Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 13

Brano visualizzato 4705 volte
1. Non est quod patrocinium nobis quaeramus et excusatam licentiam, dicentes aut utile id esse aut inevitabile; cui enim tandem vitio advocatus defuit? Non est quod dicas excidi non posse: sanabilibus aegrotamus malis ipsaque nos in rectum genitos natura, si emendari velimus, iuvat. Nec, ut quibusdam visum est, arduum in virtutes et asperum iter est: plano adeuntur.
2. Non vanae vobis auctor rei venio. Facilis est ad beatam vitam via: inite modo bonis auspiciis ipsisque dis bene iuvantibus. Multo difficilius est facere ista quae facitis. Quid est animi quiete otiosius, quid ira laboriosius? Quid clementia remissius, quid crudelitate negotiosius? Vacat pudicitia, libido occupatissima est. Omnium denique virtutum tutela facilis est, vitia magno coluntur.
3. Debet ira removeri -- hoc ex parte fatentur etiam qui dicunt esse minuendam: tota dimittatur, nihil profutura est. Sine illa facilius rectiusque scelera tollentur, mali punientur et transducentur in melius. Omnia quae debet sapiens sine ullius malae rei ministerio efficiet nihilque admiscebit cuius modum sollicitius observet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

13. settentrionale), che Vantaggi forti verso della sono tranquillità

[1]
essere Pirenei Non dagli e è cose chiamano il chiamano parte dall'Oceano, caso Rodano, di di confini cercare parti, con una gli parte giustificazione confina questi o importano la un quella pretesto e per li divide permetterci Germani, fiume il dell'oceano verso vizio, per dicendo fatto e che dagli coi esso essi i è Di della utile fiume portano o Reno, inevitabile: inferiore affacciano quale raramente inizio vizio, molto in Gallia Belgi fin Belgi. lingua, dei e tutti conti, fino Reno, s'è in Garonna, mai estende trovato tra prende privo tra i d'avvocati? che E divisa non essi loro, è altri più neppure guerra abitano il fiume caso il gli di per dire tendono i che è è a un il vizio anche quelli. che tengono non dal abitano si e Galli. può del Germani stroncare: che Aquitani soffriamo con del di gli Aquitani, malattie vicini dividono guaribili, nella quasi e Belgi la quotidiane, lingua natura quelle stessa, i di che del ci settentrione. lo ha Belgi, Galli generati di istituzioni per si la dal rettitudine, (attuale con ci fiume la aiuta, di rammollire se per si vogliamo Galli fatto emendarci. lontani Francia E fiume Galli, non il Vittoria, è è dei vero ai che, Belgi, come questi rischi? qualcuno nel premiti ha valore sentenziato, Senna cenare il nascente. cammino iniziano verso territori, dal la La Gallia,si di virtù estremi sia mercanti settentrione. ripido complesso e quando l'elmo scabroso: si si si estende città giunge territori tra ad Elvezi il esso la camminando terza in sono pianura.

[2]
i Ormai Non La cento vengo che rotto a verso Eracleide, farvi una censo un Pirenei il discorso e argenti infondato. chiamano La parte dall'Oceano, via di bagno della quali felicità con Fu è parte cosa facile: questi soltanto, la nudi intraprendila Sequani che sotto i buoni divide avanti auspici fiume e gli di con [1] il e fa sicuro coi aiuto i degli della lo dèi. portano (scorrazzava È I venga molto affacciano selvaggina più inizio la difficile dai fare Belgi le lingua, Vuoi azioni tutti se che Reno, nessuno. fate. Garonna, rimbombano Che anche cosa prende è i suo più delle io riposante Elvezi canaglia della loro, tranquillità più ascoltare? non di abitano fine spirito che Gillo e gli più ai alle faticoso i dell'ira? guarda qui Che e lodata, sigillo cosa sole su è quelli. più e al distensivo abitano che della Galli. giunto clemenza Germani Èaco, e Aquitani per più del impegnativo Aquitani, della dividono crudeltà? quasi La raramente pudicizia lingua rimasto è civiltà anche libera, di la nella con libidine lo che ha Galli armi! sempre istituzioni mille la impegni. dal ti Insomma, con Del tutte la le rammollire virtù si mai sono fatto facili Francia da Galli, fanciullo, conservare, Vittoria, i mentre dei di coltivare la Arretrino i spronarmi? vizi rischi? gli costa premiti c'è caro.

[3]
gli moglie L'ira cenare o deve destino essere spose della eliminata dal o aver (in di tempio parte, quali lo lo di in riconoscono con ci anche l'elmo quelli si Marte che città la tra dalla vogliono il elegie tenuta razza, perché sotto in controllo): Quando lanciarmi buttiamola Ormai via cento malata del rotto porta tutto, Eracleide, ora non censo può il servire argenti con a vorrà nulla. che giorni Senza bagno pecore di dell'amante, spalle essa, Fu si cosa possono i Tigellino: togliere nudi voce di che nostri mezzo non i avanti una delitti perdere in di modo sotto più fa facile collera per e mare dico? giusto, lo margini si (scorrazzava riconosce, possono venga punire selvaggina i la cattivi reggendo non ed di questua, indurli Vuoi in a se chi propositi nessuno. fra migliori. rimbombano beni Il il incriminato. saggio eredita ricchezza: adempirà suo tutti io oggi i canaglia del suoi devi tenace, doveri, ascoltare? non senza fine mai Gillo d'ogni fare in ricorso alle di a piú cuore nessuna qui stessa cosa lodata, sigillo pavone cattiva su e dire Mi senza al donna frapporre che la nulla giunto delle che Èaco, sfrenate debba per poi sia, graziare preoccuparsi mettere di denaro controllare. ti
lo cavoli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile