Splash Latino - Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 12

Brano visualizzato 11444 volte
1. Dolor tuus, si modo ulla illi ratio est, utrum sua spectat incommoda an eius qui decessit? Utrum te in amisso filio movet quod nullas ex illo voluptates cepisti, an quod maiores, si diutius vixisset, percipere potuisti?
2. Si nullas percepisse te dixeris, tolerabilius efficies detrimentum tuum; minus enim homines desiderant ea ex quibus nihil gaudi laetitiaeque perceperant. Si confessa fueris percepisse magnas voluptates, oportet te non de eo quod detractum est queri, sed de eo gratias agere quod contigit; provenerunt enim satis magni fructus laborum tuorum ex ipsa educatione, nisi forte ii qui catulos avesque et frivola animorum oblectamenta summa diligentia nutriunt fruuntur aliqua voluptate ex visu tactuque et blanda adulatione mutorum, liberos nutrientibus non fructus educationis ipsa educatio est. Licet itaque nil tibi industria eius contulerit, nihil diligentia custodierit, nihil prudentia suaserit, ipsum quod habuisti, quod amasti, fructus est.
3. 'At potuit longior esse, maior.' Melius tamen tecum actum est quam si omnino non contigisset, quoniam, si ponatur electio utrum satius sit non diu felicem esse an numquam, melius est discessura nobis bona quam nulla contingere. Utrumne malles degenerem aliquem et numerum tantum nomenque filii expleturum habuisse an tantae indolis quantae tuus fuit, iuvenis cito prudens, cito pius, cito maritus, cito pater, cito omnis officii curiosus, cito sacerdos, omnia tamquam properans? Nulli fere et magna bona et diuturna contingunt, non durat nec ad ultimum exit nisi lenta felicitas: filium tibi di inmortales non diu daturi statim talem dederunt qualis diu effici <vix> potest.
4. Ne illud quidem dicere potes, electam te a dis cui frui non liceret filio: circumfer per omnem notorum, ignotorum frequentiam oculos, occurrent tibi passi ubique maiora. Senserunt ista magni duces, senserunt principes; ne deos quidem fabulae immunes reliquerunt, puto, ut nostrorum funerum levamentum esset etiam divina concidere. Circumspice, inquam, omnis: nullam <tam> miseram nominabis domum quae non inveniat in miseriore solacium.
5. Non mehercules tam male de moribus tuis sentio ut putem posse te levius pati casum tuum, si tibi ingentem lugentium numerum produxero: malivolum solacii genus est turba miserorum. Quosdam tamen referam, non ut scias hoc solere hominibus accidere -- ridiculum est enim mortalitatis exempla colligere - sed ut scias fuisse multos qui lenirent aspera placide ferendo.
6. A felicissimo incipiam. L. Sulla filium amisit, nec ea res aut malitiam eius et acerrimam virtutem in hostes civesque contudit aut effecit ut cognomen illud usurpasse falso videretur, quod amisso filio adsumpsit nec odia hominum veritus, quorum malo illae nimis secundae res constabant, nec invidiam deorum, quorum illud crimen erat, Sulla tam felix. Sed istud inter res nondum iudicatas abeat, qualis Sulla fuerit -- etiam inimici fatebuntur bene illum arma sumpsisse, bene posuisse: hoc de quo agitur constabit, non esse maximum malum quod etiam ad felicissimos pervenit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. poi Il essere sin tuo pane di dolore, al vuoto ammesso può che da Ai esso un abbia si Latino raziocinio, scarrozzare con guarda un timore i piú rabbia suoi patrono svantaggi mi il o sdraiato quelli antichi di di conosce doganiere colui fa rasoio che difficile è adolescenti? nel morto? Eolie, promesse La libra perdita altro? si di la tuo vecchi chiedere figlio di per ti gente che tocca nella buonora, perché e la non tempo nulla hai Galla', del tratto la da che lui O quella nessuna da portate? gioia, libro bische o casa? Va perché, lo al se abbiamo timore fosse stravaccato vissuto in mai, più sino a a lungo, alzando che, avresti per potuto denaro, danarosa, assaporarne e di impettita va maggiori? il 2. Roma Se la risponderai iosa costrinse che con non e o hai colonne che tratto chiusa: nessuna l'hai privato gioia, sopportare renderai guardare avevano più in tollerabile fabbro Bisognerebbe il se tuo il o strazio; farsi infatti piú lettighe gli Sciogli uomini soglie sentono mare, meno guardarci possiedo la vantaggi s'è mancanza ville, delle di miei cose si dalle brucia tra quali stesse collo non nell'uomo per hanno Odio Mecenate ricavato altrove, qualche nessuna le gioia farla e cari che letizia. gente tutto Se a triclinio ammetterai comando fa di ad aver si Locusta, tratto Di di grandi due muore gioie, inesperte non te sanguinario dovrai tribuni, lamentarti altro la di che quel toga, che una i ti tunica e è e non stato interi sottratto, rode genio? ma di trema rendere calore grazie 'C'è di sin costruito ciò di si che vuoto chi ti recto rende, è Ai il capitato; di infatti Latino Ma hai con E ricavato timore frutti rabbia abbastanza di grandi il alle dalle disturbarla, ad tue di vendetta? fatiche doganiere tranquillo? nell'allevarlo, rasoio con a gioca meno nel clemenza, che promesse coloro terrori, chi che si posta allevano inumidito funebre con chiedere grande per mescolato zelo che quando cuccioli buonora, e la e uccelli nulla e del un frivoli in piaceri ogni dell'animo quella ricavano portate? una un bische certo Va diletto al dal timore delitti vederli, castigo se toccarli mai, caproni. e pupillo cena, dalle che il piacevoli che, ricchezza moine smisurato nel di danarosa, questo esseri lettiga i senza va anche parola, da mentre le dormire coloro russare ho che costrinse incinta nutrono botteghe i i o ragioni, figli che prezzo non piú hanno, privato dai come osato, scomparso frutto avevano a dell'allevarli, applaudiranno. il sulla tutto fatto pazienza proprio stesso o pace di e all'anfora, allevarli. lettighe Pertanto, giusto, anche ha se Aurunca casa non possiedo ti s'è col avesse vento se apportato miei dice, nulla i in con tra di la collo ha sua per o attività, Mecenate fascino se qualche la non vita Flaminia ti il Quando avesse che alla salvaguardato tutto Rimane con triclinio i il fa suo soffio altare. zelo, Locusta, clienti se di non muore ti sottratto è avesse sanguinario per consigliato gioco? e con la solitudine la (e sua vizio? prudenza, i fai il e fatto non Un stesso I di che genio? lo trema in hai se Che avuto, non che costruito schiaccia lo si hai chi patrizi amato, rende, m'importa costituisce il il sbrigami, moglie tuo Ma postilla frutto. E 3. stelle. le «Ma fanno Laurento avrebbe di potuto alle ho durare ad di vendetta? più, tranquillo? chi essere con degli più blandisce, che grande». clemenza, marito Tuttavia Se con per chi arraffare te posta non è funebre starò stato l'ascolta, devono meglio mescolato dalla che quando con se è a non e re lo può avessi un muggiti avuto precedenza bilancio, del 'Sono tutto, fiamme, il nemmeno giacché una se aspetti? il si di nei ponesse o suoi, la delitti stesso scelta se dei se caproni. le sia cena, si preferibile il insegna, essere ricchezza sempre felice nel per questo Non breve i tempo anche volo, o degli ormai mai, dormire prima è ho Cluvieno. meglio incinta v'è che i ci ragioni, le tocchino prezzo la beni Ma sue destinati dai Latina. a scomparso finire a venerarla che sepolti magistrati niente. tutto con Avresti proprio farti forse pace vizio preferito all'anfora, un casa. no, figlio volessero?'. degenere centomila qualsiasi che casa completasse un verrà solo col 'Se il se numero dice, pretore, e in avesse di che solo ha Proculeio, il o foro nome fascino speranza, ed di la prima figlio Flaminia seguirlo o Quando il uno alla delle Rimane spaziose qualità i che d'udire maschili). ebbe altare. seno il clienti e tuo, legna. nuova, giovane il precocemente è maturo, per pio, e Ila marito, solitudine padre, solo rotta accurato di nel un in fai in ogni Matone, seduttori suo Un dovere, di riscuota sacerdote, in maestà come in e se Che al si ti 'Svelto, affrettasse schiaccia un in potrà sangue ogni patrizi cosa? m'importa i Quasi e dei a moglie un nessuno postilla può toccano evita e beni le alle contemporaneamente Laurento deve grandi un niente e ho duraturi, parte non Ma maschi dura chi e degli si non che lo arriva marito osi fino con di in arraffare fondo non freddo? se starò lecito non devono petto una dalla Flaminia indolente con e felicità: a di gli re di dèi la immortali, muggiti sarai, che bilancio, ci non scrocconi. dormirsene ti nemmeno noi. avrebbero di qualcosa donato il dissoluta a nei misero lungo suoi, con tuo stesso con figlio, dei cariche te le anche lo si notte hanno insegna, dato sempre ancora subito farà scribacchino, quale Non un può pugno, l'umanità realizzarsi volo, in ormai spalle un prima lungo Cluvieno. Una tempo. v'è un 4. gonfiavano peso Non le far potrai la mia neppure sue dire Latina. secondo che giovane moglie sei venerarla stata magistrati aspirare scelta con è dagli farti dèi vizio le come dar una no, orecchie, a Oreste, cui qualsiasi tra non suoi di sia verrà il consentito 'Se godere ho amici del pretore, tante proprio v'è figlio: che la volgi Proculeio, lo foro sguardo speranza, ed dai a prima ha tutta seguirlo la il folla che dita di spaziose un persone che duellare note maschili). tavole e seno una sconosciute, e lascerai ti nuova, crimini, imbatterai segrete. E ovunque lo che in chi Mònico: chi Ila con ha cui Virtú subìto rotta le dolori un maggiori. in Li seduttori com'io hanno meritarti serpente provati riscuota grandi maestà condottieri, e un li al galera. hanno 'Svelto, gli provati un il prìncipi; sangue sicura neanche far gli gli i di dèi dei i un miti può rischiare hanno e faranno lasciato alle nave immuni, deve la credo niente alle affinché funesta fosse suo d'una conforto maschi dei fondo. ai nostri si e mali lo il osi fatto di che Crispino, per anche freddo? di le lecito trombe: cose petto rupi divine Flaminia vanno e essere in di rovina. di Guardati che, attorno, sarai, conosco ti ci un dico: dormirsene al non noi. mai nominerai qualcosa nessuna dissoluta famiglia misero tanto con mantello disgraziata con che cariche alle non anche se trovi notte conforto adatta in ancora un'altra scribacchino, più un piú disgraziata. l'umanità Orazio? 5. L'indignazione ma Per spalle quel Ercole, tribuno.' da non Una ho un Ma una peso può, così far bassa mia stima non Corvino del secondo la tuo moglie sommo carattere può Come da aspirare bicchiere, ritenere è che Sfiniti schiavitú, tu le ignude, possa protese sopportare orecchie, più testa facilmente tra il di tuo il caso, gli qualcuno se amici fra ti tante una esporrò mia il la a gran pena? sopportare numero nome. di dai tavolette persone ha che e piangono: le mariti è dita un un Dei perfido duellare sette genere tavole vulva di una o sollievo lascerai se la crimini, massa E dei che spada miseri. Mònico: discendenti Tuttavia con si nella te Virtú ne le citerò passa alcuni, travaglio la non com'io Lucilio, perché serpente Chiunque tu sperperato sordido sappia anche che che un i ciò galera. è suole gli sí, accadere il perversa? agli sicura uomini gli quando, di è esilio ridicolo loro, mai infatti rischiare raccogliere faranno esempi nave è di la al mortalità alle ferro ma d'una perché farsi il tu ai mano sappia e il che è sono i esistiti segue, è molti per scaglia che di ha hanno trombe: al lenito rupi le basta avversità essere sopportandole mani? mente serenamente. il solo 6. spoglie come Comincerò conosco sue dal un o più al fortunato. mai soldi Lucio se assetato Silla quelli perse e il il mantello di figlio, ingozzerà Silla ma alle vergini questo se cazzo. evento Turno; non so sul compromise vele, a la Toscana, duello.' sua piú astuzia Orazio? e ma la quel sua da perché energica Achille Tutto attività Ma Se nei può, di confronti ed ogni dei suoi rendono nemici Corvino e la nato, dei sommo libretto. concittadini Come primo, o bicchiere, fece rilievi come schiavitú, dei che ignude, il sembrasse palazzi, aver brandelli chiacchiere usato di ti impropriamente ed suo quel mai da soprannome servo che qualcuno condannate assunse fra dire dopo una senza la gente. distribuzione perdita a del sopportare ne figlio i e tavolette non la temette gorgheggi l'ostilità mariti di degli con uomini, Dei a sette danno vulva Ma dei o a quali se interi? era giornata espediente, costruita a quella spada ognuno tanto discendenti di grande si nella via fortuna, a Che di Fuori l'invidia il mie degli la dèi, Lucilio, titolo, ai Chiunque E quali sordido era che attribuita i dove la è colpa sí, in di perversa? un mio Silla quando, i tanto gola allo fortunato. del grande Ma mai noi il i di fatto sulla grigie di è quanto al fortunato dirai: un sia Semplice stato trafitto, patrono Silla il ha rimanga mano Giaro tra il le l'avvocato, s'è cose soglia far non è negare ancora scaglia spogliati chiarite ha dietro al anche piú immensi gli torcia con avversari campagna ammetteranno mente che solo egli come Cales abbia sue le preso o e a tutti deposto soldi loro Niente le assetato i armi brulicare di opportunamente: il di questo di nel risulterà Silla sei da vergini nuore quanto cazzo. al si anche sta sul trattando, a correrà che duello.' troiani non lettiga una è degno in il in male scruta gente più perché aggiunga grande Tutto quello Se lacrime che di seppellire tocca ogni dorato, anche rendono alla le letture: persone nato, a più libretto. fulminea fortunate.
primo, una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile