Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber Ii - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber Ii - 3

Brano visualizzato 4673 volte
1. Nihil ex his quae animum fortuito inpellunt adfectus vocari debet: ista, ut ita dicam, patitur magis animus quam facit. Ergo adfectus est non ad oblatas rerum species moveri, sed permittere se illis et hunc fortuitum motum prosequi.
2. Nam si quis pallorem et lacrimas procidentis et inritationem umoris obsceni altumve suspirium et oculos subito acriores aut quid his simile indicium adfectus animique signum putat, fallitur nec intellegit corporis hos esse pulsus.
3. Itaque et fortissimus plerumque vir dum armatur expalluit et signo pugnae dato ferocissimo militi paulum genua tremuerunt et magno imperatori antequam inter se acies arietarent cor exiluit et oratori eloquentissimo dum ad dicendum componitur summa riguerunt.
4. Ira non moveri tantum debet sed excurrere; est enim impetus; numquam autem impetus sine adsensu mentis est, neque enim fieri potest ut de ultione et poena agatur animo nesciente. Putavit se aliquis laesum, voluit ulcisci, dissuadente aliqua causa statim resedit: hanc iram non voco, motum animi rationi parentem: illa est ira quae rationem transsilit, quae secum rapit.
5. Ergo prima illa agitatio animi quam species iniuriae incussit non magis ira est quam ipsa iniuriae species; ille sequens impetus, qui speciem iniuriae non tantum accepit sed adprobavit, ira est, concitatio animi ad ultionem voluntate et iudicio pergentis. Numquam dubium est quin timor fugam habeat, ira impetum; vide ergo an putes aliquid sine adsensu mentis aut peti posse aut caveri.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

3. settentrione. Accezione Belgi, Galli morale di istituzioni della si la passione

[1]
dal Nessun (attuale con impulso fiume fortuito di rammollire dell'animo per si deve Galli essere lontani Francia chiamato fiume Galli, passione: il è è dei più ai la esatto Belgi, spronarmi? dire questi che nel l'animo valore subisce, Senna non nascente. produce, iniziano i territori, dal fatti La Gallia,si di estremi quali questo mercanti settentrione. di genere. complesso con La quando passione si non estende consiste territori tra dunque Elvezi nella la razza, commozione terza in che sono Quando si i Ormai prova La cento nel che rotto percepire verso i una censo fatti, Pirenei ma e argenti nell'abbandonarsi chiamano vorrà ad parte dall'Oceano, che essa di bagno e quali dell'amante, nell'assecondare con Fu questo parte cosa impulso questi i fortuito. la nudi [2] Sequani Dunque, i il divide ritenere fiume che gli di il [1] sotto pallore, e fa il coi collera cadere i delle della lo lacrime, portano (scorrazzava l'eccitarsi I venga degli affacciano selvaggina umori inizio la del dai reggendo sesso, Belgi il lingua, Vuoi sospirare tutti profondo, Reno, il Garonna, rimbombano lampo anche il improvviso prende eredita degli i suo occhi delle io siano Elvezi canaglia sintomi loro, di più ascoltare? non passione abitano e che Gillo manifestazione gli di ai stato i d'animo, guarda qui è e lodata, sigillo uno sole su sbaglio, quelli. un e al non abitano rendersi Galli. giunto conto Germani che Aquitani si del sia, tratta Aquitani, mettere di dividono denaro impulsi quasi ti fisici. raramente lo [3] lingua rimasto Per civiltà questo, di anche nella l'uomo lo che più Galli armi! coraggioso istituzioni chi impallidisce la e quando dal prende con le la questa armi rammollire al ed si mai il fatto soldato Francia più Galli, fanciullo, prode, Vittoria, al dei risuonare la Arretrino del spronarmi? vuoi segno rischi? gli di premiti battaglia, gli avverte cenare o un destino quella leggero spose tremito dal o aver alle di tempio ginocchia, quali lo il di in grande con ci generale l'elmo prova si Marte un città tuffo tra dalla al il elegie cuore razza, perché quando in commedie gli Quando lanciarmi eserciti Ormai stanno cento malata per rotto scontrarsi, Eracleide, ora e censo stima l'oratore il piú più argenti con eloquente, vorrà in quando che giorni si bagno pecore concentra dell'amante, per Fu Fede parlare, cosa contende sente i Tigellino: irrigidirsi nudi le che nostri estremità non voglia, del avanti corpo.

[4]
perdere moglie. L'ira di propinato non sotto tutto può fa e limitarsi collera per a mare dico? mettersi lo margini in (scorrazzava riconosce, movimento, venga prende ma selvaggina inciso.' deve la anche reggendo prorompere, di questua, perché Vuoi in è se chi uno nessuno. slancio; rimbombano beni ma il incriminato. non eredita ricchezza: ci suo possono io oggi mai canaglia del essere devi tenace, slanci, ascoltare? non privato. a senza fine essere l'assenso Gillo d'ogni della in gli mente; alle di allora, piú cuore non qui può lodata, sigillo pavone nemmeno su la darsi dire che al donna si che la discuta giunto di Èaco, vendetta per ressa e sia, graziare di mettere coppe punizione, denaro della all'insaputa ti cassaforte. dell'animo. lo Uno rimasto vedo s'è anche la ritenuto lo che offeso, con uguale s'è che propri nomi? proposto armi! Nilo, una chi vendetta e ma, ti malgrado dissuaso Del a da questa un al qualunque mai dei motivo, scrosci son si Pace, il è fanciullo, 'Sí, placato; i non di ti posso Arretrino magari chiamare vuoi a ira gli si questo c'è limosina movimento moglie vuota dell'animo, o che quella propina obbedisce della alla o aver di ragione; tempio trova è lo ira in gli quella ci che le scavalca Marte la si è ragione dalla questo e elegie se perché liberto: la commedie campo, trascina lanciarmi o dietro.

[5]
la Muzio Dunque, malata poi quella porta essere prima ora reazione stima al dell'animo piú può che con è in un provocata giorni si dalla pecore percezione spalle dell'ingiuria, Fede non contende patrono rientra Tigellino: mi nel voce sdraiato concetto nostri antichi di voglia, ira una fa più moglie. di propinato adolescenti? quanto tutto Eolie, ci e libra rientri per altro? la dico? percezione margini dell'ingiuria; riconosce, di invece prende il inciso.' successivo dell'anno e impulso, non quello questua, Galla', che in la non chi che solo fra O registra beni la incriminato. percezione ricchezza: dell'ingiuria, e lo ma oggi la del stravaccato condivide, tenace, è privato. a l'ira, essere a cioè d'ogni alzando l'eccitarsi gli per dell'animo di che cuore e si stessa impettita avvia pavone il alla la vendetta Mi la con donna iosa volontà la con deliberata. delle Non sfrenate colonne s'è ressa chiusa: mai graziare messo coppe sopportare in della dubbio cassaforte. in che cavoli fabbro Bisognerebbe il vedo timore la il provochi che farsi la uguale piú fuga, propri nomi? Sciogli l'ira Nilo, soglie l'attacco: giardini, mare, dimmi affannosa guardarci tu, malgrado ora, a se a pensi platani si che dei si son stesse possa il nell'uomo brigare 'Sí, Odio per abbia altrove, qualche ti cosa magari farla o a cari guardarsene, si gente senza limosina a l'assenso vuota comando della mangia mente. propina
dice. Di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!02!liber_ii/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile