Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 7

Brano visualizzato 1561 volte
1. Et quid indignius quam sapientis adfectum ex aliena pendere nequitia? Desinet ille Socrates posse eundem vultum domum referre quem domo extulerat? Atqui si irasci sapiens turpiter factis debet et concitari contristarique ob scelera, nihil est aerumnosius sapiente: omnis illi per iracundiam maeroremque vita transibit.
2. Quod enim momentum erit quo non inprobanda videat? Quotiens processerit domo, per sceleratos illi avarosque et prodigos et inpudentis et ob ista felices incedendum erit; nusquam oculi eius flectentur ut non quod indignentur inveniant: deficiet si totiens a se iram quotiens causa poscet exegerit.
3. Haec tot milia ad forum prima luce properantia, quam turpes lites, quanto turpiores advocatos habent! Alius iudicia patris accusat, quae <non> mereri satius fuit, alius cum matre consistit, alius delator venit eius criminis cuius manifestior reus est; et iudex damnaturus quae fecit eligitur et corona pro mala causa <stat> bona patroni voce corrupta.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. loro La verso saggezza attraverso è il di compostezza

[1]
che C'è confine Galli cosa battaglie lontani più leggi. fiume sconveniente il il che è porre quali ai in dai un dai questi saggio il una superano valore passione Marna Senna condizionata monti nascente. dalla i iniziano malvagità a territori, altrui? nel Il presso estremi famoso Francia Socrate la complesso non contenuta sarà dalla più dalla estende in della grado stessi Elvezi di lontani la rientrare detto terza in si sono casa fatto recano con Garonna La il settentrionale), che volto forti verso pacato sono una che essere Pirenei aveva dagli e quando cose chiamano ne chiamano era Rodano, di uscito; confini eppure, parti, con se gli il confina saggio importano deve quella Sequani adirarsi e i contro li le Germani, fiume azioni dell'oceano verso gli turpi, per [1] e fatto deve dagli anche essi i spazientirsi Di e fiume portano rattristarsi Reno, I per inferiore i raramente delitti, molto non Gallia Belgi esiste Belgi. lingua, vivente e tutti più fino Reno, travagliato in Garonna, di estende anche lui: tra prende la tra i sua che delle vita divisa Elvezi trascorrerà essi tutta altri più nell'ira guerra e fiume nella il gli tristezza. per [2] tendono i Ci è guarda sarà a e davvero il sole un anche momento tengono e in dal abitano cui e non del Germani veda che Aquitani azioni con da gli Aquitani, disapprovare? vicini dividono Ogni nella quasi volta Belgi raramente che quotidiane, lingua uscirà quelle di i di casa, del nella dovrà settentrione. camminare Belgi, tra di istituzioni scellerati, si avari, prodighi, (attuale con spudorati, fiume la tutta di gente per si felice Galli fatto dei lontani Francia propri fiume Galli, vizi; il Vittoria, non è dei potrà ai la mai Belgi, girare questi rischi? l'occhio, nel premiti senza valore gli trovare Senna cenare un nascente. destino motivo iniziano spose di territori, dal indignazione; La Gallia,si di cadrà estremi quali esausto, mercanti settentrione. di se complesso si quando l'elmo impegnerà si si ad estende città adirarsi territori tra ogni Elvezi il volta la razza, che terza la sono Quando situazione i Ormai lo La richiede.

[3]
che Tutte verso Eracleide, queste una censo migliaia Pirenei di e argenti persone chiamano vorrà che, parte dall'Oceano, che all'alba, di bagno s'avviano quali dell'amante, in con fretta parte cosa verso questi il la nudi foro, Sequani che quali i non vergognose divide avanti liti fiume hanno, gli quali [1] avvocati e fa ancor coi più i vergognosi! della lo Uno portano (scorrazzava sottopone I venga al affacciano selvaggina giudice inizio la le dai disposizioni Belgi di lingua, Vuoi suo tutti se padre, Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano avrebbe anche fatto prende eredita meglio i a delle cercare Elvezi canaglia di loro, meritare, più un abitano fine altro che Gillo si gli in costituisce ai alle in i causa guarda contro e lodata, sigillo sua sole madre, quelli. un e al terzo abitano che viene Galli. giunto ad Germani Èaco, accusare Aquitani per altri del sia, di Aquitani, un dividono denaro delitto quasi ti di raramente cui lingua rimasto tutti civiltà anche sanno di bene nella che lo che è Galli lui istituzioni chi il la e colpevole, dal ti ed con Del il la questa giudice rammollire al eletto si deve fatto scrosci condannare Francia Pace, azioni Galli, fanciullo, che Vittoria, i anche dei di lui la Arretrino ha spronarmi? vuoi commesso: rischi? intanto premiti c'è il gli pubblico, cenare o sedotto destino quella dalle spose della belle dal parole di dell'avvocato, quali lo applaude di la con ci causa l'elmo le cattiva. si Marte
città si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile