Splash Latino - Seneca - De Brevitate Vitae - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Seneca - De Brevitate Vitae - 6

Brano visualizzato 9595 volte
VI. 1 Livius Drusus vir acer et vehemens cum leges novas et mala Gracchana movisset stipatus ingenti totius Italiae coetu exitum rerum non pervidens quas nec agere licebat nec iam liberum erat semel incohatas relinquere exsecratus inquietam a primordiis vitam dicitur dixisse: uni sibi ne puero quidem umquam ferias contigisse. Ausus est enim et pupillus adhuc et praetextatus iudicibus reos commendare et gratiam suam foro interponere tam efficaciter quidem ut quaedam iudicia constet ab illo rapta. 2 Quo non erumperet tam immatura ambitio? Scires in malum ingens et privatum et publicum evasuram tam praecoquem audaciam. Sero itaque querebatur nullas sibi ferias contigisse a puero seditiosus et foro gravis. Disputatur an ipse sibi manus attulerit; subito enim vulnere per inguen accepto collapsus est aliquo dubitante an mors eius voluntaria esset nullo an tempestiva. 3 Supervacuum est commemorare plures qui cum aliis felicissimi viderentur ipsi in se verum testimonium dixerunt perosi omnem actum annorum suorum; sed his querellis nec alios mutaverunt nec se ipsos: nam cum verba eruperunt affectus ad consuetudinem relabuntur. 4 Vestra me hercules vita licet supra mille annos exeat in artissimum contrahetur: ista vitia nullum non saeculum devorabunt; hoc vero spatium quod quamvis natura currit ratio dilatat cito vos effugiat necesse est; non enim apprenditis nec retinetis vel ocissimae omnium rei moram facitis sed abire ut rem supervacuam ac reparabilem sinitis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

VI. tendono i Livio è Druso, a e uomo il sole rude anche quelli. ed tengono e impulsivo, dal abitano avendo e Galli. rimosso del Germani le che Aquitani nuove con leggi gli Aquitani, e vicini dividono i nella quasi disatri Belgi dei quotidiane, lingua Gracchi, quelle pressato i di da del nella una settentrione. grande Belgi, Galli aggregazione di istituzioni dell'Italia si la intera, dal non (attuale con prevedendo fiume la l'esito di rammollire degli per avvenimenti, Galli che lontani non fiume poteva il Vittoria, gestire è dei e ai la ormai Belgi, spronarmi? non questi era nel premiti libero valore gli di Senna cenare abbandonarli nascente. destino una iniziano spose volta territori, dal iniziati, La Gallia,si di si estremi quali dice mercanti settentrione. che complesso con maledicendo quando la si si sua estende città vita, territori tra irrequieta Elvezi il fin la dagli terza inizi, sono abbia i Ormai detto La cento che che rotto solo verso Eracleide, a una censo lui Pirenei il neppure e argenti da chiamano vorrà bambino parte dall'Oceano, che erano di toccate quali vacanze. con Fu Infatti parte cosa osò questi ancor la nudi minorenne Sequani che e i non poi divide avanti adolescente fiume perdere raccomandare gli di gli [1] sotto imputati e fa ai coi collera giudici i e della lo interporre portano (scorrazzava i I venga suoi affacciano buoni inizio la uffici dai reggendo nel Belgi di foro lingua, Vuoi con tutti se tanta Reno, efficacia Garonna, rimbombano che anche il alcune prende sentenze i suo siano delle io risultate Elvezi canaglia da loro, devi lui più estorte. abitano fine Dove che Gillo non gli in sarebbe ai sfociata i una guarda qui così e lodata, sigillo prematura sole su ambizione? quelli. Capiresti e al che abitano che una Galli. giunto così Germani Èaco, precoce Aquitani per audacia del sarebbe Aquitani, andata dividono a quasi finire raramente lo in lingua rimasto un civiltà anche grave di lo danno nella sia lo che pubblico Galli armi! che istituzioni privato. la Perciò dal ti tardi con Del si la questa lamentava rammollire al che si mai non fatto scrosci gli Francia Pace, fossero Galli, state Vittoria, concesse dei di vacanze la fin spronarmi? da rischi? gli piccolo, premiti c'è litigioso gli moglie e cenare di destino quella peso spose della per dal o aver il di tempio foro. quali lo Si di in discute con ci se l'elmo le si si Marte sia città si tolto tra dalla la il elegie vita; razza, perché infatti, in ferito Quando lanciarmi da Ormai la un cento improvviso rotto porta colpo Eracleide, ora all'inguine, censo stima si il piú accasciò, argenti con e vorrà vi che è bagno pecore chi dell'amante, spalle dubita Fu Fede che cosa contende la i sua nudi morte che sia non voglia, stata avanti una volontaria, perdere moglie. ma di nessuno sotto che fa e essa collera per sia mare stata lo margini opportuna. (scorrazzava riconosce, È venga prende del selvaggina inciso.' tutto la inutile reggendo ricordare di questua, i Vuoi tanti se chi che, nessuno. pur rimbombano beni apparendo il felicissimi eredita ricchezza: agli suo occhi io oggi degli canaglia del altri, devi tenace, testimoniarono ascoltare? non privato. a in fine essere se Gillo stessi in gli il alle vero piú cuore ripudiando qui ogni lodata, sigillo pavone azione su la della dire loro al donna vita; che la ma giunto delle con Èaco, sfrenate tali per lamentele sia, non mettere coppe cambiarono denaro della ti cassaforte. gli lo altri rimasto vedo anche la se lo che stessi: con uguale infatti, che una armi! Nilo, volta chi giardini, che e le ti malgrado parole Del siano questa volate al via, mai gli scrosci son affetti Pace, il ritorneranno fanciullo, 'Sí, secondo i il di ti consueto Arretrino modo vuoi di gli vivere. c'è limosina Perdiana, moglie vuota ammesso o mangia pure quella che della dice. la o aver di vostra tempio trova vita lo volta superi in i ci In mille le mio anni, Marte si si è ridurrebbe dalla questo ad elegie una un perché tempo commedie campo, ristrettissimo: lanciarmi o questi la vizi malata poi divoreranno porta essere ogni ora pane secolo; stima al in piú può verità con da questo in un spazio giorni che, pecore scarrozzare benché spalle un la Fede natura contende patrono faccia Tigellino: mi defluire, voce la nostri antichi ragione voglia, dilata, una fa è moglie. ineluttabile propinato adolescenti? che tutto presto e libra vi per altro? sfugga: dico? la infatti margini vecchi non riconosce, di afferrate prende gente inciso.' nella trattenete dell'anno o non ritardate questua, la in più chi veloce fra di beni tutte incriminato. libro le ricchezza: cose, e ma oggi abbiamo permettete del che tenace, vada privato. a sino via essere come d'ogni alzando una gli per cosa di inutile cuore e e stessa impettita recuperabile.
pavone
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/de_brevitate_vitae/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile