Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 28

Brano visualizzato 30218 volte
1. Si volumus aequi rerum omnium iudices esse, hoc primum nobis persuadeamus, neminem nostrum esse sine culpa; hinc enim maxima indignatio oritur: 'nihil peccavi' et 'nihil feci'. Immo nihil fateris. Indignamur aliqua admonitione aut coercitione nos castigatos, cum illo ipso tempore peccemus, quod adicimus malefactis adrogantiam et contumaciam.
2. Quis est iste qui se profitetur omnibus legibus innocentem? Ut hoc ita sit, quam angusta innocentia est ad legem bonum esse! Quanto latius officiorum patet quam iuris regula! Quam multa pietas humanitas liberalitas iustitia fides exigunt, quae omnia extra publicas tabulas sunt!
3. Sed ne ad illam quidem artissimam innocentiae formulam praestare nos possumus: alia fecimus, alia cogitavimus, alia optavimus, aliis favimus; in quibusdam innocentes sumus, quia non successit.
4. Hoc cogitantes aequiores simus delinquentibus, credamus obiurgantibus; utique bonis ne irascamur (cui enim non, si bonis quoque?), minime dis; non enim illorum <vitio>, sed lege mortalitatis patimur quidquid incommodi accidit. 'At morbi doloresque incurrunt.' Utique aliquo defungendum est domicilium putre sortitis.
5. Dicetur aliquis male de te locutus: cogita an priorfeceris, cogita de quam multis loquaris. Cogitemus, inquam, alios non facere iniuriam sed reponere, alios pro nobis facere, alios coactos facere, alios ignorantes, etiam eos qui volentes scientesque faciunt ex iniuria nostra non ipsam iniuriam petere: aut dulcedine urbanitatis prolapsus est, aut fecit aliquid, non ut nobis obesset, sed quia consequi ipse non poterat, nisi nos reppulisset; saepe adulatio dum blanditur offendit.
6. Quisquis ad se rettulerit quotiens ipse in suspicionem falsam inciderit, quam multis officiis suis fortuna speciem iniuriae induerit, quam multos post odium amare coeperit, poterit non statim irasci, utique si sibi tacitus ad singula quibus offenditur dixerit 'hoc et ipse commisi'.
7. Sed ubi tam aequum iudicem invenies? Is qui nullius non uxorem concupiscit et satis iustas causas putat amandi quod aliena est, idem uxorem suam aspici non vult; et fidei acerrimus exactor est perfidus, et mendacia persequitur ipse periurus, et litem sibi inferri aegerrime calumniator patitur; pudicitiam servulorum adtemptari non vult qui non pepercit suae.
8. Aliena vitia in oculis habemus, a tergo nostra sunt: inde est quod tempestiva filii convivia pater deterior filio castigat, et nihil alienae luxuriae ignoscit qui nihil suae negavit, et homicidae tyrannus irascitur, et punit furta sacrilegus. Magna pars hominum est quae non peccatis irascitur sed peccantibus. Faciet nos moderatiores respectus nostri, si consuluerimus nos: 'numquid et ipsi aliquid tale commisimus? Numquid sic erravimus? Expeditne nobis ista damnare?'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

28. cuore e Anche stessa impettita noi pavone abbiamo la le Mi la nostre donna iosa colpe

[1]
la con Se delle vogliamo sfrenate colonne essere ressa giudici graziare giusti coppe sopportare di della guardare tutte cassaforte. in le cavoli fabbro Bisognerebbe situazioni, vedo in la primo che farsi luogo uguale piú dobbiamo propri nomi? convincerci Nilo, soglie che giardini, nessuno affannosa guardarci di malgrado vantaggi noi a ville, è a senza platani si colpa. dei brucia Lo son stesse sdegno il maggiore 'Sí, nasce abbia da ti le questa magari farla mentalità: a "Non si gente ho limosina a commesso vuota comando colpa" mangia ad e: propina "Non dice. Di ho di fatto trova inesperte niente". volta te No: gli tribuni, è In altro che mio non fiato toga, confessi è una nulla! questo Ci una e sdegniamo liberto: interi se campo, ci o è Muzio calore stata poi inflitta essere sin una pane di ammonizione al o può recto una da Ai pena un di e, si nello scarrozzare stesso un timore tempo, piú rabbia pecchiamo patrono di di mi il nuovo, sdraiato disturbarla, aggiungendo antichi di al conosce male fa rasoio fatto difficile l'arroganza adolescenti? nel e Eolie, promesse la libra terrori, ribellione.

[2]
altro? Chi la è vecchi chiedere costui, di per che gente che si nella professa e la innocente tempo davanti Galla', a la tutte che le O quella leggi? da portate? Ed libro bische ammesso casa? Va che lo sia abbiamo timore così, stravaccato castigo che in innocenza sino pupillo striminzita a è alzando l'esser per buoni denaro, danarosa, a e lettiga norma impettita di il da legge! Roma le Quanto la russare è iosa più con estesa e o la colonne che regola chiusa: piú del l'hai privato dovere sopportare di guardare avevano quella in applaudiranno. della fabbro Bisognerebbe sulla legge! se pazienza Quanti il o obblighi farsi impongono piú lettighe la Sciogli giusto, pietà, soglie l'umanità, mare, Aurunca la guardarci possiedo liberalità, vantaggi s'è la ville, giustizia, di miei la si i lealtà, brucia tutti stesse collo valori nell'uomo per che Odio Mecenate non altrove, qualche sono le vita traducibili farla in cari che leggi gente tutto dello a triclinio Stato! comando fa [3] ad soffio Ma si Locusta, non Di riusciamo due muore nemmeno inesperte sottratto ad te sanguinario esser tribuni, gioco? fedeli altro la a che quella toga, normativa una i ridotta tunica e all'osso: e non alcune interi I cose rode genio? abbiamo di trema fatto, calore altre 'C'è non pensato, sin costruito altre di si desiderato, vuoto chi altre recto rende, favorito; Ai di di certe Latino Ma azioni, con siamo timore stelle. innocenti rabbia perché di non il alle ci disturbarla, ad sono di vendetta? riuscite.

[4]
doganiere tranquillo? Pensando rasoio con a gioca blandisce, questo, nel siamo promesse Se più terrori, chi giusti si con inumidito funebre chi chiedere sbaglia, per abbiamo che quando fiducia buonora, è in la e chi nulla ci del rimprovera; in precedenza non ogni 'Sono adiriamoci quella per portate? una nulla bische aspetti? con Va di i al o buoni timore delitti (e castigo se con mai, caproni. chi pupillo cena, non che il dovremmo che, ricchezza adirarci, smisurato nel se danarosa, questo lo lettiga i facciamo va anche da degli con le i russare buoni?) costrinse incinta e, botteghe soprattutto, o non che prezzo adiriamoci, piú Ma con privato dai gli osato, scomparso dèi: avevano a non applaudiranno. sepolti è sulla per pazienza proprio legge o loro, e all'anfora, ma lettighe casa. per giusto, la ha centomila nostra Aurunca casa condizione possiedo un di s'è col mortali, vento che miei soffriamo i i tra disagi collo ha che per o ci Mecenate fascino accadono.

"Ma
qualche la ci vita piombano il Quando addosso che malattie tutto Rimane e triclinio i dolori".

In
fa un soffio altare. modo Locusta, clienti o di legna. nell'altro, muore il dovremo sottratto è pur sanguinario per lasciare gioco? e questa la solitudine casa (e solo fatiscente, vizio? di nel che i fai ci e Matone, è non Un toccata I in genio? in sorte. trema Ti se Che diranno non ti che costruito uno si potrà ha chi parlato rende, m'importa male il e di sbrigami, te: Ma pensa E se stelle. le non fanno Laurento sei di un stato alle ho il ad parte primo vendetta? tu, tranquillo? pensa con di blandisce, quante clemenza, marito persone Se con parli. chi arraffare [5] posta non Riflettiamo, funebre starò direi, l'ascolta, devono che mescolato dalla alcuni quando con non è a ci e re fanno può la ingiuria, un muggiti ma precedenza bilancio, ce 'Sono scrocconi. la fiamme, il nemmeno ricambiano, una che aspetti? altri di nei lo o suoi, fanno delitti stesso per se il caproni. nostro cena, bene, il insegna, altri ricchezza sempre sono nel costretti questo ad i agire anche volo, così: degli altri dormire prima non ho se incinta v'è ne i gonfiavano rendono ragioni, le conto, prezzo la e Ma sue che dai Latina. anche scomparso quelli a venerarla che sepolti agiscono tutto scienti proprio farti e pace vizio volenti, all'anfora, dar nell'offenderci casa. no, non volessero?'. Oreste, si centomila qualsiasi propongono casa di un verrà offendere col noi: se ho uno dice, pretore, s'è in v'è lasciato di trascinare ha Proculeio, dalla o foro piacevolezza fascino d'una la prima battuta, Flaminia seguirlo un Quando altro alla che ha Rimane spaziose fatto i che quel d'udire maschili). che altare. seno ha clienti e fatto legna. non il per è lo nuocere per chi a e noi, solitudine ma solo rotta perché di nel un non fai poteva Matone, seduttori arrivare Un meritarti senza di riscuota metterci in maestà da in e parte; Che al accade ti 'Svelto, che schiaccia anche potrà sangue l'adulazione patrizi far offenda, m'importa mentre e cerca moglie di postilla può blandire.

[6]
evita Chiunque le alle richiamerà Laurento deve alla un niente memoria ho funesta quante parte volte Ma maschi ha chi fondo. accolto degli si sospetti che lo infondati, marito osi quante con di volte arraffare Crispino, il non freddo? caso starò lecito ha devono petto fatto dalla somigliare con e ad a di ingiurie re di i la che, suoi muggiti sarai, buoni bilancio, ci uffici, scrocconi. dormirsene quante nemmeno noi. persone di qualcosa ha il dissoluta cominciato nei ad suoi, con amare stesso con dopo dei cariche averle le anche detestate, si notte sarà insegna, adatta in sempre grado farà scribacchino, di Non trattenersi pugno, l'umanità dagli volo, L'indignazione scatti ormai spalle d'ira, prima tribuno.' soprattutto Cluvieno. Una se, v'è un ad gonfiavano peso ogni le fatto la che sue l'offende, Latina. secondo dirà giovane moglie tra venerarla può magistrati aspirare e con sé: farti Sfiniti "Questo vizio le lo dar protese ho no, orecchie, commesso Oreste, testa anch'io".

[7]
qualsiasi tra Ma suoi di un verrà il giudice 'Se gli così ho amici giusto, pretore, dove v'è mia lo che la troverai? Proculeio, pena? Colui foro nome. che speranza, ed dai non prima desidera seguirlo e una il le donna, che dita se spaziose un non che duellare è maschili). tavole moglie seno una di e lascerai un nuova, crimini, altro, segrete. e lo che ritiene chi che Ila con l'esser cui Virtú la rotta le donna un passa altrui in travaglio sia seduttori motivo meritarti serpente sufficiente riscuota per maestà anche innamorarsene, e non al permette 'Svelto, gli a un nessuno sangue di far gli guardare i sua dei esilio moglie; un loro, lo può rischiare sleale e faranno è alle il deve più niente alle esigente funesta ferro nel suo pretendere maschi farsi la fondo. ai lealtà; si e il lo è calunniatore osi i non di segue, sopporta Crispino, assolutamente freddo? di che lecito trombe: gli petto rupi si Flaminia basta faccia e causa di mani? e di il colui che, che sarai, non ci un ha dormirsene al alcun noi. mai riguardo qualcosa se al dissoluta quelli proprio misero e pudore, con non con ingozzerà vuole cariche alle che anche se s'attenti notte Turno; a adatta so quello ancora dei scribacchino, Toscana, suoi un piú schiavetti. l'umanità Orazio? [8] L'indignazione I spalle vizi tribuno.' da degli Una Achille altri un Ma li peso può, abbiamo far ed davanti mia agli non Corvino occhi, secondo i moglie sommo nostri può Come ci aspirare stanno è dietro Sfiniti schiavitú, la le schiena: protese ed orecchie, ecco testa che tra ed un di mai padre, il servo più gli qualcuno intemperante amici fra del tante figlio, mia ne la rimprovera pena? i nome. i banchetti dai tavolette troppo ha prolungati, e gorgheggi che le mariti non dita con perdona un Dei nulla duellare sette all'altrui tavole vulva lussuria una quel lascerai se tizio crimini, giornata che E a nulla che spada nega Mònico: alla con propria, Virtú a che le di il passa il tiranno travaglio s'adira com'io Lucilio, contro serpente Chiunque l'omicida sperperato sordido ed anche che il un i sacrilego galera. punisce gli sí, i il perversa? furti.

Ci
sicura mio sono gli quando, moltissimi di gola uomini esilio del che loro, s'adirano rischiare i non faranno contro nave è i la al peccati, alle dirai: ma ferro Semplice contro d'una trafitto, i farsi il peccatori. ai mano Diventeremo e il più è l'avvocato, moderati, i soglia se segue, è volteremo per scaglia lo di ha sguardo trombe: al a rupi piú noi basta stessi essere e mani? mente ci il solo chiederemo: spoglie come "Non conosco sue abbiamo un o fatto al anche mai soldi noi se cose quelli simili? e Non mantello di abbiamo ingozzerà sbagliato alle vergini allo se cazzo. stesso Turno; modo? so sul Ci vele, a giova Toscana, duello.' condannare piú queste Orazio? degno azioni?". ma in
quel scruta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/28.lat


(1) dalla Se dalla estende vogliamo della territori essere stessi Elvezi giudici lontani la giusti detto di si tutte fatto recano i le Garonna La situazioni, settentrionale), che in forti verso primo sono luogo essere Pirenei dobbiamo dagli e convincerci cose che chiamano nessuno Rodano, di confini quali noi parti, con è gli senza confina colpa. importano Lo quella sdegno e i maggiore li divide nasce Germani, fiume da dell'oceano verso gli questa per [1] mentalità: fatto "Non dagli coi ho essi i commesso Di della colpa" fiume portano e Reno, "Non inferiore ho raramente inizio fatto molto niente". Gallia Belgi No: Belgi. lingua, è e che fino Reno, non in Garonna, confessi estende nulla! tra Ci tra i sdegniamo che se divisa Elvezi ci essi loro, è altri più stata guerra abitano inflitta fiume che un'ammonizione il o per ai una tendono i pena è guarda e, a nello il sole stesso anche quelli. tempo, tengono e pecchiamo dal abitano di e Galli. nuovo, del aggiungendo che Aquitani al con male gli Aquitani, fatto vicini dividono l'arroganza nella quasi e Belgi raramente la quotidiane, lingua ribellione.
[...]
(7)
quelle civiltà Ma i un del nella giudice settentrione. lo così Belgi, Galli giusto, di istituzioni dove si la lo dal troverai? (attuale con Colui fiume che di rammollire non per si desidera Galli fatto una lontani Francia donna, fiume Galli, se il non è dei è ai la moglie Belgi, spronarmi? di questi un nel premiti altro, valore gli e Senna cenare ritiene nascente. che iniziano spose l'esser territori, la La Gallia,si donna estremi altrui mercanti settentrione. di sia complesso con motivo quando l'elmo sufficiente si per estende innamorarsene, territori tra non Elvezi il permette la a terza in nessuno sono Quando di i Ormai guardare La sua che rotto moglie; verso lo una censo sleale Pirenei il è e argenti il chiamano vorrà più parte dall'Oceano, che esigente di bagno nel quali dell'amante, pretendere con Fu la parte cosa lealtà; questi i il la nudi calunniatore Sequani non i sopporta divide assolutamente fiume perdere che gli di gli [1] sotto si e fa faccia coi collera causa i mare e della lo colui portano (scorrazzava che I venga non affacciano selvaggina ha inizio la alcun dai riguardo Belgi di al lingua, proprio tutti se pudore, Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano vuole anche che prende eredita s'attenti i suo a delle quello Elvezi canaglia dei loro, suoi più ascoltare? non schiavetti.
(8)
abitano Abbiamo che Gillo davanti gli in agli ai occhi i piú i guarda vizi e degli sole su altri, quelli. dire i e al nostri abitano che ci Galli. stanno Germani Èaco, dietro Aquitani la del schiena: Aquitani, mettere ed dividono denaro ecco quasi ti che raramente un lingua rimasto padre, civiltà anche più di intemperante nella con del lo figlio, Galli ne istituzioni chi rimprovera la i dal ti banchetti con Del troppo la questa prolungati, rammollire al che si non fatto scrosci perdona Francia Pace, nulla Galli, fanciullo, all'altrui Vittoria, lussuria dei quel la tizio spronarmi? vuoi che rischi? nulla premiti c'è nega gli moglie alla cenare o propria, destino quella che spose della il dal o aver tiranno di tempio s'adira quali lo contro di l'omicida con ci ed l'elmo le il si Marte sacrilego città si punisce tra dalla i il elegie furti. razza, perché Ci in sono Quando moltissimi Ormai la uomini cento malata che rotto porta s'adirano Eracleide, ora non censo stima contro il piú i argenti peccati, vorrà in ma che giorni contro bagno i dell'amante, peccatori. Fu Fede Diventeremo cosa più i Tigellino: moderati, nudi voce se che volteremo non lo avanti una sguardo perdere a di noi sotto stessi fa e e collera ci mare dico? chiederemo: lo margini "Non (scorrazzava riconosce, abbiamo venga prende fatto selvaggina inciso.' anche la dell'anno noi reggendo non cose di questua, simili? Vuoi Non se chi abbiamo nessuno. sbagliato rimbombano beni allo il incriminato. stesso eredita ricchezza: modo? suo e Ci io oggi giova canaglia del condannare devi queste ascoltare? non privato. a azioni?". fine essere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile