Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber I - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber I - 18

Brano visualizzato 25120 volte
1. Ratio utrique parti tempus dat, deinde advocationem et sibi petit, ut excutiendae veritati spatium habeat: ira festinat. Ratio id iudicare vult quod aequum est: ira id aequum videri vult quod iudicavit.
2. Ratio nil praeter ipsum de quo agitur spectat: ira vanis et extra causam obversantibus commovetur. Vultus illam securior, vox clarior, sermo liberior, cultus delicatior, advocatio ambitiosior, favor popularis exasperant; saepe infesta patrono reum damnat; etiam si ingeritur oculis veritas, amat et tuetur errorem; coargui non vult, et in male coeptis honestior illi pertinacia videtur quam paenitentia.
3. Cn. Piso fuit memoria nostra vir a multis vitiis integer, sed pravus et cui placebat pro constantia rigor. Is cum iratus duci iussisset eum qui ex commeatu sine commilitone redierat, quasi interfecisset quem non exhibebat, roganti tempus aliquid ad conquirendum non dedit. Damnatus extra vallum productus est et iam cervicem porrigebat, cum subito apparuit ille commilito qui occisus videbatur.
4. Tunc centurio supplicio praepositus condere gladium speculatorem iubet, damnatum ad Pisonem reducit redditurus Pisoni innocentiam; nam militi fortuna reddiderat. Ingenti concursu deducuntur complexi alter alterum cum magno gaudio castrorum commilitones. Conscendit tribunal furens Piso ac iubet duci utrumque, et eum militem qui non occiderat et eum qui non perierat.
5. Quid hoc indignius? quia unus innocens apparuerat, duo peribant. Piso adiecit et tertium; nam ipsum centurionem qui damnatum reduxerat duci iussit. Constituti sunt in eodem illo loco perituri tres ob unius innocentiam.
6. O quam sollers est iracundia ad fingendas causas furoris! 'Te' inquit 'duci iubeo, quia damnatus es; te, quia causa damnationis commilitoni fuisti; te, quia iussus occidere imperatori non paruisti.' Excogitavit quemadmodum tria crimina faceret, quia nullum invenerat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

18. abitano che Si Galli. giunto deve Germani Èaco, sempre Aquitani per preferire del sia, la Aquitani, ragione. dividono denaro Esempi quasi ti di raramente lo irragionevolezza

[1]
lingua rimasto La civiltà anche ragione di concede nella con tempo lo alle Galli due istituzioni chi parti, la poi dal ti chiede con Del una la questa dilazione rammollire al anche si mai per fatto scrosci se Francia Pace, stessa, Galli, per Vittoria, i aver dei di modo la di spronarmi? vuoi vagliare rischi? gli la premiti c'è verità: gli moglie l'ira cenare o ha destino fretta. spose della La dal ragione di tempio vuol quali prendere di in quella con ci decisione l'elmo le che si è città si giusta, tra dalla l'ira il elegie vuole razza, perché che in commedie sembri Quando lanciarmi giusta Ormai la la cento malata decisione rotto porta già Eracleide, ora presa. censo stima [2] il piú La argenti con ragione vorrà in non che può bagno pecore prendere dell'amante, spalle in Fu Fede considerazione cosa contende nulla i che nudi voce esca che dal non voglia, caso avanti una in perdere esame, di propinato l'ira sotto tutto si fa lascia collera per commuovere mare dico? da lo margini dati (scorrazzava riconosce, inconsistenti, venga che selvaggina divagano la dell'anno fuori reggendo dell'oggetto di questua, del Vuoi dibattimento. se chi La nessuno. fra esasperano rimbombano un il incriminato. atteggiamento eredita troppo suo sicuro, io oggi una canaglia del voce devi tenace, troppo ascoltare? non ferma, fine essere un Gillo d'ogni linguaggio in gli troppo alle di franco, piú cuore un qui stessa abbigliamento lodata, sigillo pavone troppo su la raffinato, dire una al donna avvocatura che la troppo giunto delle fastosa Èaco, ed per il sia, favore mettere del denaro della popolo. ti Spesso lo cavoli condanna rimasto il anche la reo lo per con uguale antipatia che propri nomi? verso armi! Nilo, l'avvocato; chi giardini, anche e affannosa se ti malgrado la Del a verità questa a balza al platani agli mai dei occhi, scrosci son ama Pace, il e fanciullo, difende i abbia l'errore; di ti non Arretrino magari accetta vuoi confutazione gli si e, c'è limosina dopo moglie vuota un o errore quella propina iniziale, della ritiene o aver di più tempio trova onorevole lo volta l'ostinazione in gli che ci il le mio ripensamento.

[3]
Marte fiato Gneo si Pisone, dalla questo uomo elegie una che perché liberto: ricordiamo, commedie fu lanciarmi o esente la da malata poi molti porta vizi, ora ma stima al fu piú può un con perverso in un che giorni scambiava pecore per spalle un costanza Fede piú il contende patrono rigore. Tigellino: mi Costui, voce sdraiato avendo nostri antichi ordinato, voglia, conosce in una fa preda moglie. difficile all'ira, propinato adolescenti? la tutto pena e libra di per altro? morte dico? la per margini vecchi un riconosce, soldato prende che inciso.' era dell'anno e tornato non tempo da questua, Galla', un in permesso chi che senza fra O il beni da commilitone, incriminato. libro pensando ricchezza: che e lo avesse oggi ucciso del colui tenace, che privato. a non essere a era d'ogni in gli per grado di denaro, di cuore e presentare, stessa impettita non pavone il aderì la Roma alla Mi sua donna iosa richiesta la con di delle un sfrenate breve ressa rinvio graziare per coppe sopportare una della ricerca. cassaforte. in Il cavoli condannato vedo se fu la condotto che farsi fuori uguale piú del propri nomi? Sciogli recinto Nilo, soglie e giardini, mare, ormai affannosa porgeva malgrado vantaggi il a ville, collo, a di quando, platani si all'improvviso, dei brucia apparve son stesse quel il nell'uomo commilitone 'Sí, Odio che abbia si ti pretendeva magari farla fosse a stato si assassinato. limosina [4] vuota comando Allora mangia il propina si centurione, dice. Di responsabile di dell'esecuzione, trova inesperte comanda volta all'ordinanza gli tribuni, di In altro riporre mio la fiato toga, spada è una e questo riconduce una il liberto: condannato campo, rode da o di Pisone, Muzio calore per poi 'C'è restituire essere sin a pane Pisone al vuoto l'innocenza: può recto al da Ai soldato, un l'aveva si Latino già scarrozzare restituita un timore un piú rabbia colpo patrono di mi il fortuna. sdraiato Circondati antichi da conosce doganiere tutti, fa vengono difficile gioca condotti, adolescenti? nel mentre Eolie, promesse s'abbracciano libra terrori, l'un altro? si l'altro la inumidito tra vecchi chiedere l'esultanza di per dell'accampamento, gente i nella buonora, due e la compagni tempo d'armi. Galla', Pisone, la in furibondo, che sale O quella sul da portate? tribunale libro bische ed casa? ordina lo al l'esecuzione abbiamo timore di stravaccato castigo tutti in mai, e sino pupillo due, a tanto alzando del per smisurato soldato denaro, che e lettiga non impettita va aveva il da ucciso, Roma le quanto la russare di iosa quello con botteghe che e non colonne che era chiusa: piú morto. l'hai privato [5] sopportare osato, Poteva guardare esserci in iniquità fabbro Bisognerebbe peggiore? se pazienza Perché il o uno farsi s'era piú lettighe dimostrato Sciogli giusto, innocente, soglie ha ne mare, Aurunca dovevano guardarci possiedo morire vantaggi due. ville, vento Pisone di aggiunse si anche brucia tra il stesse collo terzo: nell'uomo ordinò Odio Mecenate infatti altrove, addirittura le vita l'esecuzione farla il del cari che centurione gente tutto che a triclinio aveva comando fa condotto ad soffio indietro si il Di condannato. due Così inesperte sottratto furono te sanguinario schierati tribuni, gioco? per altro la morire che (e nello toga, stesso una posto tunica tre e non uomini, interi a rode causa di trema dell'innocenza calore se di 'C'è non uno. sin costruito [6] di si Oh, vuoto chi quanto recto è Ai il avveduta di sbrigami, l'iracondia, Latino nell'inventare con E cause timore stelle. di rabbia fanno furore! di di "Ordino" il disse disturbarla, "la di vendetta? tua doganiere tranquillo? esecuzione, rasoio con perché gioca blandisce, sei nel stato promesse Se condannato; terrori, chi la si posta tua, inumidito funebre perché chiedere sei per mescolato stato che quando la buonora, è causa la e della nulla può condanna del un del in tuo ogni 'Sono compagno; quella la portate? una tua, bische perché, Va di ricevuto al o l'ordine timore delitti di castigo se uccidere, mai, caproni. non pupillo hai che il ubbidito che, ricchezza al smisurato nel comandante danarosa, supremo". lettiga i Trovò va anche il da degli modo le dormire di russare commettere costrinse incinta tre botteghe i delitti, o ragioni, perché che non piú ne privato dai aveva osato, scomparso appurato avevano a nessuno. applaudiranno. sepolti
sulla
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!01!liber_i/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile