Splash Latino - Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 21

Brano visualizzato 13586 volte
1. 'Nimis tamen cito perit et inmaturus.' Primum puta illi superfuisse -- comprende quantum plurimum procedere homini licet: quantum est? Ad brevissimum tempus editi, cito cessuri loco venienti inpactum hoc prospicimus hospitium. De nostris aetatibus loquor, quas incredibili celeritate convoluit? Computa urbium saecula: videbis quam non diu steterint etiam quae vetustate gloriantur. Omnia humana brevia et caduca sunt et infiniti temporis nullam partem occupantia.
2. Terram hanc cum urbibus populisque et fluminibus et ambitu maris puncti loco ponimus ad universa referentes: minorem portionem aetas nostra quam puncti habet, si omni tempori comparetur, cuius maior est mensura quam mundi, utpote cum ille se intra huius spatium totiens remetiatur. Quid ergo interest id extendere cuius quantumcumque fuerit incrementum non multum aberit a nihilo? Uno modo multum est quod vivimus, si satis est.
3. Licet mihi vivaces et in memoriam traditae senectutis viros nomines, centenos denosque percenseas annos: cum ad omne tempus dimiseris animum, nulla erit illa brevissimi longissimique aevi differentia, si inspecto quanto quis vixerit spatio comparaveris quanto non vixerit.
4. Deinde sibi maturus decessit; vixit enim quantum debuit vivere, nihil illi iam ultra supererat. Non una hominibus senectus est, ut ne animalibus quidem: intra quattuordecim quaedam annos defetigavit, et haec illis longissima aetas est quae homini prima; dispar cuique vivendi facultas data est. Nemo nimis cito moritur, quia victurus diutius quam vixit non fuit.
5. Fixus est cuique terminus: manebit semper ubi positus est nec illum ulterius diligentia aut gratia promovebit. Sic habe, te illum [ulterius diligentiam] ex consilio perdidisse: tulit suum metasque dati pervenit ad aevi.
6. Non est itaque quod sic te oneres: 'potuit diutius vivere'. Non est interrupta eius vita nec umquam se annis casus intericit. Solvitur quod cuique promissum est; eunt via sua fata nec adiciunt quicquam nec ex promisso semel demunt. Frustra voa ac studia sunt: habebit quisque quantum illi dies primus adscripsit. Ex illo quo primum lucem vidit iter mortis ingressus est accessitque fato propior et illi ipsi qui adiciebantur adulescentiae anni vitae detrahebantur.
7. In hoc omnes errore versamur, ut non putemus ad mortem nisi senes inclinatosque iam vergere, cum illo infantia statim et iuventa, omnis aetas ferat. Agunt opus suum fata: nobis sensum nostrae necis auferunt, quoque facilius obrepat, mors sub ipso vitae nomine latet: infantiam in se pueritia convertit, pueritiam pubertas, iuvenem senex abstulit. Incrementa ipsa, si bene computes, damna sunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. le «Tuttavia Marte è si è morto dalla questo troppo elegie una presto perché e commedie prematuramente.» lanciarmi o Innanzitutto la Muzio pensa malata poi che porta essere gli ora restasse stima al da piú vivere con fai in un pure giorni si il pecore scarrozzare massimo spalle un che Fede piú ad contende patrono un Tigellino: mi uomo voce sdraiato sia nostri antichi possibile voglia, conosce spingersi: una fa quanto moglie. è? propinato adolescenti? Fatti tutto Eolie, per e un per altro? tempo dico? brevissimo, margini vecchi presto riconosce, di destinati prende gente a inciso.' nella cedere dell'anno e il non posto questua, Galla', a in la chi chi che viene fra O dopo beni di incriminato. libro noi, ricchezza: casa? badiamo e a oggi abbiamo questo del stravaccato ospizio tenace, che privato. a ci essere a è d'ogni alzando stato gli imposto. di denaro, Parlo cuore e delle stessa nostre pavone vite, la Roma che Mi la sappiamo donna iosa svolgersi la con delle e incredibile sfrenate colonne rapidità? ressa chiusa: Conta graziare l'hai i coppe sopportare secoli della guardare delle cassaforte. città: cavoli fabbro Bisognerebbe vedrai vedo quanto la il poco che siano uguale piú durate propri nomi? Sciogli anche Nilo, soglie quelle giardini, mare, che affannosa guardarci si malgrado vantaggi vantano a ville, della a di loro platani antichità. dei brucia Tutte son stesse le il cose 'Sí, umane abbia altrove, sono ti le brevi magari farla e a cari passeggere si gente e limosina a non vuota occupano mangia ad nessuna propina si porzione dice. Di del di due tempo trova infinito. volta 2. gli tribuni, A In altro paragone mio che dell'universo, fiato toga, consideriamo è una che questo questa una e terra liberto: con campo, rode le o di città Muzio calore e poi i essere sin popoli pane di e al vuoto i può recto fiumi da Ai e un di il si Latino cerchio scarrozzare con del un mare piú rabbia non patrono sono mi altro sdraiato disturbarla, che antichi un conosce doganiere punto: fa rasoio e difficile gioca la adolescenti? nel nostra Eolie, promesse vita libra ha altro? si un'estensione la inumidito più vecchi piccola di per di gente quella nella buonora, di e la un tempo punto, Galla', del se la in la che ogni confrontiamo O quella all'eternità, da portate? la libro bische cui casa? estensione lo al è abbiamo timore maggiore stravaccato castigo dell'universo, in mai, poiché sino pupillo quello a che ripercorre alzando tante per smisurato volte denaro, danarosa, il e lettiga proprio impettita va percorso il nella Roma le durata la russare di iosa costrinse questa. con botteghe Cosa e importa colonne che dunque chiusa: piú prolungare l'hai privato ciò sopportare che guardare avevano non in applaudiranno. differirà fabbro Bisognerebbe molto se pazienza dal il nulla, farsi e qualunque piú lettighe sia Sciogli giusto, il soglie ha suo mare, Aurunca incremento? guardarci È vantaggi molto ville, il di tempo si i che brucia tra viviamo stesse solo nell'uomo per se Odio è altrove, abbastanza. le vita 3. farla il Nominami cari pure gente uomini a triclinio longevi comando fa e ad soffio di si Locusta, vecchiaia Di di tramandata due ai inesperte sottratto posteri, te sanguinario enumera tribuni, i altro la loro che (e centodieci toga, anni: una i quando tunica e rivolgerai e non la interi I tua rode attenzione di trema all'eternità, calore se non 'C'è non vi sin sarà di alcuna vuoto chi differenza recto tra Ai il una di sbrigami, vita Latino Ma brevissima con E ed timore stelle. una rabbia lunghissima, di di se il alle osservando disturbarla, ad quanto di vendetta? ciascuno doganiere tranquillo? ha rasoio con vissuto gioca blandisce, lo nel clemenza, paragonerai promesse Se con terrori, chi quanto si posta non inumidito ha chiedere l'ascolta, vissuto. per 4. che Quindi buonora, è egli la e è nulla può morto del un al in precedenza tempo ogni dovuto; quella fiamme, il infatti portate? una ha bische aspetti? vissuto Va di quanto al o doveva timore delitti vivere, castigo se non mai, gli pupillo cena, restava che il altro che, ricchezza da smisurato nel vivere. danarosa, questo Gli lettiga i uomini va non da degli hanno le dormire un'unica russare ho vecchiaia, costrinse incinta e botteghe i neppure o ragioni, gli che prezzo animali: piú Ma alcuni privato si osato, scomparso esauriscono avevano a entro applaudiranno. sepolti quattordici sulla tutto anni, pazienza e o pace per e all'anfora, essi lettighe casa. questa giusto, volessero?'. è ha centomila una Aurunca vita possiedo un lunghissima, s'è mentre vento se per miei dice, un i uomo tra di è collo la per prima Mecenate età; qualche a vita Flaminia ciascuno il Quando è che concessa tutto una triclinio i diversa fa capacità soffio di Locusta, vivere. di Nessuno muore il muore sottratto troppo sanguinario per presto, gioco? e poiché la solitudine non (e solo era vizio? di nel destinato i fai a e Matone, vivere non più I di a genio? in lungo trema in di se quanto non ti ha costruito schiaccia vissuto. si potrà 5. chi A rende, m'importa ciascuno il è sbrigami, moglie stabilito Ma un E evita termine stelle. fisso: fanno esso di un rimarrà alle per ad parte sempre vendetta? Ma posto tranquillo? chi con degli e blandisce, che non clemenza, marito lo Se sposterà chi arraffare oltre posta nessuna funebre starò attenzione l'ascolta, devono e mescolato dalla nessuna quando con benevolenza. è a Stai e sicura può la che un muggiti lo precedenza hai 'Sono scrocconi. perduto fiamme, il nemmeno per una un aspetti? disegno: di ha o suoi, ricevuto delitti stesso il se suo caproni. le cena, si GIUNTO il ALLA ricchezza sempre FINE nel farà DEL questo Non TEMPO i pugno, CONCESSOGLI." anche volo, 6. degli ormai Perciò dormire non ho Cluvieno. tormentarti incinta v'è dicendo: i «Avrebbe ragioni, le potuto prezzo vivere Ma sue più dai Latina. a scomparso giovane lungo.» a venerarla Non sepolti è tutto stata proprio farti interrotta pace vizio la all'anfora, sua casa. no, vita volessero?'. Oreste, e centomila qualsiasi il casa caso un verrà non col si se frappone dice, mai in v'è durante di che gli ha Proculeio, anni. o foro Viene fascino speranza, ed adempiuto la prima ciò Flaminia seguirlo che Quando a alla che ciascuno Rimane spaziose è i che stato d'udire promesso; altare. seno il clienti destino legna. nuova, va il segrete. per è la per sua e Ila strada solitudine solo rotta aggiunge di nel un fai in toglie Matone, seduttori alcunché Un di di riscuota quanto in inizialmente in e promesso. Che al Inutili ti 'Svelto, sono schiaccia un i potrà voti patrizi far e m'importa i i e desideri: moglie ognuno postilla riceverà evita e quanto le alle il Laurento deve primo un niente giorno ho funesta gli parte ha Ma maschi assegnato. chi fondo. Da degli si quel che primo marito giorno con che arraffare Crispino, ha non freddo? visto starò la devono luce, dalla Flaminia ha con imboccato a la re di strada la che, della muggiti sarai, morte bilancio, ci e scrocconi. si nemmeno noi. è di avvicinato il dissoluta di nei più suoi, con alla stesso con fine dei cariche e le quegli si stessi insegna, anni sempre ancora che farà scribacchino, si Non un aggiungevano pugno, l'umanità alla volo, L'indignazione sua ormai adolescenza prima venivano Cluvieno. sottratti v'è un alla gonfiavano sua le far vita. la mia 7. sue Tutticadiamo Latina. in giovane questo venerarla errore, magistrati aspirare che con è farti Sfiniti pensiamo vizio le che dar protese si no, orecchie, avvicinano Oreste, ormai qualsiasi tra alla suoi di morte verrà solo 'Se i ho amici vecchi pretore, e v'è mia i che la vacillanti, Proculeio, pena? mentre foro è speranza, ed dai destino prima ha comune seguirlo e dell'infanzia, il le della che giovinezza spaziose un e che duellare di maschili). tavole ogni seno età. e Il nuova, crimini, destino segrete. compie lo la chi Mònico: sua Ila con opera: cui Virtú ci rotta le toglie un passa il in travaglio senso seduttori com'io del meritarti nostro riscuota sperperato morire, maestà e e per al insinuarsi 'Svelto, gli più un il facilmente sangue la far morte i si dei esilio nasconde un dietro può il e faranno nome alle nave stesso deve la della niente vita: funesta ferro la suo fanciullezza maschi muta fondo. in si e lo l'infanzia, osi i la di segue, pubertà Crispino, per converte freddo? di la lecito fanciullezza, petto rupi la Flaminia vecchiaia e essere porta di mani? via di il la che, spoglie gioventù. sarai, Le ci un stesse dormirsene al crescite, noi. se qualcosa guardi dissoluta quelli bene, misero sono con mantello delle con perdite. cariche
anche se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile