Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 15

Brano visualizzato 1860 volte
1. 'Ut scias' inquit 'iram habere in se generosi aliquid, liberas videbis gentes quae iracundissimae sunt, ut Germanos et Scythas.' Quod evenit quia fortia solidaque natura ingenia, antequam disciplina molliantur, prona in iram sunt. Quaedam enim non nisi melioribus innascuntur ingeniis, sicut valida arbusta et laeta quamvis neglecta tellus creat et alta fecundi soli silva est;
2. itaque et ingenia natura fortia iracundiam ferunt nihilque tenue et exile capiunt ignea et fervida, sed inperfectus illis vigor est ut omnibus quae sine arte ipsius tantum naturae bono exsurgunt, sed nisi cito domita sunt, quae fortitudini apta erant audaciae temeritatique consuescunt.
3. Quid? non mitioribus animis vitia leniora coniuncta sunt, ut misericordia et amor et verecundia? Itaque saepe tibi bonam indolem malis quoque suis ostendam; sed non ideo vitia non sunt si naturae melioris indicia sunt.
4. Deinde omnes istae feritate liberae gentes leonum luporumque ritu ut servire non possunt, ita nec imperare; non enim humani vim ingenii, sed feri et intractabilis habent; nemo autem regere potest nisi qui et regi.
5. Fere itaque imperia penes eos fuere populos qui mitiore caelo utuntur: in frigora septemtrionemque vergentibus 'inmansueta ingenia' sunt, ut ait poeta,
suoque simillima caelo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

15. tengono e Obiezione: dal la e Galli. sana del ira che Aquitani dei con del popoli gli Aquitani, primitivi

[1]
vicini dividono "Se nella quasi vuoi Belgi raramente renderti quotidiane, lingua conto" quelle civiltà si i di obietta del nella "che settentrione. l'ira Belgi, ha di istituzioni la si la sua dal parte (attuale di fiume nobiltà, di vai per si a Galli fatto vedere lontani Francia i fiume popoli il liberi, è dei che ai la sono Belgi, spronarmi? i questi più nel premiti iracondi, valore come Senna cenare i nascente. destino Germani iniziano e territori, dal gli La Gallia,si Sciti".

Questo
estremi quali accade mercanti settentrione. di perché complesso con i quando l'elmo caratteri si si forti estende città e territori tra tutti Elvezi il d'un la razza, pezzo terza per sono natura, i Ormai se La non che sono verso ancora una censo stati Pirenei il ammansiti e argenti dall'educazione, chiamano vorrà propendono parte dall'Oceano, che all'ira. di Certe quali dell'amante, tendenze con però parte cosa sono questi innate la nudi soltanto Sequani che nei i non caratteri divide avanti meglio fiume perdere dotati: gli di anche [1] sotto la e fa terra coi collera produce i mare arbusti della lo forti portano (scorrazzava e I venga rigogliosi, affacciano nonostante inizio venga dai reggendo lasciata Belgi di incolta, lingua, ed tutti se è Reno, nessuno. lussureggiante Garonna, rimbombano la anche il vegetazione prende dovuta i suo alla delle io sola Elvezi fertilità loro, devi del più ascoltare? non terreno. abitano [2] che Gillo Allo gli in stesso ai alle modo, i piú anche guarda qui i e lodata, sigillo caratteri sole forti quelli. dire comportano e l'ira abitano per Galli. giunto natura, Germani Èaco, e Aquitani per non del sia, contengono Aquitani, mettere nulla dividono denaro di quasi ti delicato raramente lo ed lingua rimasto esile, civiltà tutti di lo fuoco nella con e lo che bollore Galli armi! come istituzioni chi sono, la e ma dal il con Del loro la questa vigore rammollire al non si mai è fatto scrosci perfetto, Francia come Galli, fanciullo, non Vittoria, i lo dei di è la quello spronarmi? degli rischi? gli esseri premiti c'è che gli crescono cenare o senza destino quella il spose sussidio dal o aver dell'arte, di tempio con quali il di solo con ci spontaneo l'elmo le beneficio si Marte della città si natura. tra dalla Ma il elegie se razza, perché non in commedie vengono Quando lanciarmi domate Ormai la subito, cento malata queste rotto porta doti, Eracleide, ora che censo avrebbero il piú dovuto argenti produrre vorrà in la che giorni fortezza, bagno si dell'amante, spalle abituano Fu Fede all'audacia cosa ed i Tigellino: alla nudi temerità. che nostri [3] non voglia, E avanti una che? perdere moglie. Le di propinato indoli sotto più fa e miti collera per non mare dico? portano lo margini con (scorrazzava riconosce, venga vizi selvaggina più la dell'anno blandi, reggendo non come di la Vuoi in compassione, se chi l'amore, nessuno. fra il rimbombano ritegno? il incriminato. Certo, eredita ricchezza: io suo e ti io oggi farò canaglia del scoprire devi tenace, più ascoltare? non d'una fine volta Gillo d'ogni un'indole in buona alle attraverso piú cuore i qui suoi lodata, sigillo pavone difetti, su la ma dire Mi essi al non che cessano giunto delle d'essere Èaco, sfrenate vizi, per ressa solo sia, graziare perché mettere coppe sono denaro della indizi ti di lo un rimasto carattere anche la migliore.

[4]
lo che Poi, con uguale tutti che propri nomi? questi armi! Nilo, popoli, chi giardini, che e affannosa sono ti malgrado liberi Del a per questa la al loro mai dei ferocia, scrosci son alla Pace, il stregua fanciullo, 'Sí, dei i abbia leoni di ti e Arretrino magari dei vuoi a lupi, gli come c'è limosina non moglie vuota s'adattano o mangia al quella propina dominio della dice. altrui, o aver di così tempio non lo sanno in gli comandare; ci In infatti le mio non Marte fiato hanno si è la dalla questo forza elegie tipica perché liberto: del commedie campo, genio lanciarmi o umano, la Muzio ma malata poi la porta essere ferocia ora pane e stima l'intrattabilità piú può del con bruto; in un ora, giorni si non pecore scarrozzare è spalle capace Fede di contende comandare Tigellino: mi chi voce sdraiato non nostri antichi sa voglia, conosce anche una fa ubbidire. moglie. difficile [5] propinato adolescenti? Questo tutto Eolie, è e il per altro? motivo dico? per margini vecchi cui, riconosce, di in prende genere, inciso.' furono dell'anno e dominatori non quei questua, Galla', popoli in la che chi vivono fra in beni climi incriminato. libro temperati. ricchezza: casa? Le e lo genti oggi abbiamo esposte del stravaccato al tenace, freddo, privato. a sino a essere a settentrione, d'ogni hanno gli un di carattere cuore e selvaggio stessa impettita come pavone dice la il Mi la poeta, donna iosa che la con quanto delle e mai sfrenate colonne somiglia ressa al graziare l'hai loro coppe cielo.
della guardare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile