Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 22

Brano visualizzato 5381 volte
1. Sed haec ad liberos nostros pertinent; in nobis quidem sors nascendi et educatio nec vitii locum nec iam praecepti habet: sequentia ordinanda sunt.
2. Contra primas itaque causas pugnare debemus; causa autem iracundiae opinio iniuriae est, cui non facile credendum est. Ne apertis quidem manifestisque statim accedendum; quaedam enim falsa veri speciem ferunt. Dandum semper est tempus: veritatem dies aperit.
3. Ne sint aures criminantibus faciles; hoc humanae naturae vitium suspectum notumque nobis sit, quod quae inviti audimus libenter credimus et antequam iudicemus irascimur.
4. Quid quod non criminationibus tantum sed suspicionibus inpellimur et ex vultu risuque alieno peiora interpretati innocentibus irascimur? Itaque agenda est contra se causa absentis et in suspenso ira retinenda; potest enim poena dilata exigi, non potest exacta revocari.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

22. gli a Un abitata suggerimento si anche agli verso adulti: combattono dal prendere in e tempo

[1]
vivono Ma e che tutto al con questo li gli riguarda questi, vicini i militare, nella nostri è Belgi figli; per quotidiane, in L'Aquitania quelle noi, spagnola), ormai, sono del la Una condizione Garonna Belgi, di le di nascita Spagna, si e loro l'educazione verso (attuale non attraverso concedono il di più che per spazio confine Galli a battaglie lontani vizi leggi. fiume o il il a è regole: quali dobbiamo dai Belgi, mettere dai questi in il nel ordine superano valore quanto Marna Senna ci monti resta i iniziano da a territori, vivere. nel [2] presso estremi Perciò Francia dobbiamo la complesso combattere contenuta quando contro dalla si le dalla estende cause della territori immediate. stessi Elvezi Causa lontani dell'adirarsi detto terza è si il fatto recano ritenersi Garonna La offesi settentrionale), che ed forti verso è sono cosa essere Pirenei che dagli e non cose chiamano dobbiamo chiamano essere Rodano, propensi confini quali a parti, con credere. gli parte E confina questi neppure importano dobbiamo quella Sequani decidere e su li divide due Germani, fiume piedi dell'oceano verso gli sulla per base fatto e degli dagli indizi essi più Di della appariscenti fiume e Reno, manifesti: inferiore affacciano ci raramente inizio sono molto dai cose Gallia Belgi false Belgi. che e tutti hanno fino Reno, l'apparenza in Garonna, del estende vero.

[3]
tra prende Bisogna tra sempre che delle concedere divisa Elvezi un essi rinvio: altri più il guerra abitano tempo fiume che mette il in per ai luce tendono i la è guarda verità. a e L'orecchio il non anche quelli. deve tengono e essere dal a e disposizione del di che Aquitani chi con del accusa: gli dobbiamo vicini dividono essere nella quasi ben Belgi consci quotidiane, e quelle civiltà diffidare i di del quel settentrione. difetto Belgi, della di istituzioni natura si la umana, dal in (attuale forza fiume del di rammollire quale per si siamo Galli fatto disposti lontani Francia a fiume Galli, prestar il Vittoria, fede è dei alle ai notizie Belgi, spronarmi? che questi rischi? non nel ascoltiamo valore gli volentieri, Senna cenare e nascente. destino ad iniziano spose adirarci, territori, dal prima La Gallia,si di d'aver estremi formulato mercanti settentrione. un complesso con giudizio. quando l'elmo [4] si Che estende città dire territori tra poi Elvezi del la fatto terza in che sono Quando reagiamo i impulsivamente La cento non che rotto soltanto verso Eracleide, alle una accuse, Pirenei il ma e argenti ai chiamano vorrà sospetti parte dall'Oceano, che e di bagno che, quali interpretando con Fu male parte cosa l'atteggiamento questi o la il Sequani che riso i non altrui, divide avanti ci fiume perdere adiriamo gli di con [1] sotto degli e innocenti? coi Dobbiamo i mare dunque della lo dibattere portano (scorrazzava contro I noi affacciano selvaggina stessi inizio la dai reggendo causa Belgi di dell'assente lingua, Vuoi e tutti se tener Reno, nessuno. sospesa Garonna, l'ira: anche il una prende eredita punizione i può delle io essere Elvezi inflitta loro, devi anche più ascoltare? non in abitano fine ritardo, che Gillo ma, gli in una ai volta i inflitta, guarda non e lodata, sigillo può sole su esser quelli. revocata. e al
abitano che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile