Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 11

Brano visualizzato 4167 volte
1. 'Utilis est' inquit 'ira, quia contemptum effugit, quia malos terret.' Primum ira, si quantum minatur valet, ob hoc ipsum quod terribilis est et invisa est; periculosius est autem timeri quam despici. Si vero sine viribus est, magis exposita contemptui est et derisum non effugit; quid enimest iracundia in supervacuum tumultuante frigidius?
2. Deinde non ideo quaedam, quia sunt terribiliora, potiora sunt, nec hoc sapienti dici velim: 'quod ferae, sapientis quoque telum est, timeri.' Quid? non timetur febris, podagra, ulcus malum? Numquid ideo quicquam in istis boni est? At contra omnia despecta foedaque et turpia ipso quo timentur. Sic ira per se deformis est et minime metuenda, at timetur a pluribus sicut deformis persona ab infantibus.
3. Quid quod semper in auctores redundat timor nec quisquam metuitur ipse securus? Occurrat hoc loco tibi Laberianus ille versus qui medio civili bello in theatro dictus totum in se populum non aliter convertit quam si missa esset vox publici adfectus:
necesse est multos timeat quem multi timent.
4. Ita natura constituit ut quidquid alieno metu magnum est a suo non vacet. Leonum quam pavida sunt ad levissimos sonos pectora! acerrimas feras umbra et vox et odor insolitus exagitat: quidquid terret et trepidat. Non est ergo quare concupiscat quisquam sapiens timeri, nec ideo iram magnum quiddam putet quia formidini est, quoniam quidem etiam contemptissima timentur, ut venena et ossa pestifera et morsus.
5. Nec mirum est, cum maximos ferarum greges linea pinnis distincta contineat et in insidias agat, ab ipso adfectu dicta formido; vanis enim vana terrori sunt. Curriculi motus rotarumque versata facies leones redegit in caveam, elephantos porcina vox terret.
6. Sic itaque ira metuitur quomodo umbra ab infantibus, a feris rubens pinna. Non ipsa in se quicquam habet firmum aut forte, sed leves animos movet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11. nella con L'ira lo che non Galli armi! ha istituzioni vera la e consistenza

[1]
dal ti "L'ira con Del è la questa utile," rammollire al si si obietta fatto "perché Francia Pace, ci Galli, fanciullo, evita Vittoria, i il dei di disprezzo, la Arretrino perché spronarmi? atterrisce rischi? i premiti c'è cattivi".

In
gli moglie primo cenare o luogo, destino quella se spose della l'ira dal o aver è di tempio efficace quali in di in proporzione con ci delle l'elmo le minacce si che città si fa, tra dalla proprio il elegie perché razza, è in commedie terribile, Quando lanciarmi è Ormai la anche cento detestata; rotto porta ora Eracleide, è censo più il piú pericoloso argenti essere vorrà in temuti che giorni che bagno disprezzati. dell'amante, spalle Se Fu Fede invece cosa contende è i Tigellino: priva nudi voce di che nostri forza, non voglia, è avanti ancor perdere moglie. più di propinato esposta sotto al fa disprezzo collera per e mare dico? non lo margini sfugge (scorrazzava riconosce, al venga prende ridicolo: selvaggina c'è la dell'anno una reggendo non cosa di che Vuoi in lasci se chi più nessuno. fra indifferenti rimbombano di il un'ira eredita ricchezza: che suo e strepita io oggi a canaglia vuoto? devi tenace, [2] ascoltare? non privato. a Inoltre, fine essere dal Gillo fatto in gli che alle certe piú cuore prospettive qui stessa sono lodata, sigillo pavone più su temibili, dire Mi non al segue che la che giunto delle siano Èaco, sfrenate preferibili, per e sia, non mettere vorrei denaro della che ti cassaforte. s'affibbiasse lo cavoli al rimasto vedo saggio anche la la lo che massima: con "Il che saggio armi! Nilo, e chi la e belva ti dispongono Del a della questa a medesima al platani arma: mai sono scrosci temuti". Pace, il E fanciullo, che? i abbia Non di ti temiamo Arretrino magari la vuoi febbre, gli si la c'è limosina gotta, moglie vuota la o mangia piaga quella in della dice. cancrena? o aver di E tempio per lo questo, in gli quei ci In fatti le mio hanno Marte qualcosa si è di dalla buono? elegie Non perché sono commedie campo, invece lanciarmi spregevoli, la disgustosi, malata vergognosi, porta essere e ora perciò stima al stesso piú può temuti? con da Così in un l'ira, giorni si per pecore scarrozzare sua spalle un natura, Fede piú è contende patrono vergognosa Tigellino: mi e voce per nostri nulla voglia, conosce temibile, una fa ma moglie. difficile i propinato adolescenti? più tutto la e libra temono, per come dico? la i margini vecchi fanciulli riconosce, di temono prende una inciso.' nella maschera dell'anno e turpe.

[3]
non E questua, che in la dire chi che del fra O fatto beni da che incriminato. il ricchezza: timore e lo si oggi abbiamo riversa del sempre tenace, su privato. a sino chi essere a l'ha d'ogni alzando provocato, gli per e di denaro, nessuno cuore riesce stessa impettita a pavone farsi la Roma temere, Mi la restando donna iosa lui la con tranquillo? delle e Ricorda, sfrenate a ressa chiusa: questo graziare l'hai punto, coppe sopportare il della noto cassaforte. verso cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo se Laberio la il che, che recitato uguale in propri nomi? Sciogli teatro Nilo, soglie in giardini, piena affannosa guardarci guerra malgrado vantaggi civile, a ville, avvinse a di tutto platani il dei brucia pubblico son stesse perché il nell'uomo risuonò 'Sí, Odio come abbia altrove, una ti le voce magari di a cari popolo:

molti
si gente deve limosina a temere vuota comando colui mangia che propina da dice. molti di due è trova temuto.

[4]
volta La gli tribuni, natura In ha mio che stabilito fiato toga, questo: è ciò questo tunica che una e si liberto: interi fa campo, rode grande o di sul Muzio timore poi 'C'è altrui, essere sin non pane di è al vuoto immune può dal da proprio. un Il si coraggio scarrozzare con dei un timore leoni piú rabbia si patrono di affievolisce mi il ai sdraiato disturbarla, rumori antichi di più conosce doganiere leggeri! fa rasoio Un'ombra, difficile un adolescenti? nel grido, Eolie, promesse un libra terrori, odore altro? insolito la inumidito turbano vecchi le di per belve gente che più nella feroci: e la ogni tempo nulla essere Galla', del capace la di che ogni atterrire O quella è da soggetto libro a casa? Va timore. lo al Non abbiamo vedo, stravaccato castigo dunque, in mai, per sino pupillo quale a che motivo alzando che, un per smisurato qualunque denaro, danarosa, saggio e lettiga debba impettita desiderare il da d'essere Roma le temuto, la russare o iosa costrinse perché con botteghe debba e o dare colonne grande chiusa: importanza l'hai all'ira, sopportare osato, in guardare quanto in applaudiranno. incute fabbro Bisognerebbe sulla timore, se dato il o che, farsi e in piú lettighe fondo, Sciogli sono soglie ha temute mare, anche guardarci possiedo le vantaggi cose ville, vento spregevolissime, di miei come si i i brucia veleni, stesse collo le nell'uomo per ossa Odio infette altrove, qualche ed le vita i farla il morsi. cari [5] gente tutto E a triclinio questo comando fa non ad stupisce, si Locusta, poiché Di di intere due muore mandrie inesperte sottratto di te belve tribuni, si altro lasciano che (e manovrare toga, vizio? e una i spingere tunica in e trappola interi I da rode genio? una di trema cordicella calore se munita 'C'è non di sin penne, di che vuoto è recto chiamata Ai "spauracchio" di sbrigami, per Latino Ma la con passione timore stelle. che rabbia fanno suscita: di di chi il non disturbarla, ad ha di vendetta? senno, doganiere tranquillo? è rasoio con atterrito gioca blandisce, da nel clemenza, cose promesse Se da terrori, chi nulla. si posta Il inumidito funebre movimento chiedere l'ascolta, di per mescolato un che quando cocchio buonora, è ed la e il nulla può vederne del un girare in precedenza le ogni 'Sono ruote quella fiamme, il risospinge portate? una i bische leoni Va di nella al o gabbia; timore il castigo grugnito mai, caproni. di pupillo cena, un che porco che, ricchezza atterrisce smisurato nel gli danarosa, questo elefanti. lettiga i [6] va anche Così, da degli in le dormire conclusione, russare l'ira costrinse incinta incute botteghe i tanta o paura, che quanta piú Ma ne privato dai incute osato, scomparso un'ombra avevano a ai applaudiranno. sepolti fanciulli sulla oppure pazienza proprio una o penna e all'anfora, tinta lettighe di giusto, volessero?'. rosso ha centomila alle Aurunca casa belve. possiedo un Non s'è col ha vento in miei dice, i in nulla tra di di collo ha stabile per o o Mecenate di qualche la forte, vita ma il Quando commuove che alla i tutto caratteri triclinio i instabili. fa d'udire
soffio altare.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile