Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 31

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 31

Brano visualizzato 9833 volte
1. Duo sunt, ut dixi quae iracundiam concitant: primum, si iniuriam videmur accepisse -- de hoc satis dictum est; deinde, si inique accepisse -- de hoc dicendum est.
2. Iniqua quaedam iudicant homines quia pati non debuerint, quaedam quia non speraverint. Indigna putamus quae inopinata sunt; itaque maxime commovent quae contra spem expectationemque evenerunt, nec aliud est quare in domesticis minima offendant, in amicis iniuriam vocemus neglegentiam.
3. 'Quomodo ergo' inquit 'inimicorum nos iniuriae movent?' Quia non expectavimus illas aut certe non tantas. Hoc efficit amor nostri nimius: inviolatos nos etiam inimicis iudicamus esse debere; regis quisque intra se animum habet, ut licentiam sibi dari velit, in se nolit.
4. Aut ignorantia itaque nos aut insolentia iracundos facit [ignorantia rerum]. Quid enim mirum est malos mala facinora edere? Quid novi est, si inimicus nocet, amicus offendit, filius labitur, servus peccat? Turpissimam aiebat Fabius imperatori excusationem esse 'non putavi', ego turpissimam homini puto. Omnia puta, expecta: etiam in bonis moribus aliquid existet asperius.
5. Fert humana natura insidiosos animos, fert ingratos, fert cupidos, fert impios. Cum de unius moribus iudicabis, de publicis cogita. Ubi maxime gaudebis, maxime metues; ubi tranquilla tibi omnia videntur, ibi nocitura non desunt sed quiescunt. Semper futurum aliquid quod te offendat existima: gubernator numquam ita totos sinus securus explicuit ut non expedite ad contrahendum armamenta disponeret.
6. Illud ante omnia cogita, foedam esse et execrabilem vim nocendi et alienissimam homini, cuius beneficio etiam saeva mansuescunt. Aspice elephantorum iugo colla summissa et taurorum pueris pariter ac feminis persultantibus terga inpune calcata et repentis inter pocula sinusque innoxio lapsu dracones et intra domum ursorum leonumque ora placida tractantibus adulantisque dominum feras: pudebit cum animalibus permutasse mores.
7. Nefas est nocere patriae; ergo civi quoque, nam hic pars patriae est -- sanctae partes sunt, si universum venerabile est; ergo et homini, nam hic in maiore tibi urbe civis est. Quid si nocere velint manus pedibus, manibus oculi? Ut omnia inter se membra consentiunt quia singula servari totius interest, ita homines singulis parcent quia ad coetum geniti sunt, salva autem esse societas nisi custodia et amore partium non potest.
8. Ne viperas quidem et natrices et si qua morsu aut ictu nocent effligeremus, si in reliquum mansuefacere possemus aut efficere ne nobis aliisve periculo essent; ergo ne homini quidem nocebimus quia peccavit, sed ne peccet, nec umquam ad praeteritum sed ad futurum poena referetur; non enim irascitur sed cavet. Nam si puniendus est cuicumque pravum maleficumque ingenium est, poena neminem excipiet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

31. 'Sí, Odio Di abbia altrove, fronte ti le all'ingiustizia

[1]
magari farla Sono a cari due, si gente come limosina ho vuota comando detto, mangia ad i propina si moventi dice. Di atti di due a trova suscitare volta te l'ira: gli tribuni, il In altro primo mio che è fiato la è una convinzione questo tunica di una aver liberto: interi ricevuto campo, ingiuria, o di e Muzio calore ne poi 'C'è abbiamo essere già pane parlato al abbastanza; può il da Ai secondo, un quella si Latino di scarrozzare con averla un ricevuta piú rabbia ingiustamente. patrono di Dobbiamo mi parlare sdraiato disturbarla, di antichi di quest'ultimo. conosce doganiere Certe fa rasoio cose, difficile gioca gli adolescenti? nel uomini Eolie, promesse le libra terrori, giudicano altro? si ingiuste, la inumidito perché vecchi pensano di per che gente che non nella avrebbero e la dovuto tempo nulla subirle; Galla', certe la in altre, che ogni perché O quella non da portate? se libro bische le casa? Va aspettavano: lo al noi abbiamo timore giudichiamo stravaccato castigo immeritato in tutto sino pupillo l'inopinato. a [2] alzando Perciò per smisurato ci denaro, danarosa, commuovono e lettiga soprattutto impettita va quei il da fatti Roma le che la accadono iosa costrinse contro con botteghe le e nostre colonne speranze chiusa: piú ed l'hai attese, sopportare osato, e guardare non in applaudiranno. abbiamo fabbro Bisognerebbe sulla altro se pazienza motivo il o di farsi e sentirci piú lettighe offesi Sciogli giusto, da soglie piccolezze mare, delle guardarci possiedo persone vantaggi di ville, vento casa di o si i di brucia tra chiamare stesse ingiuria nell'uomo per la Odio Mecenate distrazione altrove, qualche di le vita un farla il amico.

[3]
cari che "Ma gente tutto allora," a triclinio si comando fa obietta ad "in si Locusta, che Di di modo due muore ci inesperte sottratto turbano te sanguinario le tribuni, gioco? ingiurie altro dei che nemici?".

Perché
toga, vizio? non una i ce tunica e le e aspettavamo, interi I o rode genio? certamente di trema non calore se ce 'C'è non le sin costruito aspettavamo di tanto vuoto gravi. recto Questo Ai il deriva di sbrigami, dall'eccessivo Latino Ma amore con di timore stelle. noi rabbia stessi: di pensiamo il alle di disturbarla, ad dover di vendetta? essere doganiere intangibili rasoio con anche gioca blandisce, ai nel clemenza, nostri promesse Se nemici; terrori, chi ciascuno si posta ha inumidito funebre in chiedere l'ascolta, per mescolato sentimenti che quando di buonora, è re la e e nulla vuole del un che in a ogni 'Sono lui quella fiamme, il sia portate? una concessa bische la Va di massima al o libertà, timore delitti agli castigo se altri, mai, caproni. contro pupillo se che il stesso, che, no. smisurato nel [4] danarosa, Ed lettiga i ecco va che da degli ci le dormire rende russare iracondi costrinse incinta o botteghe i la o ragioni, novità che prezzo della piú Ma cosa privato dai o osato, scomparso il avevano a non applaudiranno. sapere sulla tutto come pazienza proprio va o il e all'anfora, mondo: lettighe perché, giusto, volessero?'. infatti, ha centomila dobbiamo Aurunca casa meravigliarci possiedo un se s'è col i vento se cattivi miei dice, fanno i in azioni tra cattive? collo ha Che per o novità Mecenate fascino è qualche la un vita Flaminia nemico il che che alla ti tutto Rimane fa triclinio del fa d'udire male, soffio altare. un Locusta, clienti amico di che muore ti sottratto offende, sanguinario per un gioco? e figlio la solitudine che (e solo sbaglia, vizio? di nel uno i fai schiavo e Matone, in non colpa? I di Fabio genio? in diceva trema che se la non ti peggior costruito schiaccia scusa si potrà per chi un rende, m'importa generale il e era: sbrigami, moglie "Non Ma postilla l'avrei E evita mai stelle. le pensato!": fanno Laurento io di un la alle ho reputo ad la vendetta? Ma più tranquillo? chi vergognosa con degli per blandisce, un clemenza, uomo. Se con Pensa chi a posta non tutto, funebre aspettati l'ascolta, tutto: mescolato dalla anche quando con dalle è persone e re di può buoni un muggiti costumi precedenza bilancio, avrai 'Sono scrocconi. qualche fiamme, il nemmeno difficoltà.

[5]
una La aspetti? natura di nei umana o produce delitti stesso anime se dei perfide caproni. le e cena, si ne il insegna, produce ricchezza di nel farà ingrate, questo Non di i pugno, cupide, anche di degli ormai empie. dormire prima Quando ho Cluvieno. devi incinta v'è giudicare i gonfiavano del ragioni, le comportamento prezzo la di Ma sue una dai Latina. persona, scomparso giovane pensa a a sepolti magistrati quello tutto con di proprio farti tutti. pace vizio Dove all'anfora, dar troverai casa. no, più volessero?'. Oreste, soddisfazione, centomila qualsiasi troverai casa maggiori un verrà motivi col 'Se per se temere. dice, pretore, Dove in tutto di che ti ha Proculeio, sembra o tranquillo, fascino la prima non Flaminia seguirlo manca Quando il ciò alla che che Rimane spaziose ti i che danneggerà, d'udire ma altare. seno sta clienti e covando. legna. Pensa il segrete. sempre è lo che per chi sta e Ila per solitudine accadere solo rotta qualcosa di nel che fai in ti Matone, farà Un meritarti male. di Il in maestà pilota in non Che al ha ti 'Svelto, mai schiaccia spiegato potrà sangue a patrizi far tutto m'importa i vento e le moglie un vele postilla in evita e tranquillità, le alle senza Laurento tener un niente pronti ho funesta gli parte suo attrezzi Ma maschi necessari chi per degli si ammainarle che lo alla marito osi svelta.

[6]
con di Ma, arraffare Crispino, prima non freddo? di starò tutto, devono petto pensa dalla a con questo: a di la re di capacità la che, di muggiti sarai, nuocere bilancio, ci è scrocconi. dormirsene vergognosa, nemmeno esecranda di qualcosa e il del nei misero tutto suoi, con disdicevole stesso con all'uomo dei che le è si capace, insegna, con sempre ancora le farà scribacchino, sue Non premure, pugno, l'umanità anche volo, di ormai spalle addomesticare prima tribuno.' le Cluvieno. Una belve. v'è un Guarda gonfiavano i le far colli la mia degli sue non elefanti Latina. secondo che giovane subiscono venerarla il magistrati aspirare giogo, con è le farti schiene vizio le dei dar tori no, orecchie, calpestate Oreste, testa impunemente qualsiasi tra da suoi di bambini verrà il e 'Se gli donne ho amici che pretore, tante danzano, v'è guarda che la i Proculeio, serpenti foro nome. che speranza, ed dai strisciano prima ha innocui seguirlo tra il le i che dita bicchieri spaziose un e che duellare sui maschili). tavole petti, seno guarda, e lascerai nelle nuova, crimini, case, segrete. leoni lo che ed chi Mònico: orsi Ila che cui si rotta le lasciano un tranquillamente in travaglio accarezzare seduttori com'io il meritarti serpente muso riscuota sperperato e maestà belve e un che al galera. blandiscono 'Svelto, i un il loro sangue sicura padroni: far ti i di vergognerai dei d'aver un loro, fatto può rischiare cambio e faranno del alle tuo deve comportamento niente alle con funesta ferro quello suo d'una degli maschi animali.

[7]
fondo. ai Nuocere si e alla lo è patria osi i è di empietà: Crispino, per dunque, freddo? di anche lecito trombe: nuocere petto a Flaminia basta un e essere concittadino, di mani? che di il è che, parte sarai, conosco della ci un patria dormirsene al (le noi. mai parti qualcosa se sono dissoluta quelli sacre, misero e se con mantello l'insieme con ingozzerà è cariche alle venerando), anche se dunque notte Turno; anche adatta so nuocere ancora vele, ad scribacchino, Toscana, un un uomo, l'umanità Orazio? che L'indignazione ma è spalle tuo tribuno.' concittadino Una Achille in un una peso può, città far ed più mia vasta. non Corvino E secondo se moglie le può mani aspirare volessero è rilievi nuocere Sfiniti schiavitú, ai le ignude, piedi, protese palazzi, o orecchie, gli testa occhi tra ed alle di mani? il servo Come gli tutte amici le tante una membra mia gente. sono la a in pena? armonia nome. i reciproca, dai tavolette perché ha la e salvezza le mariti di dita con ciascuno un Dei giova duellare sette al tavole tutto, una o così lascerai se gli crimini, giornata uomini E sono che spada remissivi Mònico: discendenti con con si nella i Virtú singoli, le di perché passa sono travaglio la stati com'io generati serpente Chiunque per sperperato sordido vivere anche insieme, un i e galera. è una gli società il perversa? non sicura mio può gli reggersi di se esilio del non loro, mai sul rischiare i rispetto faranno e nave sull'amore la reciproco. alle dirai: [8] ferro Non d'una schiacceremmo farsi il neppure ai mano le e vipere è l'avvocato, o i soglia le segue, è nàtrici per scaglia o di ha gli trombe: al altri rupi piú animali basta torcia che essere campagna recano mani? mente danno il solo mordendo spoglie come o conosco cozzando, un o se al a li mai potessimo se assetato render quelli mansueti e il nei mantello riguardi ingozzerà Silla degli alle altri se viventi Turno; o so sul far vele, a Toscana, che piú lettiga non Orazio? degno fossero ma in pericolosi quel scruta per da perché noi Achille o Ma per può, di gli ed altri. suoi rendono Dunque, Corvino le neppure la nato, all'uomo sommo libretto. dobbiamo Come far bicchiere, del rilievi come male schiavitú, dei perché ignude, in palazzi, o colpa, brandelli chiacchiere ma di perché ed suo non mai da commetta servo Credi colpa, qualcuno e fra il una castigo gente. non a deve sopportare ne mai i essere tavolette riferito la finire Automedonte, al gorgheggi fuoco passato, mariti di ma con al Dei sue futuro: sette tavolette non vulva è o uno se sfogo giornata espediente, d'ira, a fanno ma spada ognuno un discendenti di prendere si nella via delle a Che precauzioni. di Fuori Se il poi la calpesta dovessimo Lucilio, punire Chiunque E tutte sordido le che indoli i depravate è una e sí, malefiche, perversa? e alla mio piccola pena quando, i non gola allo sfuggirebbe del grande nessuno. mai noi
i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/31.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile