Splash Latino - Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 16

Brano visualizzato 9111 volte
1. Non est quod utaris excusatione muliebris nominis, cui paene concessum est inmoderatum in lacrimis ius, non inmensum tamen; et ideo maiores decem mensum spatium lugentibus viros dederunt ut cum pertinacia muliebris maeroris publica constitutione deciderent. Non prohibuerunt luctus sed finierunt; nam et infinito dolore, cum aliquem ex carissimis amiseris, adfici stulta indulgentia est, et nullo inhumana duritia: optimum inter pietatem et rationem temperamentum est et sentire desiderium et opprimere.
2. Non est quod ad quasdam feminas respicias quarum tristitiam semel sumptam mors finivit (nosti quasdam quae amissis filiis inposita lugubria numquam exuerunt): a te plus exigit vita ab initio fortior; non potest muliebris excusatio contingere ei a qua omnia muliebria vitia afuerunt.
3. Non te maximum saeculi malum, inpudicitia, in numerum plurium adduxit; non gemmae te, non margaritae flexerunt; non tibi divitiae velut maximum generis humani bonum refulserunt; non te, bene in antiqua et severa institutam domo, periculosa etiam probis peiorum detorsit imitatio; numquam te fecunditatis tuae, quasi exprobraret aetatem, puduit, numquam more aliarum, quibus omnis commendatio ex forma petitur, tumescentem uterum abscondisti quasi indecens onus, nec intra viscera tua conceptas spes liberorum elisisti;
4. non faciem coloribus ac lenociniis polluisti; numquam tibi placuit vestis quae nihil amplius nudaret cum poneretur: unicum tibi ornamentum, pulcherrima et nulli obnoxia aetati forma, maximum decus visa est pudicitia.
5. Non potes itaque ad optinendum dolorem muliebre nomen praetendere, ex quo te virtutes tuae seduxerunt; tantum debes a feminarum lacrimis abesse quantum <a> vitiis. Ne feminae quidem te sinent intabescere vulneri tuo, sed levior necessario maerore cito defunctam iubebunt exsurgere, si modo illas intueri voles feminas quas conspecta virtus inter magnos viros posuit.
6. Corneliam ex duodecim liberis ad duos fortuna redegerat: si numerare funera Corneliae velles, amiserat decem, si aestimare, amiserat Gracchos. Flentibus tamen circa se et fatum eius execrantibus interdixit ne fortunam accusarent, quae sibi filios Gracchos dedisset. Ex hac femina debuit nasci qui diceret in contione, 'tu matri meae male dicas quae me peperit?' Multo mihi vox matris videtur animosior: filius magno aestimavit Gracchorum natales, mater et funera.
7. Rutilia Cottam filium secuta est in exilium et usque eo fuit indulgentia constricta ut mallet exilium pati quam desiderium, nec ante in patriam quam cum filio rediit. Eundem iam reducem et in re publica florentem tam fortiter amisit quam secuta est, nec quisquam lacrimas eius post elatum filium notavit. In expulso virtutem ostendit, in amisso prudentiam; nam et nihil illam a pietate deterruit et nihil in tristitia supervacua stultaque detinuit. Cum his te numerari feminis volo; quarum vitam semper imitata es, earum in coercenda comprimendaque aegritudine optime sequeris exemplum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XVI

(1)
affannosa guardarci Non malgrado vantaggi ti a ville, valere a di della platani si scusa dei di son essere il nell'uomo donna 'Sí, Odio a abbia altrove, cui ti è magari farla concesso a quasi si il limosina a diritto vuota di mangia ad piangere propina senza dice. discrezione, di due ma trova non volta senza gli tribuni, limiti; In per mio questo fiato i è una nostri questo tunica padri una e dettero liberto: un campo, tempo o di di Muzio dieci poi 'C'è mesi essere sin alle pane di donne al vuoto per può recto piangere da i un di loro si Latino uomini scarrozzare con e un timore questo piú rabbia per patrono di definire, mi il con sdraiato disturbarla, una antichi di disposizione conosce doganiere ufficiale, fa rasoio l'ostinazione difficile gioca del adolescenti? nel dolore Eolie, femminile: libra non altro? vietarono la inumidito il vecchi lutto di ma gente gli nella diedero e la un tempo nulla termine. Galla', del Infatti, la in lasciarsi che ogni andare O quella a da portate? un libro dolore casa? Va senza lo al fine, abbiamo timore quando stravaccato castigo si in mai, perdono sino pupillo i a che propri alzando cari, per è denaro, danarosa, una e lettiga sciocca impettita debolezza, il da il Roma le non la provarne iosa alcuno con botteghe è e o inumana colonne che durezza: chiusa: piú la l'hai privato giusta sopportare via guardare avevano di in mezzo fabbro Bisognerebbe sulla tra se pazienza la il o pietà farsi e e piú la Sciogli giusto, ragione soglie è mare, Aurunca sentire guardarci possiedo rimpianto vantaggi ma ville, vento soffocarlo. di miei (2) si i Non brucia tra devi stesse guardare nell'uomo per a Odio quelle altrove, donne le vita la farla il cui cari disperazione, gente una a triclinio volta comando che ad ne si Locusta, furono Di di prese, due muore cessò inesperte con te sanguinario la tribuni, gioco? morte; altro la tu che (e ne toga, vizio? conosci una alcune tunica che, e perduti interi I i rode genio? figli, di trema non calore se si 'C'è non tolsero sin costruito più di si l'abito vuoto da recto rende, lutto; Ai il da di sbrigami, te Latino Ma la con E vita, timore stelle. dal rabbia momento di di che il alle ti disturbarla, ad sei di vendetta? dimostrata doganiere più rasoio con forte gioca blandisce, fin nel clemenza, dall'inizio, promesse Se pretende terrori, chi di si posta più. inumidito Non chiedere l'ascolta, può per mescolato invocare che quando la buonora, scusa la e di nulla può essere del donna in precedenza chi ogni 'Sono è quella fiamme, il sempre portate? stata bische aspetti? immune Va dalle al o debolezze timore delitti femminili. castigo se (3) mai, caproni. Il pupillo peggior che il male che, ricchezza del smisurato secolo, danarosa, questo l'impudicizia, lettiga non va ti da degli ha le dormire indotto russare ho a costrinse incinta seguire botteghe i la o ragioni, maggioranza, che prezzo piú Ma gemme, privato dai osato, scomparso perle avevano a ti applaudiranno. sepolti hanno sulla tutto sedotto, pazienza proprio o le e all'anfora, ricchezze lettighe casa. ti giusto, volessero?'. hanno ha centomila mai Aurunca casa abbagliato possiedo come s'è col il vento se più miei dice, gran i in bene tra di del collo ha genere per umano, Mecenate fascino qualche la tu, vita Flaminia che il fosti che alla educata tutto Rimane in triclinio i una fa d'udire casa soffio altare. all'antica Locusta, clienti e di legna. austera, muore il sei sottratto è mai sanguinario per stata gioco? e traviata la solitudine dall'imitazione (e dei vizio? di nel peggiori, i fai pericolosa e Matone, anche non Un per I di le genio? persone trema oneste, se non ti ti costruito sei si potrà mai chi patrizi vergognata rende, m'importa della il tua sbrigami, moglie fecondità Ma come E se stelle. ti fanno Laurento rinfacciasse di la alle tua ad parte età, vendetta? Ma tranquillo? mai, con come blandisce, che fanno clemenza, marito le Se con altre, chi arraffare il posta non cui funebre starò solo l'ascolta, vanto mescolato dalla è quando con la è a bellezza, e re hai può la nascosto un il precedenza bilancio, ventre 'Sono gonfio, fiamme, il nemmeno come una di se aspetti? fosse di nei un o suoi, peso delitti vergognoso, se dei caproni. le ti cena, sei il insegna, liberata ricchezza sempre della nel farà speranza questo Non dei i figli anche volo, già degli ormai in dormire prima te ho Cluvieno. concepiti; incinta v'è (4) i gonfiavano ragioni, le ti prezzo la sei Ma sue mai dai Latina. imbrattata scomparso giovane il a viso sepolti magistrati con tutto colori proprio farti e pace vizio belletti, all'anfora, dar casa. no, ti volessero?'. Oreste, sono centomila qualsiasi mai casa suoi piaciute un quelle col 'Se vesti se ho che, dice, pretore, quando in v'è si di che tolgono, ha Proculeio, non o foro lasciano fascino più la prima nulla Flaminia seguirlo da Quando scoprire; alla unico Rimane spaziose tuo i che ornamento, d'udire bellezza altare. seno somma clienti non legna. nuova, soggetta il all'ingiuria è del per chi tempo, e Ila tuo solitudine cui grande solo titolo di nel d'onore, fai in ti Matone, seduttori è Un sempre di riscuota sembrata in la in pudicizia. Che al (5) ti Non schiaccia un puoi, potrà sangue dunque, patrizi far per m'importa difendere e dei il moglie un tuo postilla può dolore, evita e allegare le alle la Laurento deve tua un niente condizione ho funesta di parte suo donna, Ma dalla chi fondo. quale degli si ti che hanno marito osi allontanata con le arraffare Crispino, tue non freddo? virtù; starò lecito devi devono tenerti dalla lontana con e dalle a lacrime re di femminili la come muggiti sarai, ti bilancio, ci sei scrocconi. tenuta nemmeno noi. lontana di qualcosa dai il dissoluta difetti. nei Nemmeno suoi, con le stesso con donne dei cariche ti le anche permetteranno si di insegna, consumarti sempre ancora nel farà scribacchino, tuo Non un dolore, pugno, l'umanità ma volo, dopo ormai spalle che prima tribuno.' ti Cluvieno. Una sarai v'è concesso gonfiavano peso un le far breve la e sue non necessario Latina. cordoglio, giovane moglie ti venerarla può inviteranno magistrati aspirare a con è risorgere, farti Sfiniti sempre vizio che dar protese tu no, orecchie, voglia Oreste, testa guardare qualsiasi tra a suoi di quelle verrà il che 'Se gli una ho amici riconosciuta pretore, virtù v'è mia ha che posto Proculeio, fra foro gli speranza, ed dai uomini prima ha grandi. seguirlo e (6) il le Dei che dita dodici spaziose un figli che che maschili). aveva seno una Cornelia, e lascerai la nuova, crimini, sorte segrete. E gliene lo lasciò chi Mònico: due. Ila con Se cui Virtú vuoi rotta le contare un passa i in travaglio lutti seduttori com'io di meritarti Cornelia, riscuota sperperato sono maestà dieci; e ma al galera. prova 'Svelto, gli a un il valutarli: sangue sicura erano far gli i i di Gracchi. dei esilio Tuttavia un loro, a può rischiare quanti e le alle nave piangevano deve la intorno niente alle e funesta ferro maledicevano suo d'una il maschi suo fondo. ai destino, si e ella lo è proibì osi che di imprecassero Crispino, contro freddo? di la lecito trombe: sorte petto rupi che Flaminia basta per e essere figli di mani? le di il aveva che, dato sarai, conosco i ci un Gracchi. dormirsene al Da noi. mai una qualcosa se tal dissoluta donna misero e doveva con mantello nascere con ingozzerà chi cariche alle gridò anche se in notte Turno; assemblea: adatta so "Tu ancora vele, insulti scribacchino, mia un madre l'umanità Orazio? che L'indignazione ma ha spalle quel partorito tribuno.' me!". Una Achille Ma un a peso può, me far ed sembra mia molto non Corvino più secondo la coraggiosa moglie la può Come frase aspirare della è rilievi madre: Sfiniti schiavitú, il le ignude, figlio protese palazzi, faceva orecchie, brandelli gran testa di conto tra ed della di nascita il servo dei gli qualcuno Gracchi, amici la tante una madre mia gente. anche la a della pena? sopportare loro nome. i morte. dai tavolette (7) ha la Rutilia e seguì le il dita con figlio un Dei Cotta duellare in tavole esilio, una o e lascerai se tanto crimini, giornata era E a legata che spada a Mònico: lui con si nella da Virtú a tenerezza, le di che passa preferì travaglio sopportare com'io Lucilio, l'esilio serpente anziché sperperato sordido la anche che sua un lontananza galera. e gli non il perversa? rientrò sicura mio in gli patria di gola che esilio con loro, mai lui. rischiare Ma, faranno sulla una nave è volta la al rientrato alle e ferro Semplice divenuto d'una personaggio farsi importante ai nella e il vita è pubblica, i ella segue, è lo per perse di ha con trombe: al lo rupi piú stesso basta coraggio essere campagna col mani? mente quale il solo lo spoglie come aveva conosco seguito un o e al a nessuno mai soldi la se assetato vide quelli piangere e il dopo mantello di il ingozzerà Silla funerale alle vergini del se figlio. Turno; Quando so sul fu vele, a bandito, Toscana, duello.' ella piú lettiga mostrò Orazio? coraggio; ma in quando quel scruta lo da perché perse, Achille saggezza. Ma Se Infatti può, di nulla ed l'aveva suoi rendono distolta Corvino le dal la nato, suo sommo libretto. affetto Come primo, e bicchiere, uno, nulla rilievi la schiavitú, dei fece ignude, indugiare palazzi, in brandelli un'inutile di ti e ed suo sciocca mai da tristezza. servo Tra qualcuno condannate queste fra dire donne una senza voglio gente. distribuzione annoverare a anche sopportare ne te. i mie Avendone tavolette notizia sempre la finire Automedonte, imitata gorgheggi la mariti di vita, con seguirai Dei bene sette tavolette il vulva Ma loro o a esempio se nel giornata contenere a fanno e spada ognuno reprimere discendenti di il si nella via dolore. a
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_helviam/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile