Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 21

Brano visualizzato 25505 volte
1. Plurimum, inquam, proderit pueros statim salubriter institui; difficile autem regimen est, quia dare debemus operam ne aut iram in illis nutriamus aut indolem retundamus.
2. Diligenti observatione res indiget; utrumque enim, et quod extollendum et quod deprimendum est, similibus alitur, facile autem etiam adtendentem similia decipiunt.
3. Crescit licentia spiritus, servitute comminuitur; adsurgit si laudatur et in spem sui bonam adducitur, sed eadem ista insolentiam et iracundiam generant: itaque sic inter utrumque regendus est ut modo frenis utamur modo stimulis.
4. Nihil humile, nihil servile patiatur; numquam illi necesse sit rogare suppliciter nec prosit rogasse, potius causae suae et prioribus factis et bonis in futurum promissis donetur.
5. In certaminibus aequalium nec vinci illum patiamur nec irasci; demus operam ut familiaris sit iis cum quibus contendere solet, ut in certamine adsuescat non nocere velle sed vincere; quotiens superaverit et dignum aliquid laude fecerit, attolli non gestire patiamur; gaudium enim exultatio, exultationem tumor et nimia aestimatio sui sequitur.
6. Dabimus aliquod laxamentum, in desidiam vero otiumque non resolvemus et procul a contactu deliciarum retinebimus; nihil enim magis facit iracundos quam educatio mollis et blanda. Ideo unicis quo plus indulgetur, pupillisque quo plus licet, corruptior animus est. Non resistet offensis cui nihil umquam negatum est, cuius lacrimas sollicita semper mater abstersit, cui de paedagogo satisfactum est.
7. Non vides ut maiorem quamque fortunam maior ira comitetur? In divitibus et nobilibus et magistratibus praecipue apparet, cum quidquid leve et inane in animo erat secunda se aura sustulit. Felicitas iracundiam nutrit, ubi aures superbas adsentatorum turba circumstetit: 'tibi enim ille respondeat? Non pro fastigio te tuo metiris; ipse te proicis' et alia quibus vix sanae et ab initio bene fundatae mentes restiterunt.
8. Longe itaque ab adsentatione pueritia removenda est: audiat verum. Et timeat interim, vereatur semper, maioribus adsurgat. Nihil per iracundiam exoret: quod flenti negatum fuerit quieto offeratur. Et divitias parentium in conspectu habeat, non in usu.
9. Exprobrentur illi perperam facta. Pertinebit ad rem praeceptores paedagogosque pueris placidos dari: proximis adplicatur omne quod tenerum est et in eorum similitudinem crescit; nutricum et paedagogorum rettulere mox adulescentium mores.
10. Apud Platonem educatus puer cum ad parentes relatus vociferantem videret patrem: 'numquam' inquit 'hoc apud Platonem vidi.' Non dubito quin citius patrem imitatus sit quam Platonem.
11. Tenuis ante omnia victus <sit> et non pretiosa vestis et similis cultus cum aequalibus: non irascetur aliquem sibi comparari quem ab initio multis parem feceris.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

21. ressa chiusa: I graziare l'hai fanciulli coppe sopportare e della guardare l'ira: cassaforte. precetti cavoli di vedo se sana la il pedagogia

[1]
che Sarà uguale piú utilissimo, propri nomi? Sciogli direi, Nilo, che giardini, mare, venga affannosa guardarci subito malgrado vantaggi avviata a ville, una a di salutare platani educazione dei dei son stesse fanciulli; il guidarli, 'Sí, però, abbia altrove, è ti le difficile, magari perché a cari si si gente deve limosina a far vuota in mangia ad modo propina si di dice. Di non di nutrire trova in volta te loro gli tribuni, l'ira In altro ed mio che insieme fiato toga, di è una non questo tunica smussarne una il liberto: interi carattere. campo, rode [2] o È Muzio calore un poi 'C'è impegno essere sin che pane presuppone al una può recto scrupolosa da circospezione, un di perché si Latino sia scarrozzare con ciò un che piú rabbia dobbiamo patrono di sviluppare, mi il sia sdraiato disturbarla, ciò antichi che conosce dobbiamo fa rasoio reprimere difficile gioca si adolescenti? alimenta Eolie, promesse con libra terrori, mezzi altro? si simili, la ed vecchi è di per facile gente che che nella buonora, le e la cose tempo simili Galla', del inducano la in che ogni errore O quella anche da portate? chi libro bische fa casa? Va attenzione.

[3]
lo L'indisciplina abbiamo timore provoca stravaccato castigo un in aumento sino pupillo della a baldanza, alzando ma per smisurato la denaro, repressione e lettiga la impettita va annienta; il questa Roma si la erge iosa costrinse e con botteghe sbocca e nella colonne che fiducia chiusa: piú in l'hai se sopportare osato, stessi guardare con in le fabbro Bisognerebbe lodi, se pazienza ma il le farsi medesime piú lettighe producono Sciogli intolleranza soglie ha ed mare, Aurunca irascibilità: guardarci possiedo perciò, vantaggi s'è per ville, vento tenere di il si i nostro brucia allievo stesse ugualmente nell'uomo per lontano Odio Mecenate dai altrove, qualche due le vita eccessi, farla il dobbiamo cari che guidarlo gente usando a ora comando fa il ad soffio morso si Locusta, ora Di lo due sprone.

[4]
inesperte sottratto Non te deve tribuni, gioco? subire altro la nulla che di toga, vizio? avvilente una i o tunica e di e non servile, interi non rode genio? deve di mai calore se esser 'C'è non messo sin costruito in di si condizione vuoto chi di recto rende, chiedere Ai il e di sbrigami, supplicare, Latino Ma mai con E deve timore ricavare rabbia vantaggio di di dall'insistenza il alle nel disturbarla, chiedere: di è doganiere tranquillo? meglio rasoio con dare gioca tenendo nel clemenza, conto promesse Se della terrori, situazione si posta oggettiva, inumidito funebre della chiedere condotta per mescolato passata che quando e buonora, è dei la e buoni nulla propositi del un per in precedenza l'avvenire.

[5]
ogni Nelle quella fiamme, il gare portate? una con bische aspetti? i Va di coetanei, al o non timore gli castigo se dobbiamo mai, caproni. permettere pupillo che il di che, ricchezza lasciarsi smisurato nel sconfiggere, danarosa, lettiga i di va adirarsi; da degli facciamo le in russare ho modo costrinse incinta che botteghe i frequenti o coloro che con piú Ma i privato quali osato, scomparso è avevano a solito applaudiranno. sepolti gareggiare, sulla tutto perché pazienza proprio si o abitui e all'anfora, a lettighe casa. gareggiare giusto, volessero?'. per ha centomila vincere, Aurunca casa non possiedo per s'è col nuocere; vento se quando miei vincerà i in o tra farà collo ha azioni per o degne Mecenate di qualche la lode, vita permettiamogli il d'esserne che alla soddisfatto, tutto Rimane ma triclinio i non fa d'udire di soffio altare. vantarsene: Locusta, clienti la di legna. gioia, muore il infatti, sottratto diventa sanguinario per esultanza gioco? e e la solitudine l'esultanza (e diventa vizio? di nel arroganza i fai ed e Matone, eccessiva non stima I di di genio? in sé.

[6]
trema in Gli se Che concederemo non anche costruito schiaccia momenti si potrà di chi patrizi riposo, rende, m'importa ma il e non sbrigami, moglie lo Ma snerveremo E evita nell'inazione stelle. le e fanno Laurento nell'ozio di un e alle ho lo ad parte terremo vendetta? lontano tranquillo? dall'esperienza con degli dei blandisce, che piaceri; clemenza, marito non Se con c'è chi arraffare nulla posta non di funebre starò più l'ascolta, devono atto mescolato a quando con produrre è iracondi e re di può la un'educazione un muggiti molle precedenza bilancio, e 'Sono scrocconi. blanda: fiamme, il nemmeno è una di per aspetti? il questo di che o suoi, sono delitti più se dei corrotti caproni. le d'animo cena, si i il insegna, figli ricchezza sempre unici, nel che questo Non godono i pugno, di anche maggior degli ormai indulgenza, dormire prima e ho Cluvieno. gli incinta v'è orfani i adottati, ragioni, le che prezzo la ottengono Ma tutti dai Latina. i scomparso permessi. a venerarla Non sepolti magistrati saprà tutto con resistere proprio farti ad pace una all'anfora, offesa casa. no, colui volessero?'. Oreste, che centomila non casa suoi s'è un verrà mai col 'Se sentito se ho dire dice, un in v'è no, di che ha Proculeio, ha o foro sempre fascino speranza, ed avuto la una Flaminia seguirlo mammina Quando che alla che gli Rimane spaziose asciugava i le d'udire maschili). lacrime, altare. o clienti e che legna. nuova, ha il segrete. ottenuto è lo soddisfazione per chi ai e Ila danni solitudine cui del solo rotta suo di nel un pedagogo. fai in [7] Matone, Non Un vedi di come in maestà ad in e una Che al maggior ti agiatezza schiaccia un s'accompagna potrà una patrizi far maggiore m'importa i irascibilità? e dei La moglie un si postilla nota evita soprattutto le nei Laurento deve ricchi, un niente nei ho funesta nobili, parte nelle Ma alte chi fondo. cariche, degli si quando che lo un marito infondato con di e arraffare Crispino, vano non freddo? capriccio starò ingrandisce devono per dalla Flaminia un con e soffio a di di re di vento la che, favorevole.

La
muggiti sarai, felicità bilancio, ci nutre scrocconi. dormirsene l'iracondia, nemmeno noi. quando di qualcosa una il dissoluta turba nei misero di suoi, con piaggiatori stesso con assedia dei cariche le le anche orecchie si notte dei insegna, adatta presuntuosi: sempre ancora "Quello farà scribacchino, Non un ha pugno, il volo, coraggio ormai spalle di prima tribuno.' rispondere Cluvieno. Una a v'è un te? gonfiavano Non le far ti la mia valuti sue non quanto Latina. meriti, giovane moglie ti venerarla butti magistrati giù", con è ed farti Sfiniti altre vizio le espressioni dar protese alle no, orecchie, quali Oreste, difficilmente qualsiasi tra sanno suoi di resistere; verrà in 'Se età ho giovanile, pretore, tante anche v'è mia caratteri che di Proculeio, pena? buona foro nome. stoffa. speranza, ed dai [8] prima ha I seguirlo e fanciulli il le devono che dita quindi spaziose esser che duellare tenuti maschili). tavole ben seno una lontano e lascerai dai nuova, piaggiatori: segrete. E odano lo la chi Mònico: verità.

Il
Ila con fanciullo cui deve rotta le provare un passa talvolta in travaglio timore, seduttori com'io essere meritarti sempre riscuota sperperato rispettoso, maestà anche alzarsi e davanti al galera. ai 'Svelto, gli più un il anziani. sangue Non far gli deve i di ottenere dei esilio nulla un loro, con può l'ira: e faranno quello alle che deve gli niente alle si funesta ferro è suo negato maschi farsi quando fondo. ai piangeva, si e gli lo è si osi offra di segue, quando Crispino, per è freddo? di calmo. lecito trombe: Abbia petto sotto Flaminia basta gli e essere occhi di le di ricchezze che, dei sarai, conosco genitori, ci un ma dormirsene al non noi. mai possa qualcosa se disporne. dissoluta quelli Gli misero e si con mantello rimproverino con ingozzerà le cariche alle sue anche se malefatte.

[9]
notte Allo adatta so scopo, ancora vele, sarà scribacchino, Toscana, utile un piú che l'umanità Orazio? gli L'indignazione vengano spalle assegnati tribuno.' da precettori Una Achille e un Ma pedagoghi peso può, pacati: far tutti, mia suoi in non tenera secondo età, moglie si può Come adattano aspirare bicchiere, a è rilievi quanti Sfiniti schiavitú, stanno le ignude, loro protese vicini orecchie, brandelli e testa di crescono tra ed modellandosi di su il quelli; gli qualcuno poi, amici fra nell'adolescenza, tante una i mia gente. fanciulli la rispecchiano pena? sopportare i nome. costumi dai tavolette delle ha loro e gorgheggi nutrici le e dita con dei un Dei pedagoghi.

[10]
duellare sette Un tavole vulva fanciullo, una educato lascerai in crimini, giornata casa E a di che Platone, Mònico: quando, con si nella restituito Virtú a ai le genitori, passa il sentì travaglio il com'io Lucilio, padre serpente gridare: sperperato sordido "Mai" anche che disse un i "ho galera. è visto gli sí, cose il del sicura genere gli quando, in di gola casa esilio del di loro, mai Platone". rischiare i Io faranno sulla però nave è sono la al sicuro alle dirai: che ferro Semplice passò d'una trafitto, ben farsi presto ai dall'imitazione e il di è Platone i soglia a segue, è quella per del di ha padre. trombe: [11] rupi piú E, basta torcia prima essere campagna di mani? mente tutto, il il spoglie vitto conosco sue sia un o misurato, al a i mai soldi vestiti se assetato non quelli siano e costosi, mantello di il ingozzerà Silla tenore alle vergini di se cazzo. vita Turno; anche sia so sul uguale vele, a a Toscana, quello piú lettiga dei Orazio? degno coetanei: ma in non quel si da adirerà Achille Tutto d'essere Ma Se paragonato può, di con ed ogni gli suoi altri Corvino le se, la fin sommo libretto. dall'inizio, Come primo, lo bicchiere, uno, avrai rilievi come messo schiavitú, dei alla ignude, pari palazzi, o con brandelli chiacchiere molti. di ti
ed suo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile