Splash Latino - Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Consolatione Ad Marciam - 2

Brano visualizzato 6983 volte
1. Scio a praeceptis incipere omnis qui monere aliquem volunt, in exemplis desinere. Mutari hunc interim morem expedit; aliter enim cum alio agendum est: quosdam ratio ducit, quibusdam nomina clara opponenda sunt et auctoritas quae liberum non relinquat animum ad speciosa stupentibus.
2. Duo tibi ponam ante oculos maxima et sexus et saeculi tui exempla: alterius feminae quae se tradidit ferendam dolori, alterius quae pari adfecta casu, maiore damno, non tamen dedit longum in se malis suis dominium, sed cito animum in sedem suam reposuit.
3. Octavia et Livia, altera soror Augusti, altera uxor, amiserunt filios iuvenes, utraque spe futuri principis certa: Octavia Marcellum, cui et avunculus et socer incumbere coeperat, in quem onus imperii reclinare, adulescentem animo alacrem, ingenio potentem, sed frugalitatis continentiaeque in illis aut annis aut opibus non mediocriter admirandae, patientem laborum, voluptatibus alienum, quantumcumque inponere illi avunculus et, ut ita dicam, inaedificare voluisset laturum; bene legerat nulli cessura ponderi fundamenta.
4. Nullum finem per omne vitae suae tempus flendi gemendique fecit nec ullas admisit voles salutare aliquid adferentis, ne avocari quidem se passa est; intenta in unam rem et toto animo adfixa, talis per omnem vitam fuit qualis in funere, non dico non [est] ausa consurgere, sed adlevari recusans, secundam orbitatem iudicans lacrimas mittere.
5. Nullam habere imaginem filii carissimi voluit, nullam sibi de illo fieri mentionem. Oderat omnes matres et in Liviam maxime furebat, quia videbatur ad illius filium transisse sibi promissa felicitas. Tenebris et solitudini familiarissima, ne ad fratrem quidem respiciens, carmina celebrandae Marcelli memoriae composita aliosque studiorum honores reiecit et aures suas adversus omne solacium clusit. A sollemnibus officiis seducta et ipsam magnitudinis fraternae nimis circumlucentem fortunam exosa defodit se et abdidit. Adsidentibus liberis, nepotibus lugubrem vestem non deposuit, non sine contumelia omnium suorum, quibus salvis orba sibi videbatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. Francia Pace, So Galli, fanciullo, che Vittoria, i tutti dei di quelli la Arretrino che spronarmi? vuoi vogliono rischi? gli consigliare premiti c'è qualcuno gli moglie cominciano cenare dalle destino quella esortazioni, spose della e dal o aver finiscono di tempio con quali lo gli di in esempi. con Conviene l'elmo le talora si Marte mutare città questa tra dalla abitudine; il elegie infatti razza, perché con in uno Quando bisogna Ormai la comportarsi cento malata in rotto porta un Eracleide, ora modo, censo con il piú un argenti con altro vorrà in in che un bagno pecore altro dell'amante, spalle modo: Fu Fede alcuni cosa contende li i Tigellino: guida nudi il che nostri ragionamento, non voglia, ad avanti una altri perdere moglie. vanno di propinato proposti sotto nomi fa e famosi collera per e mare l'autorità lo margini che (scorrazzava riconosce, non venga prende lasci selvaggina l'animo la dell'anno libero reggendo non a di questua, coloro Vuoi in che se guardano nessuno. fra con rimbombano beni ammirazione il alle eredita ricchezza: cose suo e belle. io oggi 2. canaglia del Ti devi tenace, proporrò ascoltare? non privato. a due fine grandissimi Gillo esempi, in gli del alle tuo piú cuore sesso qui stessa e lodata, sigillo pavone della su la tua dire Mi epoca: al l'uno che la di giunto delle una Èaco, donna per ressa che sia, si mettere abbandonò denaro della al ti cassaforte. suo lo cavoli dolore, rimasto vedo l'altro anche la di lo che una con uguale che, che propri nomi? colpita armi! Nilo, da chi giardini, simile e disgrazia, ti malgrado ma Del a da questa a una al platani perdita mai maggiore, scrosci tuttavia Pace, il non fanciullo, concesse i ai di ti suoi Arretrino magari mali vuoi un gli si lungo c'è limosina dominio moglie vuota su o mangia di quella propina sé, della ma o aver di presto tempio ricollocò lo volta il in suo ci In animo le nella Marte sua si è propria dalla questo dimora. elegie una 3. perché Ottavia commedie campo, e lanciarmi o Livia, la Muzio la malata poi prima porta essere sorella ora pane di stima al Augusto, piú può l'altra con da moglie, in persero giorni si i pecore scarrozzare figli spalle un giovanetti, Fede entrambe contende patrono con Tigellino: mi la voce sdraiato sicura nostri speranza voglia, conosce di una fa un moglie. difficile futuro propinato adolescenti? imperatore: tutto Ottavia e libra perse per altro? Marcello, dico? al margini vecchi quale riconosce, aveva prende gente cominciato inciso.' nella a dell'anno dedicare non tempo le questua, proprie in la attenzioni chi che lo fra O zio beni e incriminato. libro suocero, ricchezza: su e lo cui oggi abbiamo riposare del stravaccato il tenace, in peso privato. a dell'impero, essere giovanetto d'ogni alzando animoso, gli per dall'acuto di intelletto, cuore ma stessa impettita di pavone il parsimonia la Roma e Mi di donna moderazione la sommamente delle ammirevoli sfrenate colonne in ressa chiusa: quegli graziare l'hai anni coppe sopportare e della guardare con cassaforte. quei cavoli fabbro Bisognerebbe mezzi, vedo se resistente la il alle che farsi fatiche, uguale estraneo propri nomi? Sciogli ai Nilo, soglie piaceri, giardini, mare, capace affannosa guardarci di malgrado sopportare a tutto a di ciò platani si che, dei brucia per son stesse grande il nell'uomo che 'Sí, Odio fosse, abbia altrove, lo ti zio magari farla volesse a cari imporgli si e, limosina a per vuota comando così mangia ad dire, propina costruirgli dice. Di addosso; di aveva trova scelto volta bene gli delle In altro fondamenta mio che fiato non è una sarebbero questo tunica venute una e meno liberto: sotto campo, nessun o peso. Muzio calore 4. poi 'C'è Per essere tutta pane di la al sua può recto vita da Ottavia un di non si Latino smise scarrozzare con mai un timore di piú rabbia piangere patrono di e mi di sdraiato disturbarla, gemere, antichi non conosce ascoltò fa rasoio nessuna difficile gioca parola adolescenti? nel apportatrice Eolie, di libra terrori, un altro? si qualche la inumidito conforto, vecchi chiedere e di per non gente che si nella buonora, lasciò e la nemmeno tempo nulla distrarre; Galla', con la in la che mente O quella rivolta da portate? ad libro bische un'unica casa? cosa lo al e abbiamo con stravaccato castigo un in mai, solo sino pensiero a nell'animo, alzando trascorse per smisurato l'intera denaro, danarosa, sua e esistenza impettita va come il da ad Roma un la funerale, iosa costrinse non con dico e o che colonne che non chiusa: piú osò l'hai privato risollevarsi, sopportare osato, ma guardare avevano rifiutando in di fabbro Bisognerebbe sulla farsi se pazienza sollevare, il o ritenendo farsi il piú lettighe cessare Sciogli giusto, dalle soglie ha lacrime mare, Aurunca come guardarci possiedo un vantaggi secondo ville, vento lutto. di miei 5. si Non brucia volle stesse collo avere nell'uomo per nessuna Odio Mecenate immagine altrove, qualche del le vita figlio farla il carissimo, cari che gente tutto che a triclinio le comando si ad facesse si Locusta, nessun Di di accenno due muore su inesperte sottratto di te sanguinario lui. tribuni, gioco? Odiava altro la tutte che (e le toga, vizio? madri una e tunica e soprattutto e inveiva interi I contro rode genio? Livia, di poiché calore se le 'C'è sembrava sin costruito che di si fosse vuoto chi trasmigrata recto nel Ai figlio di di Latino lei con E la timore stelle. felicità rabbia promessa di di a il lui. disturbarla, ad Rifugiatasi di nel doganiere tranquillo? buio rasoio con e gioca blandisce, nella nel clemenza, solitudine, promesse Se senza terrori, chi dare si ascolto inumidito funebre neppure chiedere l'ascolta, al per mescolato fratello, che rifiutò buonora, i la e carmi nulla può composti del un per in celebrare ogni la quella fiamme, il memoria portate? di bische aspetti? Marcello Va di ed al o altre timore delitti onorificenze castigo se letterarie mai, e pupillo chiuse che il le che, ricchezza proprie smisurato nel orecchie danarosa, questo ad lettiga ogni va anche conforto. da degli Si le dormire tenne russare ho in costrinse incinta disparte botteghe dalle o funzioni che solenni piú Ma e, privato presa osato, scomparso in avevano a odio applaudiranno. la sulla stessa pazienza fortuna o pace della e all'anfora, grandezza lettighe casa. del giusto, fratello ha centomila che Aurunca casa troppo possiedo un le s'è rifulgeva vento se attorno, miei si i in seppellì tra di e collo ha si per nascose. Mecenate fascino Non qualche la dismise vita la il Quando veste che alla da tutto Rimane lutto triclinio i in fa presenza soffio dei Locusta, clienti figli di legna. e muore il dei sottratto è nipoti, sanguinario non gioco? e senza la solitudine offesa (e solo per vizio? tutti i fai i e Matone, suoi, non Un dei I di quali genio? in si trema in sentiva se priva, non pur costruito schiaccia essendo si potrà essi chi vivi. rende, m'importa
il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_marciam/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile