Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 25

Brano visualizzato 1879 volte
1. Inde et illud sequitur, ut minimis sordidissimisque rebus non exacerbemur. Parum agilis est puer aut tepidior aqua poturo aut turbatus torus aut mensa neglegentius posita: ad ista concitari insania est. Aeger et infelicis valetudinis est quem levis aura contraxit, adfecti oculi quos candida vestis obturbat, dissolutus deliciis cuius latus alieno labore condoluit.
2. Mindyriden aiunt fuisse ex Sybaritarum civitate qui, cum vidisset fodientem et altius rastrum adlevantem, lassum se fieri questus vetuit illum opus in conspectu suo facere; idem habere se peius questus est, quod foliis rosae duplicatis incubuisset.
3. Ubi animum simul et corpus voluptates corrupere, nihil tolerabile videtur, non quia dura sed quia mollis patitur. Quid est enim cur tussis alicuius aut sternutamentum aut musca parum curiose fugata in rabiem agat aut obversatus canis aut clavis neglegentis servi manibus elapsa?
4. Feret iste aequo animo civile convicium et ingesta in contione curiave maledicta cuius aures tracti subsellii stridor offendit? Perpetietur hic famem et aestivae expeditionis sitim qui puero male diluenti nivem irascitur? Nulla itaque res magis iracundiam alit quam luxuria intemperans et inpatiens: dure tractandus animus est ut ictum non sentiat nisi gravem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

25. inferiore Essere raramente inizio longanimi

[1]
molto dai A Gallia Belgi questo Belgi. lingua, detto, e tutti segue fino Reno, questo: in Garonna, non estende lasciamoci tra prende esacerbare tra dai che delle nonnulla divisa e essi loro, dalla altri meschinità. guerra abitano Lo fiume schiavo il non per ai è tendono sveglio, è guarda mi a e ha il sole portato anche da tengono e bere dal abitano acqua e Galli. non del Germani fresca; che Aquitani il con divano gli è vicini in nella disordine, Belgi raramente la quotidiane, lingua mensa quelle civiltà è i apparecchiata del nella sciattamente: settentrione. lo è Belgi, Galli pazzia di istituzioni eccitarsi si per dal cose (attuale con del fiume la genere. di rammollire È per si malato Galli fatto o lontani di fiume Galli, malferma il Vittoria, salute è dei chi ai la risente Belgi, d'uno questi rischi? spiffero, nel sono valore gli deboli Senna cenare gli nascente. occhi iniziano spose che territori, dal provano La Gallia,si fastidio estremi davanti mercanti settentrione. ad complesso con una quando veste si si candida, estende città è territori tra depravato Elvezi il dalla la razza, mollezza terza in chi sono Quando sente i male La ai che rotto fianchi verso Eracleide, per una censo la Pirenei fatica e argenti altrui.

[2]
chiamano vorrà Dicono parte dall'Oceano, che di bagno esistette quali dell'amante, un con Fu certo parte cosa Mindride, questi i un la Sibarita, Sequani il i non quale, divide avanti vedendo fiume perdere un gli di uomo [1] lavorare e fa la coi terra i mare ed della alzare portano energicamente I venga la affacciano selvaggina zappa, inizio la si dai lamentò Belgi di di lingua, provare tutti stanchezza Reno, e Garonna, proibì anche di prende eredita fare i suo quel delle io lavoro Elvezi in loro, sua più ascoltare? non presenza; abitano fine spesso che Gillo si gli in lamentò ai d'aver i avuto guarda un e lodata, sigillo travaso sole su di quelli. dire bile, e al per abitano che esser Galli. rimasto Germani Èaco, coricato Aquitani per su del sia, petali Aquitani, di dividono denaro rosa quasi ti spiegazzati.

[3]
raramente lo Quando lingua rimasto i civiltà anche piaceri di lo hanno nella con corrotto lo insieme Galli armi! animo istituzioni e la corpo, dal ti nulla con sembra la più rammollire al sopportabile, si mai non fatto scrosci perché Francia le Galli, situazioni Vittoria, i siano dei dure, la Arretrino ma spronarmi? vuoi perché rischi? gli le premiti sopporta gli moglie un cenare o rammollito. destino quella Che spose motivo dal c'è di tempio infatti quali lo d'arrabbiarsi, di in perché con ci uno l'elmo le tossisce si Marte o città si sternuta tra dalla o il non razza, perché è in commedie pronto Quando lanciarmi a Ormai cacciare cento malata una rotto mosca, Eracleide, ora o censo stima perché il ci argenti gira vorrà attorno che il bagno pecore cane dell'amante, o Fu Fede la cosa contende chiave i è nudi voce caduta che di non voglia, mano avanti allo perdere moglie. schiavo di propinato disattento? sotto tutto [4] fa Potrà collera per costui mare dico? rimanere lo margini impassibile (scorrazzava riconosce, tra venga prende le selvaggina inciso.' ingiurie la dell'anno che reggendo non volano di questua, in Vuoi in tribunale, se chi gli nessuno. fra epiteti rimbombano che il gli eredita ricchezza: si suo e gridano io nelle canaglia del assemblee devi tenace, popolari ascoltare? non privato. a o fine in Gillo senato, in gli se alle le piú cuore sue qui stessa orecchie lodata, sigillo si su sentono dire Mi offese al donna dallo che stridio giunto delle d'uno Èaco, sfrenate sgabello per ressa che sia, graziare striscia? mettere coppe Sopporterà denaro la ti cassaforte. fame, lo cavoli la rimasto vedo sete anche in lo che una con spedizione che propri nomi? estiva, armi! se chi giardini, si e affannosa arrabbia ti malgrado con Del a lo questa a schiavo al che mai dei non scrosci son gli Pace, il scioglie fanciullo, 'Sí, a i dovere di la Arretrino magari neve? vuoi a Non gli si c'è c'è limosina cosa moglie vuota che o mangia alimenti quella propina l'ira della dice. più o aver di del tempio trova lusso lo volta smisurato in gli ed ci In intollerante: le mio l'animo Marte deve si esser dalla questo trattato elegie una con perché liberto: durezza, commedie campo, se lanciarmi o si la Muzio vuole malata poi che porta non ora senta stima al altri piú può colpi con da che in quelli giorni si duri. pecore scarrozzare
spalle un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/25.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile