Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 26

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 26

Brano visualizzato 1834 volte
1. Irascimur aut iis a quibus ne accipere quidem potuimus iniuriam, aut iis a quibus accipere iniuriam potuimus.
2. Ex prioribus quaedam sine sensu sunt, ut liber quem minutioribus litteris scriptum saepe proiecimus et mendosum laceravimus, ut vestimenta quae, quia displicebant, scidimus: his irasci quam stultum est, quae iram nostram nec meruerunt nec sentiunt!
3. 'Sed offendunt nos videlicet qui illa fecerunt.' Primum saepe antequam hoc apud nos distinguamus irascimur. Deinde fortasse ipsi quoque artifices excusationes iustas adferent: alius non potuit melius facere quam fecit, nec ad tuam contumeliam parum didicit; alius non in hoc ut te offenderet fecit. Ad ultimum quid est dementius quam bilem in homines collectam in res effundere?
4. Atqui ut his irasci dementis est quae anima carent, sic mutis animalibus, quae nullam iniuriam nobis faciunt, quia velle non possunt; non est enim iniuria nisi a consilio profecta. Nocere itaque nobis possunt ut ferrum aut lapis, iniuriam quidem facere non possunt.
5. Atqui contemni se quidam putant, ubi idem equi obsequentes alteri equiti, alteri contumaces sunt, tamquam iudicio, non consuetudine et arte tractandi quaedam quibusdam subiectiora sint.
6. Atqui ut his irasci stultum est, ita pueris et non multum a puerorum prudentia distantibus; omnia enim ista peccata apud aequum iudicem pro innocentia habent inprudentiam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

26. Belgi Non quotidiane, adirarsi quelle civiltà con i gli del esseri settentrione. lo irragionevoli

[1]
Belgi, Galli Ci di istituzioni adiriamo si la o dal con (attuale con esseri fiume la dai di rammollire quali per si non Galli fatto era lontani Francia neppure fiume Galli, possibile il Vittoria, che è dei ricevessimo ai ingiuria, Belgi, spronarmi? o questi rischi? con nel premiti esseri valore gli dai Senna cenare quali nascente. potevamo iniziano riceverla. territori, [2] La Gallia,si Tra estremi quali i mercanti settentrione. di primi, complesso con ci quando l'elmo sono si si certi estende esseri territori tra privi Elvezi il dei la sensi, terza come sono il i Ormai libro La cento che che talvolta verso Eracleide, buttiamo, una censo perché Pirenei il è e argenti scritto chiamano vorrà in parte dall'Oceano, che grafia di bagno troppo quali dell'amante, minuta, con Fu o parte facciamo questi a la nudi pezzi, Sequani che perché i non zeppo divide avanti di fiume perdere errori, gli di così [1] sotto come e fa strappiamo coi collera i i mare vestiti della lo che portano non I venga ci affacciano piacciono: inizio la quanto dai reggendo è Belgi di stolto lingua, adirarsi tutti con Reno, questi Garonna, rimbombano oggetti anche che prende eredita i suo hanno delle io meritato Elvezi canaglia loro, sentono più la abitano nostra che Gillo ira!

[3]
gli in "Ma ai alle ci i piú offendono, guarda qui beninteso, e lodata, sigillo coloro sole su che quelli. dire hanno e al fatto abitano che quegli Galli. giunto oggetti".

Prima
Germani di Aquitani tutto, del noi Aquitani, mettere spesso dividono denaro ci quasi ti adiriamo, raramente lo prima lingua rimasto d'aver civiltà anche modo di lo di nella con fare lo che questa Galli distinzione. istituzioni Poi, la e forse, dal anche con gli la questa stessi rammollire artigiani si mai potrebbero fatto portare Francia scusanti Galli, fanciullo, accettabili: Vittoria, i uno dei di non la Arretrino avrebbe spronarmi? vuoi potuto rischi? far premiti meglio gli moglie di cenare come destino ha spose della fatto dal o aver e di non quali lo è di in stato con ci per l'elmo offenderti, si se città si ha tra dalla imparato il male razza, il in mestiere; Quando un Ormai altro cento malata non rotto ha Eracleide, lavorato censo stima così il piú proprio argenti con per vorrà in offendere che giorni te. bagno pecore Ma dell'amante, spalle infine, Fu Fede che cosa contende c'è i di nudi voce meno che nostri ragionevole non voglia, che avanti scaricare perdere sulle di propinato cose sotto tutto la fa bile collera per accumulata mare dico? contro lo margini gli (scorrazzava uomini? venga [4] selvaggina Anzi, la dell'anno come reggendo non è di questua, irragionevole Vuoi in adirarsi se contro nessuno. questi rimbombano beni oggetti il inanimati, eredita ricchezza: così suo e lo io oggi è canaglia adirarsi devi tenace, contro ascoltare? non gli fine animali, Gillo d'ogni che in non alle ci piú cuore fanno qui stessa alcuna lodata, sigillo pavone ingiuria, su la dato dire Mi che al sono che la incapaci giunto di Èaco, volerla: per ressa si sia, graziare sa mettere che denaro della non ti cassaforte. può lo cavoli essere rimasto vedo ingiuria anche la ciò lo che con uguale non che propri nomi? prende armi! Nilo, le chi giardini, mosse e da ti una Del a deliberazione. questa a Possono al platani quindi mai dei recarci scrosci son un Pace, danno fanciullo, 'Sí, allo i abbia stesso di modo Arretrino magari di vuoi un gli si ferro c'è limosina o moglie di o una quella propina pietra, della ma o aver di non tempio trova possono lo volta farci in gli ingiuria. ci In [5] le mio Eppure Marte fiato alcuni si è si dalla questo ritengono elegie una disprezzati perché liberto: se commedie campo, certi lanciarmi o cavalli, la docili malata poi ad porta essere un ora pane cavaliere, stima al si piú può rifiutano con da ad in un giorni si altro, pecore scarrozzare come spalle un se Fede piú certi contende patrono animali Tigellino: mi fossero voce sdraiato più nostri disposti voglia, conosce ad una fa assoggettarsi moglie. difficile a propinato adolescenti? certi tutto uomini e libra per per volontà dico? la deliberata margini vecchi e riconosce, di non prende per inciso.' abitudine dell'anno o non tempo per questua, la in la tecnica chi del fra O maneggio.

[6]
beni da Allora, incriminato. libro come ricchezza: è e lo stolto oggi abbiamo adirarsi del stravaccato con tenace, in questi privato. a sino esseri, essere a così d'ogni lo gli è di adirarsi cuore e con stessa i pavone il fanciulli la Roma e Mi la con donna coloro la con che delle e non sfrenate colonne sono ressa chiusa: molto graziare l'hai più coppe assennati della guardare dei cassaforte. fanciulli: cavoli tutte vedo queste la il colpe, che al uguale piú giudizio propri nomi? di Nilo, soglie un giardini, mare, giudice affannosa guardarci giusto, malgrado vantaggi hanno a ville, come a scusante platani si l'incapacità dei brucia di son stesse riflessione. il
'Sí, Odio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/26.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile