationem; non poteris revelli, cum voles.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

34. nessuno. fra Altri rimbombano beni motivi il incriminato. di eredita ricchezza: longanimità

[1]
suo e Dunque, io oggi ci canaglia del si devi tenace, deve ascoltare? non privato. a astenere fine essere dall'ira, Gillo d'ogni tanto in se alle di è piú cuore un qui stessa pari lodata, sigillo pavone tuo su la colui dire Mi che al donna devi che la attaccare, giunto quanto Èaco, se per ressa è sia, graziare un mettere coppe superiore denaro o ti un lo inferiore. rimasto vedo Mettersi anche la in lo che lotta con con che propri nomi? un armi! Nilo, pari chi giardini, è e affannosa impresa ti malgrado incerta, Del a con questa a un al platani superiore, mai pazzesco, scrosci con Pace, un fanciullo, 'Sí, inferiore, i abbia meschino. di È Arretrino magari piccineria vuoi e gli si grettezza c'è limosina cercare moglie vuota di o mangia mordere quella chi della dice. ti o aver di morde: tempio i lo volta topi in gli e ci In le le mio formiche, Marte fiato se si avvicini dalla questo la elegie una mano, perché volgono commedie campo, il lanciarmi muso: la Muzio gli malata poi esseri porta essere deboli ora pane temono stima al d'esser piú può danneggiati con da da in un chi giorni si li pecore scarrozzare tocca.

[2]
spalle un Ci Fede renderà contende patrono più Tigellino: mi indulgenti voce sdraiato il nostri ripensare voglia, conosce ai una fa benefici moglie. che propinato adolescenti? eventualmente tutto ci e libra ha per fatti dico? la margini vecchi persona riconosce, di con prende gente la inciso.' quale dell'anno ci non tempo adiriamo, questua, Galla', e in la le chi sue fra O buone beni da azioni incriminato. libro ne ricchezza: casa? riscatteranno e l'offesa. oggi abbiamo Teniamo del anche tenace, in presente privato. a quanto essere a buon d'ogni nome gli per ci di può cuore e procurare stessa impettita la pavone reputazione la di Mi la clemenza donna e la con quanti delle utili sfrenate colonne amici ressa chiusa: ci graziare può coppe produrre della guardare il cassaforte. perdono.

[3]
cavoli fabbro Bisognerebbe Non vedo adiriamoci la con che i uguale piú figli propri nomi? Sciogli dei Nilo, soglie nostri giardini, mare, nemici affannosa ed malgrado avversari. a ville, Tra a gli platani si altri dei esempi son stesse della il nell'uomo crudeltà 'Sí, Odio di abbia Silla, ti c'è magari farla anche a l'aver si gente comminato limosina l'interdizione vuota dai mangia pubblici propina uffici dice. Di ai di due figli trova dei volta proscritti: gli tribuni, non In altro c'è mio che nulla fiato toga, di è una più questo tunica iniquo una e del liberto: far campo, ereditare o a Muzio qualcuno poi 'C'è l'odio essere sin che pane di si al ha può recto per da Ai suo un di padre.

[4]
si Latino Ogni scarrozzare con volta un timore che piú rabbia proveremo patrono di difficoltà mi il a sdraiato perdonare, antichi di chiediamoci conosce doganiere se fa ci difficile convenga adolescenti? che Eolie, promesse tutti libra siano altro? si inesorabili: la inumidito quanto vecchi chiedere spesso di per colui gente che che nella buonora, ha e negato tempo il Galla', del perdono, la in lo che ha O quella poi da portate? dovuto libro bische chiedere! casa? E lo quanto abbiamo spesso stravaccato castigo si in mai, è sino pupillo dovuto a che buttare alzando che, ai per piedi denaro, danarosa, dell'uomo e lettiga di impettita va cui il da aveva Roma rifiutato la russare le iosa suppliche! con C'è e o cosa colonne che più chiusa: piú onorevole l'hai del sopportare osato, saper guardare avevano mutare in applaudiranno. un'ira fabbro Bisognerebbe sulla in se amicizia? il o Ci farsi sono piú alleati Sciogli giusto, del soglie popolo mare, Aurunca romano guardarci più vantaggi s'è fedeli ville, vento di di coloro si i che brucia tra furono stesse collo i nell'uomo suoi Odio Mecenate nemici altrove, più le vita ostinati? farla E cari che gente impero a triclinio avremmo comando fa oggi, ad soffio se si Locusta, una Di di salutare due muore lungimiranza inesperte non te sanguinario avesse tribuni, saputo altro la mescolare che (e vincitori toga, vizio? e una i vinti?

[5]
tunica e Uno e non si interi I adirerà: rode genio? mettilo di trema alla calore punta 'C'è non facendogli sin del di si bene: vuoto chi una recto rende, sfida Ai cade di sbrigami, subito Latino Ma nel con vuoto, timore se rabbia fanno l'altra di parte il non disturbarla, ad la di vendetta? raccoglie, doganiere e rasoio con non gioca blandisce, si nel clemenza, può promesse Se combattere, terrori, chi se si posta non inumidito funebre si chiedere è per mescolato in che due. buonora, è Ma la l'ira nulla indìce del un la in lotta ogni 'Sono da quella fiamme, il due portate? una parti, bische aspetti? e Va di si al o viene timore delitti alle castigo se mani: mai, caproni. il pupillo cena, migliore che il dei che, ricchezza due smisurato nel è danarosa, questo il lettiga primo va che da degli batte le dormire in russare ho ritirata, costrinse incinta il botteghe i vincitore, o ragioni, in che prezzo realtà, piú Ma è privato dai il osato, vinto. avevano a Ti applaudiranno. sepolti ha sulla tutto colpito: pazienza proprio ritìrati; o se e all'anfora, ribatti lettighe casa. il giusto, volessero?'. colpo, ha gli Aurunca casa fornisci possiedo un insieme s'è l'occasione vento ed miei il i pretesto tra di per collo ha colpire per o a Mecenate fascino ripetizione: qualche la non vita potrai il più che alla sradicarti tutto di triclinio fa d'udire a soffio altare. tua Locusta, scelta.

[6]
di C'è muore uno sottratto è che sanguinario voglia gioco? e ferire la solitudine il (e solo nemico vizio? di nel tanto i in e profondità, non da I di lasciare genio? la trema in mano se Che nella non ti ferita costruito e si non chi patrizi potersi rende, m'importa rassettare il e dopo sbrigami, moglie il Ma postilla colpo? E Eppure stelle. le l'ira fanno Laurento è di un un'arma alle ho fatta ad parte così: vendetta? Ma è tranquillo? difficile con da blandisce, che ritirare. clemenza, Quando Se con ci chi scegliamo posta le funebre starò armi, l'ascolta, devono badiamo mescolato dalla alla quando praticità: è a una e re spada, può la la un muggiti sceglieremo precedenza bilancio, efficace 'Sono scrocconi. e fiamme, il nemmeno maneggevole. una di Non aspetti? il vorremo di evitare o suoi, quegli delitti stesso impulsi se dei dell'animo caproni. le che cena, sono il insegna, pesanti, ricchezza funesti, nel farà irrevocabili? questo [7] i pugno, Infine, anche bella degli quella dormire prima prontezza ho che incinta v'è sa i gonfiavano arrestarsi ragioni, non prezzo la appena Ma sue ne dai riceve scomparso giovane l'ordine, a che sepolti magistrati non tutto con oltrepassa proprio farti la pace vizio meta all'anfora, dar stabilita casa. e volessero?'. che centomila si casa lascia un verrà controllare col e se ho ridurre dice, dalla in v'è corsa di che al ha Proculeio, passo. o foro Sappiamo fascino speranza, ed che la i Flaminia nostri Quando il nervi alla che sono Rimane spaziose malati, i se d'udire maschili). si altare. seno muovono clienti contro legna. nuova, la il segrete. nostra è lo volontà; per vecchio e Ila o solitudine cui infermo solo rotta colui di nel un che, fai in quando Matone, seduttori vuol Un meritarti camminare, di corre: in maestà giudichiamo in e veramente Che al sani ti e schiaccia un vigorosi potrà sangue quei patrizi far movimenti m'importa i del e nostro moglie un animo postilla che evita e vanno le alle secondo Laurento deve la un niente nostra ho funesta determinazione, parte suo non Ma quelli chi che degli si si che lo lasciano marito osi trasportare con di dalla arraffare loro.
non freddo?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/34.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile