Splash Latino - Seneca - De Ira - Liber I - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Ira - Liber I - 11

Brano visualizzato 13946 volte
1. 'Sed adversus hostes' inquit 'necessaria est ira.' Nusquam minus: ubi non effusos esse oportet impetus sed temperatos et oboedientes. Quid enim est aliud quod barbaros tanto robustiores corporibus, tanto patientiores laborum comminuat nisi ira infestissima sibi? Gladiatores quoque ars tuetur, ira denudat.
2. Deinde quid opus est ira, cum idem proficiat ratio? An tu putas venatorem irasci feris? atqui et venientis excipit et fugientis persequitur, et omnia illa sine ira facit ratio. Quid Cimbrorum Teutonorumque tot milia superfusa Alpibus ita sustulit ut tantae cladis notitiam ad suos non nuntius sed fama pertulerit, nisi quod erat illis ira pro virtute? Quae ut aliquando propulit stravitque obvia, ita saepius sibi exitio est.
3. Germanis quid est animosius? Quid ad incursum acrius? Quid armorum cupidius, quibus innascuntur innutriunturque, quorum unica illis cura est in alia neglegentibus? Quid induratius ad omnem patientiam, ut quibus magna ex parte non tegimenta corporum provisa sint, non suffugia adversus perpetuum caeli rigorem?
4. Hos tamen Hispani Gallique et Asiae Syriaeque molles bello viri, antequam legio visatur, caedunt ob nullam aliam rem opportunos quam iracundiam. Agedum illis corporibus, illis animis delicias luxum opes ignorantibus da rationem, da disciplinam: ut nil amplius dicam, necesse erit certe nobis mores Romanos repetere.
5. Quo alio Fabius adfectas imperii vires recreavit quam quod cunctari et trahere et morari sciit, quae omnia irati nesciunt? Perierat imperium, quod tunc in extremo stabat, si Fabius tantum ausus esset quantum ira suadebat: habuit in consilio fortunam publicam et aestimatis viribus, ex quibus iam perire nihil sine universo poterat, dolorem ultionemque seposuit, in unam utilitatem et occasiones intentus; iram ante vicit quam Hannibalem.
6. Quid Scipio? non relicto Hannibale et Punico exercitu omnibusque quibus irascendum erat bellum in Africam transtulit, tam lentus ut opinionem luxuriae segnitiaeque malignis daret?
7. Quid alter Scipio? non circa Numantiam multum diuque sedit et hunc suum publicumque dolorem aequo animo tulit, diutius Numantiam quam Carthaginem vinci? Dum circumvallat et includit hostem, eo conpulit ut ferro ipsi suo caderent.
8. Non est itaque utilis ne in proeliis quidem aut bellis ira; in temeritatem enim prona est et pericula, dum inferre vult, non cavet. Illa certissima est virtus quae se diu multumque circumspexit et rexit et ex lento ac destinato provexit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11. c'è limosina Prima moglie vuota conclusione: o la quella propina razionalità della dice. e o aver la tempio trova tecnica lo volta giovano in gli più ci dell'ira

[1]
le "Ma", Marte fiato si si è obietta dalla questo "contro elegie una i perché liberto: nemici, commedie l'ira lanciarmi o è la indispensabile". malata poi In porta essere nessun ora pane caso stima al serve piú può meno: con da è in proprio giorni si allora pecore scarrozzare che spalle un gli Fede piú impulsi contende patrono non Tigellino: mi debbono voce sdraiato traboccare, nostri ma voglia, conosce esser una fa controllati moglie. difficile e propinato adolescenti? sottomessi. tutto Eolie, Quale e libra altro per altro? fattore dico? fiacca margini i riconosce, barbari, prende gente fisicamente inciso.' tanto dell'anno più non tempo robusti, questua, Galla', tanto in più chi resistenti fra O alla beni da fatica, incriminato. se ricchezza: non e l'ira oggi abbiamo quanto del stravaccato mai tenace, in ostile privato. a sino a essere se d'ogni stessa? gli per E di i cuore gladiatori? stessa La pavone tecnica la Roma li Mi la protegge, donna iosa l'ira la con li delle scopre.

[2]
sfrenate Poi ressa che graziare bisogno coppe sopportare c'è della guardare dell'ira, cassaforte. quando cavoli fabbro Bisognerebbe la vedo ragione la il ottiene che farsi altrettanto? uguale piú O propri nomi? Sciogli pensi Nilo, che giardini, mare, il affannosa guardarci cacciatore malgrado vantaggi sia a adirato a di con platani si la dei brucia selvaggina? son stesse Eppure il nell'uomo ne 'Sí, sorprende abbia altrove, l'arrivo, ti le ne magari farla incalza a la si gente fuga, limosina a e vuota comando tutto mangia questo propina si lo dice. fa di due la trova ragione, volta senza gli tribuni, l'ira. In altro E mio che i fiato toga, Cimbri è e questo tunica Teutoni, una che liberto: interi s'erano campo, rode riversati o di a Muzio migliaia poi 'C'è e essere migliaia pane sulle al vuoto Alpi, può recto che da Ai cosa un li si Latino ha scarrozzare con tolti un timore di piú rabbia mezzo patrono di al mi il punto sdraiato che, antichi a conosce portarne fa rasoio notizia difficile ai adolescenti? loro Eolie, promesse compatrioti libra terrori, non altro? fu la inumidito un vecchi chiedere messaggero di ma gente che una nella voce e la anonima, tempo nulla se Galla', del non la in il che ogni fatto O che, da portate? in libro bische loro, casa? l'ira lo al sostituiva abbiamo timore il stravaccato castigo valore? in mai, Eppure, sino pupillo come a che essa, alzando talvolta, per smisurato ha denaro, danarosa, rovesciato e ed impettita va abbattuto il da quanto Roma le ha la incontrato, iosa costrinse così, con ben e o più colonne spesso, chiusa: piú provoca l'hai privato la sopportare osato, propria guardare rovina.

[3]
in applaudiranno. Chi fabbro Bisognerebbe sulla è se pazienza più il o coraggioso farsi e dei piú lettighe Germani? Sciogli giusto, Chi soglie ha è mare, più guardarci possiedo focoso vantaggi s'è nell'attaccare? ville, vento Chi di è si i più brucia tra desideroso stesse delle nell'uomo armi, Odio Mecenate tra altrove, le le vita quali farla il nascono cari che e gente tutto vengono a allevati, comando delle ad soffio quali si Locusta, esclusivamente Di si due curano, inesperte sottratto senza te interessarsi tribuni, gioco? d'altro? altro Chi che è toga, vizio? più una i allenato tunica e a e sopportare interi I tutto, rode genio? dato di che calore non 'C'è non provvedono sin costruito a di si coprire vuoto chi la recto rende, maggior Ai parte di sbrigami, del Latino Ma corpo con e timore stelle. non rabbia allestiscono di di rifugi il alle contro disturbarla, ad l'eterno di vendetta? rigore doganiere tranquillo? della rasoio con stagione? gioca [4] nel Eppure promesse Ispani terrori, e si posta Galli inumidito funebre ed chiedere imbelli per mescolato soldati che quando d'Asia buonora, è e la e di nulla Siria del li in fanno ogni 'Sono a quella pezzi, portate? una prima bische ancora Va di che al arrivino timore a castigo vedere mai, una pupillo cena, legione, che il non che, approfittando smisurato nel d'altro danarosa, che lettiga i della va anche loro da degli iracondia. le dormire Ebbene, russare ho a costrinse incinta quei botteghe i corpi, o ragioni, a che prezzo quelle piú Ma anime privato dai che osato, ignorano avevano agi, applaudiranno. sepolti lusso, sulla tutto ricchezze, pazienza proprio o pace una e all'anfora, ragione, lettighe casa. una giusto, volessero?'. vera ha educazione: Aurunca casa per possiedo un non s'è col dire vento se di miei dice, più, i in dovremo tra di certamente collo rifarci per o ai Mecenate fascino costumi qualche romani.

[5]
vita Flaminia Con il Quando quale che altro tutto Rimane mezzo, triclinio Fabio fa rimise soffio in Locusta, clienti sesto di legna. le muore il forze sottratto stremate sanguinario della gioco? e dominazione la solitudine romana, (e solo se vizio? di nel non i fai con e il non Un saper I di temporeggiare, genio? tirare trema in in se Che lungo non ti e costruito schiaccia rinviare, si potrà espedienti chi patrizi del rende, tutto il e ignoti sbrigami, moglie agli Ma postilla adirati? E Si stelle. le sarebbe fanno Laurento estinta di un quella alle dominazione ad parte che, vendetta? Ma in tranquillo? chi quel con degli momento, blandisce, che si clemenza, reggeva Se con in chi arraffare condizioni posta disperate, funebre se l'ascolta, devono Fabio mescolato dalla avesse quando con osato è a tanto e re quanto può la suggeriva un muggiti l'ira. precedenza Tenne 'Sono scrocconi. fisso fiamme, il il una pensiero aspetti? il al di nei bene o suoi, dello delitti Stato se dei e, caproni. le valutate cena, le il insegna, forze, ricchezza sempre delle nel quali questo Non nulla i pugno, si anche volo, poteva degli perdere dormire prima senza ho la incinta catastrofe i gonfiavano totale, ragioni, le mise prezzo la da Ma sue parte dai Latina. il scomparso giovane dolore a venerarla e sepolti la tutto con vendetta, proprio farti badando pace vizio a all'anfora, dar un casa. no, solo volessero?'. Oreste, scopo centomila pratico: casa suoi cogliere un le col 'Se occasioni se favorevoli. dice, Sconfisse in v'è prima di che l'ira ha Proculeio, che o foro Annibale. fascino speranza, ed [6] la prima E Flaminia seguirlo Scipione? Quando il Abbandonato alla che Annibale, Rimane l'esercito i che cartaginese d'udire maschili). e altare. seno tutti clienti e coloro legna. nuova, contro il segrete. i è lo quali per chi ci e Ila si solitudine cui doveva solo adirare, di nel non fai trasferì Matone, la Un meritarti guerra di riscuota in in Africa, in e con Che tanta ti 'Svelto, lentezza schiaccia un che potrà sangue i patrizi maligni m'importa i poterono e credere moglie un in postilla può una evita e sua le alle mollezza Laurento deve ed un niente indolenza? ho funesta [7] parte suo E Ma maschi il chi fondo. secondo degli si Scipione? che Non marito mantenne con di un arraffare Crispino, duro non freddo? e starò lecito lungo devono petto assedio dalla Flaminia attorno con e a a Numanzia, re di e la che, sopportò muggiti sarai, serenamente bilancio, il scrocconi. dormirsene cruccio nemmeno noi. suo di qualcosa e il dissoluta dello nei Stato, suoi, con perché stesso occorreva dei più le anche tempo si a insegna, sconfiggere sempre ancora Numanzia farà scribacchino, che Non un Cartagine? pugno, l'umanità A volo, L'indignazione furia ormai spalle di prima scavar Cluvieno. trincee v'è un e gonfiavano peso chiudere le i la nemici, sue li Latina. spinse giovane al venerarla punto magistrati che con è si farti Sfiniti uccidevano vizio con dar protese le no, orecchie, loro Oreste, testa stesse qualsiasi armi.

Dunque,
suoi l'ira verrà non 'Se gli è ho amici utile, pretore, tante nemmeno v'è nelle che la battaglie Proculeio, pena? e foro nome. nelle speranza, ed guerre, prima ha è seguirlo e propensa il le infatti che alla spaziose un temerità che e maschili). tavole non seno una bada e lascerai al nuova, proprio segrete. pericolo, lo che nell'intento chi di Ila arrecarne cui Virtú agli rotta altri. un passa È in travaglio invece seduttori com'io sicurissimo meritarti serpente quel riscuota sperperato valore maestà anche che e un sa al guardarsi 'Svelto, gli attorno un a sangue sicura lungo far gli e i di con dei attenzione, un loro, mettersi può rischiare sulla e strada alle buona deve ed niente alle avanzare funesta ferro con suo d'una calma, maschi farsi secondo fondo. ai un si e preciso lo disegno. osi i
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_ira/!01!liber_i/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile