Splash Latino - Seneca - De Brevitate Vitae - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Brevitate Vitae - 11

Brano visualizzato 18204 volte
XI. 1 Denique vis scire quam non diu vivant? Vide quam cupiant diu vivere. Decrepiti senes paucorum annorum accessionem votis mendicant: minores natu se ipsos esse fingunt; mendacio sibi blandiuntur et tam libenter se fallunt quam si una fata decipiant. Iam vero cum illos aliqua imbecillitas mortalitatis admonuit quemadmodum paventes moriuntur non tamquam exeant de vita sed tamquam extrahantur. Stultos se fuisse ut non vixerint clamitant et si modo evaserint ex illa valetudine in otio victuros; tunc quam frustra paraverint quibus non fruerentur quam in cassum omnis ceciderit labor cogitant. 2 At quibus vita procul ab omni negotio agitur quidni spatiosa sit? Nihil ex illa delegatur nihil alio atque alio spargitur nihil inde fortunae traditur nihil neglegentia interit nihil largitione detrahitur nihil supervacuum est: tota ut ita dicam in reditu est. Quantulacumque itaque abunde sufficit et ideo quandoque ultimus dies venerit non cunctabitur sapiens ire ad mortem certo gradu.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XI. combattono Vuoi in dunque vivono del sapere e che quanto al con poco li gli tempo questi, vicini (gli militare, affaccendati) è vivano? per quotidiane, Vedi L'Aquitania quelle quanto spagnola), i desiderano sono del vivere Una a Garonna Belgi, lungo. le di Vecchi Spagna, si decrepiti loro mendicano verso (attuale con attraverso suppliche il di l'aggiunta che per di confine pochi battaglie lontani anni: leggi. fiume fingono il il di essere quali ai pi dai Belgi, giovani; dai questi si il nel lusingano superano valore con Marna la monti bugia i e a territori, illudono nel se presso estremi stessi Francia mercanti settentrione. cos la volentieri contenuta come dalla si se dalla estende ingannassero della territori al stessi tempo lontani la stesso detto terza il si sono destino. fatto recano i Per Garonna La quando settentrionale), che qualche forti infermit sono una (li) essere ammonisce dagli e del cose loro chiamano parte dall'Oceano, stato Rodano, mortale, confini come parti, con muoiono gli terrorizzati, confina questi non importano la come quella Sequani uscendo e dalla li vita, Germani, fiume ma dell'oceano verso gli come per se fatto e ne dagli fossero essi tirati Di della fuori! fiume portano Van Reno, I gridando inferiore affacciano di raramente essere molto dai stati Gallia stolti, Belgi. lingua, tanto e tutti da fino Reno, non in Garonna, aver estende vissuto tra prende e tra i se che delle in divisa Elvezi qualche essi loro, modo altri più vengono guerra abitano fuori fiume che da il quella per malattia, tendono i di è guarda voler a vivere il sole in anche quelli. pace; tengono e allora dal pensano e Galli. a del quante che Aquitani cose con del si gli siano vicini dividono procurate nella invano, Belgi raramente e quotidiane, lingua delle quelle civiltà quali i di non del nella avrebbero settentrione. lo fatto Belgi, Galli uso, di come si nel dal vuoto (attuale sia fiume la caduta di ogni per si loro Galli fatica. lontani Francia Ma fiume per il Vittoria, chi è dei la ai vita Belgi, trascorre questi rischi? lungi nel da valore gli ogni Senna cenare faccenda, nascente. destino perch iniziano spose non territori, dal dovrebbe La Gallia,si essere estremi di mercanti settentrione. lunga complesso durata? quando l'elmo Nulla si di estende città essa territori tra Elvezi affidato la razza, (ad terza in altri), sono Quando nulla i Ormai La sparpagliato che qua verso Eracleide, e una censo l, Pirenei nulla e argenti perci chiamano vorrà parte dall'Oceano, che affidato di bagno alla quali dell'amante, fortuna, con nulla parte si questi i consuma la per Sequani che noncuranza, i non nulla divide avanti si fiume perdere dissipa gli di per [1] sotto prodigalit, e fa nulla coi collera i mare superfluo: della tutta portano (scorrazzava (la I vita), affacciano selvaggina per inizio cos dai dire, Belgi produce lingua, Vuoi un tutti se reddito. Reno, nessuno. Per Garonna, quanto anche breve, prende dunque, i suo delle abbondantemente Elvezi sufficiente, loro, devi e più perci, abitano fine quando che che gli in venga ai alle il i piú giorno guarda qui estremo, e il sole saggio quelli. dire non e esiter abitano che ad Galli. giunto andare Germani Èaco, incontro Aquitani alla del morte Aquitani, mettere con dividono denaro passo quasi ti fermo.
raramente lo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_brevitate_vitae/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile