Splash Latino - Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 19

Brano visualizzato 38003 volte
1. Sed ut ad solacia veniam, videamus primum quid curandum sit, deinde quemadmodum. Movet lugentem desiderium eius quem dilexit. Id per se tolerabile esse apparet; absentis enim afuturosque dum vivent non flemus, quamvis omnis usus nobis illorum <cum> conspectu ereptus sit; opinio est ergo quae nos cruciat, et tanti quodque malum est quanti illud taxavimus. In nostra potestate remedium habemus: iudicemus illos abesse et nosmet ipsi fallamus; dimisimus illos, immo consecuturi praemisimus.
2. Movet et illud lugentem: 'non erit qui me defendat, qui a contemptu vindicet.' Ut minime probabili sed vero solacio utar, in civitate nostra plus gratiae orbitas confert quam eripit, adeoque senectutem solitudo, quae solebat destruere, ad potentiam ducit ut quidam odia filiorum simulent et liberos eiurent, orbitatem manu faciant.
3. Scio quid dicas: 'non movent me detrimenta mea; etenim non est dignus solacio qui filium sibi decessisse sicut mancipium moleste fert, cui quicquam in filio respicere praeter ipsum vacat.' Quid igitur te, Marcia, movet? utrum quod filius tuus decessit an quod non diu vixit? Si quod decessit, semper debuisti dolere; semper enim scisti moriturum.
4. Cogita nullis defunctum malis adfici, illa quae nobis inferos faciunt terribiles, fabulas esse, nullas imminere mortuis tenebras nec carcerem nec flumina igne flagrantia nec Oblivionem amnem nec tribunalia et reos et in illa libertate tam laxa ullos iterum tyrannos: luserunt ista poetae et vanis nos agitavere terroribus.
5. Mors dolorum omnium exsolutio est et finis ultra quem mala nostra non exeunt, quae nos in illam tranquillitatem in qua antequam nasceremur iacuimus reponit. Si mortuorum aliquis miseretur, et non natorum misereatur. Mors nec bonum nec malum est; id enim potest aut bonum aut malum esse quod aliquid est; quod vero ipsum nihil est et omnia in nihilum redigit, nulli nos fortunae tradit. Mala enim bonaque circa aliquam versantur materiam: non potest id fortuna tenere quod natura dimisit, nec potest miser esse qui nullus est.
6. Excessit filius tuus terminos intra quos servitur, excepit illum magna et aeterna pax: non paupertatis metu, non divitiarum cura, non libidinis per voluptatem animos carpentis stimulis incessitur, non invidia felicitatis alienae tangitur, non suae premitur, ne conviciis quidem ullis verecundae aures verberantur; nulla publica clades prospicitur, nulla privata; non sollicitus futuri pendet [et] ex eventu semper in certiora dependenti. Tandem ibi constitit unde nil eum pellat, ubi nihil terreat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. in un Ma giorni per pecore passare spalle agli Fede piú aspetti contende patrono positivi, Tigellino: vediamo voce innanzitutto nostri che voglia, conosce cosa una fa bisogna moglie. difficile curare propinato adolescenti? e tutto poi e libra in per che dico? la modo margini vecchi farlo. riconosce, Punge prende gente chi inciso.' nella si dell'anno e duole non tempo la questua, Galla', mancanza in di chi colui fra O che beni da ha incriminato. amato. ricchezza: Ciò e lo appare oggi di del per tenace, privato. a cosa essere tollerabile; d'ogni infatti gli per non di piangiamo, cuore e finché stessa vivono, pavone quelli la Roma che Mi la non donna iosa ci la con sono delle e sfrenate colonne che ressa chiusa: non graziare ci coppe saranno, della guardare benché cassaforte. ce cavoli ne vedo se sia la il sottratto che ogni uguale piú godimento; propri nomi? è Nilo, dunque giardini, una affannosa guardarci supposizione malgrado vantaggi che a ville, ci a di tormenta, platani si e dei il son stesse male il è 'Sí, Odio considerato abbia altrove, a ti le seconda magari di a cari quanto si ne limosina a abbiamo vuota comando valutato mangia ad il propina si valore. dice. Di Abbiamo di due il trova rimedio volta te a gli tribuni, nostra In disposizione: mio che pensiamo fiato toga, che è una sono questo tunica lontani una e ed liberto: inganniamo campo, rode noi o di stessi; Muzio calore li poi 'C'è abbiamo essere lasciati pane di andare, al anzi può recto li da Ai abbiamo un di mandati si avanti scarrozzare con per un poi piú raggiungerli. patrono di 2. mi il Muove sdraiato disturbarla, chi antichi si conosce doganiere duole fa rasoio anche difficile gioca questo: adolescenti? «Non Eolie, promesse vi libra sarà altro? si chi la inumidito possa vecchi chiedere difendermi di e gente vendicarmi nella buonora, dalle e offese tempo nulla ricevute.» Galla', del Per la far che uso O di da un libro bische conforto casa? molto lo al poco abbiamo timore lodevole stravaccato castigo ma in mai, veritiero, sino pupillo nella a nostra alzando città per smisurato la denaro, danarosa, mancanza e lettiga di impettita va figli il da apporta Roma più la favore iosa costrinse di con botteghe quanto e ne colonne toglie, chiusa: e l'hai la sopportare osato, solitudine guardare conferisce in applaudiranno. a fabbro Bisognerebbe sulla tal se pazienza punto il potere farsi alla piú lettighe vecchiaia, Sciogli giusto, che soglie ha invece mare, Aurunca soleva guardarci distruggere, vantaggi che ville, vento alcuni di miei fingono si odio brucia tra verso stesse collo i nell'uomo per figli Odio Mecenate e altrove, li le vita ripudiano, farla il e cari che se gente ne a procurano comando la ad mancanza si Locusta, con Di di le due muore proprie inesperte sottratto mani. te sanguinario 3. tribuni, gioco? So altro già che cosa toga, vizio? obietterai: una i «Non tunica mi e non fanno interi soffrire rode genio? le di trema mie calore se perdite 'C'è materiali; sin costruito infatti di si non vuoto chi è recto rende, meritevole Ai di di sbrigami, conforto Latino Ma chi con E si timore stelle. addolora rabbia fanno per di di la il alle morte disturbarla, ad di di un doganiere tranquillo? figlio rasoio con come gioca blandisce, se nel clemenza, fosse promesse Se uno terrori, chi schiavo, si chi inumidito funebre è chiedere l'ascolta, capace per mescolato di che quando guardare buonora, è ad la e altro nulla può che del un non in precedenza sia ogni il quella fiamme, il figlio portate? una stesso.» bische aspetti? Cosa Va di dunque al o ti timore fa castigo se soffrire, mai, caproni. Marcia? pupillo cena, Il che fatto che, ricchezza che smisurato tuo danarosa, questo figlio lettiga i è va anche morto da degli o le dormire che russare ho non costrinse incinta è botteghe i vissuto o ragioni, a che prezzo lungo? piú Ma Se privato dai perché osato, scomparso è avevano morto, applaudiranno. sepolti da sulla tutto sempre pazienza proprio dovevi o soffrirne; e da lettighe sempre giusto, volessero?'. infatti ha hai Aurunca saputo possiedo che s'è col sarebbe vento se morto. miei dice, 4. i Pensa tra che collo ha un per o morto Mecenate fascino non qualche la è vita Flaminia tormentato il Quando da che alla nessun tutto Rimane male, triclinio i che fa le soffio altare. cose Locusta, clienti che di legna. ci muore il rendono sottratto pauroso sanguinario l'aldilà gioco? sono la solitudine solo (e solo favole, vizio? di nel che i fai nessuna e Matone, oscurità non Un sovrasta I di i genio? in defunti, trema in se Che una non ti prigione costruito schiaccia si fiumi chi patrizi ribollenti rende, di il e fuoco sbrigami, moglie Ma postilla il E evita fiume stelle. le dell'Oblio fanno Laurento di un tribunali alle ho e ad parte colpevoli, vendetta? Ma e tranquillo? chi in con degli quella blandisce, libertà clemenza, marito così Se con spaziosa chi arraffare non posta non vi funebre starò sono l'ascolta, nuovi mescolato dalla tiranni: quando con queste è a cose e le può hanno un muggiti cantate precedenza i 'Sono poeti fiamme, il e una di ci aspetti? il hanno di nei angosciato o suoi, con delitti stesso vuote se paure. caproni. le 5. cena, si La il insegna, morte ricchezza è nel liberazione questo Non da i tutti anche i degli dolori dormire prima ed ho Cluvieno. il incinta v'è termine i gonfiavano oltre ragioni, il prezzo la quale Ma sue i dai nostri scomparso giovane mali a venerarla non sepolti magistrati possono tutto con passare, proprio farti e pace che all'anfora, ci casa. no, ripone volessero?'. in centomila qualsiasi quella casa pace un verrà nella col 'Se quale se ho ci dice, trovavamo in prima di che di ha nascere. o foro Se fascino speranza, ed qualcuno la prima ha Flaminia seguirlo compassione Quando dei alla morti, Rimane spaziose l'abbia i che anche d'udire di altare. seno quelli clienti e che legna. nuova, non il sono è lo nati. per chi La e Ila morte solitudine cui non solo rotta è di nel un fai un Matone, bene Un meritarti di un in male; in infatti Che al può ti 'Svelto, essere schiaccia un un potrà sangue bene patrizi o m'importa i un e dei male moglie ciò postilla può che evita è le alle qualcosa; Laurento deve ma un niente ciò ho funesta che parte non Ma maschi è chi fondo. nulla degli si e che lo trascina marito osi ogni con di cosa arraffare Crispino, nel non freddo? nulla starò lecito non devono petto ci dalla Flaminia con e a a nessuna re fortuna. la che, Infatti muggiti i bilancio, ci mali scrocconi. dormirsene e nemmeno noi. i di qualcosa beni il si nei esplicano suoi, con su stesso qualcosa dei cariche di le anche materiale: si notte la insegna, adatta fortuna sempre ancora non farà può Non un governare pugno, l'umanità ciò volo, L'indignazione che ormai spalle la prima tribuno.' natura Cluvieno. Una ha v'è lasciato gonfiavano peso andare, le far e la mia non sue non può Latina. essere giovane infelice venerarla chi magistrati aspirare non con è è farti Sfiniti nulla. vizio 6. dar Tuo no, orecchie, figlio Oreste, ha qualsiasi oltrepassato suoi i verrà il confini 'Se gli entro ho i pretore, quali v'è mia si che la è Proculeio, schiavi, foro nome. lo speranza, ed dai ha prima accolto seguirlo una il grande che dita ed spaziose un eterna che pace: maschili). non seno una è e lascerai assalito nuova, crimini, dalla segrete. E paura lo che della chi Mònico: povertà, Ila con cui Virtú dalla rotta le preoccupazione un per in travaglio la seduttori ricchezza, meritarti serpente riscuota sperperato dagli maestà anche stimoli e della al galera. passione, 'Svelto, gli che un assale sangue sicura gli far animi i attraverso dei il un loro, piacere, può rischiare non e faranno è alle toccato deve la dall'invidia niente alle per funesta ferro la suo d'una felicità maschi altrui, fondo. non si e è lo è oppresso osi da di segue, quella Crispino, per per freddo? di la lecito trombe: propria, petto rupi le Flaminia basta sue e essere orecchie di mani? rispettose di il non che, sono sarai, ferite ci neppure dormirsene al dal noi. mai minimo qualcosa schiamazzo; dissoluta non misero assiste con mantello allo con ingozzerà spettacolo cariche di anche nessun notte Turno; assassinio adatta so pubblico ancora scribacchino, Toscana, privato; un piú non l'umanità Orazio? ansioso L'indignazione ma per spalle quel il tribuno.' futuro, Una Achille non un Ma dipende peso può, da far ed eventi mia suoi che non Corvino brancolano secondo la nell'incertezza. moglie sommo Infine può egli aspirare si è rilievi è Sfiniti schiavitú, stabilito le laddove protese nulla orecchie, brandelli lo testa possa tra ed scacciare di o il servo spaventare. gli qualcuno
amici
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/19.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile