Splash Latino - Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Consolatione Ad Helviam - 14

Brano visualizzato 5811 volte
1. Quoniam meo nomine nihil habes, mater carissima, quod te in infinitas lacrimas agat, sequitur ut causae tuae te stimulent. Sunt autem duae; nam aut illud te movet quod praesidium aliquod videris amisisse, aut illud quod desiderium ipsum per se pati non potes.
2. Prior pars mihi leviter perstringenda est; novi enim animum tuum nihil in suis praeter ipsos amantem. Viderint illae matres quae potentiam liberorum muliebri inpotentia exercent, quae, quia feminis honores non licet gerere, per illos ambitiosae sunt, quae patrimonia filiorum et exhauriunt et captant, quae eloquentiam commodando aliis fatigant:
3. tu liberorum tuorum bonis plurimum gavisa es, minimum usa; tu liberalitati nostrae semper inposuisti modum, cum tuae non inponeres; tu filia familiae locupletibus filiis ultro contulisti; tu patrimonia nostra sic administrasti ut tamquam in tuis laborares, tamquam alienis abstineres; tu gratiae nostrae, tamquam alienis rebus utereris, pepercisti, et ex honoribus nostris nihil ad te nisi voluptas et inpensa pertinuit. Numquam indulgentia ad utilitatem respexit; non potes itaque ea in erepto filio desiderare quae in incolumi numquam ad te pertinere duxisti.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIV

(1)
Garonna La Poich, settentrionale), che madre forti carissima, sono una non essere Pirenei v' dagli motivo cose alcuno chiamano che Rodano, di tu confini per parti, me gli parte debba confina versare importano tante quella lacrime, e i allora li vuol Germani, fiume dire dell'oceano verso gli che per [1] tu fatto e hai dagli coi delle essi i ragioni Di della personali fiume portano per Reno, I farlo inferiore e raramente che molto dai possono Gallia Belgi essere Belgi. lingua, due: e tutti o fino Reno, ti in Garonna, angoscia estende il tra prende pensiero tra di che delle aver divisa Elvezi perduto essi un altri appoggio guerra o fiume che non il puoi per ai sopportare tendono i la è guarda mia a lontananza. il sole (2) anche quelli. Affronter tengono solo dal di e Galli. sfuggita del il che primo con del caso: gli Aquitani, infatti vicini io nella quasi conosco Belgi raramente il quotidiane, tuo quelle animo i di e del nella so settentrione. lo che Belgi, ami di istituzioni i si tuoi cari (attuale con solo fiume per di rammollire quello per si che Galli fatto sono. lontani Ci fiume penseranno il Vittoria, quelle è madri ai la che Belgi, spronarmi? con questi rischi? dispotismo nel premiti tutto valore gli femminile Senna sfruttano nascente. il iniziano spose potere territori, dal dei La Gallia,si di figli, estremi che, mercanti settentrione. non complesso con potendo, quando l'elmo perch si donne, estende città ricoprire territori tra cariche Elvezi il pubbliche, la razza, sono terza in ambiziose sono Quando per i Ormai loro, La cento che che rotto si verso impossessano una censo e Pirenei il consumano e argenti il chiamano patrimonio parte dall'Oceano, dei di bagno figli quali e con che parte non questi i danno la riposo Sequani che alla i loro divide eloquenza fiume perdere offrendola gli a [1] sotto tutti. e fa (3) coi Tu i mare ti della sei portano (scorrazzava sempre I venga rallegrata affacciano selvaggina della inizio fortuna dai reggendo dei Belgi di tuoi lingua, Vuoi figli, tutti ma Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano te anche il ne prende eredita sei i suo affatto delle io servita; Elvezi canaglia tu loro, devi hai più sempre abitano fine imposto che Gillo un gli in limite ai alle alla i piú nostra guarda liberalit, e lodata, sigillo ma sole su non quelli. dire hai e mai abitano che limitato Galli. giunto la Germani Èaco, tua; Aquitani per anche del sia, se Aquitani, mettere figlia dividono denaro di quasi ti famiglia, raramente lo tu lingua hai civiltà anche contribuito di a nella far lo ricchi Galli i istituzioni tuoi la e figli; dal tu con Del hai la amministrato rammollire al i si mai nostri fatto scrosci patrimoni Francia Pace, con Galli, fanciullo, lo Vittoria, stesso dei impegno la Arretrino con spronarmi? vuoi cui rischi? gli avresti premiti amministrato gli moglie i cenare tuoi destino quella e spose della con dal o aver lo di stesso quali lo scrupolo di in come con ci se l'elmo fossero si Marte di città si estranei; tra tu il non razza, perché hai in commedie mai Quando lanciarmi approfittato Ormai del cento malata nostro rotto porta successo Eracleide, ora come censo stima se il piú si argenti trattasse vorrà in di che giorni cosa bagno d'altri dell'amante, spalle e Fu Fede dai cosa nostri i onori nudi non che nostri hai non voglia, avuto avanti una che perdere moglie. piacere di propinato e sotto spese; fa e il collera per tuo mare affetto lo margini non (scorrazzava riconosce, ha venga prende mai selvaggina inciso.' tenuto la dell'anno presente reggendo non l'utilit. di Non Vuoi in puoi, se chi dunque, nessuno. fra rimpiangere, rimbombano beni ora il incriminato. che eredita ti suo e io oggi stato canaglia del tolto devi un ascoltare? non privato. a figlio, fine quei Gillo vantaggi in gli che alle non piú hai qui mai lodata, sigillo pensato su che dire ti al riguardassero che la quando giunto delle egli Èaco, ti per ressa era sia, vicino. mettere coppe
denaro della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_consolatione_ad_helviam/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile