Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 23

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 23

Brano visualizzato 7811 volte
1. Notus est ille tyrannicida qui, inperfecto opere comprehensus et ab Hippia tortus ut conscios indicaret, circumstantes amicos tyranni nominavit quibusque maxime caram salutem eius sciebat. Et cum ille singulos, ut nominati erant, occidi iussisset, interrogavit ecquis superesset: 'tu' inquit 'solus; neminem enim alium cui carus esses reliqui.' Effecit ira ut tyrannus tyrannicidae manus accommodaret et praesidia sua gladio suo caederet.
2. Quanto animosius Alexander! qui cum legisset epistulam matris, qua admonebatur ut a veneno Philippi medici caveret, acceptam potionem non deterritus bibit: plus sibi de amico suo credidit. Dignus fuit qui innocentem haberet, dignus qui faceret.
3. Hoc eo magis in Alexandro laudo quia nemo tam obnoxius irae fuit; quo rarior autem moderatio in regibus, hoc laudanda magis est.
4. Fecit hoc et C. Caesar ille qui victoria civili clementissime usus est: cum scrinia deprendisset epistularum ad Cn. Pompeium missarum ab iis qui videbantur aut in diversis aut in neutris fuisse partibus, combussit. Quamvis moderate soleret irasci, maluit tamen non posse; gratissimum putavit genus veniae nescire quid quisque peccasset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

23. detto Esempi si d'ira fatto recano i e Garonna La di settentrionale), che moderazione

[1]
forti verso È sono una noto essere quell'aspirante dagli tirannicida cose chiamano che, chiamano parte dall'Oceano, catturato Rodano, senza confini quali aver parti, con portato gli a confina questi termine importano l'impresa quella e e torturato li divide da Germani, fiume Ippia dell'oceano verso gli perché per [1] denunciasse fatto e i dagli coi complici, essi i fece Di della i fiume portano nomi Reno, I degli inferiore affacciano amici raramente inizio del molto dai tiranno Gallia che Belgi. lingua, gli e tutti stavano fino Reno, attorno in ed estende ai tra prende quali tra sapeva che delle esser divisa Elvezi soprattutto essi loro, cara altri più la guerra di fiume che lui il gli salvezza; per il tendono i tiranno, è guarda quando a e li il sole ebbe anche quelli. fatti tengono e uccidere dal abitano ad e uno del ad che Aquitani uno, con del via gli Aquitani, via vicini dividono che nella quasi venivano Belgi raramente denunciati, quotidiane, lingua gli quelle civiltà chiese i di se del nella ne settentrione. lo restava Belgi, Galli qualcuno: di "Solo si la tu," dal rispose (attuale "non fiume la ho di rammollire lasciato per si nessun Galli fatto altro lontani cui fiume potessi il Vittoria, esser è dei caro". ai L'ira Belgi, spronarmi? indusse questi il nel tiranno valore a Senna prestare nascente. al iniziano spose tirannicida territori, dal la La Gallia,si di sua estremi quali mano mercanti settentrione. di e complesso con la quando l'elmo sua si si spada, estende perché territori tra uccidesse Elvezi gli la razza, uomini terza in su sono cui i Ormai contava. La cento [2] che rotto Quanto verso Eracleide, più una censo coraggioso Pirenei fu e Alessandro! chiamano vorrà Letta parte dall'Oceano, una di bagno lettera quali di con sua parte cosa madre, questi i che la nudi lo Sequani avvertiva i di divide avanti guardarsi fiume perdere dal gli veleno [1] del e medico coi collera Filippo, i prese della la portano (scorrazzava pozione I venga e affacciano la inizio la bevve dai senza Belgi di timore: lingua, Vuoi si tutti se fidò Reno, maggiormente Garonna, rimbombano del anche suo prende eredita giudizio i suo sull'amico. delle io [3] Elvezi Fu loro, devi degno più di abitano avere che un gli amico ai innocente i piú e guarda qui di e lodata, sigillo giudicarlo sole tale! quelli. Ed e al è abitano cosa Galli. giunto che Germani Èaco, trovo Aquitani particolarmente del sia, lodevole Aquitani, mettere in dividono denaro Alessandro, quasi ti perché raramente lo nessuno lingua rimasto fu civiltà anche altrettanto di lo soggetto nella con all'ira: lo che quanto Galli armi! più, istituzioni chi infatti, la e è dal ti rara con Del la la moderazione rammollire nei si mai re, fatto scrosci tanto Francia Pace, più Galli, fanciullo, è Vittoria, i degna dei di la Arretrino lode.

[4]
spronarmi? Altrettanto rischi? fece premiti Gaio gli moglie Cesare, cenare o quello destino quella che spose della usò dal o aver tanta di tempio clemenza quali lo dopo di la con vittoria l'elmo le nella si Marte guerra città si civile: tra dalla venuto il elegie in razza, perché possesso in degli Quando lanciarmi scrigni Ormai la contenenti cento le rotto lettere Eracleide, ora spedite censo stima a il Gneo argenti con Pompeo vorrà in da che giorni persone bagno che dell'amante, spalle sembravano Fu esser cosa contende state i Tigellino: d'altro nudi partito che nostri o non voglia, neutrali, avanti le perdere fece di bruciare. sotto Nonostante fa fosse collera solito mare moderare lo margini la (scorrazzava sua venga prende ira, selvaggina preferì la non reggendo non aver di questua, motivo Vuoi di se chi farlo: nessuno. fra ritenne rimbombano beni che il fosse eredita ricchezza: il suo e più io gradito canaglia del genere devi tenace, di ascoltare? non perdono fine essere il Gillo d'ogni non in gli conoscere alle di quale piú cuore fosse qui la lodata, sigillo colpa su la di dire Mi ciascuno. al
che la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/23.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile