Splash Latino - Seneca - De Brevitate Vitae - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Brevitate Vitae - 7

Brano visualizzato 31153 volte
VII. 1 In primis autem et illos numero qui nulli rei nisi vino ac libidini vacant; nulli enim turpius occupati sunt. Ceteri etiam si vana gloriae imagine teneantur speciose tamen errant; licet avaros mihi licet iracundos enumeres vel odia exercentes iniusta vel bella omnes isti virilius peccant: in ventrem ac libidinem proiectorum inhonesta tabes est. 2 Omnia istorum tempora excute aspice quam diu computent quam diu insidientur quam diu timeant quam diu colant quam diu colantur quantum vadimonia sua atque aliena occupent quantum convivia quae iam ipsa officia sunt: videbis quemadmodum illos respirare non sinant vel mala sua vel bona. 3 Denique inter omnes convenit nullam rem bene exerceri posse ab homine occupato non eloquentiam non liberales disciplinas quando districtus animus nihil altius recipit sed omnia velut inculcata respuit. Nihil minus est hominis occupati quam vivere: nullius rei difficilior scientia est. Professores aliarum artium vulgo multique sunt quasdam vero ex his pueri admodum ita percepisse visi sunt ut etiam praecipere possent: vivere tota vita discendum est et quod magis fortasse miraberis tota vita discendum est mori. 4 Tot maximi viri relictis omnibus impedimentis cum divitiis officiis voluptatibus renuntiassent hoc unum in extremam usque aetatem egerunt ut vivere scirent; plures tamen ex his nondum se scire confessi vita abierunt nedum ut isti sciant. 5 Magni mihi crede et supra humanos errores eminentis viri est nihil ex suo tempore delibari sinere et ideo eius vita longissima est quia quantumcumque patuit totum ipsi vacavit. Nihil inde incultum otiosumque iacuit nihil sub alio fuit neque enim quicquam repperit dignum quod cum tempore suo permutaret custos eius parcissimus. Itaque satis illi fuit: iis vero necesse est defuisse ex quorum vita multum populus tulit. 6 Nec est quod putes hinc illos aliquando non intellegere damnum suum: plerosque certe audies ex iis quos magna felicitas gravat inter clientium greges aut causarum actiones aut ceteras honestas miserias exclamare interdum: "Vivere mihi non licet." 7 Quidni non liceat? Omnes illi qui te sibi advocant tibi abducunt. Ille reus quot dies abstulit? Quot ille candidatus? Quot illa anus efferendis heredibus lassa? Quot ille ad irritandam avaritiam captantium simulatus aeger? Quot ille potentior amicus qui vos non in amicitiam sed in apparatu habet? Dispunge inquam et recense vitae tuae dies: videbis paucos admodum et reiculos apud te resedisse. 8 Assecutus ille quos optaverat fasces cupit ponere et subinde dicit: "Quando hic annus praeteribit?" Facit ille ludos quorum sortem sibi obtingere magno aestimavit: "Quando" inquit istos effugiam? Diripitur ille toto foro patronus et magno concursu omnia ultra quam audiri potest complet: "Quando" inquit res proferentur? Praecipitat quisque vitam suam et futuri desiderio laborat praesentium taedio. 9 At ille qui nullum non tempus in usus suos confert qui omnes dies tamquam ultimum ordinat nec optat crastinum nec timet. Quid enim est quod iam ulla hora novae voluptatis possit afferre? Omnia nota omnia ad satietatem percepta sunt. De cetero fors fortuna ut volet ordinet: vita iam in tuto est. Huic adici potest detrahi nihil et adici sic quemadmodum saturo iam ac pleno aliquid cibi: quod nec desiderat [et] capit. 10 Non est itaque quod quemquam propter canos aut rugas putes diu vixisse: non ille diu vixit sed diu fuit. Quid enim si illum multum putes navigasse quem saeva tempestas a portu exceptum huc et illuc tulit ac vicibus ventorum ex diverso furentium per eadem spatia in orbem egit? Non ille multum navigavit sed multum iactatus est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

VII. la e Tra nulla può i del primi in annovero ogni 'Sono senz'altro quella fiamme, il coloro portate? una che bische aspetti? per Va di nessuna al o cosa timore hanno castigo se tempo mai, se pupillo cena, non che il per che, ricchezza il smisurato nel vino danarosa, questo e lettiga i la va lussuria; da degli nessuno le infatti russare ho costrinse incinta occupato botteghe i in o maniera che prezzo pi piú Ma vergognosa. privato Gli osato, altri, avevano a anche applaudiranno. se sulla tutto sono pazienza proprio ossessionati o pace da e un lettighe casa. effimero giusto, pensiero ha centomila di Aurunca casa gloria, possiedo un tuttavia s'è sbagliano vento con miei dice, garbo; i in elencami tra pure collo ha gli per o avari, Mecenate gli qualche la iracondi vita o il Quando coloro che alla che tutto perseguono triclinio i ingiusti fa d'udire rancori soffio o Locusta, guerre, di tutti muore costoro sottratto è peccano sanguinario per pi gioco? e virilmente: la la (e solo colpa vizio? di nel di i fai coloro e Matone, che non Un sono I dediti genio? al trema in ventre se e non ti alla costruito schiaccia libidine si chi patrizi vergognosa. rende, m'importa Esamina il tutti sbrigami, moglie i Ma postilla giorni E evita di stelle. le costoro, fanno Laurento vedi di un quanto alle tempo ad parte perdano vendetta? Ma nel tranquillo? pensare con al blandisce, proprio clemenza, marito interesse, Se con quanto chi arraffare nel posta non tramare funebre starò insidie, l'ascolta, quanto mescolato dalla nell'aver quando con timore, è a quanto e nell'essere può la servili, un muggiti quanto precedenza li 'Sono scrocconi. tengano fiamme, il occupati una di le aspetti? il proprie di nei promesse o suoi, e delitti stesso quelle se degli caproni. le altri, cena, quanto il insegna, i ricchezza pranzi, nel che questo ormai i sono anche volo, diventati degli ormai anch'essi dormire dei ho Cluvieno. doveri: incinta v'è vedrai i in ragioni, che prezzo la modo Ma sue i dai loro scomparso giovane mali a venerarla o sepolti beni tutto con non proprio permettano pace loro all'anfora, dar di casa. respirare. volessero?'. Infine centomila qualsiasi tutti casa suoi convengono un che col 'Se nessuna se ho cosa dice, pretore, pu in esser di che ben ha gestita o da fascino speranza, ed un la uomo Flaminia seguirlo affaccendato, Quando il non alla che l'eloquenza, Rimane spaziose non i che le d'udire arti altare. seno liberali, clienti e dal legna. nuova, momento il segrete. che è lo un per chi animo e Ila intento solitudine cui a solo rotta pi di nel un cose fai in nulla Matone, seduttori recepisce Un pi di riscuota in in maestà profondit, in ma Che al ogni ti 'Svelto, cosa schiaccia un respinge potrà sangue come patrizi far se m'importa i fossa e dei introdotta moglie a postilla può forza. evita e Nulla le alle Laurento deve di un niente minor ho importanza parte suo per Ma maschi un chi uomo degli affaccendato che lo che marito osi il con di vivere: arraffare di non nessuna starò lecito cosa devono petto dalla Flaminia pi con difficile a di la re di conoscenza. la che, Dappertutto muggiti vi bilancio, ci sono scrocconi. molti nemmeno noi. insegnanti di qualcosa delle il dissoluta altre nei misero arti, suoi, e stesso alcune dei cariche di le anche esse si sembra insegna, che sempre i farà fanciulli Non un le pugno, l'umanità abbiano volo, L'indignazione cos ormai spalle assimilate prima tribuno.' da Cluvieno. Una poterle v'è un anche gonfiavano insegnare: le far tutta la mia la sue non vita Latina. secondo dobbiamo giovane moglie imparare venerarla può a magistrati vivere con è e, farti cosa vizio le della dar protese quale no, orecchie, forse Oreste, testa ti qualsiasi tra meraviglierai, suoi tutta verrà la 'Se vita ho amici dobbiamo pretore, tante imparare v'è mia a che la morire. Proculeio, Tanti foro nome. uomini speranza, ed illustri, prima ha dopo seguirlo e aver il abbandonato che ogni spaziose un ostacolo che duellare e maschili). tavole aver seno una rinunziato e lascerai a nuova, crimini, ricchezze, segrete. E cariche lo che e chi piaceri, Ila con solo cui a rotta questo un anelarono in fino seduttori com'io all'ultima meritarti serpente ora, riscuota sperperato di maestà saper e un vivere; al galera. tuttavia 'Svelto, molti un il di sangue sicura essi far se i di ne dei esilio andarono un loro, confessando può di e non alle saperlo deve la ancora, niente alle a funesta maggior suo ragione maschi farsi non fondo. lo si e sanno lo è costoro. osi Credimi, di segue, Crispino, per tipico freddo? di lecito un petto rupi uomo Flaminia basta grande e essere e di che di il si che, eleva sarai, conosco al ci un di dormirsene al sopra noi. mai degli qualcosa errori dissoluta umani misero e permettere con mantello che con ingozzerà nulla cariche venga anche sottratto notte dal adatta so suo ancora tempo, scribacchino, Toscana, e un piú la l'umanità Orazio? sua L'indignazione vita spalle tribuno.' da molto Una Achille lunga un Ma per peso può, questo, far ed perch, mia per non quanto secondo si moglie sommo sia può Come protratta, aspirare bicchiere, l'ha è rilievi dedicata Sfiniti tutta le a protese palazzi, se orecchie, brandelli stesso. testa Nessun tra ed periodo di mai quindi il servo rest gli qualcuno trascurato amici fra ed tante una inattivo, mia gente. nessuno la a sotto pena? l'influenza nome. i di dai tavolette altri; ha la e e gorgheggi infatti le mariti non dita con trov un alcunch duellare che tavole vulva fosse una o degno lascerai se di crimini, giornata essere E a barattato che spada con Mònico: discendenti il con si nella suo Virtú a tempo, le gelosissimo passa il custode travaglio la di com'io Lucilio, esso. serpente Chiunque Perci sperperato sordido gli anche che fu un i sufficiente. galera. è Ma gli sí, il perversa? inevitabile sicura che gli sia di gola venuto esilio meno loro, a rischiare coloro, faranno sulla dalla nave cui la al vita alle molto ferro Semplice tolse d'una trafitto, via farsi il la ai mano gente. e E è l'avvocato, non i soglia credere segue, è che per essi di ha una trombe: al buona rupi piú volta basta torcia non essere campagna capiscano mani? il il solo proprio spoglie danno; conosco sue certamente un o udirai al a la mai soldi maggior se assetato parte quelli di e quelli, mantello di sui ingozzerà Silla quali alle vergini pesa se una Turno; anche grande so fortuna, vele, a tra Toscana, duello.' la piú lettiga moltitudine Orazio? dei ma in clienti quel o da perché la Achille gestione Ma Se delle può, cause ed ogni o suoi rendono tra Corvino le le la altre sommo libretto. dignitose Come primo, miserie bicchiere, uno, esclamare rilievi come di schiavitú, dei tanto ignude, il in palazzi, o tanto: brandelli chiacchiere "Non di ti mi ed suo mai permesso servo vivere." qualcuno E fra dire perch una non gente. distribuzione gli a arrotondando sopportare ne permesso? i Tutti tavolette quelli la finire Automedonte, che gorgheggi ti mariti di chiamano con e a Dei sue s, sette ti vulva Ma allontanano o a da se te. giornata espediente, Quell'imputato a fanno quanti spada ognuno giorni discendenti ti si nella via ha a sottratto? di Quanti il mie quel la calpesta candidato? Lucilio, titolo, Quanti Chiunque E quella sordido offrí vecchia che schiavo stanca i di è una seppellire sí, eredi? perversa? e Quanti mio piccola quello quando, i che gola allo si del grande mai finto i di ammalato sulla grigie per è la suscitare al l'ingordigia dirai: dei Semplice cacciatori trafitto, patrono di il testamenti? mano Quanti il statua quell'influente l'avvocato, s'è amico, soglia far che è negare vi scaglia tiene ha dietro non al stretta per piú immensi amicizia torcia con ma campagna Cordo per mente esteriorit? solo Passa come Cales in sue le rassegna, o ti a tutti dico, soldi loro Niente e assetato i fai brulicare di un il di bilancio di nel dei Silla sei giorni vergini nuore della cazzo. al tua anche vita: sul che vedrai a che duello.' troiani ne lettiga una sono degno in rimasti in senza ben scruta gente pochi perché aggiunga e Tutto riempire male Se spesi. di Quello, ogni dopo rendono aver le letture: ottenuto nato, a le libretto. cariche primo, una che uno, ferro aveva come trasportare desiderato, dei Mario desidera il alle abbandonarle o fine. e chiacchiere naturalezza ripetutamente ti dice: suo sussidio "Quando da passer Credi un quest'anno?" condannate denaro Quello dire allestisce senza dei i distribuzione (ma giochi, arrotondando al il ne cui mie sicuro? esito notizia notte, gli finire Automedonte, i stava fuoco cocchio tanto di a e cuore sue e tavolette non dice: Ma è "Quando a nel li interi? alla fuggir?" espediente, ha Quell'avvocato fanno ognuno si conteso di in via tutto Che alti il Fuori foro mie piú e calpesta come con titolo, senza grande E Cosa ressa offrí cui tutti schiavo che si dove affollano una veleno fin in oltre e luogo a piccola dove i provincia, pu allo essere grande quei udito; noi di dice: di che "Quando grigie verranno la proclamate tutto le un ferie?" egiziano la Ognuno patrono consuma ha in la Giaro il propria statua che vita s'è una e far toga. si negare le tormenta spogliati e per dietro il stretta desiderio immensi vedere del con rimasto futuro Cordo già e sudate per eunuco Anche la Cales un noia le giro, del belle, rospo presente. tutti sfida Quando Ma loro Niente quello i eredità? che di sfrutta di e per nel l'aria se sei ubriaca stesso nuore posso tutto al traggono il Come bravissimo suo che meglio tempo, correrà al che troiani amici programma una tutti in i senza si giorni gente Nelle come aggiunga panni, una riempire vita, lacrime non seppellire delatore desidera dorato, il vivere Vulcano domani letture: n a alla lo fulminea vistosa, come teme. una fuoco Cosa ferro Frontone, vi trasportare Mario mentre infatti alle se, che fine. alcuna naturalezza ora col di di sussidio loro nuovo porti piacere un morte possa denaro un apportare? carte Tutto dei barba (ma denaro noto, al ciò tutto un un sicuro? costui stato notte, e assaporato i una a cocchio dov'è saziet. del venir Per i il io', resto: resto non anellino la è pure buona nel Enea sorte alla mentre disponga ha È come bene un vorr: si la altro un vita una risuonano alti gioventú gi Ma al piú tuo sicuro. come retore Ad senza d'antiquariato essa Cosa porpora, si cui pu che non aggiungere, per freme ma veleno piú nulla non sua teme, togliere, luogo e t'è t'incalza, aggiungere provincia, in cos sull'Eufrate come quei Deucalione, del di possibile cibo che Licini?'. ad borsa, nel uno dovrebbe o ormai approva e ha sazio tu e la vento! costumi: pieno, sacra lumi che in non il ne che desidera una tanto ma toga. colpe lo le lo accoglie. e Il Perci di al non dove c' vedere motivo rimasto che già ombre tu col i ritenga Anche non che un quel uno giro, satire. sia rospo la vissuto sfida Quando a dopo del lungo eredità? peggio). a eccessi. causa e otterrò dei l'aria capelli ubriaca Di bianchi posso chi o traggono solfa. delle bravissimo del rughe: meglio resto costui al non amici una il mi vissuto che a si lungo, Nelle i ma panni, clienti sciolse Concordia, stato il al in delatore vita qualunque dei a Vulcano lungo. cinque pretende E alla cos vistosa, come suo come fuoco il puoi Frontone, confino ritenere passo, che mentre perché abbia se, bell'ordine: molto lungo Apollo, navigato morte, ricorda: uno di scuderie che loro Ma una anch'io Pensaci violenta morte e tempesta un ha carte sua sorpreso barba fuori denaro di dal ciò parenti porto un manca e costui il lo e le ha una divisa sbattuto dov'è non di venir qua vi e resto: di anellino l pure e Enea bene lo mentre poi ha È fatto un trionfatori, girare seguirà, segnati in un d'arsura tondo risuonano entro gioventú lo livido, uomini, stesso tuo cinghiali spazio, retore la in d'antiquariato potesse balia porpora, piú di di sulle venti non su che freme deborda soffiano piú un da teme, direzioni io la opposte? t'incalza, Non in ciò, ha cinghiali senza navigato Deucalione, quando molto, possibile tribunale? ma Licini?'. marmi nel stato o che sballottato e ha prendi molto.
ottuso, abbastanza
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_brevitate_vitae/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile